CEO di OneAmerica Assicurazioni rivela che le morti sono aumentate del 40% tra le persone di età compresa tra i 18 e i 64 anni

 

CEO di OneAmerica Assicurazioni rivela che le morti sono aumentate del 40% tra le persone di età compresa tra i 18 e i 64 anni

Il capo della compagnia assicurativa OneAmerica, con sede a Indianapolis, ha detto che il tasso di mortalità tra le persone in età lavorativa è aumentato di uno sbalorditivo 40% rispetto ai livelli pre-pandemia.


"Stiamo vedendo, in questo momento, i più alti tassi di mortalità che abbiamo visto nella storia di questo business - non solo a OneAmerica", ha detto il CEO della società Scott Davison durante una conferenza stampa online questa settimana. "I dati sono coerenti in tutti gli attori di questo business".


OneAmerica è una compagnia assicurativa da 100 miliardi di dollari che ha la sua sede centrale a Indianapolis dal 1877. L'azienda ha circa 2.400 dipendenti e vende assicurazioni sulla vita, comprese le assicurazioni sulla vita di gruppo ai datori di lavoro nello stato.

Davison ha detto che l'aumento dei decessi rappresenta "numeri enormi, enormi", e che non sono gli anziani che stanno morendo, ma "principalmente le persone in età lavorativa dai 18 ai 64 anni" che sono i dipendenti delle aziende che hanno piani di assicurazione vita di gruppo attraverso OneAmerica.


"E quello che abbiamo visto solo nel terzo trimestre, e lo stiamo vedendo continuare nel quarto trimestre, è che i tassi di mortalità sono aumentati del 40% rispetto a quello che erano prima della pandemia", ha detto.


"Solo per darvi un'idea di quanto sia grave, una catastrofe di tre sigma o di uno su 200 anni sarebbe un aumento del 10% rispetto a prima della pandemia", ha detto. "Quindi il 40% è semplicemente inaudito".


Davison è stato uno dei numerosi leader aziendali che hanno parlato durante la conferenza stampa virtuale del 30 dicembre, organizzata dalla Camera di Commercio dell'Indiana.


La maggior parte delle richieste di risarcimento per le morti presentate non sono classificate come morti COVID-19, ha detto Davison.


"Quello che i dati ci mostrano è che i decessi che vengono segnalati come morti COVID sottostimano di molto le perdite effettive di morte tra le persone in età lavorativa a causa della pandemia. Potrebbe non essere tutto COVID sul loro certificato di morte, ma i decessi sono solo numeri enormi, enormi".


Ha detto che allo stesso tempo, la compagnia sta vedendo un "aumento" nelle richieste di invalidità, dicendo che all'inizio erano richieste di invalidità a breve termine, e ora l'aumento è nelle richieste di invalidità a lungo termine.


"Per OneAmerica, ci aspettiamo che i costi di questo saranno ben oltre i 100 milioni di dollari, e questa è la nostra attività più piccola. Quindi sta avendo un enorme impatto su questo", ha detto.


Ha detto che i costi saranno trasferiti ai datori di lavoro che acquistano polizze di assicurazione sulla vita di gruppo, che dovranno pagare premi più alti.


I conteggi settimanali dei decessi del CDC, che riflettono le informazioni sui certificati di morte e quindi hanno un ritardo di otto settimane o più, mostrano che per la settimana terminata il 6 novembre, ci sono stati molti meno decessi per COVID-19 in Indiana rispetto a un anno fa - 195 contro 336 - ma più morti per altre cause - 1.350 contro 1.319.


Queste morti erano per persone di tutte le età, tuttavia, mentre le informazioni a cui Davison ha fatto riferimento erano per persone in età lavorativa che sono dipendenti di aziende con polizze di assicurazione sulla vita di gruppo.


Alla stessa conferenza stampa in cui ha parlato Davison, Brian Tabor, il presidente dell'Indiana Hospital Association, ha detto che gli ospedali di tutto lo stato sono stati inondati da pazienti "con molte condizioni diverse", dicendo che "purtroppo, la salute media degli Hoosiers è diminuita durante la pandemia".


In una chiamata di follow-up, ha detto di non avere una ripartizione che mostri perché così tante persone nello stato sono state ricoverate - per quali condizioni o disturbi. Ma ha detto che il tasso di mortalità straordinariamente alto citato da Davison corrisponde a quello che gli ospedali dello stato stanno vedendo.


"Quello che mi ha confermato è che ha confermato quello che stiamo vedendo sul fronte", ha detto.


Il numero di ricoveri nello stato è ora superiore a prima che il vaccino COVID-19 è stato introdotto un anno fa, e infatti è superiore a quello che è stato negli ultimi cinque anni, il dottor Lindsay Weaver, capo medico dell'Indiana, ha detto in una conferenza stampa con il governatore Eric Holcomb il Mercoledì.


Solo l'8,9% dei letti di terapia intensiva sono disponibili negli ospedali dello stato, un minimo per l'anno, e più basso che in qualsiasi momento durante la pandemia. Ma la maggior parte dei letti di terapia intensiva non sono occupati da pazienti COVID-19 - solo il 37%, mentre il 54% dei letti di terapia intensiva sono occupati da persone con altre malattie o condizioni.


Il dashboard online dello stato mostra che la media mobile dei decessi giornalieri per COVID-19 è meno della metà di quello che era un anno fa. Al picco della pandemia un anno fa, 125 persone sono morte in un solo giorno - il 29 dicembre 2020. Negli ultimi tre mesi, il numero più alto di morti in un giorno è stato 58, il 13 dicembre.


fonte (necessario usare vpn o proxy per utenti dell'ue)

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia