Gli influencer di Instagram rovinano le vostre vite e Facebook lo sa

 

Gli influencer di Instagram rovinano le vostre vite e Facebook lo sa


Ramsha Afridi
Ramsha Afridi

Ramsha Afridi è una scrittrice e una giornalista con sede nel Regno Unito, ha scritto per pubblicazioni come il Telegraph e il Daily Express tra gli altri. Seguila su Twitter @ramshaofficial


Le star dei social media sembrano prestare poca attenzione a come la cultura degli influencer può influenzare la vita degli altri. Così è con Facebook, che, è stato rivelato, sa che la sua app di condivisione foto Instagram è "tossica" per le ragazze adolescenti.
Riesci a immaginare una vita in cui fai colazione da Harrods ogni mattina, poi vai a fare shopping pomeridiano a Knightsbridge, hai un aspetto perfetto il mercoledì a mezzogiorno, indossi marchi di design, stai in hotel a cinque stelle, voli in prima classe e non devi lavorare dalle nove alle cinque? 

I cosiddetti influencer, che tipicamente pubblicano i loro scatti sui social media in luoghi sontuosi o esotici mentre tengono un bicchiere di prosecco, lo fanno. E la domanda che molti muoiono dalla voglia di fare è: chi sono queste persone e come sono riuscite a raggiungere questo risultato?

Queste affascinanti figure pubbliche dei social media tipicamente guadagnano soldi dall'avallare marchi, prodotti e contenuti favoriti per il loro pubblico. E questa industria vale miliardi. Gli influencer formano una parte enorme del mondo dei social media, soprattutto su Instagram, una piattaforma di social media di proprietà di Facebook Inc.

I post sponsorizzati più popolari su Instagram sono per prodotti e servizi di bellezza, lifestyle, moda e viaggi. La pagina Explore dell'app di photo-sharing è piena di creatori di contenuti che ostentano look pittoreschi e vita di fantasia - e tutto ciò è accuratamente costruito per guadagnare click e per "influenzare" i potenziali spendaccioni.  

Non dovrebbe sorprendere nessuno che viviamo in un mondo in cui gli annunci, il marketing e le vendite e le piattaforme dei social media sono parte di quel mondo. Ma un problema largamente trascurato è come la cultura dei social media e degli influencer possa influenzare le giovani generazioni. 

Questa settimana, il Wall Street Journal ha pubblicato un rapporto che rivela che Instagram causa a molti dei suoi giovani utenti, in particolare alle ragazze adolescenti, problemi di salute mentale e pensieri suicidi, con circa il 6% dei giovani negli Stati Uniti e il 13% nel Regno Unito che li riconduce a Instagram. 

Il WSJ è stato in grado di ottenere e pubblicare le diapositive di un rapporto interno a Facebook. Il gigante tecnologico ha condotto tre anni di studi sugli effetti nocivi di Instagram tra i suoi milioni di giovani utenti, con i ricercatori che riassumono i risultati come un "tuffo nella salute mentale degli adolescenti".

Attualmente, ci sono 500.000 influencer attivi su Instagram, secondo uno studio di InfluencerDB. Questo significa il 39% di tutti gli account Instagram con più di 15.000 follower. Inoltre, l'81% degli influencer di Instagram ha un seguito tra 15.000 e 100.000 utenti.

Molti di questi milioni di utenti "influenzati" sono ragazze giovani, vulnerabili e impressionabili.

Potrebbe essere possibile che il confronto con immagini corporee e stili di vita falsi e irraggiungibili come quelli che vediamo su Instagram sia la ragione dell'improvviso aumento dei livelli di ansia e depressione tra le ragazze della Gen-Z? 

Questo sembra essere vero, come la ricerca interna di Facebook supporta questa nozione.

"Il trentadue per cento delle ragazze adolescenti ha detto che quando si sentivano male per il loro corpo, Instagram le faceva sentire peggio", scrive il WSJ, citando una presentazione di diapositive del marzo 2020 pubblicata sulla bacheca interna di Facebook. "I confronti su Instagram possono cambiare il modo in cui le giovani donne vedono e descrivono se stesse".

I ricercatori hanno anche notato che molti di questi problemi sono unici solo per Instagram, perché si concentra fondamentalmente sullo stile di vita e sul corpo, il che significa che "il confronto sociale è peggiore su Instagram." 

La ricerca interna dell'azienda ha anche rivelato che "gli adolescenti incolpano Instagram per l'aumento del tasso di ansia e depressione", qualcosa che i ricercatori hanno descritto come "non richiesto e coerente in tutti i gruppi". 

Per esempio, con "influenze" illimitate e nessuna autorità superiore, come i datori di lavoro che controllano il contenuto degli influencer di Instagram (poiché sono lavoratori autonomi), è impossibile fermare coloro che incoraggiano il corpo irraggiungibile e lo stile di vita falso, lussuoso e superficiale. 

Infatti, nel 2020, un'influencer ha addirittura dimostrato questa nozione "fingendo" una vacanza all'Ikea. La YouTuber americana Natalia Taylor, che vantava 2,2 milioni di follower, ha postato una serie di scatti su Instagram, in cui sembrava godersi una costosa vacanza in un resort a Bali. Tuttavia, ha poi rivelato che quelle foto erano state, in realtà, inscenate e scattate nel suo negozio Ikea locale, per dimostrare che "la vita su internet non è sempre quello che sembra; soprattutto in questo giorno ed età in cui è così facile fingere di essere chiunque tu voglia essere".

Purtroppo, questo è spesso il tipo di stile di vita perfetto che viene messo in mostra da migliaia di influencer su Instagram.

Molte persone spesso postano i loro momenti migliori - ottimamente montati e ripresi - per essere commentati, giudicati e valutati da completi estranei online. Molte di queste persone incoraggiano anche gli altri a farlo. 

Questa cultura, se promossa, è probabile che danneggi la salute mentale delle giovani ragazze e le faccia sentire come se fossero in una competizione per proiettare la vita "migliore" e per avere l'aspetto e l'immagine corporea "perfetta".

I documenti interni di Facebook rivelati dal WSJ sono importanti, perché finalmente tracciano un legame significativo tra i social media e la salute mentale, una nozione che è stata spazzata sotto il tappeto per anni.

In effetti, io stesso sono a conoscenza di questo problema da diversi anni. Nel 2019, un'influencer di Instagram, che sceglie di rimanere anonima, mi ha rivelato di aver preso degli antidepressivi a causa dello stress del suo lavoro. "Sono caduta nella trappola del confronto, mi confronto costantemente con altri influencer, è il mio lavoro ma è dura".

Conoscere l'amara verità di ciò che accade dietro le quinte di una tale cultura online ci fa solo chiedere perché questo problema non è stato affrontato più seriamente. In effetti, si scopre che Facebook minimizza la questione in pubblico, nonostante i documenti interni mostrino che i dirigenti dell'azienda sanno che Instagram è tossico per una ragazza adolescente su tre.

Facebook ha la responsabilità morale ed etica di risolvere questi problemi e avverte pubblicamente gli utenti sui potenziali danni che certi usi della piattaforma possono causare. 

E questa generazione di aspiranti 'influencer' che inseguono la fama della D-list hanno anche la responsabilità di ciò che promuovono al loro pubblico. Infatti, molti di loro sono divertenti e ci ispirano a fare contenuti propri. Ma dovrebbero ammettere che c'è un problema con questa cultura.

Le persone che costruiscono e mercificano un mondo sociale malsano simile a quello di una distopia mentre promuovono vuoti hashtag di "positività" stanno facendo tutto tranne che diffondere positività.

Fonte: www.rt.com

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia