Francia: Un'altro passo verso la repressione totale

Francia: Un'altro passo verso la repressione totale

Scritto dal Dr Urmie Ray


L'ex professore di matematica dell'Università di Cambridge e collaboratore di Principia Scientific International, la dottoressa Urmie Ray, ha monitorato la terribile tirannia COVID che si sta svolgendo dalla sua nativa Francia. Ecco il primo dei suoi rapporti "sulla scena" per i nostri lettori.


Mercoledì 15 settembre 2021, la repressione in Francia ha raggiunto un altro livello.


La vaccinazione è ora obbligatoria per tutto il personale legato ad un'attività medica, indipendentemente dal fatto che lavori in un'istituzione, ad esempio un ospedale, o su base privata.


Questo include non solo tutti i professionisti della salute, ma anche psicologi, psicoterapeuti, fisiologi, osteopati e chiropratici. Include anche i loro collaboratori (segretarie, receptionist...) che lavorano negli stessi locali, così come gli studenti di una di queste materie.


Sono interessati anche il personale militare a contatto con il pubblico, i vigili del fuoco, i conducenti di ambulanze, gli assistenti domiciliari che lavorano con gli anziani, i tassisti autorizzati al trasporto medico, i fornitori di servizi e i distributori di attrezzature per disabili temporanei o permanenti.


Questo si aggiunge al lasciapassare sanitario, cioè la vaccinazione completa o un test negativo, obbligatorio dal 9 agosto per gli adulti per frequentare bar e ristoranti, compresi i sedili esterni; grandi magazzini e centri commerciali, lasciando l'accesso solo ai negozi essenziali; conferenze; trasporti pubblici per viaggi lunghi; ospedali e case di cura per i visitatori e per i pazienti che hanno bisogno di cure elettive.


Il pass può essere richiesto per qualsiasi attività del tempo libero. Dal 30 agosto, è stato obbligatorio per tutti i dipendenti che lavorano nei luoghi di cui sopra. Dal 30 settembre, sarà richiesto per i ragazzi dai 12 ai 17 anni. La polizia è esentata se non è in contatto con i malati, ma nonostante ciò, apparentemente più dell'80% ha optato per la vaccinazione.


È vero che in molti dipartimenti (unità amministrative in cui è divisa la Francia) l'obbligo del pass è stato eliminato per i centri commerciali. Ma essendo la questione di base la massimizzazione del profitto, nessuno la prende come una vittoria: finché un sistema basato su questa prospettiva continuerà, la repressione continuerà poiché la sua continuazione richiede una crescita costante; questo in un mondo fisico finito non può che portare alla distruzione, e siamo ora in una fase in cui questa distruzione deve per forza includere la vita umana.


Siamo anche in una fase in cui la sua continuazione deve venire dal mondo virtuale creato dalle macchine, e da qui la spinta verso la virtualizzazione di tutta la vita, e in particolare il transumanesimo.


Molte azioni a sorpresa avranno luogo oggi in tutto il paese. Sono state pianificate con discrezione: le reti della resistenza coprono tutto il paese; nulla di importante viene più discusso su internet.


La polizia sarà violenta in un paese dove i partecipanti a qualsiasi azione politica non autorizzata vengono sistematicamente gasati con lacrimogeni? I manifestanti sono pronti a qualsiasi evenienza. A Parigi, sono stati gasati con lacrimogeni durante la tradizionale marcia del 1° maggio, sono stati gasati con lacrimogeni durante la marcia non autorizzata del 17 luglio.


Da quella data, dopo l'annuncio del presidente Macron il 12 luglio delle misure di cui sopra, senza sosta, ondata dopo ondata stanno marciando ogni sabato, marciando contro il pass obbligatorio e la vaccinazione, marciando per la Libertà, marciando per la loro Sovranità, quella del Popolo, contro la società materialista in cui viviamo, circa 6,5 milioni in tutto il paese.


Mai nella mia vita ho visto una mobilitazione così grande. Le proteste, dicono, non cambieranno nulla. Servono solo a dimostrare che "Noi, il popolo, siamo qui", ad elevare il proprio spirito e a portare nell'ovile della resistenza nuovi isolati che hanno estremo bisogno di aiuto.


Ogni sabato, con immenso coraggio, i manifestanti ritornano, nonostante le forze di polizia troppo spesso eccezionalmente grandi che danno il ritmo alla marcia con la loro presenza sistematica al fronte, nonostante la possibile presenza delle "Brigate di repressione dell'azione violenta motorizzata" (BRAV-M) - che fanno parte della polizia criminale non addestrata al mantenimento dell'ordine pubblico -, nonostante i possibili infiltrati vestiti di nero ("Black Blocs") che trasformano le proteste pacifiche in violente, nonostante i gas lacrimogeni sistematici, di tutti, anziani, bambini, handicappati, un gas lacrimogeno che mi dicono miri alla testa.


Chiunque si perda, che devia dal percorso ufficialmente consentito, viene colpito con i gas lacrimogeni senza previa convocazione.


L'11 settembre, la violenza della polizia ha raggiunto un livello completamente diverso. I manifestanti sono stati presi in una morsa con i gas lacrimogeni della polizia da entrambe le estremità della strada. Con edifici su entrambi i lati, non c'era nessun posto dove scappare. Quelli che cadevano venivano presi a randellate.


Tutte le proteste sono organizzate da gruppi di cittadini, tranne quelle di Florian Philippot, già del Fronte Nazionale di LePen, ora a capo di un partito da lui fondato, i Patrioti, dove mi dicono che è meglio non essere se non si è bianchi.


Tutte le proteste sono pacifiche, solo uomini e donne di ogni età e di ogni classe sociale, anche se si nota un'assenza di ventenni. In effetti, la resistenza comprende persone di tutti gli orizzonti. Vi ho incontrato i ricchissimi che un tempo andavano a Davos, gli ex allievi della più alta scuola di amministrazione del paese da cui provengono tradizionalmente la maggior parte dei presidenti, così come i camionisti e i moltissimi nuovi disoccupati che rifiutano di essere vaccinati o di far vaccinare i loro figli.


C'è uno spirito di uguaglianza, di solidarietà che è incredibile. Tutti sono motivati più del 100%. Se hai problemi finanziari, sei aiutato, se hai bisogno di un rifugio, abbiamo una lista di persone con spazio extra disposte ad ospitarli, se hai bisogno di aiuto legale, abbiamo una lista di avvocati, se hai bisogno di cure mediche, si sta mettendo in piedi una nuova struttura, dove non sarà richiesto nessun pass, nessuna vaccinazione.


Quest'ultima ha già messo in giro le prime offerte di lavoro per il personale medico che perde le posizioni. Infatti se hai bisogno di un lavoro, stiamo cercando di ricrearli e di mettere in contatto i nostri membri che possono offrire lavoro a chi ne ha bisogno.


I risvegliati, come si chiamano, hanno un punto in comune: sono tutti consapevoli che l'umanità è in guerra contro la sua totale disumanizzazione, e che o l'umanità vince o non c'è più, che questa guerra è di natura completamente diversa da tutte le guerre precedenti, che quello che stiamo affrontando è anche di natura diversa - negli anni '40, i mainstream, anche quelli che collaboravano, erano consapevoli di una forza di occupazione esterna, questa volta la corrente ha assimilato i valori o la loro mancanza, l'intero discorso, delle forze disumanizzanti -, che si può vincere solo costruendo una nuova società, basata sulla co-fraternità, e quindi sempre più sono pronti per una lotta prolungata, ma costruttiva.


Si stanno già costruendo unità autonome dal punto di vista alimentare ed energetico. Lentamente speriamo che includano tutte le attività necessarie per la fioritura dell'umanità. È come un vento nuovo che si alza, un vento di pace, di speranza, di umanità che si riunisce. Qualunque cosa accada, sappiamo di aver già vinto.


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia