I medici austriaci sfidano la legge che criminalizza i non vaccinati

 

I medici austriaci sfidano la legge che criminalizza i non vaccinati
Di Kathy Gyngell


Una lettera aperta firmata da 199 medici e dottori austriaci è stata inviata al presidente dell'associazione dei medici austriaci dopo l'annuncio dei piani del paese per la criminalizzazione dei non vaccinati che entrano in vigore il mese prossimo.  


Questo numero molto significativo di medici ha accusato il loro presidente di violare l'etica medica di base minacciando i colleghi che non rispettano la sanzione disciplinare. Gli fanno notare i doveri a cui sono tenuti i medici - qualcosa che molti medici impiegati dal nostro stesso NHS, così come lo stesso General Medical Council, hanno un disperato bisogno di ricordare. Fanno riferimento ai tre pilastri della medicina basata sull'evidenza su cui si basa la loro vocazione e chiedono che il loro più alto rappresentante, il presidente dell'Associazione Medica Austriaca, li rispetti e, in caso contrario, si dimetta.


La traduzione inglese della lettera che segue è stata ottenuta con un traduttore automatico, quindi ci possono essere alcuni errori che vi chiedo di perdonare perché è così importante da leggere.


Lettera aperta al Presidente dell'Associazione Medica Austriaca, Univ-Prof Dr Thomas Szekeres


Caro Signor Presidente,


Salisburgo/Wien, 14.12.2021


Con la vostra circolare 325/2021 del 2 dicembre 2021, che non era indirizzata al pubblico ma è ora disponibile pubblicamente, avete violato i principi fondamentali della medicina basata sull'evidenza e della libertà di trattamento medico e minacciato i colleghi coscienziosi con sanzioni disciplinari a tappeto. Lei ha specificato come crede che il dovere professionale medico debba essere definito. Quando il presidente di un'associazione medica agisce in questo modo, perdiamo la nostra credibilità e affidabilità con i nostri pazienti.


Lei scrive senza citare alcuna fonte per la sua affermazione: "Nel contesto dell'attuale pandemia, si può chiarire che, sulla base dei dati disponibili, da un punto di vista scientifico e con riferimento alle raccomandazioni del National Vaccination Panel a questo proposito, non c'è attualmente alcuna ragione di principio per consigliare ai pazienti la vaccinazione contro il Covid-19".


Commentiamo questa affermazione come segue: La situazione dei dati relativi all'efficacia e alla sicurezza dei vaccini Covid-19 disponibili in Austria non è affatto uniforme e univoca ed è anche soggetta a cambiamenti permanenti. Mentre fino a poche settimane fa si presumeva che la vaccinazione di base Covid-19 fornisse una protezione contro la malattia, da allora è stato scientificamente dimostrato che questa protezione è rilevante solo nei casi gravi della malattia e che perde significato statistico al più tardi dopo sei-sette mesi


Inoltre, è stato scientificamente provato che sia le persone vaccinate che quelle non vaccinate possono trasmettere l'infezione allo stesso modo. L'argomento secondo cui la vaccinazione può raggiungere una "immunità di gregge" è quindi obsoleto. Se la vaccinazione di richiamo possa raggiungere una protezione più estesa è incerto. Gli studi coprono solo poche settimane e rendono chiaro che gli effetti assoluti sono marginali nel migliore dei casi e che gli effetti sono marginali nel migliore dei casi e non cambieranno certamente il corso generale della pandemia. Ciò è particolarmente evidente dal fatto che non è possibile dimostrare alcuna correlazione tra il tasso di vaccinazione e l'incidenza. 


Inoltre, la SARS-CoV-2 è altamente mutagena, e un effetto ridotto e in rapida diminuzione della vaccinazione è già stato dimostrato contro la variante Delta, attualmente ancora prevalente. Non si sa se ci sia una qualche protezione contro la variante omicron attualmente in diffusione.


L'effetto protettivo della vaccinazione contro il Covid-19 è rilevante, se mai, solo per le persone ad alto rischio di decorso grave per il COVID-19. Circa il 98% delle persone gravemente colpite da COVID-19 hanno almeno una malattia rilevante preesistente o concomitante. L'età media delle persone colpite è di oltre 80 anni. Gli individui sani di età inferiore ai 65 anni senza fattori di rischio non sono generalmente colpiti da un decorso grave di Covid-19 (con ospedalizzazione, terapia intensiva o morte). Pertanto, in questi individui, i rischi della vaccinazione superano molto probabilmente i potenziali benefici. Come minimo, questi individui devono poter decidere liberamente di vaccinarsi dopo un'educazione medica onesta e completa.


Il numero di effetti collaterali riportati dei vaccini Covid-19 può essere descritto solo come spaventoso (607.283 rapporti solo per Comirnaty, al 9 dicembre 2021), anche se la causalità rimane non verificabile per il singolo caso. Finora, sono già state inviate nove lettere "a mano rossa", che avvertono di gravi effetti collaterali e persino di morti. La dichiarazione generale dei vaccini come "sicuri" da parte dell'associazione medica, dei politici e dei media si rivela così una propaganda non scientifica.


I medici non solo devono essere autorizzati a segnalare una possibile sproporzione tra i benefici e i danni della vaccinazione Covid-19, ma sono anche obbligati dall'etica medica e dal voto di Ginevra a informare i loro pazienti sui numerosi possibili effetti collaterali e rischi della vaccinazione.


La professione medica, e quindi naturalmente l'associazione medica, è impegnata nella medicina basata sull'evidenza. Oltre al pilastro delle prove di studio disponibili, la medicina basata sulle prove include i pilastri altrettanto importanti della "competenza clinica del medico" e dei "valori del paziente". Il pilastro della "competenza clinica del medico" è obbligatorio per l'azione medica basata sull'evidenza, perché le prove di studio e le linee guida (il primo pilastro della medicina basata sull'evidenza) sono sempre ottenute da e orientate verso popolazioni di pazienti o soggetti, e non verso pazienti individuali. Una trasferibilità al singolo paziente non è mai data al 100% e richiede la valutazione ponderata di un medico esperto. Per questo motivo, le linee guida mediche non sono anche legalmente vincolanti per il trattamento delle singole persone. Il terzo pilastro, i valori del paziente, è altrettanto indispensabile quanto i primi due pilastri, perché ogni persona ha diritto all'ultima parola su quali misure mediche vengono eseguite sul suo corpo, anima e spirito. A questo scopo c'è, tra l'altro, il testamento biologico personale, che pone le decisioni individuali del paziente al di sopra di tutto, al di là di ogni scienza.


Ci appelliamo a lei, signor Presidente, come massimo rappresentante della professione medica austriaca, affinché rispetti i principi fondamentali del trattamento medico basato sull'evidenza e protegga la libertà individuale di trattamento che è alla base di tutta la pratica medica. Questo vale in particolare per la vaccinazione con vaccini approvati in modo condizionato, sulla cui efficacia ed effetti collaterali non è ancora possibile un giudizio definitivo, altrimenti l'approvazione non sarebbe stata concessa solo in modo condizionato.


Come medici, ci siamo impegnati a fornire ai nostri pazienti - sia che si tratti di persone malate in cerca di aiuto o di persone sane che vengono per un consiglio - una consulenza completa ed equilibrata al meglio delle nostre conoscenze e convinzioni. Questa consultazione tiene conto sia delle conoscenze scientifiche disponibili, che nel campo della medicina non sono mai così chiare da poter essere applicate a tutti i pazienti in modo trasversale, sia della nostra esperienza clinica acquisita attraverso studi e molti anni di esperienza professionale, sia dei desideri dei nostri pazienti. Il risultato della consultazione è sempre individuale ed è coperto dalla libertà di trattamento medico da migliaia di anni.


Così, al contrario, la malpractice medica deve essere sempre analizzata su base individuale. La negligenza si verifica quando una misura medica viene eseguita o omessa senza un'adeguata informazione e il paziente viene danneggiato di conseguenza. Ogni caso di malpractice deve essere esaminato e provato rispetto a questi criteri. È contrario a tutta l'etica medica e ai principi fondamentali della medicina centrata sul paziente e basata sull'evidenza che un presidente di camera minacci una revisione disciplinare generale e una sanzione per un risultato specifico e individuale di consultazione tra medici e pazienti.


Signor Presidente, con la sua lettera del 2.12.2021 lei ha arrecato un danno duraturo alla reputazione e all'immagine della professione medica. Con la presente le chiediamo di revocare pubblicamente la sua lettera del 2.12.2021 o di dimettersi immediatamente da Presidente della Camera.


Inoltre, annunciamo che non ci faremo intimidire da lei o da qualsiasi altro funzionario della Camera con sentimenti simili. Continueremo a trattare i nostri pazienti al meglio delle nostre conoscenze e convinzioni, sulla base del voto di Ginevra e della libertà di trattamento medico, e decideremo individualmente con ogni paziente, tenendo conto anche delle controindicazioni psichiatriche, se la vaccinazione contro il Covid-19 sia appropriata o meno.


La lista completa dei firmatari può essere trovata qui.


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia