Cos'è il Grande Reset? Di Michael Rectenwald, preciso ed esaustivo

 

Cos'è il Grande Reset? Di Michael Rectenwald, preciso ed esaustivo

Quanto segue è adattato da un discorso tenuto all'Hillsdale College il 7 novembre 2021, durante una conferenza del Center for Constructive Alternatives su "Il Grande Reset".


Il Grande Reset è una teoria di cospirazione che immagina un vasto complotto di sinistra per stabilire un governo totalitario mondiale? No. Nonostante il fatto che alcune persone possano aver elaborato teorie cospirative basate su di essa - con qualche ragione, come vedremo - il Grande Reset è reale.


Infatti, proprio l'anno scorso, Klaus Schwab, fondatore e presidente esecutivo del World Economic Forum (WEF) - una famosa organizzazione composta dalle élite politiche, economiche e culturali del mondo che si riunisce annualmente a Davos, Svizzera - e Thierry Malleret, co-fondatore e principale autore del Barometro Mensile, hanno pubblicato un libro chiamato COVID-19: The Great Reset. Nel libro, definiscono il Grande Reset come un mezzo per affrontare le "debolezze del capitalismo" che sono state presumibilmente esposte dalla pandemia COVID.


Ma l'idea del Grande Reset va molto più indietro. Può essere fatta risalire almeno alla nascita del WEF, originariamente fondato come European Management Forum, nel 1971. In quello stesso anno, Schwab, ingegnere ed economista di formazione, pubblicò il suo primo libro, Modern Enterprise Management in Mechanical Engineering. Fu in questo libro che Schwab introdusse per la prima volta il concetto che in seguito avrebbe chiamato "capitalismo degli azionisti", sostenendo "che la gestione di un'impresa moderna deve servire non solo gli azionisti ma tutti gli azionisti per raggiungere una crescita e una prosperità a lungo termine". Schwab e il WEF hanno promosso l'idea del capitalismo degli azionisti da allora. Possono prendersi il merito per la retorica e le politiche dello stakeholder e del partenariato pubblico-privato abbracciate da governi, società, organizzazioni non governative e organismi di governance internazionale in tutto il mondo.


La frase specifica "Grande Reset" è entrata in circolazione più di un decennio fa, con la pubblicazione di un libro del 2010, The Great Reset, dello studioso americano di studi urbani Richard Florida. Scritto all'indomani della crisi finanziaria del 2008, il libro di Florida sosteneva che il crollo economico del 2008 era l'ultimo di una serie di Grandi Ripristini - inclusa la Lunga Depressione del 1870 e la Grande Depressione del 1930 - che lui definiva come periodi di innovazione sistemica che cambiava il paradigma.


Quattro anni dopo la pubblicazione del libro di Florida, alla riunione annuale del 2014 del WEF, Schwab ha dichiarato: "Quello che vogliamo fare a Davos quest'anno... è premere il pulsante di reset" - e successivamente l'immagine di un pulsante di reset sarebbe apparsa sul sito web del WEF.


Nel 2018 e nel 2019, il WEF ha organizzato due eventi che sono diventati l'ispirazione principale per l'attuale progetto del Grande Reset - e anche, per ovvie ragioni, nuova carne da macello per i teorici della cospirazione. (Non incolpate me per quest'ultimo - tutto ciò che sto facendo è mettere in relazione i fatti storici).


Nel maggio 2018, il WEF ha collaborato con il Johns Hopkins Center for Health Security per condurre "CLADE X", una simulazione di una risposta nazionale alla pandemia. In particolare, l'esercizio ha simulato lo scoppio di un nuovo ceppo di un virus parainfluenzale umano, con elementi genetici del virus Nipah, chiamato CLADE X. La simulazione si è conclusa con una notizia in cui si affermava che di fronte a CLADE X, senza vaccini efficaci, "gli esperti ci dicono che alla fine potremmo vedere da 30 a 40 milioni di morti negli Stati Uniti e più di 900 milioni in tutto il mondo - il dodici per cento della popolazione globale". Chiaramente, la preparazione per una pandemia globale era in ordine.


Nell'ottobre 2019, il WEF ha collaborato con la Johns Hopkins e la Fondazione Bill e Melinda Gates su un altro esercizio di pandemia, "Evento 201", che ha simulato una risposta internazionale allo scoppio di un nuovo coronavirus. Questo avveniva due mesi prima che l'epidemia di COVID in Cina facesse notizia e cinque mesi prima che l'Organizzazione Mondiale della Sanità la dichiarasse una pandemia, e assomigliava molto al futuro scenario COVID, compresa l'idea della diffusione asintomatica.


Le simulazioni CLADE X ed Event 201 hanno anticipato quasi tutte le eventualità della crisi COVID reale, in particolare le risposte dei governi, delle agenzie sanitarie, dei media, delle aziende tecnologiche e degli elementi del pubblico. Le risposte e i loro effetti includevano chiusure in tutto il mondo, il collasso di imprese e industrie, l'adozione di tecnologie di sorveglianza biometrica, un'enfasi sulla censura dei social media per combattere la "disinformazione", l'inondazione dei media sociali e tradizionali con "fonti autorevoli", rivolte diffuse e disoccupazione di massa.


Oltre ad essere promosso come risposta alla COVID, il Grande Reset è promosso come risposta al cambiamento climatico. Nel 2017, il WEF ha pubblicato un documento intitolato "Abbiamo bisogno di resettare il sistema operativo globale per raggiungere gli [obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite]." Il 13 giugno 2019, il WEF ha firmato un memorandum d'intesa con le Nazioni Unite per formare una partnership per portare avanti l'"Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile". Poco dopo, il WEF ha pubblicato il "United Nations-World Economic Forum Strategic Partnership Framework for the 2030 Agenda", promettendo di aiutare a finanziare l'agenda delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici e impegnando il WEF ad aiutare l'ONU "a soddisfare le esigenze della quarta rivoluzione industriale", tra cui fornire risorse e competenze per la "governance digitale".


Nel giugno 2020, al suo 50° incontro annuale, il WEF ha annunciato il lancio ufficiale del Grande Reset, e un mese dopo Schwab e Malleret hanno pubblicato il loro libro su COVID e il Grande Reset. Il libro dichiarava che COVID rappresenta "un'opportunità [che] può essere colta"; che "dovremmo approfittare di questa occasione senza precedenti per reimmaginare il nostro mondo"; che "bisogna cogliere l'attimo per approfittare di questa finestra unica di opportunità"; e che "[f]er coloro che hanno la fortuna di trovarsi in industrie 'naturalmente' resistenti alla pandemia" - si pensi qui alle aziende Big Tech come Apple, Google, Facebook e Amazon - "la crisi non era solo più sopportabile, ma anche una fonte di opportunità redditizie in un momento di difficoltà per la maggioranza. "


Il Grande Reset mira a introdurre un amalgama economico sconcertante - il capitalismo degli azionisti di Schwab - che io ho chiamato "socialismo aziendale" e il filosofo italiano Giorgio Agamben ha chiamato "capitalismo comunista".


In breve, il capitalismo degli azionisti implica la modifica del comportamento delle aziende a beneficio non degli azionisti, ma degli azionisti, individui e gruppi che possono beneficiare o perdere dal comportamento aziendale. Il capitalismo degli azionisti richiede non solo risposte aziendali alle pandemie e alle questioni ecologiche come il cambiamento climatico, "ma anche un ripensamento degli impegni delle [aziende] nei confronti delle comunità già vulnerabili all'interno dei loro ecosistemi". Questo è l'aspetto di "giustizia sociale" del Grande Reset. Per conformarsi a ciò, i governi, le banche e i gestori patrimoniali usano l'indice ESG (Environmental, Social, and Governance) per spremere dal mercato le società e le imprese non sveglie. L'indice ESG è essenzialmente un punteggio di credito sociale che viene utilizzato per allontanare la proprietà e il controllo della produzione da chi non è attivo o non rispetta le regole.


Uno dei molti potenti "partner strategici" del WEF, BlackRock, Inc, il più grande gestore di beni del mondo, è saldamente dietro il modello degli stakeholder. In una lettera del 2021 ai CEO, il CEO di BlackRock Larry Fink ha dichiarato che "il rischio climatico è un rischio di investimento" e "la creazione di investimenti in indici sostenibili ha permesso una massiccia accelerazione del capitale verso aziende meglio preparate ad affrontare il rischio climatico". La pandemia di COVID, ha scritto Fink, ha accelerato il flusso di fondi verso gli investimenti sostenibili:


Abbiamo creduto a lungo che i nostri clienti, come azionisti della vostra azienda, trarranno beneficio se potrete creare un valore duraturo e sostenibile per tutti i vostri stakeholder. . . . Man mano che sempre più investitori scelgono di orientare i loro investimenti verso aziende incentrate sulla sostenibilità, lo spostamento tettonico che stiamo vedendo accelererà ulteriormente. E poiché questo avrà un impatto così drammatico sul modo in cui il capitale viene allocato, ogni team di gestione e consiglio di amministrazione dovrà considerare come questo avrà un impatto sulle azioni della loro azienda.


La lettera di Fink è più di un rapporto ai CEO. È una minaccia implicita: siate svegli o altro.


Nel loro recente libro sul Grande Reset, Schwab e Malleret contrappongono il "capitalismo degli azionisti" al "neoliberalismo", definendo quest'ultimo come "un corpus di idee e politiche... che favoriscono la competizione sulla solidarietà, la distruzione creativa sull'intervento del governo e la crescita economica sul benessere sociale". In altre parole, il "neoliberalismo" si riferisce al sistema della libera impresa. Opponendosi a questo sistema, il capitalismo degli azionisti implica la cooperazione aziendale con lo stato e un intervento governativo molto maggiore nell'economia.


I sostenitori del Grande Reset considerano il "neoliberalismo" responsabile dei nostri guai economici. Ma in verità, il favore governativo delle industrie e degli attori all'interno delle industrie - ciò che era conosciuto come corporativismo o fascismo economico - è stata la vera fonte di ciò che Schwab e i suoi alleati al WEF decrimono.


Mentre le corporazioni approvate non sono necessariamente dei monopoli, la tendenza del Grande Reset è verso la monopolizzazione: conferire il maggior controllo possibile sulla produzione e la distribuzione al minor numero possibile di corporazioni favorite, eliminando le industrie e i produttori considerati non essenziali o inimici. Per realizzare questo reset, scrive Schwab, "[ogni] paese, dagli Stati Uniti alla Cina, deve partecipare, e ogni industria, dal petrolio e gas alla tecnologia, deve essere trasformata".


Un altro modo di descrivere l'obiettivo del Grande Reset è il "capitalismo con caratteristiche cinesi" - un'economia a due livelli, con monopoli redditizi e lo stato in cima e il socialismo per la maggioranza sotto.


Diversi decenni fa, quando la crescente dipendenza della Cina dai settori a scopo di lucro della sua economia non poteva più essere negata credibilmente dal Partito Comunista Cinese (PCC), la sua leadership ha approvato lo slogan "socialismo con caratteristiche cinesi" per descrivere il suo sistema economico. Formulata da Deng Xiaoping, la frase aveva lo scopo di razionalizzare l'autorizzazione del PCC allo sviluppo for-profit sotto un sistema politico socialista. Il PCC ha considerato la privatizzazione dell'economia cinese come una fase temporanea - che dura fino a 100 anni, se necessario - sulla strada verso una società comunista. I leader del partito sostengono che questo approccio è stato necessario in Cina perché il socialismo è stato introdotto troppo presto, quando la Cina era un paese agricolo arretrato. La Cina aveva bisogno di una spinta capitalista.


Spogliato delle sue pretese ideologiche socialiste, il sistema cinese equivale a uno stato socialista o comunista sempre più finanziato dallo sviluppo economico capitalista. La differenza tra l'ex Unione Sovietica e la Cina contemporanea è che quando è diventato ovvio che un'economia socialista era fallita, la prima ha abbandonato le sue pretese economiche socialiste, mentre la seconda no.


Il Grande Reset rappresenta lo sviluppo del sistema cinese in Occidente, ma al contrario. Mentre la classe politica cinese ha iniziato con un sistema politico socialista e poi ha introdotto la produzione privata a scopo di lucro, l'Occidente ha iniziato con il capitalismo e ora sta implementando un sistema politico in stile cinese. Questo sistema in stile cinese include un intervento statale enormemente aumentato nell'economia, da un lato, e dall'altro, il tipo di misure autoritarie che il governo cinese usa per controllare la sua popolazione.


Schwab e Malleret scrivono che se "gli ultimi cinque secoli in Europa e in America" ci hanno insegnato qualcosa, è che "le crisi acute contribuiscono a rafforzare il potere dello stato. È sempre stato così e non c'è ragione che sia diverso con la pandemia COVID-19".


Le misure draconiane di blocco impiegate dai governi occidentali sono riuscite a raggiungere obiettivi che i socialisti corporativi del WEF potevano solo sognare - soprattutto, la distruzione delle piccole imprese, eliminando i concorrenti per i monopolisti corporativi favoriti dallo stato. Solo negli Stati Uniti, secondo la Foundation for Economic Education, milioni di piccole imprese hanno chiuso i battenti a causa delle serrate. I dati di Yelp indicano che il 60% di queste chiusure sono ora permanenti. Nel frattempo aziende come Amazon, Apple, Facebook e Google hanno goduto di guadagni record.


Altri sviluppi che avanzano l'agenda del Grande Reset hanno incluso l'immigrazione senza limiti, le restrizioni di viaggio per l'attraversamento dei confini altrimenti legali, la stampa sfrenata di denaro da parte della Federal Reserve e la conseguente inflazione, l'aumento della tassazione, l'aumento della dipendenza dallo stato, le catene di approvvigionamento interrotte, le restrizioni e le perdite di posti di lavoro dovute ai mandati sui vaccini, e la prospettiva di quote personali di carbonio.


Tali politiche riflettono l'aspetto di "equità" del Grande Reset - l'equità richiede l'abbassamento dello status economico delle persone nelle nazioni più ricche come gli Stati Uniti rispetto a quello delle persone nelle regioni più povere del mondo. Una delle funzioni dell'ideologia woke è quella di far sentire la maggioranza dei paesi sviluppati in colpa per la loro ricchezza, che le élite mirano a reimpostare verso il basso - eccetto, si nota, per le élite stesse, che hanno bisogno di essere ricche per volare nei loro jet privati a Davos ogni anno.


Il modello di stakeholder aziendale del Grande Reset si sovrappone al suo modello di governance e geopolitico: gli stati e le corporazioni favorite sono combinati in partnership pubblico-privato e insieme hanno il controllo della governance. Questo ibrido corporativo-statale è in gran parte irresponsabile nei confronti degli elettori dei governi nazionali.


La governance non è solo sempre più privatizzata, ma anche e soprattutto, le corporazioni sono deputate come importanti aggiunte ai governi e agli organismi intergovernativi. Lo stato è così esteso, potenziato e aumentato dall'aggiunta di enormi beni aziendali. Come tali, le corporazioni diventano ciò che ho chiamato "governmentalities" - organizzazioni altrimenti private gestite come apparati statali, senza alcun obbligo di rispondere a fastidiosi elettori. Poiché queste corporazioni sono multinazionali, lo stato diventa essenzialmente globalista, sia che un governo mondiale unico venga mai formalizzato o meno.


Come se i reset economici e governativi non fossero abbastanza drammatici, il reset tecnologico si legge come un romanzo di fantascienza distopica. Si basa sulla quarta rivoluzione industriale - o 4-IR in breve. La prima, la seconda e la terza rivoluzione industriale sono state la rivoluzione meccanica, elettrica e digitale. La 4-IR segna la convergenza di campi esistenti ed emergenti, tra cui Big Data, intelligenza artificiale, apprendimento automatico, calcolo quantistico, genetica, nanotecnologia e robotica. Il risultato previsto sarà la fusione del mondo fisico, digitale e biologico, che rappresenta una sfida alle ontologie con cui comprendiamo noi stessi e il mondo, compresa la definizione di essere umano.


Non c'è niente di originale in questo. I transumanisti e i singolaritari (profeti della singolarità tecnologica) come Ray Kurzweil hanno previsto questi e altri sviluppi rivoluzionari molto tempo fa. Ciò che è diverso nella visione dei globalisti della 4-IR è il tentativo di imbrigliarla ai fini del Grande Reset.


Se gli sviluppi 4-IR già esistenti sono un'indicazione del futuro, allora l'affermazione che contribuirà alla felicità umana è falsa. Questi sviluppi includono algoritmi Internet che alimentano gli utenti con notizie e pubblicità prescritte e downrank o escludono i contenuti vietati; algoritmi che censurano i contenuti dei social media e consegnano gli individui e le organizzazioni "pericolosi" ai gulag digitali; "mandati per parole chiave" basati sugli input dei motori di ricerca; app che tracciano e rintracciano le violazioni COVID e segnalano i trasgressori alla polizia; robot poliziotti con scanner per identificare e radunare i non vaccinati e altri dissidenti; e città intelligenti dove i residenti sono entità digitali da monitorare, sorvegliare e registrare, e dove i dati su ogni loro movimento sono raccolti, collazionati, immagazzinati e collegati a un'identità digitale e un punteggio di credito sociale.


In breve, le tecnologie 4-IR sottopongono gli esseri umani a un tipo di gestione tecnologica che fa sembrare la sorveglianza della NSA un gioco da ragazzi. Schwab si spinge fino a rallegrarsi degli sviluppi che mirano a connettere i cervelli umani direttamente alla nuvola, al fine di "estrarre dati" dai nostri pensieri e ricordi. Se avesse successo, questo costituirebbe una padronanza tecnologica sul processo decisionale che minaccerebbe l'autonomia umana e minerebbe il libero arbitrio.


Il 4-IR cerca di accelerare la fusione tra esseri umani e macchine, risultando in un mondo in cui tutte le informazioni, comprese quelle genetiche, sono condivise, e ogni azione, pensiero e motivazione è conosciuta, prevista e possibilmente preclusa. A meno che non venga tolto dalle mani dei tecnocrati corporativo-socialisti, il 4-IR porterà alla fine a una prigione virtuale e ineluttabile del corpo e della mente.


In termini di ordine sociale, il Grande Reset promette l'inclusione in un destino condiviso. Ma la subordinazione dei cosiddetti "netizen" implica una privazione economica e politica, un'ipervigilanza su se stessi e sugli altri, e un isolamento sociale - o quello che Hannah Arendt ha chiamato "solitudine organizzata" - su scala globale. Questa solitudine organizzata si manifesta già nelle chiusure, nel mascheramento, nell'allontanamento sociale e nell'esclusione sociale dei non vaccinati. Il titolo dell'annuncio di servizio pubblico dell'Ad Council del marzo 2020 - "Alone Together" - cattura perfettamente questo senso di solitudine organizzata.


Nel mio recente libro, Google Archipelago, ho sostenuto che l'autoritarismo di sinistra è l'ideologia politica e il modus operandi di quello che chiamo Big Digital, che è all'avanguardia di un sistema mondiale nascente. Big Digital è il braccio comunicativo, ideologico e tecnologico di un emergente totalitarismo corporativo-socialista. Il Grande Reset è il nome che è stato dato al progetto di stabilire questo sistema mondiale.


Proprio come Schwab e il WEF avevano previsto, la crisi di COVID ha accelerato il Grande Reset. Le corporazioni monopolistiche hanno consolidato la loro presa sull'economia dall'alto, mentre il socialismo continua ad avanzare per il resto di noi in basso. In collaborazione con Big Digital, Big Pharma, i media mainstream, le agenzie sanitarie nazionali e internazionali, e le popolazioni compiacenti, gli stati occidentali finora democratici - pensate soprattutto all'Australia, alla Nuova Zelanda e all'Austria - si stanno trasformando in regimi totalitari sul modello della Cina.


Ma lasciatemi concludere con una nota di speranza. Poiché gli obiettivi del Grande Reset dipendono dall'obliterazione non solo del libero mercato, ma della libertà individuale e del libero arbitrio, esso è, forse ironicamente, insostenibile. Come i precedenti tentativi di totalitarismo, il Grande Reset è destinato al fallimento finale. Questo non significa, tuttavia, che non lascerà, di nuovo come quei tentativi precedenti, molta distruzione nella sua scia, il che è una ragione in più per opporsi ora e con tutte le nostre forze.


Michael Rectenwald è il direttore accademico di American Scholars. Ha un B.A. dell'Università di Pittsburgh, un M.A. della Case Western Reserve University e un Ph.D. in Studi letterari e culturali della Carnegie Mellon University. Ha insegnato alla New York University, Duke University, North Carolina Central University, Carnegie Mellon University e Case Western Reserve University. È autore di numerosi libri, tra cui Nineteenth-Century British Secularism: Science, Religion, and Literature; Google Archipelago; Beyond Woke; e Thought Criminal.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia