Un'eredità di corruzione nella FDA e in Big Pharma

Un'eredità di corruzione nella FDA e in Big Pharma


Il nostro sistema sanitario è rotto, un fatto che nessuno avrebbe contestato nei giorni precovid. La cattura normativa è una realtà, e l'industria farmaceutica è piena di esempi. Eppure ci siamo fidati delle partnership pubblico-privato per trovare una soluzione ottimale a una pandemia globale, assumendo che una crisi avrebbe tirato fuori il meglio dalle istituzioni storicamente corrotte.


Ecco una breve lista di comportamenti poco saggi dimostrati dai nostri titani della sanità: 

  • Pfizer e Johnson & Johnson si sono dichiarati colpevoli di "errata etichettatura con l'intento di frodare o ingannare" e di aver pagato "tangenti ai fornitori di assistenza sanitaria per indurli a prescrivere [i loro] farmaci", con conseguenti multe di 2,3 miliardi di dollari nel 2009 e 2,2 miliardi di dollari nel 2013, rispettivamente. 
  • Pfizer ha risolto un'altra causa per "manipolazione di studi" e "soppressione di risultati negativi" solo pochi anni dopo. 
  • Moderna non ha mai sviluppato un farmaco approvato, eppure uno dei suoi membri del consiglio di amministrazione è stato messo a capo dell'Operazione Warp Speed. Questo certamente non è correlato al fatto che hanno ricevuto il maggior numero di finanziamenti federali per la ricerca e lo sviluppo di vaccini e hanno ricevuto oltre 6 miliardi di dollari dal nostro governo dall'inizio della pandemia.
  • Gilead Sciences ha pagato 97 milioni di dollari di multa, perché "ha usato illegalmente una fondazione no-profit come tramite per pagare i ticket Medicare per il suo stesso farmaco".
  • Nel 2005, il farmaco Crestor di AstraZeneca ha dimostrato di essere legato a una malattia muscolare pericolosa per la vita, mentre la società ha nascosto al pubblico le prove di questo e di altre due dozzine di effetti.
  • Nel 2012, la GlaxoSmithKline ha pagato 3 miliardi di dollari di multe, in quanto "non è riuscita a includere alcuni dati di sicurezza" relativi al loro farmaco, in quanto etichettato come collegato a insufficienza cardiaca e attacchi.

Per fortuna, i nostri tutori della salute pubblica esistono per proteggerci dall'avidità e dall'inganno del settore privato, giusto? Sbagliato. Godetevi un altro breve elenco:


  • La Food and Drug Administration (FDA) ha lavorato dietro le quinte con la società Biogen per alterare le prove precedentemente condotte del loro trattamento per l'Alzheimer da 56.000 dollari l'anno, e "rimuovendo il sottoinsieme di persone per le quali il farmaco non funzionava, hanno trovato un leggero effetto statistico a favore del farmaco". Anche dopo aver fatto questo, un comitato consultivo ha votato 10-0 contro l'approvazione del farmaco. La FDA approvò comunque il farmaco, causando le dimissioni di tre membri del comitato.
  • In questo caso, i consulenti terzi hanno fatto la cosa giusta. Questo non è sempre il caso: uno studio di Science Magazine che ha seguito 107 consulenti della FDA per quattro anni ha scoperto che il 62% ha ricevuto denaro dai produttori di farmaci collegati, con il 25% che ha ricevuto più di 100.000 dollari e il 6% che ha ricevuto più di 1 milione di dollari. Bastano pochi consiglieri corrotti per sistemare una commissione e fingere il consenso medico.
  • Nel 2017, è stato rivelato che il direttore ad interim dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) per la prevenzione delle malattie cardiache e dell'ictus aveva comunicato segretamente con la Coca-Cola, fornendo indicazioni su come "influenzare le autorità sanitarie mondiali su questioni di politica dello zucchero e delle bevande."

Il sistema sanitario americano rimane impantanato nel buon vecchio capitalismo clientelare, fascismo, corporativismo, mercantilismo, protezionismo ... parole di fantasia per quando le aziende private lavorano con i governi per sovvertire le forze della concorrenza. La soppressione della ricerca sui farmaci fuori brevetto è un brutto sintomo di questo problema.


Mentre ci sono innumerevoli farmaci a cui questo si applica, discuteremo l'ivermectina. In primo luogo, affrontando il licenziamento del farmaco da parte del suo stesso produttore, Merck, si sappia che l'ivermectina non è più sotto brevetto. La Merck non possiede più i diritti esclusivi di produzione del farmaco. Le forze della concorrenza sono state concesse al farmaco, rendendolo così molto più economico. Nel frattempo, la Merck sta anche lanciando un trattamento orale per i covidi, che il governo americano sta finanziando con 1,2 miliardi di dollari per la ricerca. Questo sarebbe sotto brevetto e potrebbe spiegare l'opposizione dell'azienda all'uso dell'ivermectina.


L'utilità dell'ivermectina rimane discutibile. Tuttavia, è importante notare che all'inizio di aprile 2020, uno studio dell'Università di Monash in Australia ha suggerito che può essere efficace. Inoltre, il farmaco è approvato dalla FDA, esiste da quarant'anni, ha vinto un premio Nobel, ed è estremamente sicuro se usato ai livelli raccomandati. Data la crisi e la sicurezza dell'ivermectina - sicura anche se non conferisce grandi benefici ai malati di covidi - la fretta di condannare l'uso del farmaco appare sospetta. Infatti, una settimana dopo la pubblicazione dello studio australiano, la FDA ha sconsigliato l'uso dell'ivermectina per il trattamento del COVID-19, costringendo i disperati al mercato nero e ad auto-prescriversi versioni del farmaco destinate agli animali.


La FDA ha osservato successivamente che "sono necessari ulteriori test". Eppure, ad oggi, non c'è stato un solo studio completato finanziato dal governo sull'efficacia dell'ivermectina contro il covid-19. Nel frattempo, hanno incanalato miliardi verso la ricerca di vaccini e trattamenti brevettati. Il National Institutes of Health (NIH) ha finanziato prove per il remdesivir, ancora sotto brevetto con Gilead, nonostante sia meno efficace e abbia effetti collaterali più gravi dell'ivermectina. La FDA ha approvato il remdesivir sotto autorizzazione d'emergenza (EUA) nonostante le prove pubblicate, dichiarando in seguito che "il remdesivir non era associato a benefici clinici statisticamente significativi".


Si potrebbe pensare che se "ulteriori test" sono così importanti, il governo degli Stati Uniti potrebbe essere interessato a finanziare la ricerca per esaminare i potenziali benefici di farmaci economici, sicuri e provati che hanno mostrato qualche promessa nel trattamento dei covidi. Ma chiaramente non è quello che sta succedendo. I finanziamenti sono orientati ad aiutare le grandi compagnie farmaceutiche a sviluppare nuovi farmaci brevettati. Finché Big Pharma lo vuole, e se c'è un profitto da realizzare, apparentemente il nostro governo sarà lì per fornire finanziamenti.


Fonte: mises.org

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia