Può esserci vita aliena tra le nubi venusiane

 

Può esserci vita aliena tra le nubi venusiane

Con un'atmosfera abbastanza acida da strappare la pelle dalle ossa, Venere è lontano da ciò che potremmo immaginare come ospitale. Ma un nuovo studio sostiene l'idea che bozzoli di vita potrebbero potenzialmente esistere nelle nuvole corrosive del pianeta.


I ricercatori hanno identificato un percorso chimico attraverso il quale le gocce di acido solforico che persistono nelle nuvole di Venere potrebbero essere neutralizzate - forse nella misura in cui la vita sarebbe in grado di sopravvivere su questo mondo ostile.


All'inizio di questo percorso chimico c'è la produzione biologica di ammoniaca, di cui le sonde hanno rilevato il passaggio su Venere negli anni '70. Secondo questo nuovo studio, piccole quantità di ammoniaca potrebbero dissolversi nelle gocce di acido solforico. Questo processo trasformerebbe almeno una parte dell'acido in sali, trasformando le gocce liquide in un impasto con un pH che sappiamo essere tollerato dalla vita.


"Come risultato, le nuvole non sono più acide di alcuni ambienti terrestri estremi che ospitano la vita", scrivono i ricercatori nel loro documento pubblicato. "La vita potrebbe creare il proprio ambiente su Venere".


L'ammoniaca non dovrebbe verificarsi in quantità significative su Venere, dato che l'idrogeno limitato richiesto sarebbe stato catturato in modo competitivo in altre reazioni. I ricercatori suggeriscono che la vita potrebbe avere vantaggi chimici per superare questo, spiegando il segnale di ammoniaca che abbiamo registrato su Venere, tra le altre anomalie.


Queste altre anomalie includono piccole concentrazioni di ossigeno che non dovrebbero esserci, livelli di vapore acqueo più alti del previsto e particelle non sferiche che non corrispondono alle goccioline rotonde di acido solforico. La modellazione chimica in laboratorio ha confermato che questi strani eventi potrebbero essere spiegati dalla vita su Venere che produce ammoniaca.



Un simile tipo di processo avviene in certi luoghi della Terra, e in effetti nei nostri stomaci, dove l'ammoniaca ha anche il ruolo di neutralizzare un ambiente acido per renderlo più ospitale. Almeno sulla carta, tutto torna.


Fulmini, eruzioni vulcaniche e colpi di meteorite sono tutte altre possibili fonti di ammoniaca su Venere, ma secondo i calcoli dei ricercatori, non ne produrrebbero abbastanza. La vita biologica potenzialmente potrebbe.


"Nessuna vita che conosciamo potrebbe sopravvivere nelle gocce di Venere", dice la scienziata planetaria Sara Seager del Massachusetts Institute of Technology (MIT). "Ma il punto è che forse c'è della vita lì, e sta modificando il suo ambiente in modo che sia vivibile".


Questo è molto lontano dal dire che c'è vita su Venere, ma è un'ipotesi interessante che si adatta alle osservazioni che abbiamo in questo momento. Inoltre, i ricercatori hanno messo insieme una lista di ulteriori controlli che le future missioni della sonda Venus possono fare per verificare se questa nuova teoria regge.


E questa non è affatto l'unica discussione interessante in corso su Venere. Ci sono suggerimenti che ci potrebbe essere anche fosfina nell'atmosfera - che, di nuovo, potrebbe alludere alla vita biologica - ma dovremo aspettare uno sguardo più attento al pianeta per chiarire molte di queste incognite.


"Venere ha delle anomalie atmosferiche persistenti e inspiegabili che sono incredibili", dice Seager. "Lascia spazio alla possibilità di vita".


La ricerca è stata pubblicata su PNAS.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia