Felix Gottwald si dimette da presidente sportivo in protesta alla dittatura covid

Felix Gottwald si dimette da presidente sportivo in protesta alla dittatura covid


L'escalation della dittatura Covid contro i non vaccinati sta portando ad una resistenza sempre maggiore anche da parte delle celebrità. Così, la cabarettista Monika Gruber ha già dichiarato il suo ritiro dal palco per protestare contro la perfida discriminazione. Ora anche il popolare atleta e capo sportivo Felix Gottwald sta dichiarando le sue dimissioni immediate. Era stato presidente della Commissione Federale dello Sport per nove mesi. L'uomo di Salisburgo manda così un segnale coraggioso contro la "divisione, l'agitazione e la discriminazione" del governo federale. È "preoccupato e commosso". Gottwald dichiara di aver perso ogni fiducia nella politica. Nei commenti, l'atleta olimpico austriaco di maggior successo Felix Gottwald è ora celebrato ancora di più come un "eroe". www.wochenblick.at


Lettera aperta di Felix Gottwald:

Desidero informarvi che mi dimetto con effetto immediato da presidente della Commissione Federale dello Sport e non sono più disponibile.


Sono entrato in carica per dare un contributo a una vera cultura dell'attività fisica nel nostro paese.

Mi sono dimesso per aumentare insieme il numero di anni di vita sana nel nostro paese.

E ho iniziato a creare consapevolezza tra la popolazione per padroneggiare meglio il mondo in cui viviamo attraverso l'esercizio e lo sport.

Dopo nove mesi ufficiali in questa posizione, posso vedere che ci può essere molto in gioco nel nostro paese in questo momento, ma non è certamente la salute e il benessere degli austriaci e delle persone che vivono in Austria - e questo nel mezzo della più grande crisi sanitaria.


Divisione, agitazione, discriminazione - questi sono i comandamenti governativi del momento.


Mi vergogno profondamente del nostro paese e come austriaco sono arrabbiato, triste e sbalordito allo stesso tempo.


Ho perso tutta la fiducia nella politica, e con la migliore volontà del mondo non riesco più a pensare a nessun argomento per cui dovrei credere a una sola sillaba di essa. Il tipo di discorso all'interno della politica, la scelta delle parole, l'incongruenza, il disprezzo che mi raggiunge come cittadino e contribuente responsabile mi irritano profondamente e probabilmente porterebbero qualsiasi azienda del settore privato immediatamente alla rovina.


Come persona dimostrabilmente sana, che sta prendendo in modo molto responsabile misure ragionevoli e sensate per contenere la pandemia, vengo ora escluso, come milioni di altri, dalla vita sociale e quindi anche da quella sportiva. Come sportivo, mi sono sempre preso e ho dovuto prendermi delle responsabilità. Nulla è cambiato e nulla cambierà - indipendentemente dalla pressione, dalle regole e dai regolamenti. Ho studiato scienze della salute perché per tutta la vita mi sono occupato di come nasce la salute - e non la malattia. Lo sport e l'esercizio fisico sono e rimangono una parte essenziale della soluzione.


Come ministro dello sport, sarebbe a voi per impostare le leve in movimento che promuovono e non impediscono l'esercizio e lo sport (di massa) in quello che è probabilmente la più grande crisi di salute del nostro tempo.


Fino a che punto siete disposti ad arrivare?

E: fino a che punto siete disposti, come governo, ad arrivare?

Come atleta olimpico austriaco di maggior successo, ho perso molto spesso e vinto solo molto raramente. Come atleta, ho imparato ad affrontare le sconfitte e i fallimenti, a imparare da essi, a svilupparmi e a trattare me stesso e gli altri con rispetto e dignità. Queste sono virtù che al momento mi mancano completamente nella politica.


Ero convinto che il nostro paese avesse imparato dalla storia.


Sono scioccato nel constatare che come società siamo diventati più arroganti, senza scrupoli e discriminatori di quanto abbia mai sperimentato prima.


Voglio vivere di nuovo in un paese di cui possiamo essere orgogliosi, in un paese in cui come società coltiviamo una cultura dello stare per l'altro. Decisioni e azioni caratterizzate da comprensione, intesa e fiducia sono ciò che desidero sinceramente. La speranza che non è mai troppo tardi per questo - indipendentemente dalle circostanze esterne - e che oggi rimane sempre il momento migliore per ricominciare, mi fa concludere dicendo grazie. Grazie a tutti i membri e al team di Bundes-Sport GmbH per il modo in cui sono stato ricevuto e per i loro sforzi per aiutare nel progetto di stabilire una vera cultura del movimento nel nostro paese. Ho fallito - e va bene così. Continuare come se fossi ignaro degli sviluppi antisportivi e malsani che circondano questa pandemia non è un'opzione per me. Vorrei anche dire grazie a tutti gli individui che, a modo loro e con le loro possibilità, stanno dando un contributo affinché restiamo uniti e abbiamo comprensione l'uno per l'altro e non permettiamo a noi stessi come società di essere ulteriormente divisi da questo tipo di politica, e che quindi supereremo questa crisi insieme e con diverse decisioni e convinzioni personali.


L'esercizio fisico, lo sport e un sacco di aria fresca ci aiuteranno a raggiungere questo obiettivo e, tra l'altro, a contrastare una pandemia del nostro tempo: l'obesità e l'inattività fisica.


Personalmente, continuerò a fare tutto ciò che è in mio potere per promuovere un'autentica cultura del movimento nel nostro paese, sapendo che tale cultura deve essere costruita con perseveranza e deve essere indipendente dall'azionismo politico.


Con saluti preoccupati e commossi,


Felix Gottwald


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia