A New York i "bianchi" non devono essere curati con anticorpi monoclonali, cosa succede?

 

A New York i "bianchi" non vengono curati con anticorpi monoclonali, cosa succede?

Il Dipartimento della Salute dello Stato di New York ha annunciato che non ci sono abbastanza trattamenti di anticorpi monoclonali disponibili al pubblico, il che significa che i bianchi non devono fare domanda.


In un annuncio ufficiale rilasciato ai fornitori di assistenza sanitaria e alle strutture in tutto lo stato, il dipartimento ha spiegato che c'è una "grave carenza" dei farmaci antivirali orali Paxlovid (Pfizer) e molnupiravir (Merck) che richiede il razionamento.


Il molnupiravir, tra l'altro, è stato recentemente scoperto che causa mutazioni cancerose nei mammiferi di lavoratorio sui quali è stato testato.


"Paxlovid e molnupiravir riducono il rischio di ospedalizzazione e di morte rispettivamente dell'88% e del 30%, in pazienti ad alto rischio di COVID-19 grave, se iniziati presto dopo l'inizio dei sintomi", afferma l'annuncio senza prove.


L'unico trattamento con anticorpi monoclonali che si dice sia efficace contro la nuova variante Omicron (Moronic) del coronavirus Wuhan (Covid-19) è anch'esso a corto di scorte.


"Ci sarà una pausa nelle assegnazioni di bamlanivimab ed etesevimab insieme, etesevimab da solo, e REGEN-COV a partire dal 1/3/2022", spiega ancora l'annuncio.


A causa di tutto questo, il dipartimento sta limitando la disponibilità di questi farmaci solo ai non bianchi, a meno che una persona bianca non abbia "una condizione medica o altri fattori che aumentano il rischio di malattia grave".


"La razza non bianca o l'etnia ispanica / latina dovrebbe essere considerata un fattore di rischio, in quanto le disuguaglianze sanitarie e sociali di lunga data hanno contribuito ad un aumento del rischio di malattia grave e di morte per COVID-19", spiega l'annuncio della nuova politica razzista.


È meglio che i bianchi non ricevano questi trattamenti sperimentali?

Ciò che questo linguaggio suggerisce, naturalmente, è che i non-bianchi sono intrinsecamente un fattore di rischio semplicemente a causa del colore della loro pelle.


"Potrebbero essere più insultanti per le minoranze?" ha chiesto un commentatore su Twitter (anche se è importante chiarire che i bianchi stanno rapidamente diventando la nuova minoranza in America, e sono già una minoranza quando si guardano le statistiche della popolazione globale).


"'No, non risolveremo le disuguaglianze sistemiche di salute e sociali, ma si può tagliare la linea per un trattamento che difficilmente proteggerà completamente", questa stessa persona ha ulteriormente scherzato su ciò che il Dipartimento della Salute dello Stato di New York sta realmente dicendo con il suo annuncio razzista.


Questo tipo di cose sta accadendo anche negli stati "rossi", tanto per essere chiari. Il Texas, come abbiamo recentemente riportato, sta vedendo alcuni dei suoi sistemi sanitari razionare trattamenti di anticorpi monoclonali solo ai non bianchi.


È quasi come se una sorta di promemoria stesse circolando all'interno della macchina aziendale della "sanità" che gestisce questo paese, istruendo i medici a discriminare apertamente le persone con la pelle chiara.


Niente di tutto questo è per dire che i farmaci in questione sono veramente sicuri ed efficaci, solo per essere chiari. Forse le persone bianche (e tutte le persone) fanno meglio a non prendere questi farmaci sperimentali in primo luogo.


Ciò che dice, tuttavia, è che la discriminazione sanitaria contro i bianchi sta iniziando a "fare tendenza", e deve essere stroncata sul nascere prima che avanzi ulteriormente.


"Non mi fido del trattamento anticorpale", ha scritto un commentatore a Natural News a proposito della "vaccinazione passiva", che è un altro nome per gli anticorpi monoclonali. "Meglio l'apporto nutrizionale e gli antivirali naturali".


"Sembra che tu stia cadendo nella trappola di confondere 'tutti gli uomini sono creati uguali' con 'tutti gli uomini sono creati uguali'", ha scritto un altro commentatore, offrendo una prospettiva diversa su ciò che potrebbe essere in corso qui con tutto questo.


"Se la scienza indica che un gruppo ha un beneficio maggiore da un trattamento e l'altro ne ha molto poco, il gruppo con il beneficio maggiore non dovrebbe avere la priorità? Anche le persone magre sono discriminate?".


NaturalNews.com

NaturalNews.com

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia