9 cose che abbiamo imparato sugli alieni nel 2021

 

9 cose che abbiamo imparato sugli alieni nel 2021

Un "UFO a ciambella" nei cieli della Svizzera. Strane luci verdi che svaniscono tra le nuvole sopra il Canada. Un blob a forma di disco che precipita improvvisamente nell'oceano.


L'anno 2021 ha dato a chi cerca la verità e ai cacciatori di alieni non mancano i misteri su cui riflettere. Ma ha anche dato loro delle risposte - da un atteso rapporto del Pentagono sugli avvistamenti di UFO militari, a nuove intuizioni su esopianeti abitabili, alla verità su un cosiddetto "segnale alieno" dalla stella vicina al sole. Ecco 9 cose che abbiamo imparato sugli alieni (e dove cercarli) nel 2021. 


1. Gli UFO sono reali (e il governo lo sa)

A giugno, il Pentagono ha rilasciato un rapporto molto atteso che dettaglia 144 incontri UFO tra il 2004 e il 2021. Il rapporto aveva lo scopo di valutare "la minaccia posta dai fenomeni aerei non identificati (UAP)", e ha confermato ufficialmente diversi avvistamenti UFO che, fino ad allora, erano stati condivisi solo attraverso i media virali. Da un lato, la breve valutazione di 9 pagine ha confermato che "la maggior parte degli UAP segnalati probabilmente rappresentano oggetti fisici", che vanno da uccelli e palloni ad attrezzature di sorveglianza straniere e progetti top-secret del governo degli Stati Uniti. Tuttavia, chi sperava in un riconoscimento dell'intelligenza extraterrestre potrebbe essere stato deluso quando il rapporto non è riuscito a collegare nessuno dei 144 incontri all'attività aliena. 


2. I buchi neri potrebbero essere centrali elettriche aliene 

Mentre i cacciatori di alieni passano molto tempo alla ricerca di pianeti abitabili oltre il nostro sistema solare, uno studio pubblicato a luglio sulla rivista Monthly Notices of the Royal Astronomical Society avverte che gli scienziati non dovrebbero trascurare gli oggetti più estremi della natura: I buchi neri. Poiché i buchi neri possono irradiare fino a 100.000 volte più energia di una stella come il nostro sole, possono essere obiettivi allettanti per le civiltà aliene che cercano di alimentare le loro imprese interstellari, hanno scritto gli autori dello studio. Per fare questo, gli alieni potrebbero usare strutture high-tech chiamate sfere di Dyson (sfere giganti che aspirano energia, proposte per la prima volta negli anni '60) per rubare energia dal disco di materia bianca e calda che vortica intorno all'orizzonte di un buco nero, quindi irradiare questa energia verso l'esterno nello spazio. Quell'energia re-irradiata creerebbe una distinta firma di lunghezza d'onda che gli astronomi potrebbero rilevare dalla Terra, hanno suggerito gli autori dello studio. I ricercatori stanno attualmente sviluppando algoritmi per cercare tra i dati dei telescopi esistenti alla ricerca di queste firme rivelatrici.


3. I pianeti alieni potrebbero non assomigliare per niente alla Terra

In genere, la ricerca di vita aliena inizia con la ricerca di pianeti simili alla Terra - ma ci può essere un'altra classe di mondo alieno che è altrettanto favorevole alla vita, uno studio pubblicato sull'Astrophysical Journal in agosto sostiene. Pianeti "Hycean", che sono fino a 2,5 volte più grande della Terra e sport enormi oceani di acqua liquida sotto atmosfere ricche di idrogeno, potrebbe essere il luogo ideale per la vita microbica simile al "estremofili" che prosperano in alcuni degli ambienti più difficili della Terra (come le bocche idrotermali), gli autori dello studio hanno detto. Non solo questi pianeti sono abbondanti nella galassia della Via Lattea, ma sono anche incredibilmente diversi, alcuni orbitano molto vicino alla loro stella ospite, altri orbitano lontano. Entrambi potrebbero potenzialmente ospitare vita minuscola sotto le loro onde, gli autori hanno scritto, il che significa che ci potrebbe essere un intero nuovo percorso di esplorazione per i cacciatori di pianeti alieni.


4. Una luna di Saturno ha ancora il potenziale di ospitare la vita

Il metano che esce da Encelado, la sesta luna più grande di Saturno, può essere un segno che la vita brulica nel mare sotterraneo della luna, secondo uno studio di giugno. Nel 2005, l'orbiter Cassini Saturn della NASA ha scoperto geyser che sparavano particelle di ghiaccio d'acqua nello spazio da fratture "a strisce di tigre" vicino al polo sud di Encelado. Questo materiale si pensa provenga da un enorme oceano di acqua liquida che si trova sotto il guscio ghiacciato della luna - ma non era solo acqua quella trovata dall'orbiter; numerosi altri composti, tra cui diidrogeno (H2) e una varietà di composti organici contenenti carbonio, tra cui il metano (CH4), sono anche apparsi nei geyser. 


Nel nuovo studio, i ricercatori hanno eseguito una serie di modelli per determinare se quei composti potrebbero essere la prova di microbi che "mangiano" diidrogeno e producono metano come rifiuti. Il team ha scoperto che i microbi che producono metano potrebbero effettivamente contribuire ai geyser gassosi del pianeta - il che significa che la vita non può essere esclusa sulla luna ghiacciata.


5. Gli scienziati potrebbero ignorare la "spazzatura aliena" nel nostro sistema solare

Secondo il recente libro dell'astrofisico di Harvard Avi Loeb "Extraterrestre: The First Sign of Intelligent Life Beyond Earth" (pubblicato a gennaio da Mariner Books), lo strano oggetto a forma di sigaro 'Oumuamua - che ha attraversato il nostro sistema solare nel 2017 - è quasi certamente un pezzo di tecnologia aliena. Nel suo libro, Loeb sostiene che la forma insolita e allungata dell'oggetto (a differenza di qualsiasi cometa conosciuta), l'estrema luminosità e l'apparente accelerazione lontano dal sole suggeriscono che 'Oumuamua non è di origine naturale, ma un pezzo di tecnologia aliena - forse gettato nel nostro sistema solare accidentalmente. 


"Una boa. Una griglia di baccelli per la comunicazione... Tecnologia defunta di altri organismi viventi intelligenti o spazzatura tecnologica scartata", ha scritto Loeb. "Queste sono tutte spiegazioni plausibili per il mistero di 'Oumuamua - plausibili perché qui sulla Terra, l'umanità sta già facendo queste cose, anche se su una scala molto più limitata." (La maggioranza degli astronomi che hanno studiato l'oggetto favoriscono spiegazioni naturali, chiamandolo un "coniglio di polvere" cosmico o solo una cometa molto strana).


6. Migliaia di mondi alieni potrebbero aver visto crescere gli umani

Mentre gli sforzi umani per trovare civiltà aliene tra le stelle hanno preso il via solo nell'ultimo secolo circa, più di 1.700 civiltà aliene potrebbero averci osservato per migliaia di anni prima. Secondo uno studio pubblicato a giugno sulla rivista Nature, 1.715 sistemi stellari vicini hanno avuto un angolo di osservazione perfetto della Terra negli ultimi 5.000 anni - e più di 1.400 di loro hanno ancora una visione chiara oggi. 


Tutte queste stelle si trovano a circa 300 anni luce dal nostro pianeta, e 75 di loro orbitano a meno di 100 anni luce di distanza. Dato che gli esseri umani hanno trasmesso segnali radio per circa 100 anni, uno qualsiasi di quei 75 sistemi stellari è abbastanza vicino che "le nostre onde radio avrebbero lavato su di loro già", ha detto l'autore dello studio principale Lisa Kaltenegger, un professore associato di astronomia e direttore del Carl Sagan Institute alla Cornell University, a Live Science al momento. Se le ipotetiche civiltà che vivono in quei sistemi stellari vogliano o meno comunicare con noi è un'altra questione.


7. Non c'è un modo "migliore" per comunicare con gli alieni

Se gli alieni ci osservano da relativamente vicino, qual è il modo migliore per dire loro dove viviamo? La scrittrice di Live Science Joanna Thompson ha indagato su questa domanda a dicembre, scoprendo che nessun metodo è impeccabile. Da un lato, le onde radio sono un modo allettante per comunicare con gli extraterrestri perché questi segnali si inseriscono in un comodo spazio nello spettro elettromagnetico chiamato "buco dell'acqua" - una frequenza tra 1420 e 1720 megahertz che è relativamente privo di rumore di fondo cosmico. 


D'altra parte, le onde radio si allargano mentre viaggiano, il che significa che qualsiasi messaggio che inviamo diventerà più diluito quanto più lontano dalla Terra. La luce laser non ha questo problema - tuttavia, i segnali laser richiedono una precisione incredibile, ed è improbabile che raggiungano qualsiasi osservatore alieno a meno che non indirizziamo il nostro messaggio direttamente al loro sistema stellare. Entrambi i metodi hanno i loro vantaggi - e nessuno dei due è perfetto.


8. La nostra tecnologia potrebbe essere d'intralcio

Il 29 aprile 2019, gli astronomi hanno rilevato un segnale che trasmetteva verso la Terra, sembrava, da Proxima Centauri - il sistema stellare più vicino al nostro sole e sede di almeno un pianeta potenzialmente abitabile. Poiché il segnale è caduto in una stretta banda di onde radio che raramente sono fatte da aerei o satelliti umani, i ricercatori lo hanno interpretato come un possibile segno di tecnologia aliena. Ma il segnale non si è mai ripetuto - e uno studio pubblicato questo ottobre sulla rivista Nature Astronomy spiega perché: Il segnale proveniva in realtà da un computer malfunzionante o da un dispositivo cellulare situato vicino al telescopio che lo ha rilevato. 


Nel nuovo studio, i ricercatori hanno esaminato nuovamente i dati del 2019 e hanno trovato diversi segnali "lookalike" che sembravano essere componenti mancanti della cosiddetta trasmissione aliena; insieme, questi segnali si adattano a una gamma di frequenze "coerente con le comuni frequenze degli oscillatori di clock utilizzati nell'elettronica digitale", hanno scritto i ricercatori. In altre parole, questo messaggio alieno sembra essere stato un computer umano sul fritz - ma lo studio e l'identificazione dà ancora gli scienziati una preziosa esperienza nella separazione dei segnali reali dello spazio profondo dal rumore terrestre.


9. I "rapimenti" alieni potrebbero essere sogni lucidi

Il sogno lucido, in cui le persone sono parzialmente consapevoli e possono controllare i loro sogni durante il sonno, potrebbe spiegare le cosiddette storie di rapimento alieno, uno studio di luglio suggerisce. Le affermazioni di tali rapimenti risalgono al XIX secolo; le circostanze dei rapimenti spesso suonano oniriche e scatenano sentimenti di terrore e paralisi. Alcuni stati di sogno sono anche noti per produrre tali sentimenti, così i ricercatori russi si sono chiesti se gli esperimenti di sogno potrebbero fornire indizi su presunte esperienze extraterrestri. 


Gli scienziati hanno indotto 152 sognatori lucidi a sognare incontri con alieni o UFO, e hanno scoperto che un certo numero di dormienti ha riportato sogni che assomigliavano a descrizioni reali di presunti rapimenti alieni. Di coloro che hanno descritto i loro incontri di sogno come "realistici", il 24% ha anche sperimentato la paralisi del sonno e la paura intensa. Tali emozioni spesso accompagnano i rapporti di presunti rapimenti alieni, e anche se gli individui che descrivono di essere rapiti dagli alieni potrebbero davvero credere che ciò che hanno vissuto era reale, queste persone stavano probabilmente vivendo un incontro extraterrestre mentre in un sogno lucido, gli autori dello studio hanno riferito.


Originariamente pubblicato su Live Science.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia