Perché milioni di persone si pentiranno di aver fatto il vaccino

 

Perché milioni di persone si pentiranno di aver fatto il vaccino

Riassunto della storia:

  • I recenti dati dell'Ufficio di Statistica Nazionale del Regno Unito rivelano che le persone che sono state sottoposte a doppio jab contro il COVID-19 stanno morendo per tutte le cause a un tasso sei volte superiore a quello dei non vaccinati.
  • Negli Stati Uniti, nel frattempo, il Centers for Disease Control and Prevention sta sostenendo la narrativa ufficiale con due studi manipolati - uno che suggerisce che il vaccino riduce la mortalità per tutte le cause, e un altro che sostiene che l'iniezione è cinque volte più protettiva dell'immunità naturale.
  • Entrambi gli studi sono di qualità discutibile e hanno diversi problemi, tra cui la selezione di intervalli di tempo e data che permettono loro di fingere che le iniezioni COVID sono più sicure e più efficaci di quanto non siano in realtà.
  • Secondo le statistiche di mortalità per tutte le cause, il numero di americani morti tra gennaio 2021 e agosto 2021 è del 16% più alto del 2018 (l'anno pre-COVID con la più alta mortalità per tutte le cause) e del 18% più alto del tasso medio di morte tra il 2015 e il 2019. COVID-19 ha aumentato il tasso di mortalità nonostante la vaccinazione di massa, o le persone stanno morendo a tassi maggiori a causa dei vaccini COVID?
  • I dati del CDC rivelano che mentre il numero di pazienti ricoverati con immunità naturale è sceso bruscamente durante l'estate, quando la variante delta ha preso il sopravvento, il numero di persone vaccinate ricoverate è aumentato vertiginosamente, da tre al mese in media durante la primavera a più di 100 al mese nella tarda estate. Poiché questi pazienti vaccinati erano a meno di sei mesi dalla loro seconda dose, avrebbero dovuto essere al massimo dell'immunità o vicino ad essa.

Analisi del Dr Joseph Mercola

Il CDC tocca nuovi minimi con due studi manipolati


Mentre i recenti dati dell'Office of National Statistics (ONS) del Regno Unito rivelano che le persone che sono state sottoposte a doppio tampone contro il COVID-19 stanno morendo per tutte le cause a un tasso sei volte superiore a quello dei non vaccinati,[1] i Centers for Disease Control and Prevention degli Stati Uniti stanno sostenendo la narrativa ufficiale con uno "studio "[2] che è giunto alla notevole conclusione che l'iniezione COVID riduce incredibilmente il rischio di morire per tutte le cause, che include gli incidenti (ma esclude le morti legate al COVID-19). Come riportato da CNN Health, 22 ottobre 2021:[3]

"Il team di ricerca stava cercando di dimostrare che i tre vaccini autorizzati Covid-19 sono sicuri e dicono che i loro risultati lo dimostrano chiaramente. I destinatari dei vaccini Pfizer-BioNTech, Moderna o Janssen avevano un rischio di mortalità non-COVID-19 inferiore a quello dei gruppi di confronto non vaccinati", hanno scritto i ricercatori nel rapporto settimanale[4] dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie.

Il team ha studiato 6,4 milioni di persone che erano state vaccinate contro il Covid-19 e le ha confrontate con 4,6 milioni di persone che avevano ricevuto il vaccino negli ultimi anni ma che non erano state vaccinate contro il coronavirus.

Hanno filtrato chiunque fosse morto per il Covid-19 o dopo un recente test positivo per il coronavirus ... Le persone che hanno ricevuto due dosi di vaccini Pfizer avevano il 34% di probabilità di morire per cause non-coronavirus nei mesi successivi come persone non vaccinate, lo studio ha trovato.

Le persone che hanno ricevuto due dosi di vaccino Moderna avevano il 31% di probabilità di morire come i non vaccinati, e quelli che hanno ricevuto il vaccino Janssen della Johnson & Johnson avevano il 54% di probabilità di morire ..."

Due elementi chiave da questi paragrafi sono 1) i ricercatori ammettono che intendevano dimostrare che le iniezioni sono sicure ed efficaci, e le statistiche possono essere manipolate per trovare ciò che si vuole trovare, e 2) le persone che hanno ricevuto il vaccino Janssen hanno in effetti avuto un tasso di morte più elevato rispetto ai non vaccinati (54% di probabilità, rispetto ai non vaccinati).

Le punture stanno riducendo la mortalità per tutte le cause?

I ricercatori ipotizzano che le persone che ricevono il vaccino COVID possono essere complessivamente più sane di quelle che si astengono, e hanno stili di vita più sani. A mio parere, questo è il classico linguaggio ambiguo orwelliano, dato che la maggior parte del lavaggio del cervello non capisce i fondamenti del comportamento sano.

Sospetto che la loro nuova propaganda abbia più a che fare con il fatto che hanno guardato solo i dati fino al 31 maggio 2021. A metà aprile, si stima che il 31% degli adulti americani avesse ricevuto una o più vaccinazioni.[5] Al 15 giugno, il 48,7% era completamente "vaccinato".[6] Quindi, possiamo supporre che alla fine di maggio, circa il 45% degli americani idonei avesse ricevuto il doppio vaccino, punto più punto meno.

Il motivo per cui sospetto una buffonata statistica è che questo è precisamente il modo in cui il CDC ha inventato il mito della "pandemia dei non vaccinati", dove ha affermato che il 99% delle morti per COVID-19 e il 95% dei ricoveri per COVID si verificavano tra i non vaccinati.[7]

Per ottenere queste statistiche, il CDC ha incluso i dati di ospedalizzazione e mortalità da gennaio a giugno 2021, un lasso di tempo durante il quale i vaccinati erano ancora in minoranza.

Qui li vediamo ancora una volta usare un arco di tempo di sette mesi in cui i tassi di vaccinazione erano bassi. Ancora più importante, tuttavia, è che la data di interruzione scelta oscura anche un rapido aumento dei decessi legati ai vaccini riportati al Vaccine Adverse Events Reporting System (VAERS) degli Stati Uniti.

Guardate il grafico qui sotto, ottenuto dalla pagina dei rapporti di mortalità di OpenVAERS.[8] Come potete vedere, le segnalazioni di decessi in seguito al vaccino COVID hanno raggiunto un picco proprio all'inizio di aprile 2021, per poi calare nuovamente durante il mese di aprile. È interessante notare che lo studio nota che il tasso di vaccinazione giornaliera è diminuito del 78% dal 13 aprile 2021.

Tuttavia, mentre il tasso di vaccinazione giornaliera è crollato da aprile, i decessi segnalati sono rimasti alti e relativamente stabili. Potrebbe essere un indizio che le persone stanno morendo per i colpi ricevuti all'inizio dell'anno?
Perché milioni di persone si pentiranno di aver fatto il vaccino

Al 1° gennaio 2021, solo lo 0,5% della popolazione degli Stati Uniti aveva ricevuto un'iniezione di COVID, quindi confrontare i tassi di mortalità dei vaxxed e non vaxxed a dicembre 2020 e gennaio 2021 potrebbe non essere così fruttuoso. Perché non includere invece luglio, agosto e settembre nell'analisi?

Come si può vedere, le morti segnalate sono state significativamente elevate durante questi mesi, rispetto a dicembre e gennaio. E, anche se non è mostrato in quel grafico, tra il 3 settembre 2021 e il 22 ottobre 2021, il totale cumulativo dei decessi riportati è salito da 7.662[9,10] a 17.619.[11] In altre parole, è più che raddoppiato in circa sette settimane - un lasso di tempo che non è stato incluso nell'analisi del CDC.

Inoltre, mentre lo studio era ampio e socio-demograficamente diversificato, gli autori ammettono che "i risultati potrebbero non essere applicabili alla popolazione generale".

Inoltre, ricordiamo che hanno cambiato la definizione di "vaccinato" per includere qualcuno che è due settimane dopo la loro seconda dose (per i regimi a due dosi). Questo offuscherebbe la verità, poiché ci sono decine di milioni di persone che hanno ricevuto un vaccino o più, ma non sono state considerate "vaccinate".

Perché la mortalità per tutte le cause è più alta nel 2021?


Secondo le statistiche sulla mortalità per tutte le cause,[12] il numero di americani morti tra gennaio 2021 e agosto 2021 è del 16% più alto del 2018, l'anno pre-COVID con la più alta mortalità per tutte le cause, e del 18% più alto del tasso medio di morte tra il 2015 e il 2019. Rettificato per la crescita della popolazione di circa 0,6% all'anno, il tasso di mortalità nel 2021 è del 16% sopra la media e del 14% sopra il tasso del 2018.

La domanda ovvia è: perché sono morte più persone nel 2021 (da gennaio ad agosto) nonostante il lancio degli shot COVID nel dicembre 2020? COVID-19 ha aumentato il tasso di mortalità nonostante la vaccinazione di massa, o le persone stanno morendo a tassi maggiori a causa dei vaccini COVID?

In una serie in due parti,[13] Matthew Crawford della Rounding the Earth Newsletter ha esaminato le statistiche di mortalità prima e dopo il lancio delle iniezioni COVID. Nella parte 1,[14] ha rivelato che le iniezioni hanno ucciso circa 1.018 persone per milione di dosi somministrate (nota: si tratta di dosi, non del numero di individui vaccinati) durante i primi 30 giorni della campagna di vaccinazione europea.

Dopo aver aggiustato per le morti classificate come COVID-19, è arrivato a una stima di 200-500 morti per milione di dosi somministrate. Con 4 miliardi di dosi somministrate in tutto il mondo, ciò significa che da 800.000 a 2 milioni di cosiddette "morti COVID-19" potrebbero essere in realtà morti indotte dal vaccino. Come spiegato da Crawford:[15]

"Questo non include nemmeno le morti indotte dal vaccino che non sono state registrate come casi COVID, anche se sospetto che quest'ultimo numero sia più piccolo, poiché l'unico modo valido per nascondere il segnale di mortalità da vaccino è quello di contrabbandare le morti attraverso il già stabilito pedaggio di morte COVID."

A corroborare i calcoli di Crawford ci sono i dati della Norvegia, dove sono stati riportati 23 decessi in seguito al vaccino COVID in un momento in cui solo 40.000 norvegesi avevano ricevuto l'iniezione. Questo ci dà un tasso di mortalità di 575 morti per milione di dosi somministrate. Inoltre, dopo aver condotto le autopsie su 13 di queste morti, tutte e 13 sono state determinate essere collegate al vaccino COVID.[16]

Il vaccino COVID è responsabile dell'eccesso di morti?


Crawford continua a guardare i dati dei paesi che hanno una sostanziale diffusione del vaccino e contemporaneamente hanno tassi molto bassi di COVID-19. In questo modo, si può avere un'idea migliore sul fatto che i vaccini COVID potrebbero essere responsabili dell'eccesso di morti, al contrario dell'infezione stessa.

Ha identificato 23 paesi che corrispondono a questi criteri, che rappresentano 1,88 miliardi di individui, circa un quarto della popolazione mondiale. Prima del lancio dei vaccini COVID, queste nazioni hanno riportato un totale di 103,2 morti legate a COVID per milione di residenti. Cinque nazioni avevano più di 200 morti COVID per milione, mentre sette avevano meno di 10 morti per milione.

Al 1° agosto 2021, il 25,35% degli abitanti di queste 23 nazioni aveva ricevuto un vaccino COVID e il 10,36% era considerato completamente vaccinato. In tutto, erano state somministrate 673 milioni di dosi. Sulla base di questi dati, Crawford stima che il tasso di morte in eccesso per milione di dosi di vaccino è di 411, ben all'interno della finestra della gamma da 200 a 500 che ha calcolato nella Parte 1.

Un'altra interessante immersione di dati è stata fatta da Steve Kirsch, direttore esecutivo del COVID-19 Early Treatment Fund. Nel video "Vaccine Secrets: COVID Crisis, "[17] egli sostiene che i VAERS possono essere usati per determinare la causalità, e mostra come i dati VAERS indicano che più di 300.000 americani sono stati probabilmente uccisi dalle iniezioni di COVID.[18] Da 2 a 5 milioni di persone sono state ferite in qualche modo.

Cosa ci dicono i dati VAERS? -> Video www.bitchute.com...

In un'intervista del 18 settembre 2021 con il podcast The Covexit, Jessica Rose, Ph.D., che ha conseguito lauree in matematica applicata, immunologia, biologia computazionale, biologia molecolare e biochimica, ha anche discusso ciò che i dati VAERS ci dicono sulla sicurezza degli scatti COVID.

Rose ha affrontato questioni come l'entità degli effetti collaterali rispetto ad altri programmi di vaccinazione, il problema della segnalazione insufficiente, e come la causalità può essere valutata utilizzando i criteri di Bradford Hill. Potete trovare un PDF della proiezione di diapositive che Rose presenta qui.[19] Ecco un riassunto di alcuni dei punti chiave fatti in questa intervista:

  • Tra il 2011 e il 2020, il numero di rapporti VAERS varia tra 25.408 e 49.412 per tutti i vaccini. Nel 2021, con il lancio dei vaccini COVID, il numero di rapporti VAERS è salito a 521.667, al 3 settembre 2021, solo per i vaccini COVID. (Andando avanti fino al 22 ottobre 2021, il conteggio dei rapporti per gli eventi avversi legati a COVID è salito a 837.593.[20])
  • Tra il 2011 e il 2020, il numero totale di decessi segnalati a VAERS ha oscillato tra 120 e 183. Nel 2021, al 3 settembre, il numero di decessi segnalati era salito a 7.662. Al 22 ottobre 2021, il numero di morti era di 17.619.[21]
  • Gli eventi avversi cardiovascolari, neurologici e immunologici sono tutti segnalati a tassi mai visti prima.
  • Il fattore di sottosegnalazione (URF) stimato è 31. Usando questo URF, si calcola che il tasso di mortalità per le iniezioni di COVID sia di 205.809 al 27 agosto 2021; paralisi di Bell 81.747; infezione da herpes zoster 149.017; parestesia 305.660; COVID da rottura 365.955; mialgia 528.457; eventi pericolosi per la vita 230.113; disabilità permanente 212.691; difetti alla nascita 7.998.
  • I criteri di Bradford Hill per la causalità sono tutti soddisfatti. Questo include ma non si limita alla forza della dimensione dell'effetto, riproducibilità, specificità, temporalità, relazione dose-risposta, plausibilità, coerenza e reversibilità.

Il CDC afferma che COVID Jab batte l'immunità naturale

Se pensate che l'affermazione del CDC che il vaccino COVID abbassa la mortalità per tutte le cause sia un punto basso nella sua irrazionale spinta al vaccino, preparatevi a lasciare che le vostre aspettative affondino ancora più in basso, con un'implementazione ancora più egregia del linguaggio doppio orwelliano. Il 29 ottobre 2021, il CDC ha pubblicato un altro studio, questo che sostiene che il vaccino COVID offre effettivamente una protezione cinque volte migliore contro il COVID-19 rispetto all'immunità naturale. Come riportato da Alex Berenson in un articolo di Substack del 30 ottobre 2021:[22]

"Ieri i Centers for Disease Control, l'agenzia americana per la salute pubblica per nulla politicizzata, hanno pubblicato un nuovo studio che dimostra che la vaccinazione protegge dall'infezione COVID meglio dell'immunità naturale. Naturalmente, è seguita un'ondata di storie sui benefici della vaccinazione mRNA.

Per fare questo, il CDC ha usato qualche magica analisi statistica per trasformare i dati grezzi che in realtà hanno mostrato quasi quattro volte più persone completamente vaccinate che vengono ricoverate in ospedale con il Covid rispetto a quelle con l'immunità naturale - e QUINDICI volte di più durante l'estate. Non sto scherzando.

Inoltre, lo studio è in contrasto con un documento molto più grande dei ricercatori israeliani in agosto. Come piace dire a mio figlio di 2 anni, come fanno? Beh, lo studio israeliano ha attinto a un set di dati significativi in un modo significativo per raggiungere conclusioni significative.

Ha contato le infezioni (e i ricoveri) in un grande gruppo di persone precedentemente infettate contro un gruppo altrettanto grande ed equilibrato di persone vaccinate, poi ha fatto aggiustamenti moderati per fattori di rischio chiaramente definiti.

Ha trovato che le persone vaccinate avevano 13 volte più probabilità di essere infettate - e 7 volte più probabilità di essere ricoverate - delle persone non vaccinate con immunità naturale. Al contrario - come posso dirlo educatamente? - lo studio del CDC è una sciocchezza senza senso che non sarebbe mai stata pubblicata se l'agenzia non avesse affrontato un'enorme pressione politica per far vaccinare la gente".

La manipolazione dei dati è apparentemente una specialità del CDC

Berenson continua a sezionare lo studio in questione, a partire dal suo design, che definisce "bizzarro". Gli analisti del CDC hanno esaminato i dati di 200.000 americani ricoverati con malattie "simili al COVID" tra gennaio e agosto 2021 in nove stati. Due gruppi sono stati poi confrontati:

  1. Quelli che avevano confermato la COVID almeno 90 giorni prima e hanno ricevuto un altro test COVID al momento del loro ricovero
  2. Quelli che erano stati completamente vaccinati per almeno 90 giorni, ma non più di 180 giorni, prima del loro ricovero e hanno ricevuto un altro test COVID al momento del loro ricovero

Berenson fa notare quello che ho sottolineato prima, cioè che la scelta di certi intervalli di tempo o di date vi permetterà di far apparire gli scatti molto meglio di quanto siano in realtà. Qui, scegliendo un intervallo di inclusione da 90 a 180 giorni, stanno guardando uno scenario migliore, come ora sappiamo che i colpi smettono di funzionare dopo una manciata di mesi. Quindi, stanno guardando solo quella breve finestra durante la quale i colpi COVID sono al massimo dell'efficacia.

Il criterio dei 90 giorni finisce anche per escludere la stragrande maggioranza dei pazienti ricoverati con malattie simili al COVID, sia vaccinati che non vaccinati. Mentre Berenson non si occupa dei vaccinati, pochi, se non nessuno, potrebbero essere stati completamente vaccinati per almeno 90 giorni prima di marzo, quindi perché includere gennaio e febbraio? Quasi tutti erano per definizione non vaccinati in quel periodo.

Per quanto riguarda quelli con immunità naturale, solo 1.020 dei 200.000 pazienti ricoverati tra gennaio e agosto avevano un'infezione da COVID precedentemente documentata. Come notato da Berenson:[23]

"Dato che almeno il 20% degli americani, e probabilmente più del 40%, aveva avuto il COVID entro la primavera del 2021, questa è una percentuale sorprendentemente piccola - e certamente non suggerisce che il COVID sia da tempo una minaccia".

Dei 1.020 con immunità naturale, solo 89 sono risultati positivi al COVID, mentre 324 dei 6.328 pazienti vaccinati che hanno soddisfatto i criteri dello studio sono risultati positivi. Da notare qui due cose:
  1. C'erano più pazienti vaccinati ricoverati per malattie simili al COVID rispetto a quelli con immunità naturale; questo nonostante i mesi in cui i tassi di vaccinazione erano in frazioni e a una sola cifra, e
  2. Un numero maggiore di pazienti vaccinati è risultato positivo all'infezione di rottura rispetto ai pazienti con immunità naturale

Il tasso di ospedalizzazione tra i vaccinati è in aumento


Berenson continua:[24]

"E il CDC non aveva, o non ha pubblicato, cifre su quante persone erano effettivamente nei due gruppi ... Invece ha confrontato la PERCENTUALE DI TEST POSITIVI nei due gruppi. Ma perché la percentuale di test positivi sarebbe importante, quando non sappiamo quante persone erano effettivamente a rischio? ...

[La manipolazione statistica è diventata ancora peggiore. Il gruppo dell'immunità naturale aveva una percentuale di test positivi dell'8,7%. Il gruppo completamente vaccinato aveva un tasso di test positivo del 5,1%. Quindi il gruppo dell'immunità naturale aveva circa 1,7 volte più probabilità di risultare positivo. (1,7x 5,1 = circa 8,7.)

Con un numero così piccolo di persone nel gruppo dell'immunità naturale, questo "rapporto di tasso" grezzo potrebbe non aver raggiunto la significatività statistica. (Non lo sappiamo, perché il CDC non ha fornito un odds ratio non aggiustato con limiti del 95% - qualcosa che non ho mai visto prima in nessun documento).

Invece, il CDC ha fornito solo un rapporto di rischio che aveva aggiustato con una varietà di fattori, tra cui "caratteristiche della struttura [e] caratteristiche sociodemografiche".

E infine, i ricercatori del CDC hanno ottenuto un numero che potevano pubblicare - le persone ospedalizzate che erano state precedentemente infettate avevano cinque volte più probabilità di avere un test COVID positivo rispetto alle persone che erano completamente vaccinate. Non importa che ci fossero in realtà quattro volte più persone nel secondo gruppo. Scienza!

A proposito, sepolti in fondo al rapporto ci sono alcuni dati reali. Ed è brutto. Il CDC ha diviso i ricoveri in pre e post-Delta - da gennaio a giugno e da giugno ad agosto.

È interessante notare che il numero di persone ricoverate con immunità naturale in realtà è sceso bruscamente durante l'estate, come Delta è decollato. Circa 14 persone al mese sono state ricoverate in inverno e primavera, rispetto a sei al mese da giugno ad agosto. (Ricordate, questo è un grande campione, con ospedali in nove stati).

Ma il numero di persone VACCINATE che sono state ospedalizzate è salito - da circa tre al mese durante la primavera a più di 100 al mese durante il periodo Delta. Queste persone vaccinate erano ancora a meno di 180 giorni dalla loro seconda dose, quindi avrebbero dovuto essere al massimo dell'immunità o vicino - suggerendo che Delta, e non l'effetto del tempo, ha giocato un ruolo importante nella perdita di protezione offerta dal vaccino".

Forse il rappresentante Thomas Massie ha detto meglio quando ha twittato:[25]

"Cosa hanno in comune la 'morte sulla strada' e un documento COVID sponsorizzato dal CDC? Al terzo giorno, sono così smontati da essere irriconoscibili. Questo direttore del CDC è senza vergogna per aver fabbricato scienza spazzatura con risultati che sono in netto contrasto con ogni studio accademico credibile".

Massie continua a sottolineare alcuni difetti evidenti e le questioni sollevate dallo studio, tra cui i seguenti:


  • Gli autori non sono riusciti a verificare la guarigione tra coloro che avevano una precedente infezione, quindi un qualsiasi numero di queste "reinfezioni" potrebbe in realtà essere stato a lungo COVID.
  • Il fatto che più di 6.000 ricoverati per i sintomi della COVID erano vaccinati, rispetto a soli 1.000 con infezione precedente, contrasta l'affermazione che il 99% dei ricoveri per COVID non sono vaccinati.
  • Il numero di persone vaccinate ricoverate per sintomi COVID è correlato negativamente con il tempo trascorso dalla vaccinazione; 3.625 sono state ricoverate entro 90-119 giorni dalla vaccinazione, 2.101 entro 120-149 giorni, e 902 entro 150-179 giorni dalla vaccinazione. "I ricoveri iniziali potrebbero essere dovuti agli effetti avversi del vaccino o a un sistema immunitario temporaneamente indebolito dal vaccino? si chiede Massey.[26]
  • Lo studio ha considerato solo quelli con immunità naturale che sono finiti in ospedale, e non quelli che non si sono ammalati. "L'immunità naturale aiuta a prevenire l'ospedalizzazione!" dice Massey.[27]

Massie nota anche che questo studio, che è lungo solo sei pagine, ha ben 50 autori, e almeno una mezza dozzina di loro rivelano i conflitti di interesse di Big Pharma. Inoltre, visto che il Congresso ha dato al CDC un bel miliardo di dollari per promuovere il vaccino COVID, non è anche lavorare per il CDC un conflitto di interessi?


Anche Martin Kulldorff, professore di medicina alla Harvard Medical School e biostatistico ed epidemiologo nella Divisione di Farmacoepidemiologia e Farmacoeconomia al Brigham and Women's Hospital, ha criticato lo studio in un tweet, dicendo:[28]


"Questo studio CDC ha un grande difetto statistico, e la conclusione 5x è sbagliata, presuppone implicitamente che i pazienti respiratori ospedalizzati siano rappresentativi della popolazione, cosa che non sono. Cerco di connettermi con gli autori".


L'immunità naturale è la risposta migliore 

Per quanto il CDC possa provare a distorcere i dati, non c'è dubbio che l'immunità naturale sia superiore e più duratura di quella indotta dal vaccino. Questo è anche un fatto medico di lunga data che è stato messo da parte come troppo scomodo per avere importanza nel COVID-19.

Per qualche ragione non rivelata, il governo vuole che tutti si sottopongano all'iniezione di COVID, che sia giustificata dal punto di vista medico o meno. La pura follia di ciò è motivo sufficiente per essere diffidenti e trattenersi dal farsi il rischioso vaccino.

Posso dirvi una cosa, questa politica non ha nulla a che fare con la salvaguardia della salute pubblica, perché sta portando la salute pubblica nella direzione sbagliata.

È abbastanza chiaro che la via d'uscita da questa pandemia è attraverso l'immunità di gregge naturale, e a questo punto, sappiamo che non c'è motivo di temere il COVID-19. Nel complesso, la sua letalità è alla pari con l'influenza comune.[29,30,31,32,33] A condizione che non siate in una casa di cura o abbiate comorbidità multiple, le vostre possibilità di sopravvivere a un attacco di COVID-19 sono del 99,74%, in media.[34]

Inoltre, sappiamo anche che esistono diversi protocolli di trattamento precoce molto efficaci, come il protocollo I-MASK+[35] della Frontline COVID-19 Critical Care Alliance, il protocollo Zelenko,[36] e il perossido nebulizzato, descritto in dettaglio nel case paper del dottor David Brownstein[37] e nell'e-book gratuito del dottor Thomas Levy, "Rapid Virus Recovery". Qualunque protocollo di trattamento usiate, assicuratevi di iniziare il trattamento il prima possibile, idealmente alla prima comparsa dei sintomi.

Il tasso di mortalità riportato da iniezioni di COVID-19 in VAERS, d'altra parte, supera il tasso di mortalità riportato da più di 70 vaccini combinati negli ultimi 30 anni, e se siete feriti da un'iniezione di COVID e vivete negli Stati Uniti, il vostro unico ricorso è quello di richiedere un risarcimento dal Countermeasures Injury Compensation Act (CICP).[38]

Il risarcimento del CICP è molto limitato e difficile da ottenere. Ti qualifichi solo se la tua ferita richiede il ricovero in ospedale e provoca una disabilità significativa e/o la morte, e anche se soddisfi i criteri di ammissibilità, ti richiede di utilizzare la tua assicurazione sanitaria privata prima che entri in gioco per pagare la differenza.

Non c'è alcun rimborso per il dolore e la sofferenza, solo i salari persi e le fatture mediche non pagate. La compensazione salariale è di durata limitata e limitata a 50.000 dollari all'anno, e la decisione del CICP non può essere impugnata.

Per un assaggio di come sia la vita di chi è stato ferito da questi colpi, rivedete alcuni dei casi riportati su nomoresilence.world. Puoi anche imparare di più sui potenziali meccanismi di danno nell'articolo di Stephanie Seneff,[39] "Worse Than The Disease: Reviewing Some Possible Unintended Consequences of mRNA Vaccines Against COVID-19", pubblicato sull'International Journal of Vaccine Theory, Practice and Research in collaborazione con il dottor Greg Nigh.


[fonti] e articolo originale su Mercola.com.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia