La resa di Orban. L'Ungheria nelle grinfie della dittatura Covid

 

"Inoculare o morire": Orban costringe l'Ungheria alla dittatura di Covid

"Vaccinarsi o morire": Orban costringe l'Ungheria alla dittatura di Covid


Ora anche il primo ministro ungherese Viktor Orban si è sottomesso al cartello mondiale dei dittatori della vaccinazione. Nella sua intervista radiofonica settimanale della scorsa settimana, ha chiarito che solo la vaccinazione protegge dalla malattia Covid 19. Tutte le persone non vaccinate sono in "pericolo mortale" e minacciano non solo se stessi ma anche gli altri. "Ad un certo punto, gli scettici della vaccinazione si renderanno conto che o prendono la vaccinazione o muoiono", ha detto Orban.

  • L'Ungheria cede ai globalisti
  • - Orban stabilisce la dittatura delle vaccinazioni
  • - Attacchi contro gli scettici della vaccinazione
  • - "Vaccinare o morire"
  • - Confronto con gli orecchioni e il morbillo
  • - Vaccinazione infantile in arrivo
  • - Demo contro la vaccinazione obbligatoria per gli insegnanti
  • - Situazione poco chiara negli ospedali
  • - Statistiche inutili


Attacco contro gli scettici della vaccinazione

Le misure restrittive non proteggono dal virus, ma ritardano solo la sua diffusione nella popolazione. "L'immunizzazione diminuisce sei mesi dopo il secondo morso, quindi un richiamo è giustificato. "Se tutti fossero vaccinati, non ci sarebbe una quarta ondata o sarebbe più piccola", ha detto Orban. Se tutti fossero vaccinati, non ci sarebbe una quinta ondata. Quindi, alla fine, tutti dovrebbero essere vaccinati. Coloro che diffidano della vaccinazione possono essere convinti di essere stati immunizzati contro la parotite o il morbillo nell'infanzia. Orban, che per il resto è cristallino e acuto nella sua analisi, è forse volutamente molto impreciso su questo punto: le vaccinazioni infantili non erano né mRNA né vaccini vettoriali, cioè nessun trattamento di ingegneria genetica.

Campagna di vaccinazione e vaccinazione infantile

Ora una campagna di vaccinazione sta iniziando in Ungheria: in 101 ospedali le persone possono ottenere la prima, seconda o terza puntura senza pre-registrazione. L'Ungheria ha attualmente 10 milioni di dosi di vaccino, che è sufficiente non solo per i richiami ma anche per una quarta iniezione per tutti, ha detto Orban. Entro dicembre, gli esperti sanitari decideranno anche se i bambini tra i cinque e i dodici anni dovranno ricevere il vaccino Covid 19. Se è così, i genitori potranno far vaccinare i loro figli. Nel frattempo, la vaccinazione obbligatoria viene introdotta di nascosto.

Manifestazione contro la vaccinazione obbligatoria degli insegnanti

Entro metà dicembre, i dipendenti pubblici devono avere la prima puntura. Hanno poi altre 2 settimane e se non sono vaccinati per allora, vengono mandati in congedo non retribuito. Dopo un anno, il loro contratto di lavoro può essere terminato. Il sindacato degli insegnanti si oppone (ancora) alla vaccinazione obbligatoria. Quelli che hanno rifiutato la vaccinazione finora lo faranno più tardi, sono convinti. Alcune scuole e asili non sarebbero più in grado di funzionare. Il tasso di vaccinazione tra gli insegnanti è molto alto, ma in alcune regioni è solo del 50-60%. La vaccinazione obbligatoria non si applica nelle istituzioni private ed ecclesiastiche. Gli insegnanti non vaccinati potrebbero trasferirsi lì, il che potrebbe sconvolgere massicciamente le operazioni della scuola pubblica. I sindacati si sono appellati al governo per riconsiderare la legge. Dopo il rifiuto iniziale, ora si suppone che ci siano dei colloqui. In ogni caso, gli insegnanti vogliono scendere in piazza, e anche i dipendenti delle aziende dove si applicherà la vaccinazione obbligatoria vogliono marciare.

Situazione ospedaliera poco chiara - nessuna statistica

La situazione reale negli ospedali ungheresi non può essere valutata. Il governo Orban non fornisce alcuna statistica che distingua tra persone vaccinate e non vaccinate in ricovero ospedaliero o di cura intensiva. Tuttavia, questi dati sarebbero importanti per poter fare affermazioni sull'efficacia della vaccinazione Covid 19. A novembre, il governo ha deciso di pubblicare i dati sulle persone infettate da CoronaVirus. Tuttavia, non sono completi, non sono citati nel contesto e potrebbero quindi essere fuorvianti.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia