La tecnologia più pericolosa mai inventata

 

La tecnologia più pericolosa mai inventata

Da PRINCIPIA SCIENTIFIC INTERNATIONAL


Nel 1995, l'industria delle telecomunicazioni si preparava a introdurre negli Stati Uniti un nuovo pericoloso prodotto: il telefono cellulare digitale. I telefoni cellulari esistenti erano analogici e costosi, posseduti soprattutto dai ricchi, usati solo per pochi minuti alla volta.


Molti erano telefoni per auto le cui antenne erano fuori dall'auto, non tenuti in mano e non vicino al cervello. I telefoni cellulari funzionavano solo nelle grandi città o nelle loro vicinanze. I pochi ripetitori che esistevano erano per lo più su colline, cime di montagne o grattacieli, non vicino a dove la gente viveva.


Il problema per l'industria delle telecomunicazioni nel 1995 era la responsabilità. Le radiazioni a microonde erano dannose. I telefoni cellulari stavano per danneggiare il cervello di tutti, rendere la gente obesa, e dare a milioni di persone il cancro, le malattie cardiache e il diabete. E i ripetitori avrebbero danneggiato le foreste, spazzato via gli insetti, torturato e ucciso uccelli e animali selvatici.


Tutto questo era noto. Estese ricerche erano già state fatte negli Stati Uniti, in Canada, nell'Unione Sovietica, nell'Europa dell'Est e altrove. Il biologo Allan Frey, sotto contratto con la Marina degli Stati Uniti, era così allarmato dai risultati dei suoi studi sugli animali che si rifiutò di sperimentare sugli esseri umani. "Ho visto troppo", disse ai colleghi in un simposio nel 1969. "Io stesso evito molto attentamente l'esposizione, e l'ho fatto per un bel po' di tempo. Non sento che posso portare le persone in questi campi ed esporle e in tutta onestà indicare loro che stanno andando in qualcosa di sicuro".


Frey ha scoperto che le radiazioni delle microonde danneggiano la barriera emato-encefalica - la barriera protettiva che tiene i batteri, i virus e le sostanze chimiche tossiche fuori dal cervello e mantiene l'interno della testa ad una pressione costante, impedendoti di avere un ictus. Ha scoperto che sia le persone che gli animali possono sentire le microonde.


Scoprì che poteva fermare il cuore di una rana, cronometrando gli impulsi di microonde in un punto preciso del ritmo del cuore. Il livello di potenza che usò per quell'esperimento era solo 0,6 microwatt per centimetro quadrato, migliaia di volte più basso della radiazione dei telefoni cellulari di oggi.


L'oftalmologo Milton Zaret, che aveva contratti con l'esercito, la marina e l'aeronautica degli Stati Uniti, così come con la Central Intelligence Agency, ha scoperto negli anni '60 che le radiazioni a microonde a basso livello causano la cataratta. Nel 1973, ha testimoniato davanti alla Commissione del Commercio del Senato degli Stati Uniti. "C'è un pericolo chiaro, presente e sempre crescente", ha detto ai senatori, "per l'intera popolazione del nostro paese dall'esposizione all'intera porzione non ionizzante dello spettro elettromagnetico.


I pericoli non possono essere sopravvalutati ..." Zaret ha detto al comitato di pazienti che non solo avevano cataratte causate dall'esposizione alle microonde, ma anche tumori maligni, malattie cardiovascolari, squilibrio ormonale, artrite e malattie mentali, così come problemi neurologici nei bambini nati da loro. Questi pazienti andavano dal personale militare esposto al radar alle casalinghe esposte ai loro forni a microonde.


"Lo standard di dispersione dei forni a microonde fissato dal Bureau of Radiological Health", ha detto alla commissione, "è circa 1 miliardo di volte superiore all'intero spettro di microonde emesso dal Sole. È spaventoso che a questi forni sia permesso di avere delle perdite, per non parlare del fatto che le pubblicità dei forni incoraggiano i nostri bambini a divertirsi imparando a cucinare con loro!


Lo standard di dispersione dei forni a microonde, oggi nel 2021, è lo stesso del 1973: 5 milliwatt per centimetro quadrato ad una distanza di 5 centimetri. E i livelli di esposizione alle microonde per il cervello da ogni telefono cellulare in uso oggi sono più alti di questo.


La Marina, a quel tempo, stava esponendo i soldati a radiazioni a microonde di basso livello nelle ricerche condotte a Pensacola, in Florida. Facendo eco a Frey, Zaret disse che questi esperimenti non erano etici. "Non credo sia possibile", ha detto alla commissione del Senato, "ottenere un consenso informato e incontaminato da qualsiasi giovane adulto che accetti di essere esposto a radiazioni quando non si è sicuri di quale sarà il risultato finale...


Inoltre, che qualsiasi bambino che ha in futuro potrebbe soffrire di questa irradiazione". Ha ribadito i problemi etici di questa ricerca: "Penso che se gli fosse stato spiegato tutto e si fossero comunque offerti volontari per questo progetto, si sarebbe messa in dubbio la loro capacità mentale fin dall'inizio".


Gli scienziati che facevano esperimenti sugli uccelli erano altrettanto allarmati dai loro risultati, e lanciavano avvertimenti sugli effetti ambientali delle radiazioni che la nostra società stava scatenando nel mondo, altrettanto terribili quanto gli avvertimenti consegnati al Congresso da Milton Zaret, e quelli consegnati alla Marina da Allan Frey.


Alla fine degli anni '60 e per tutti gli anni '70, John Tanner e i suoi colleghi del Canada's National Research Council hanno esposto polli, piccioni e gabbiani alle radiazioni a microonde, trovando effetti spaventosi ad ogni livello di esposizione.


I polli esposti tra 0,19 e 360 microwatt per centimetro quadrato per nove mesi svilupparono tumori del sistema nervoso centrale, e leucosi aviaria - anch'essa un tipo di tumore - di ovaie, intestini e altri organi che in alcuni uccelli raggiunsero "proporzioni enormi", su "una scala mai vista prima da veterinari esperti di malattie aviarie". La mortalità era alta negli uccelli irradiati. Tutti gli uccelli esposti, ad ogni livello di potenza, avevano un piumaggio deteriorato, con piume perse, rotte o con alberi contorti e fragili.


In altri esperimenti, in cui questi ricercatori hanno irradiato gli uccelli a potenza maggiore, gli uccelli sono crollati dal dolore in pochi secondi. Questo accadeva non solo quando l'intero uccello veniva irradiato, ma anche quando venivano irradiate solo le piume della coda e il resto dell'uccello veniva accuratamente schermato. In ulteriori esperimenti, hanno dimostrato che le piume degli uccelli sono ottime antenne di ricezione per le microonde, e hanno ipotizzato che gli uccelli migratori possono usare le loro piume per ottenere informazioni direzionali.


Questi scienziati hanno avvertito che l'aumento dei livelli di microonde ambientali causerebbe disagio agli uccelli selvatici e potrebbe interferire con la loro navigazione.


Maria Sadchikova, lavorando a Mosca; Václav Bartoniček e Eliska Klimková-Deutshová, lavorando in Cecoslovacchia; e Valentina Nikitina, che ha esaminato gli ufficiali della Marina russa, ha trovato, già nel 1960, che la maggior parte delle persone esposte a radiazioni di microonde sul lavoro - anche le persone che avevano cessato tale occupazione da cinque a dieci anni prima - aveva elevato zucchero nel sangue o aveva zucchero nelle urine.


Gli esperimenti sugli animali hanno dimostrato che le radiazioni interferiscono direttamente con il metabolismo, e che lo fanno rapidamente. Nel 1962, V.A. Syngayevskaya, a Leningrado, ha esposto dei conigli a onde radio a basso livello e ha scoperto che lo zucchero nel sangue degli animali aumentava di un terzo in meno di un'ora. Nel 1982, Vasily Belokrinitskiy, a Kiev, ha riferito che la quantità di zucchero nelle urine era direttamente proporzionale alla dose di radiazioni e al numero di volte che l'animale era stato esposto.


Mikhail Navakitikian e Lyudmila Tomashevskaya hanno riferito nel 1994 che i livelli di insulina sono diminuiti del 15 per cento nei ratti esposti per appena mezz'ora, e del 50 per cento nei ratti esposti per dodici ore, alle radiazioni pulsate a un livello di potenza di 100 microwatt per centimetro quadrato. Questo livello è paragonabile alla radiazione che una persona riceve oggi sedendosi direttamente davanti a un computer senza fili, e molto meno di quello che il cervello di una persona riceve da un telefono cellulare.


Questi erano solo alcuni delle migliaia di studi eseguiti in tutto il mondo in quel periodo che trovavano profondi effetti delle radiazioni a microonde su ogni organo umano, e sul funzionamento e la riproduzione di ogni pianta e animale. Il tenente Zory Glaser, incaricato dalla U.S.


Navy nel 1971 per catalogare la letteratura mondiale sugli effetti sulla salute delle radiazioni a microonde e a radiofrequenza, ha raccolto 5.083 studi, libri di testo e atti di conferenze nel 1981. È riuscito a trovare circa la metà della letteratura esistente a quel tempo. Quindi circa 10.000 studi avevano dimostrato che le microonde e le radiazioni RF sono pericolose per tutta la vita, già prima del 1981.


Cucinare il tuo DNA e arrostire i tuoi nervi

Nei primi anni '80 Mays Swicord, che lavorava al National Center for Devices and Radiological Health presso la Food and Drug Administration, decise di testare la sua congettura che il DNA assorbe in modo risonante le radiazioni a microonde, e che anche un livello molto basso di radiazioni, pur non producendo calore misurabile nel corpo umano nel suo complesso, può comunque riscaldare il tuo DNA.


Ha esposto una soluzione contenente una piccola quantità di DNA alla radiazione a microonde, e ha scoperto che il DNA stesso stava assorbendo 400 volte più radiazione della soluzione in cui si trovava, e che diverse lunghezze di filamenti di DNA assorbono in modo risonante diverse frequenze di radiazione a microonde.


Quindi, anche se la temperatura complessiva delle vostre cellule potrebbe non essere aumentata in modo rilevabile dalle radiazioni, il DNA all'interno delle vostre cellule potrebbe essere riscaldato enormemente. La ricerca successiva di Swicord ha confermato che questo danneggia il DNA, causando la rottura del DNA sia a singolo che a doppio filamento.


Il professor Charles Polk dell'Università del Rhode Island ha riferito essenzialmente la stessa cosa al ventiduesimo incontro annuale della Società di Bioelettromagnetismo nel giugno 2000 a Monaco, in Germania. Misure dirette avevano recentemente dimostrato che il DNA è molto più elettricamente conduttivo di quanto si sospettasse: ha una conduttività di almeno 105 siemens per metro, che è circa 1/10 della conduttività del mercurio!


Un telefono cellulare tenuto sulla testa può irradiare il cervello a un tasso di assorbimento specifico (SAR) di circa 1 watt per chilogrammo, il che produce poco riscaldamento complessivo. Polk ha calcolato, tuttavia, che questo livello di radiazione aumenterebbe la temperatura all'interno del tuo DNA di 60 gradi Celsius al secondo! Ha detto che i tessuti non possono dissipare il calore così rapidamente, e che tale riscaldamento romperebbe i legami tra i filamenti complementari del DNA, e spiegherebbe la rottura del DNA riportata in vari studi.


E nel 2006, Markus Antonietti, al Max Planck Institute in Germania, si è chiesto se un simile tipo di assorbimento risonante si verifica nelle sinapsi dei nostri nervi. I telefoni cellulari sono progettati in modo che le radiazioni che emettono non riscaldino il cervello più di un grado Celsius. Ma cosa succede nel piccolo ambiente di una sinapsi, dove ioni elettricamente carichi sono coinvolti nella trasmissione degli impulsi nervosi da un neurone all'altro?


Antonietti e i suoi colleghi hanno simulato le condizioni nelle sinapsi nervose con minuscole goccioline di grasso in acqua salata e hanno esposto le emulsioni a microonde a frequenze comprese tra 10 MHz e 4 GHz. Le frequenze di assorbimento risonanti, come previsto, dipendevano dalla dimensione delle goccioline e da altre proprietà della soluzione. Ma è stata la dimensione dei picchi di assorbimento che ha scioccato Antonietti.


"E ora arriva la tragedia", ha detto Antonietti. "Esattamente dove siamo più vicini alle condizioni del cervello, vediamo il riscaldamento più forte. C'è una quantità di energia assorbita cento volte superiore a quella pensata in precedenza. Questo è un orrore".


Sforzi dell'EPA per proteggere gli americani

Di fronte a una raffica di risultati scientifici allarmanti, l'Agenzia per la protezione dell'ambiente degli Stati Uniti (EPA) ha istituito un proprio laboratorio di ricerca sulle radiazioni a microonde che ha operato dal 1971 al 1985 con fino a 30 persone a tempo pieno esponendo cani, scimmie, ratti e altri animali alle microonde.


L'EPA era così disturbato dai risultati dei suoi esperimenti che ha proposto, già nel 1978, di sviluppare linee guida per l'esposizione umana alle radiazioni di microonde per l'adozione e l'applicazione da parte di altre agenzie federali le cui attività stavano contribuendo a una nebbia di inquinamento elettromagnetico rapidamente addensando in tutta la nostra nazione. Ma c'è stato un pushback da parte di queste agenzie.


La Food and Drug Administration non voleva che i limiti di esposizione proposti si applicassero ai forni a microonde o agli schermi dei computer. La Federal Aviation Administration non voleva dover proteggere il pubblico dal controllo del traffico aereo e dai radar meteorologici. Il Dipartimento della Difesa non voleva che i limiti si applicassero ai radar militari. La CIA, la NASA, il Dipartimento dell'Energia, la Guardia Costiera e Voice of America non volevano dover limitare l'esposizione del pubblico alle proprie fonti di radiazione.


Infine, nel giugno 1995, con l'industria delle telecomunicazioni che pianificava di mettere dispositivi di radiazione a microonde nelle mani e vicino al cervello di ogni uomo, donna e bambino, e di erigere milioni di torri cellulari e antenne in città, paesi, villaggi, foreste, riserve naturali e parchi nazionali in tutto il paese per far funzionare questi dispositivi, l'EPA annunciò che avrebbe rilasciato la Fase I delle sue linee guida di esposizione all'inizio del 1996.


La Commissione Federale per le Comunicazioni sarebbe stata obbligata a far rispettare queste linee guida, i telefoni cellulari e le torri cellulari sarebbero stati illegali, e anche se non fossero stati illegali, le compagnie di telecomunicazioni sarebbero state esposte a responsabilità illimitata per tutta la sofferenza, la malattia e la mortalità che stavano per causare.


Ma non doveva essere così. L'Associazione per l'Energia Elettromagnetica, un gruppo di pressione dell'industria, riuscì ad impedire la pubblicazione delle linee guida sull'esposizione dell'EPA. Il 13 settembre 1995, il Comitato del Senato sugli stanziamenti ha tolto i 350.000 dollari che erano stati messi in bilancio per il lavoro dell'EPA sulle sue linee guida di esposizione e ha scritto nel suo rapporto: "Il Comitato ritiene che l'EPA non dovrebbe impegnarsi in attività EMF".


La Personal Communications Industry Association (CTIA), un altro gruppo industriale, ha anche esercitato pressioni sul Congresso, che stava redigendo una legge chiamata Telecommunications Act, ed è stata aggiunta una disposizione alla legge che proibisce agli stati e ai governi locali di regolare "le strutture di servizio personali senza fili" sulla base dei loro "effetti ambientali".


Questa disposizione proteggeva l'industria delle telecomunicazioni da qualsiasi responsabilità per i danni causati dalle torri cellulari e dai telefoni cellulari e permetteva all'industria di vendere al pubblico americano la tecnologia più pericolosa mai inventata. Alla gente non fu più permesso di dire ai loro funzionari eletti dei loro danni durante le udienze pubbliche.


Agli scienziati non fu più permesso di testimoniare in tribunale sui pericoli di questa tecnologia. Ogni mezzo per il pubblico di scoprire che la tecnologia wireless li stava uccidendo è stato improvvisamente proibito.


L'industria delle telecomunicazioni ha fatto un così buon lavoro nel vendere questa tecnologia che oggi la famiglia media americana contiene 25 diversi dispositivi che emettono radiazioni a microonde e l'americano medio passa cinque ore al giorno sul suo telefono cellulare, lo tiene in tasca vicino al corpo il resto del giorno, e dorme con esso tutta la notte dentro o accanto al suo letto.


Oggi quasi ogni uomo, donna e bambino tiene un dispositivo di radiazioni a microonde in mano o contro il cervello o il corpo tutto il giorno ogni giorno, completamente inconsapevoli di ciò che stanno facendo a se stessi, alla loro famiglia, ai loro animali domestici, ai loro amici, ai loro vicini, agli uccelli nel loro cortile, al loro ecosistema e al loro pianeta. Quelli che sono persino consapevoli che c'è un problema vedono solo le torri come una minaccia, ma il loro telefono come un amico.


La vendita dei telefoni cellulari è, ed è sempre stata, basata su bugie e inganni. La più grande bugia è che sono dispositivi a "bassa potenza" e che questo li rende sicuri.



Questa è una doppia bugia. È una bugia perché non sono a bassa potenza. Se mettete un telefono cellulare - qualsiasi telefono cellulare - in mano o vicino al vostro corpo, venite bombardati da più radiazioni di microonde dal vostro telefono di quante ne riceviate da qualsiasi ripetitore, e da dieci miliardi di volte più radiazioni di microonde di quante ne riceviate dal sole, dalla Via Lattea, o da qualsiasi altra fonte naturale.


Le linee guida per l'esposizione stabilite dalla Commissione Federale delle Comunicazioni riflettono questa realtà: i ripetitori sono autorizzati a esporre il tuo corpo a un tasso di assorbimento specifico di 0,08 watt per chilogrammo, mentre i telefoni cellulari sono autorizzati a esporre il tuo cervello a un tasso di assorbimento specifico di 1,6 watt per chilogrammo, che è venti volte superiore.


Ed è una bugia perché i dispositivi a bassa potenza non sono più sicuri di quelli ad alta potenza. La ragione di questo è che i campi elettromagnetici non sono tossine in senso ordinario, e la regola in tossicologia che una dose più bassa è una dose più sicura non si applica alle radiazioni a microonde. Come Allan Frey ha scritto nel 1990:


"I campi elettromagnetici non sono una sostanza estranea agli esseri viventi come il piombo o il cianuro. Con sostanze estranee, maggiore è la dose, maggiore è l'effetto - una relazione dose-risposta. Piuttosto, gli esseri viventi sono sistemi elettrochimici che utilizzano i campi elettromagnetici a bassa frequenza in tutto, dalla piegatura delle proteine attraverso la comunicazione cellulare alla funzione del sistema nervoso. Per modellare come i CEM influenzano gli esseri viventi, si potrebbe paragonarli alla radio che usiamo per ascoltare la musica ...


Se si impone alla radio un EMF o un'armonica opportunamente sintonizzata, anche se è molto debole, interferirà con la musica. Allo stesso modo, se imponiamo un segnale EMF molto debole su un essere vivente, ha la possibilità di interferire con la normale funzione se è adeguatamente sintonizzato. Questo è il modello che molti dati biologici e la teoria ci dicono di utilizzare, non un modello tossicologico".


L'indagine più approfondita sull'effetto della barriera emato-encefalica, che Frey ha scoperto nel 1975, è stata fatta all'Università di Lund in Svezia a partire dalla fine degli anni '80 con varie fonti di radiazioni a microonde e poi, negli anni '90 e 2000, con i telefoni cellulari veri e propri. Hanno trovato non solo che non c'è una risposta alla dose, ma che c'è una risposta alla dose inversa per questo tipo di lesioni.


Hanno esposto dei topi di laboratorio a quello che oggi si chiama 2G, e poi hanno ridotto il livello di potenza delle radiazioni di dieci volte, cento volte, mille volte e diecimila volte. E hanno scoperto, con loro grande sorpresa, che il maggior danno alla barriera emato-encefalica si è verificato non nei ratti che sono stati esposti alla massima potenza, ma nei ratti che sono stati esposti a telefoni la cui radiazione è stata ridotta di un fattore di diecimila!


Questo era l'equivalente di tenere un telefono cellulare a più di un metro dal corpo. Il leader del team di ricerca, il neurochirurgo Leif Salford, ha avvertito che i non utilizzatori di telefoni cellulari venivano danneggiati dai cellulari dei loro vicini, e che questa tecnologia era "il più grande esperimento biologico del mondo".


E in un'altra serie di esperimenti, pubblicati nel 2003, il team di Salford ha esposto giovani ratti a quello che ora si chiama un telefono cellulare 2G, solo una volta per due ore, sia a piena potenza, o a due diversi livelli di potenza ridotta, e li ha sacrificati 50 giorni dopo per esaminare il loro cervello. Hanno scoperto che una singola esposizione a un telefono cellulare ordinario operante a potenza normale aveva distrutto in modo permanente fino al 2 per cento di quasi tutti i ratti.


I neuroni danneggiati dominavano l'immagine in alcune aree del loro cervello. Quando la potenza del telefono è stata ridotta di dieci volte, ha causato danni al cervello in tutti i ratti. Quando la potenza del telefono è stata ridotta di cento volte, questo tipo di danno cerebrale permanente è stato osservato nella metà degli animali esposti.


E in altri esperimenti ancora, pubblicati nel 2008, hanno esposto i ratti a un telefono cellulare per due ore una volta alla settimana per un anno, sempre usando quello che oggi si chiama un telefono cellulare 2G. I ratti esposti soffrivano di una memoria compromessa, indipendentemente dal fatto che fossero esposti a un livello SAR di 60 milliwatt per chilogrammo o di 0,6 milliwatt per chilogrammo. In altre parole, ridurre il livello di potenza di un fattore cento non ha reso il telefono cellulare meno pericoloso.


La mancanza di una risposta alla dose è stata riportata più e più volte. Il fisico Carl Blackman ha trascorso gran parte della sua carriera presso l'Agenzia per la protezione dell'ambiente per capire perché non solo particolari frequenze, ma anche particolari livelli di potenza delle radiazioni RF causano l'uscita del calcio dalle cellule cerebrali. Ross Adey alla UCLA, Jean-Louis Schwartz al Consiglio Nazionale delle Ricerche del Canada, e Jitendra Behari alla Jawaharlal University in India hanno riferito la stessa cosa.


Il genetista Sisir Dutta, studiando lo stesso fenomeno alla Howard University nel 1986, ha trovato picchi di flusso di calcio a livelli SAR di 2 W/kg e 1 W/kg, e anche a .05, .0028, .001, .0007, e .0005 W/kg, con qualche effetto fino a .0001 W/kg. L'effetto a 0.0007 W/kg SAR era il quadruplo dell'effetto a 2.0 W/kg, in altre parole una riduzione di 3.000 volte del livello di potenza ha portato ad un aumento di 4 volte del disturbo del calcio. La frequenza era 915 MHz, la stessa frequenza che sarebbe stata usata più tardi per i telefoni cellulari.


Maria Sadchikova e i suoi colleghi sovietici, negli anni '60 e '70, hanno esaminato centinaia di lavoratori esposti a radiazioni di microonde sul posto di lavoro, e costantemente trovato che i lavoratori più malati erano quelli che sono stati esposti ai livelli di potenza più bassi, non più alti.


Igor Belyaev, presso l'Università di Stoccolma, ha trovato che gli effetti genetici si è verificato a frequenze specifiche e che la grandezza dell'effetto non cambia con il livello di potenza oltre 16 ordini di grandezza, fino a 0.000000000000000001 watt per centimetro quadrato, un livello che è un quadrilione di volte inferiore a quello che un telefono cellulare offre al cervello di uno.


Dimitris Panagopoulos, presso l'Università di Atene, ha scoperto che i moscerini della frutta esposti a un telefono cellulare per un solo minuto al giorno per cinque giorni hanno prodotto il 36% in meno di prole rispetto alle mosche che non sono stati esposti a tutti. Quando li ha esposti al telefono per sei minuti al giorno per cinque giorni, ha ridotto il numero della loro prole dal 50 al 60 per cento.


E l'effetto massimo si è verificato quando il telefono cellulare era a circa un piede di distanza dalle mosche, non quando toccava la fiala in cui si trovavano le mosche. In ulteriori ricerche, ha dimostrato che l'effetto è dovuto al danno al DNA e alla conseguente morte cellulare causata dalle radiazioni.


In un altro esperimento, il collega di Panagopoulos, Lukas Margaritis, ha esposto i moscerini della frutta a varie frequenze di radiazioni RF a livelli di esposizione che vanno da 0,0001 watt per chilogrammo a 0,04 watt per chilogrammo, e ha scoperto che anche una singola esposizione a una di queste frequenze a uno qualsiasi di questi livelli di potenza per soli 6 minuti ha causato una quantità significativa di morte delle cellule ovariche.


E in un'ulteriore ricerca, il team di Margaritis ha esposto le mosche della frutta a un telefono cellulare una volta per 6 minuti, una volta per 12 minuti, 6 minuti al giorno per 3 giorni, o 12 minuti al giorno per 3 giorni. In ogni condizione il telefono ha triplicato o sestuplicato la quantità di morte delle cellule ovariche.


E poi questo team ha provato altre fonti di radiazioni a microonde per tra 10 e 30 minuti al giorno per un massimo di 9 giorni e ha scoperto che ciascuna di esse ha ridotto il numero di figli tra l'11 e il 32%. Il telefono cellulare e il cordless hanno avuto l'effetto maggiore, ma anche il WiFi, il baby monitor, il Bluetooth e il forno a microonde hanno ridotto sostanzialmente la fecondità delle mosche.


Gli effetti sugli insetti sono così evidenti che anche uno studente delle superiori può facilmente dimostrarli. Nel 2004, Alexander Chan, uno studente del secondo anno alla Benjamin Cardozo High School nel Queens, New York, ha esposto quotidianamente larve di moscerini della frutta a un altoparlante, un monitor di computer e un telefono cellulare per un progetto di fiera della scienza e ha osservato il loro sviluppo. Le mosche che sono state esposte al telefono cellulare non sono riuscite a sviluppare le ali.


Cosa stiamo facendo alla natura?

Stiamo angosciando e disorientando non solo gli uccelli, ma anche, come si sta scoprendo, gli insetti. Sembra che tutte le piccole creature che hanno antenne le usino per inviare e ricevere comunicazioni elettronicamente - comunicazioni che vengono interferite e soffocate dalle comunicazioni molto più potenti dei nostri dispositivi wireless.


Quando le api del miele eseguono la loro danza scodinzolante per informarsi a vicenda della posizione delle fonti di cibo, non è solo una danza visiva ma elettromagnetica. Durante la danza generano segnali elettromagnetici con una frequenza di modulazione tra 180 e 250 Hz. E inviano un altro tipo di segnale, che è stato chiamato il segnale di "stop", lungo fino a 100 millisecondi, ad una frequenza di 320 Hz.


Il segnale di stop viene utilizzato quando la colonia ha già troppo cibo, e fa sì che i ballerini smettano di ballare e lascino la pista da ballo. Uwe Greggers, alla Freie Universität di Berlino, ha scoperto che le api inizieranno a camminare e a muovere attivamente le loro antenne in risposta a campi elettromagnetici generati artificialmente che imitano questi segnali naturali, anche in assenza di qualsiasi spunto visivo o uditivo. Api cui antenne aveva rimosso o rivestito con cera non ha risposto a questi segnali.


L'impollinazione dipende anche dalla comunicazione elettromagnetica - tra le api e i fiori. Le api portano una carica positiva sui loro corpi dal volo nel campo elettrico atmosferico globale, mentre i fiori, essendo collegati alla terra, portano una carica negativa. Dominic Clarke, dell'Università di Bristol, ha dimostrato che non solo questo facilita il trasferimento del polline dai fiori alle api, ma che le api percepiscono e sono attratte non solo dai colori dei fiori ma anche dai modelli distinti dei loro campi elettrici.


Il campo elettrico di un fiore diminuisce immediatamente dopo essere stato visitato da un'ape, e le altre api "vedono" questo e visitano solo i fiori il cui campo elettrico è robusto. Mentre le api del miele vedono i campi con le loro antenne, i bombi vedono i campi più con i peli che coprono i loro corpi, che non solo li rendono creature così distinte ma funzionano anche come una sorta di antenna.


Nel 2007, il biologo tedesco Ulrich Warnke ha pubblicato un importante libretto in inglese e tedesco intitolato Api, uccelli e umanità: Destroying Nature by "Elektrosmog" (Bienen, Vögel und Menschen: Die Zerstörung der Natur durch 'Elektrosmog'). In esso, ci ha ricordato che ci sono solo due forze a lungo raggio - la gravità e l'elettromagnetismo - che modellano tutto nell'universo, compresi i nostri corpi, e che ignoriamo questo fatto a nostro rischio e pericolo.


L'elettricità è il fondamento della vita, ha avvertito, e "questa distruzione del fondamento della vita ha già cancellato molte specie per sempre". Non possiamo immergere il nostro mondo, ha detto, in un mare di radiazioni elettromagnetiche che è fino a 10.000.000.000 volte più forte della radiazione naturale con cui ci siamo evoluti senza distruggere tutta la vita. Ha riassunto la ricerca che lui e altri avevano fatto con le api. Non c'è da meravigliarsi, ha scritto Warnke, che le api stanno scomparendo in tutto il mondo.


Hanno cominciato a scomparire all'alba dell'era della radio. Sulla piccola isola situata al largo della costa meridionale dell'Inghilterra, dove Guglielmo Marconi inviò la prima trasmissione radio a lunga distanza nel 1901, le api cominciarono a scomparire. Nel 1906, l'isola, che allora ospitava la più grande densità di trasmissioni radio del mondo, era quasi vuota di api. Migliaia, incapaci di volare, furono trovate striscianti e morenti sul terreno fuori dai loro alveari.


Le api sane importate dalla terraferma cominciarono a morire entro una settimana dall'arrivo. Nei decenni successivi, la malattia dell'isola di Wight si diffuse insieme alle trasmissioni radiofoniche nel resto della Gran Bretagna, e in Italia, Francia, Svizzera, Germania, Brasile, Australia, Canada, Sud Africa e Stati Uniti. Negli anni '60 e '70 il suo nome cambiò in "malattia che scompare".


Divenne urgente alla fine degli anni '90 con la rivoluzione del wireless, e divenne un'emergenza mondiale nel 2006, quando fu rinominata "colony collapse disorder". Oggi non solo le api domestiche, ma tutte le api selvatiche sono in pericolo di estinzione.


Gli anfibi non solo stanno scomparendo, ma un gran numero di specie di anfibi si è già estinto, anche nelle aree più remote e incontaminate del mondo - incontaminate, cioè, tranne che per le torri di comunicazione e le stazioni radar che emettono radiazioni a microonde. Gli anfibi sono i più vulnerabili di tutte le classi di animali del pianeta alle radiazioni elettromagnetiche, e sono diminuiti e si sono estinti dal 1980.


Quando ho esaminato questo nel 1996, ogni specie di rana e rospo in Yosemite National Park stava scomparendo. Nella Monteverde Cloud Forest Preserve del Costa Rica, il famoso e altamente protetto rospo dorato si era estinto. Otto delle tredici specie di rane in una riserva della foresta pluviale brasiliana si erano estinte. La famosa rana gastrica dell'Australia era estinta.


Settantacinque specie delle colorate rane arlecchino che un tempo abbellivano i corsi d'acqua nei tropici dell'emisfero occidentale erano estinte. Oggi, più della metà di tutti i tipi conosciuti di rane, salamandre e cecili (anfibi simili a serpenti), pari a 4.300 specie, sono estinti o in pericolo di estinzione.


Nel 1996, quando i ripetitori hanno marciato in aree remote degli Stati Uniti, le rane mutanti hanno cominciato a comparire a migliaia in laghi, ruscelli e foreste in tutto il Midwest americano. Le loro zampe deformi, le zampe in più, gli occhi mancanti, gli occhi fuori posto e altri errori genetici spaventavano i bambini delle scuole in gita.


Nel 2009, il biologo della fauna selvatica Alfonso Balmori ha fatto un esperimento semplice e ovvio sul balcone di un appartamento a Valladolid, in Spagna, non lontano da un ripetitore, un esperimento che ha dimostrato ciò che stava accadendo: ha allevato girini in due vasche identiche, tranne che su una di esse ha drappeggiato un sottile strato di tessuto intrecciato con fibre metalliche, che ammetteva aria e luce ma teneva fuori le onde radio. I risultati hanno scioccato anche Balmori: in un periodo di due mesi, il 90 per cento dei girini nella vasca senza la schermatura erano morti, contro solo il 4 per cento nella vasca schermata.


Simili esperimenti di schermatura hanno confermato, in picche, quello che sta succedendo agli uccelli, e quello che sta succedendo alle nostre foreste.


Gli scienziati dell'Università di Oldenburg in Germania sono stati scioccati per scoprire, a partire dal 2004, che gli uccelli canori migratori che avevano studiato non erano più in grado di orientarsi verso il nord in primavera e verso il sud-ovest in autunno.


Sospettando che l'inquinamento elettromagnetico potrebbe essere responsabile, hanno fatto per i loro uccelli ciò che Balmori ha fatto per i suoi girini pochi anni dopo: hanno schermato la voliera dalle onde radio durante l'inverno con fogli di alluminio. "L'effetto sulle capacità di orientamento degli uccelli era profondo", hanno scritto gli scienziati. Gli uccelli si orientarono tutti verso il nord la primavera seguente.


E nel 2007, in un laboratorio da cortile ai piedi delle Montagne Rocciose del Colorado, Katie Haggerty ha deciso di fare lo stesso esperimento con le piantine di pioppo. Voleva scoprire se le onde radio erano responsabili del declino degli alberi di pioppo in tutto il Colorado che era iniziato nel 2004. Ha fatto crescere 27 pioppi - nove senza alcuna schermatura, nove con una schermatura di alluminio intorno ai loro vasi che teneva fuori le onde radio, e nove con una schermatura in fibra di vetro che teneva fuori la stessa quantità di luce ma lasciava entrare tutte le onde radio.


Dopo due mesi, i nuovi germogli dei pioppi schermati dalle onde radio erano più lunghi del 74% e le loro foglie più grandi del 60% rispetto a quelle dei pioppi mock-shielded o non schermati. E in autunno, gli alberi schermati avevano foglie grandi e sane in colori autunnali brillanti per cui i pioppi sono famosi: arancione brillante, giallo, verde, rosso scuro e nero. Gli alberi scudati e non scudati avevano piccole foglie di uno scialbo giallo e verde, coperte da aree grigie e marroni di decadimento.


L'unica cosa che era cambiata nelle Montagne Rocciose del Colorado nel 2004 era l'installazione di un nuovo sistema di comunicazione di emergenza chiamato Digital Trunked Radio System composto da 203 torri radio le cui trasmissioni coprivano ogni centimetro quadrato dello stato.





Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia