Paul Dienach: l'uomo che cadde in coma e si svegliò nell'anno 3.906

 

Paul Dienach: l'uomo che cadde in coma e si svegliò nell'anno 3.906

La storia è oltremodo affascinante, e difficile da credere secondo molti. Paul Dienach passò un anno in stato comatoso, vittima di una strana malattia. Al suo risveglio, assicurò che la sua coscienza aveva viaggiato nel corpo di un uomo nell'anno 3906.


Tutto ciò che ha visto, sentito e sentito è stato scritto in "Cronache del futuro" un libro che contiene il diario di un uomo che non ha mai voluto che le sue parole fossero rivelate al mondo.


Data la natura delle affermazioni, molti respingeranno immediatamente questa testimonianza come una grande delusione, tuttavia, ciò che Dienach ha vissuto ha cambiato per sempre la sua vita.


Partiamo dall'inizio. Dienach era un professore che viveva all'inizio del secolo scorso nell'Europa centrale.


Non aveva mai pensato di diventare uno scrittore e non si sarebbe mai aspettato di sperimentare un viaggio nel tempo. Tuttavia, le circostanze lo portarono a questo.


La storia inizia nel 1921 quando Dienach fu vittima di una grande epidemia di encefalite letargica, e come risultato finì in uno stato comatoso. Durante questo periodo, rimase per un anno in un ospedale di Ginevra.


Quando si svegliò, cominciò a scrivere il suo diario, nel quale raccontava che durante tutto quell'anno era completamente sveglio e che aveva vissuto qualcosa di incredibile.


Come spiega Dienach nel suo diario - che più tardi divenne il libro citato - lungi dall'essere confinato nel suo letto, la sua coscienza viaggiò nel corpo di un altro uomo chiamato Andrew Northman, un uomo vissuto nell'anno 3906.


Durante il periodo in cui Dienach cadde in coma, nell'anno 3906 il fisico Andreas Northam subisce un grave incidente e ha un'esperienza di pre-morte (NDE). Quando lui (Northam) si risveglia qualche istante dopo, parla in una lingua sconosciuta (presumibilmente lo svizzero del XX secolo). Inoltre, Northam non riconosce i membri della sua famiglia ed è incapace di dormire. È perennemente sveglio.


Come scrive Dienach, la gente dell'anno 3906 si rese conto che una coscienza diversa era nel corpo di Andrew Northman e decise di raccontargli tutto quello che era successo nel mondo durante gli ultimi due millenni.


Le persone del futuro gli spiegarono che una nuova specie di esseri umani chiamata Homo Occidantalis Novus sarebbe apparsa sulla Terra.


Al risveglio, dopo aver vissuto tutto ciò che aveva vissuto, Dienach temeva di essere considerato un pazzo, così non disse a nessuno ciò che gli era successo.


Tuttavia, tutto cambiò quando Dienach si trasferì in Grecia.


A 36 anni, la salute di Dienach peggiorò, così decise di trasferirsi in Grecia, dove il clima era più adatto alla sua salute. Nel 1922 si trasferì in Grecia e iniziò a insegnare francese e tedesco in una scuola.


Tra i suoi molti studenti c'era un uomo di nome George Papahatzis, che descrisse Dienach come "un uomo modesto che faceva attenzione ai dettagli".


Dopo due anni, la salute di Dienach toccò il fondo e decise di trasferirsi di nuovo, ora in Italia. Tuttavia, prima di lasciare la Grecia, diede il suo diario a Papahatzis, il suo allievo preferito, perché si esercitasse nel tedesco traducendo il testo dal tedesco al greco.


Dienach partì e nel 1924 morì di tubercolosi. Da parte sua, Papahatzis tradusse il testo durante un periodo di 14 anni, dal 1926 al 1940. All'inizio, pensava che si trattasse di un romanzo, anche se molto raro. Ma man mano che progrediva si rese conto che quello che stava traducendo era in realtà una latteria, che avrebbe cambiato per sempre ciò che pensiamo sia possibile e impossibile.


Cronache dal futuro è ora disponibile in formato Kindle o paperback su Amazon.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia