Scoperta la torre di un castello medievale che non si vedeva da 450 anni

 

Scoperta la torre di un castello medievale che non si vedeva da 450 anni

Un team di archeologi dell'Università di Durham ha scoperto i resti della torre medievale del Castello di Auckland che non è stata vista per oltre 450 anni.


Il dipartimento di archeologia dell'università ha lavorato in collaborazione con gli archeologi e i volontari dell'Auckland Project per scoprire i segreti sotto i prati del castello di Auckland della contea di Durham, vicino a Bishop Auckland.


La squadra ha scoperto la cantina di una grande torre che si pensa sia stata alta tre o quattro piani e che risale alla metà del 1300.


Con il supporto degli studenti dell'Università di Durham, la squadra e i volontari hanno anche scoperto i supporti di un ponte e l'entrata di un castello medievale del 1100.


Il professor Chris Gerrard del Dipartimento di Archeologia dell'Università di Durham ha detto:


"Siamo stati lieti di trovare i suggestivi gradini della torre, che sono stati notevolmente ben conservati. Abbiamo anche scoperto le pareti della cantina, che include i resti di un soffitto, una volta a botte che si sarebbe curvata sopra le teste di coloro che stavano sul pavimento medievale sottostante.


Abbiamo condotto una ricerca sostanziale sulle sezioni trovate e siamo stati in grado di scoprire che la torre ha subito una serie di cedimenti strutturali quando l'edificio ha dovuto essere riparato a causa di crolli o cedimenti.


La cosa affascinante del castello di Auckland è che, fino ai recenti scavi, non sapevamo molto della sua disposizione medievale.


Le fonti documentarie sono frammentarie per questo periodo, e cominciamo a trovare immagini del sito solo dalla fine del 1600. Attraverso questo scavo abbiamo acquisito un'enorme quantità di conoscenze sulla disposizione e sull'estensione del complesso medievale".


Il progetto al castello di Auckland è uno dei più grandi scavi di una casa vescovile in tutta Europa.


Si pensa che la torre avrebbe dominato la campagna circostante, e sarebbe stata visibile per miglia intorno.


Gli esperti dell'Università di Durham dicono che avrebbe dato alla famiglia una vista panoramica del paesaggio attraverso il parco del vescovo, con i suoi animali, stagni, boschi e fiumi.


Nello scavo sono stati scoperti anche una serie di manufatti interessanti, tra cui un jetton - o "contatore di calcoli" - risalente al 1350-80, che è stato trovato in una delle stanze del seminterrato della torre.

Sarebbe stato usato come un contatore su una grande tavola per aiutare con l'addizione e la sottrazione - un po' come un abaco medievale.


È stato scoperto anche un penny d'argento del regno di Enrico VI. La moneta sarebbe stata coniata dai vescovi di Durham tra il 1427-30, e avrebbe pagato un gallone di birra o un paio di dozzine di uova.


La dottoressa Caroline Smith, un'archeologa che lavora per l'Auckland Project, ha aggiunto:


"Questa piccola moneta racconta una grande storia su quanto importanti e influenti fossero i vescovi di Durham durante il periodo medievale.


La maggior parte dei vescovi non aveva gli stessi poteri o libertà dei vescovi di Durham, che potevano coniare monete, imporre eserciti e tenere tribunali oltre al loro ruolo religioso.


Il jetton è anche una scoperta importante perché non solo ci dice che l'edificio è stato demolito qualche tempo dopo la data della moneta, ma ci dà una connessione tangibile con le persone che avrebbero controllato l'acquisizione e la gestione di beni e risorse in questo sito".


La torre e il ponte scoperti dal team della Durham University e dell'Auckland Project sono stati da allora risotterrati, per preservarne le caratteristiche.


John Castling, curatore di archeologia e storia sociale al progetto Auckland, aggiunge:


"È un sito che ha accolto i visitatori e ha avuto un impatto sulla comunità locale per quasi un millennio, e abbiamo avuto centinaia di visitatori che si sono fermati a parlare con noi di ciò che abbiamo trovato.


In un certo senso, è un vero peccato che, una volta completato il lavoro di scavo, dobbiamo risotterrarli. Ma dobbiamo trovare un equilibrio tra il desiderio di mostrare alla gente il passato del castello e quello di preservare la storia della città. Una volta che abbiamo ottenuto tutte le informazioni possibili dall'esposizione di questi incredibili reperti, dobbiamo riseppellirli perché se rimangono esposti agli elementi, le pareti potrebbero iniziare a crollare.


Stiamo lavorando per essere in grado di mostrare informazioni e oggetti da questi scavi, così i visitatori saranno in grado di vedere i risultati delle nostre scoperte negli anni a venire".


Gli scavi condotti dal team quest'anno, fanno parte di un progetto più ampio che in precedenza ha esposto la cappella perduta del tardo 13° secolo di Bishop Bec.


Il lavoro sul posto ad Auckland è co-finanziato dall'Università di Durham, dal Mick Aston Legacy Fund e dall'Auckland Project. È stato intrapreso dai servizi archeologici dell'Università di Durham, dal dipartimento di archeologia dell'Università di Durham, dal progetto Auckland e dai volontari del castello di Auckland. Ulteriori lavori continueranno nel sito nel 2022.


Fonte: chroniclelive

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia