Giudice blocca obbligo vaccinale per i lavoratori medici nello stato di New York

Giudice blocca obbligo vaccinale per i lavoratori medici nello stato di New York


Un giudice federale ha temporaneamente bloccato lo stato di New York dall'obbligare i lavoratori medici a essere vaccinati dopo che un gruppo di operatori sanitari ha fatto causa, dicendo che i loro diritti costituzionali sono stati violati.


Di The Associated Press


UTICA, N.Y. - Un giudice federale ha temporaneamente bloccato lo stato di New York martedì dall'obbligare i lavoratori medici a essere vaccinati dopo che un gruppo di operatori sanitari ha fatto causa, dicendo che i loro diritti costituzionali sono stati violati perché il mandato dello stato non ha permesso esenzioni religiose.


Il giudice David Hurd a Utica ha emesso l'ordine dopo che 17 operatori sanitari, tra cui medici e infermieri, hanno sostenuto in una causa lunedì che i loro diritti sono stati violati con un mandato di vaccinazione che non ha permesso le esenzioni.


Il giudice ha dato allo stato di New York fino al 22 settembre per rispondere alla causa nella corte federale di Utica. Se lo stato si oppone alla richiesta dei querelanti di un ordine preliminare del tribunale che blocca il mandato del vaccino, si terrà un'udienza orale il 28 settembre.


Lo stato ha emesso l'ordine il 28 agosto, richiedendo almeno una prima iniezione per gli operatori sanitari negli ospedali e nelle case di cura entro il 27 settembre.


Hazel Crampton-Hays, segretario stampa del governatore di New York Kathy Hochul, una democratica, ha detto in una dichiarazione che lo stato stava considerando tutte le opzioni legali.


"Il governatore Hochul sta facendo tutto ciò che è in suo potere per proteggere i newyorkesi e combattere la variante Delta aumentando i tassi di vaccinazione in tutto lo Stato. Richiedere la vaccinazione degli operatori sanitari è fondamentale per questa battaglia", ha detto Crampton-Hays.


Messaggi di commento sono stati inviati anche agli avvocati della Thomas More Society che ha intentato la causa.


Il Dr. Joseph R. Sellers, presidente della Società Medica dello Stato di New York, ha detto in una dichiarazione che l'organizzazione no-profit per i medici, i residenti e gli studenti di medicina era "molto costernato dalla decisione di oggi".


"Crediamo che questo passo si tradurrà in una raffica di tentativi di aggirare l'obbligo di vaccinazione ben ragionato che è stato un passo importante per invertire la recente impennata attribuibile alla variante Delta, più facilmente diffusa", ha detto Sellers. "Nessuna delle principali confessioni religiose si oppone alle vaccinazioni, e la Corte Suprema ha sostenuto per oltre 100 anni i requisiti di vaccinazione come mezzo per proteggere la salute pubblica".


Nella loro causa, gli operatori sanitari hanno mascherato le loro identità con pseudonimi come "dottor A.", "infermiera A." e "medico di collegamento X.".


Hanno citato violazioni della Costituzione degli Stati Uniti, insieme alla legge sui diritti umani dello Stato di New York e la legge sui diritti umani della città di New York, perché il regolamento del Dipartimento della Salute dello Stato che richiede ai lavoratori di ottenere il vaccino non prevedeva alcuna esenzione per "sincere convinzioni religiose che costringono al rifiuto di tale vaccinazione".


I documenti del tribunale hanno detto che tutti i vaccini disponibili utilizzano linee cellulari di feti abortiti nei loro test, sviluppo o produzione. Ma i leader religiosi non sono stati d'accordo sulla questione e il Vaticano ha rilasciato una dichiarazione l'anno scorso dicendo che i vaccini erano "moralmente accettabili".


La causa ha detto che i querelanti volevano procedere anonimamente perché "corrono il rischio di ostracizzazione, minacce di danni, licenziamento immediato e altre conseguenze ritorsive se i loro nomi diventano noti".


I querelanti, tutti cristiani, includono medici praticanti, infermieri, un tecnico di medicina nucleare, un terapista di riabilitazione cognitiva e un medico di collegamento che si oppongono tutti, per convinzione religiosa, a qualsiasi cooperazione medica all'aborto, dice la causa.


Ha aggiunto che non sono "no-vax" quelli che si oppongono a tutti i vaccini.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia