COP26: è isteria globale, così l'umanità diventa sinonimo di ignoranza

 

COP26: è isteria globale, così l'umanità diventa sinonimo di ignoranza

Di BRENDAN O'NEILL

Sindrome di alienazione del clima

È l'isteria sul cambiamento climatico che rappresenta la più grande minaccia per l'umanità.


Il cambiamento climatico sarà peggiore dell'Olocausto. Darà origine ad un'epidemia globale di stupri di gruppo. Ci saranno omicidi, guerre, massacri. I vostri amici moriranno. Anche i vostri figli. Il riscaldamento del pianeta alimentato dal carbonio porterà la "vita umana come la conosciamo" a una fine violenta e infuocata. Sarà niente meno che il giorno del giudizio.


Queste sono solo alcune delle affermazioni isteriche che sono state fatte nella discussione intorno al COP26. Mentre i leader mondiali si recavano a Glasgow per l'ultima conferenza delle Nazioni Unite su come salvare il pianeta dalla sporcizia, dall'arroganza e dall'avarizia dell'umanità, c'è stata una grave epidemia di Sindrome da Derangement Climatico. Primi ministri, vescovi, principi e verdi rumorosi hanno tutti cercato di superarsi a vicenda con i loro avvertimenti apocalittici. È stata una cupa competizione di catastrofi, un'orgia di profezie iperboliche che non sembrerebbero fuori posto nel Libro dell'Apocalisse.


Tutto è iniziato mesi prima dell'apertura della COP26. Quando l'IPCC ha pubblicato il suo ultimo rapporto in agosto, gli scrivani deliranti di tutto il mondo occidentale hanno preso i loro thesauri per far capire ai lettori quanto il futuro prometta di essere da incubo. È un "codice rosso" per l'umanità, insistevano tutti, uniformemente. Se non riusciamo a gestire presto le emissioni di carbonio, "il nostro clima futuro potrebbe diventare una specie di inferno sulla Terra", ha detto Tim Palmer dell'Università di Oxford. Il pianeta è in fiamme ed è colpa nostra - siamo "colpevoli come l'inferno", ha dichiarato il Guardian, uscendo come un pazzo predicatore millenario. Ogni evento meteorologico sgradevole è stato posto ai piedi dell'umanità cattiva. Con incendi devastanti, inondazioni e pandemie, sembra la fine dei tempi - ed è la nostra dannata colpa", ha detto uno scrittore.


Questa febbrile affermazione del rapporto dell'IPCC come una sorta di accusa divina contro l'umanità ha posto le basi per lo squilibrio che abbiamo visto intorno al COP26. L'arcivescovo di Canterbury, la presunta ancora morale della nazione, ha dato il tono con la sua perversa insistenza che le conseguenze del cambiamento climatico oscureranno anche il più grande crimine della storia - l'Olocausto. Sarà un genocidio "su una scala infinitamente più grande", ha detto. Da allora si è scusato per questa vergognosa messa in scena degli orrori dell'Olocausto per la causa borghese di diventare verde.


Boris Johnson, che solo pochi anni fa scriveva colonne sui giornali per denunciare l'eco-isteria, dice che il cambiamento climatico è un orologio dell'apocalisse che fa il conto alla rovescia verso una "detonazione che porrà fine alla vita umana come la conosciamo". Se non tagliamo le emissioni di carbonio, sarà presto "troppo tardi per i nostri figli", ha detto, la chiara implicazione è che il cambiamento climatico regalerà alla prossima generazione una terra desolata in stile Mad Max in cui la vita sarà a malapena degna di essere vissuta. Manca un minuto a mezzanotte", ha detto Boris. In realtà, ha cinguettato l'arcivescovo di Canterbury, "il tempo è scaduto". Decidetevi: è l'apocalisse ora o l'apocalisse molto presto?


Il tempo è "letteralmente scaduto", ha detto il principe Carlo. Dice che abbiamo bisogno di prendere un "piede di guerra" sul cambiamento climatico. Il cambiamento climatico è "un'altra forma di guerra" e presto potremmo dover razionare cose come i viaggi aerei, ha detto la famosa globe-trotter Joanna Lumley. Se il COP26 fallisce, sarà una "condanna a morte" per l'umanità, ha detto il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres. Ci stiamo scavando la fossa da soli", ha avvertito.


Naturalmente è toccato al culto della morte della classe media Extinction Rebellion di spiegare ciò che le élite globaliste hanno in gran parte solo accennato. Cameron Ford, il portavoce virale di XR-offshoot Insulate Britain, ha detto in un'intervista con Owen Jones che il cambiamento climatico significherà esaurimento del cibo e "collasso della società". E poi? Vedrete un massacro. Vedrete stupri. Vedrete omicidi". E c'è di peggio, che ci crediate o no. I nostri amici e i nostri fratelli e i nostri figli - perderemo tutto ciò che amiamo". Versione più breve: tutti moriranno. Owen Jones non ha fatto nessun tipo di replica contro queste affermazioni lunatiche e assolutamente non scientifiche.


Poi è stato rivelato che il Nostradamus di XR - il suo famoso co-fondatore matto Roger Hallam - ha predetto febbrilmente la discesa dell'umanità in un barbaro inferno. Un documento portato alla luce che ha scritto l'anno scorso mentre era in prigione con l'accusa di cospirazione per commettere danni criminali, allegramente intitolato "Consigli ai giovani, mentre affrontate l'annientamento", ha dipinto un quadro del futuro che darebbe a Giovanni il Vecchio una corsa per i suoi soldi.


Vedremo "il collasso della nostra società", dice Hallam. E come tutti i migliori profeti pazzi, sa esattamente cosa accadrà dopo. 'Una banda di ragazzi irromperà in casa tua chiedendo cibo. Vedranno tua madre, tua sorella, la tua ragazza, e la violenteranno in gruppo sul tavolo della cucina. Ti costringeranno a guardare, ridendo di te. Alla fine vi accuseranno di aver goduto. Prenderanno una sigaretta e vi bruceranno gli occhi con essa. Non sarete più in grado di vedere nulla. Questa è la realtà del cambiamento climatico".


Siete stati avvertiti. È meglio che iniziate a riciclare.


Si potrebbe essere tentati di liquidare le demenziali profezie di Hallam come un altro sfogo di un uomo così strano che persino gli eco-looni di XR hanno preso le distanze da lui. Ma in verità egli sta solo aggiungendo carne alle ossa della Sindrome di Derangement Climatico delle élite. Quando persone come Hallam e Ford predicono massacri e stupri e la bruciatura degli occhi in un mondo futuro devastato dalle emissioni di carbonio, stanno semplicemente dando un colore pornografico al consenso dell'élite che il cambiamento climatico sarà un evento di livello olocausto in cui moriranno milioni di persone. Non c'è la differenza di una carta di sigarette tra la profezia dell'Arcivescovo di Canterbury di una calamità climatica peggiore dell'Olocausto e le intonazioni millenaristiche di Cameron Ford sul massacro, lo stupro e l'omicidio. Mostratemi una distinzione significativa tra la previsione del professor Tim Palmer di "inferno sulla Terra" e le visioni carcerarie di Roger Hallam dell'inferno sulla Terra.


Dobbiamo parlare di questo. Abbiamo bisogno di parlare della Sindrome di Derangement del Clima e di quanto francamente sia diventata folle. Più precisamente, dobbiamo parlare di quanto sia pericoloso questo modo di pensare per la ragione, la libertà e la prosperità futura dell'umanità. Infatti, non è il cambiamento climatico che minaccia di annullare le grandi conquiste della civiltà umana - è l'isteria sul cambiamento climatico.


La prima cosa da notare riguardo alla Sindrome di Derangement del Clima, sia che provenga dai snob che bloccano la strada di Insulate Britain, Clarence House o la Chiesa d'Inghilterra, è che non ha nulla a che fare con la scienza. Questa eco-isteria infrange da sola il mito che l'ambientalismo contemporaneo sia un movimento guidato dalla scienza, semplicemente preoccupato di agire in base agli avvertimenti contenuti nei grafici e nei modelli elaborati dai climatologi. Mostrami il pezzo di ricerca scientifica che dice che una banda di ragazzi violenterà tua madre se non raggiungiamo il Net Zero entro il 2030. Dov'è lo studio peer-reviewed che indica il momento in cui si verificheranno massacri, stupri e genocidi se i nostri governi non tagliano i combustibili fossili?


Naturalmente non esistono studi del genere. Queste visioni malariche di orrori futuri provengono dal regno della fantasia, non dalla scienza. Sono i pregiudizi misantropici delle classi medie depresse, non proiezioni scientifiche. Emergono dal pozzo del terrore esistenziale in cui sguazzano le élite contemporanee, non da una fredda e calma modellazione. E la verità è che questo è stato a lungo il caso dell'allarmismo sul cambiamento climatico. La 'scienza' è la veste gettata su ciò che in realtà è il presagio della fine dei tempi delle élite moralmente a rischio di questo nuovo millennio. Il "cambiamento climatico" è l'idea onnicomprensiva di sventura attraverso la quale la borghesia occidentale esprime il suo senso di esaurimento morale, politico ed economico. Tutti i recenti discorsi sull'apocalisse e il genocidio catturano la misura in cui la questione del cambiamento climatico è stata catastrofizzata in misura straordinaria, come è stata trasformata da un problema perfettamente gestibile in un'apocalisse che la modernità ha provocato su se stessa; da una teoria scientifica sull'impatto dell'umanità sul pianeta in una prova certa e indiscutibile della follia dell'era industriale; da una sfida tra le tante che l'umanità deve affrontare nel XXI secolo in un atto di accusa contro l'intera specie umana. In breve, da un enigma tecnico in una rivelazione divina della malvagità dell'umanità avida e industriosa.


La Sindrome da Derangement Climatico è alla radice una rivolta contro la modernità. È un grido d'angoscia reazionario, romantico e nostalgico contro l'incredibile mondo di produzione e consumo che l'umanità ha creato negli ultimi 200 anni. Questo è il motivo per cui alcuni al COP26 hanno denunciato apertamente la rivoluzione industriale. Prima è venuta Greta Thunberg, la profetessa di sventura dell'ambientalismo contemporaneo. Ha denunciato con rabbia il governo britannico come "cattivi del clima". Il Regno Unito, ha detto, è in gran parte responsabile degli orrori del cambiamento climatico - questo "più o meno... è iniziato nel Regno Unito da quando è iniziata la rivoluzione industriale, [dove] abbiamo iniziato a bruciare il carbone".


Vergognosamente, Boris Johnson ha fatto eco alle brickbat regressive di Greta contro la rivoluzione industriale. Nel suo discorso sul COP ha sottolineato che Glasgow è il luogo dove è nata la macchina a vapore, "prodotta bruciando il carbone". Questa, ha detto, era "la macchina del giorno del giudizio" che ci ha portato alla terribile situazione in cui ci troviamo ora.


Dimenticatevi i bumboys con la canottiera o di paragonare i niqab alle cassette delle lettere - questo sogghigno sub-Greta alla rivoluzione industriale è senza dubbio la cosa più offensiva e ridicola che Boris abbia mai detto. Sentire il leader eletto del Regno Unito descrivere gli straordinari contributi del Regno Unito all'industrializzazione come le prime avvisaglie del "giorno del giudizio" è veramente deprimente. Gli inglesi non dovrebbero vergognarsi della rivoluzione industriale, come Boris e Greta e le eco-camicie suggeriscono di fare. Dovremmo provare un immenso orgoglio per questa revisione radicale dei processi di produzione e trasporto. La rivoluzione industriale è stata probabilmente l'evento più importante della storia umana. Il suo impatto positivo sull'aspettativa di vita, la conoscenza, la libertà e l'uguaglianza, non solo nel Regno Unito ma anche in tutto il mondo, è quasi incalcolabile.


È stata la Rivoluzione Industriale che ha trascinato la popolazione dalla brutale e logorante servitù della terra alle folli e brulicanti città di Londra, Manchester, Sheffield, Glasgow. Ha rivoluzionato il modo di lavorare, di vivere, di concepire noi stessi. È stata la culla della solidarietà e della lotta e delle richieste di diritto di voto, di diritto al lavoro, di diritto all'istruzione. Non è una coincidenza che l'aspettativa di vita sia stata deprimente per tutta la storia dell'umanità fino alla Rivoluzione Industriale, quando ha iniziato il suo sorprendente e costante aumento. Senza questa rivoluzione, la maggior parte di noi sarebbe ancora legata alla terra, senza mai avventurarsi oltre il recinto della fattoria, incapace di leggere, morta entro i 35 anni. È questo l'idillio su cui fantasticano gli ecoregressisti? Queste persone sono tanto analfabete storicamente quanto pseudo-scientifiche.


La presa in giro della COP26 della Rivoluzione Industriale - più che questo, la rappresentazione di quella rivoluzione come la pistola di partenza del prossimo genocidio climatico - brilla una luce dura su ciò che sta muovendo l'isteria verde di oggi. Non il vapore o il carbone, questo è sicuro. No, è la perdita di fede delle élite nella modernità e nel progetto umano più in generale. Questo è il motivo per cui l'isteria da cambiamento climatico è un problema molto più grande per l'umanità rispetto al cambiamento climatico stesso. Come ha spiegato recentemente Bjorn Lomborg su Spiked, il cambiamento climatico è un "problema di mezzo". È il disorientamento sul cambiamento climatico, il dipingerlo come un evento della fine dei tempi che probabilmente ci meritiamo, che veramente sconvolge e mina la nostra civiltà. Con il suo disprezzo misantropico per il comportamento e le aspirazioni umane, con il suo trattamento revisionista della nascita della modernità come essenzialmente un crimine contro la Madre Terra, con le sue incessanti richieste di limitare la crescita economica, e con il suo marchio censorio di chiunque metta in discussione qualsiasi parte della regressiva agenda verde come "negatore del cambiamento climatico", l'allarmismo del cambiamento climatico è una minaccia esplicita alla crescita, alla democrazia, alla libertà di parola e al diritto di sognare un futuro ancora più prospero per tutti.


Il principe Carlo ha ragione a dire che dobbiamo metterci sul 'piede di guerra'. Non contro il cambiamento climatico, però. Piuttosto, contro questa incessante diminuzione delle conquiste dell'umanità e l'affermazione malevola e falsa che l'uomo moderno è una piaga del pianeta. Questo apocalitticismo fatto dall'uomo minaccia di sconvolgere la notevole civiltà che abbiamo creato molto più di quanto faccia un po' di carbonio.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia