USA: Il prossimo passo è cancellare la Costituzione

 

USA: Il prossimo passo è cancellare la Costituzione

Di Robert Bridge, è uno scrittore e giornalista americano. È l'autore di "Midnight in the American Empire", come le corporazioni e i loro servi politici stanno distruggendo il sogno americano. @Robert_Bridge


Nell'ultimo segno che nulla è sacro per quanto riguarda la storia degli Stati Uniti e i suoi monumenti, i liberali stanno ora mettendo in guardia il pubblico sul contenuto dei più significativi documenti di fondazione della nazione.

Come per dare credito alla teoria di cospirazione dell'estrema destra che la folla sveglia è determinata a cancellare gli Stati Uniti nell'oblio, il sito web degli Archivi Nazionali ha allegato avvisi "Harmful Language Alert" alla Costituzione, la Dichiarazione d'Indipendenza e la Carta dei Diritti.


La ragione dichiarata per l'avvertimento è la presunta presenza di "opinioni e atteggiamenti razzisti, sessisti, abili, misogini/misogini, e xenofobi", così come un atteggiamento discriminatorio verso "opinioni sulla sessualità, il genere, la religione e altro..." presumibilmente contenute in questi documenti storici. Chi avrebbe potuto immaginare, leggendo quella lista di offese egregie, che i redattori di quei famosi documenti - i Jefferson, gli Hamilton e i Paines - fossero dei sociopatici così spudorati? 


Non volendo affrettare il giudizio, tuttavia, ho scaricato le versioni digitalizzate dei documenti originali e mi sono fatto un corso di aggiornamento. Forse le opinioni di 245 anni fa, faticosamente scritte in stile corsivo con penna d'oca e inchiostro, sono davvero obsolete come la pergamena ingiallita su cui sono state scritte. 


Cominciamo con il certificato di nascita ufficiale della nazione, per così dire, la Dichiarazione d'Indipendenza. Firmato il 4 luglio 1776, questo documento esponeva una serie di ragioni - 27 rimostranze, per essere esatti - per cui le Tredici Colonie avevano deciso di diventare stati indipendenti, liberi dal dominio britannico. Mentre questa lettera di rottura formale non era terribilmente gentile con il re Giorgio III, che i coloni accusavano di "crudeltà e perfidia", prendeva anche a schiaffi gli abitanti nativi americani, con cui erano in guerra costante, riferendosi a loro come "spietati selvaggi indiani". Per il contesto, i coloni avevano accusato il re di cercare di portare "insurrezioni interne tra di noi" incitando gli indiani alla violenza. 


Quindi sì, un insulto sprezzante contro un gruppo minoritario, i nativi americani, appare nel primo documento degli Stati Uniti. Tuttavia, sembra strano che dopo 245 anni, i democratici, la cui storia dei diritti civili è altrettanto segnata, se non di più, dei repubblicani, abbiano scelto questo periodo particolarmente esplosivo della storia degli Stati Uniti per correre in difesa della popolazione indiana americana. 


La mia impressione è che, freschi delle "proteste per lo più pacifiche" che hanno lasciato una scia di distruzione miliardaria in tutti gli Stati Uniti sulla scia della morte di George Floyd, i Democratici non sono meno colpevoli di incitare "insurrezioni interne" di quanto lo fosse Re Giorgio in passato. In altre parole, i Democratici, non diversamente dal loro caloroso appoggio alle proteste di Black Lives Matter, anche nel loro momento più distruttivo, stanno ora facendo segnali di virtù a un altro gruppo di minoranze con un occhio più all'urna elettorale che al confessionale.


Nel frattempo, oltre alla menzione dei "selvaggi" indiani c'erano le firme di 56 uomini bianchi morti (RIP!), che aiutano anche a spiegare la necessità delle ridicole etichette di avvertimento. Dopo tutto, già a giugno la Rotonda degli Archivi Nazionali, il grandioso edificio che ospita la Dichiarazione d'Indipendenza, la Costituzione e la Carta dei Diritti nel cuore di Washington, DC, è stata accusata di pullulare di "razzismo strutturale". In effetti, il livello di supremazia bianca che urla da questa vecchia struttura fa meraviglia che non sia già crollato per i riverberi.


In un rapporto pubblicato dall'Archivio stesso, è stata discussa la necessità di fornire "avvertimenti per il trigger" ai visitatori nel tentativo di "avvertire il pubblico dei contenuti che possono causare intensi sintomi fisiologici e psicologici per le persone con disordine da stress post-traumatico (PTSD) e altri disturbi d'ansia". Suona quasi come quegli avvertimenti medici che i visitatori dei parchi di divertimento potrebbero ricevere prima di entrare in un giro sulle montagne russe o in una casa infestata. Tranne che in questo caso, la 'casa infestata' è posseduta dagli spiriti di quei defunti "ricchi uomini bianchi", per i quali è in corso un esorcismo in tutto il paese.  



A eterno credito dei firmatari, tuttavia, il documento che firmarono conteneva la famosa frase che afferma eloquentemente: "Noi riteniamo che queste verità siano evidenti, che tutti gli uomini sono creati uguali, che sono dotati dal loro Creatore di alcuni diritti inalienabili, che tra questi sono la vita, la libertà e la ricerca della felicità". Non sorprende che i liberali non siano riusciti ad applicare uno smiley sticker a questa frase edificante che, più di ogni altra, ha garantito che gli americani di ogni razza, credo e scelta di genere siano in grado di realizzare i loro sogni di vita senza pregiudizi o eccezioni.


Passando alla Costituzione degli Stati Uniti, ancora una volta, a parte le firme scarabocchiate da un gruppo di uomini bianchi deceduti da tempo, è difficile vedere la necessità di un "allarme linguistico" per accompagnare questo documento. Tuttavia, passando al Bill of Rights, che prevede i 10 emendamenti alla Costituzione, le cose cominciano a diventare più chiare, almeno per quanto riguarda la confusa mentalità liberale.


Considerando quanto strenuamente i Democratici hanno sminuito il diritto del Primo Emendamento alla libertà di parola, come evidenziato dalla soppressione non-stop delle opinioni sui social media da parte di Big Tech, aggravata dal loro intenso odio per il diritto del Secondo Emendamento di portare armi, diventa ovvio il motivo di questo psico-ballo sul "linguaggio dannoso". 


Si tratta di dare il via a una campagna progettata per creare l'impressione che i documenti più preziosi d'America siano in qualche modo pericolosi e indegni di protezione. Queste idee folli devono essere estirpate alla radice, per evitare che prendano il sopravvento sulla cultura americana.


Oggi potrebbe essere 'solo' un'etichetta di avvertimento che proclama la pericolosa influenza dei documenti fondatori dell'America; domani potrebbero esserci soldati in strada che dichiarano la fine della libertà così come i documenti stessi che hanno reso tutto possibile. L'America deve porre fine a queste sciocche azioni da woke prima che degenerino in qualcosa di completamente anti-americano, che è esattamente ciò a cui la sinistra sembra mirare.


Pensi che i tuoi amici sarebbero interessati? Condividi questa storia!

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia