Costringere la gente ai vaccini COVID ignora importanti informazioni scientifiche

 

Costringere la gente ai vaccini COVID ignora importanti informazioni scientifiche

Gli attacchi alla libertà di parola e alla scienza sono implacabili. La soppressione da parte dell'editore accademico Elsevier di un articolo che documenta il rischio di miocardite dei vaccini COVID-19, senza alcuna scusa o pretesto offerto, è abbastanza incredibile. Vista insieme alla censura di Twitter dell'American Heart Association, la soppressione da parte di YouTube di una tavola rotonda sui mandati dei vaccini a Capitol Hill, e l'appello orwelliano del direttore del National Institutes of Health Francis Collins per i critici delle politiche del governo sul COVID-19 da "portare alla giustizia", la tendenza è positivamente agghiacciante.


Ora più che mai, abbiamo bisogno di un dibattito sostanziale sulle decisioni che riguardano la salute di centinaia di milioni di persone, comprese le opinioni contrarie alle posizioni ufficiali. Invece, abbiamo l'assurda affermazione del direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases Anthony Fauci "Io rappresento la scienza" come prova di quanto sia diventata unidimensionale la nostra politica sul COVID-19.


Questi sono solo alcuni esempi dell'ondata di censura che ha accompagnato il COVID-19, unendo le burocrazie governative con i media obbedienti, il mondo accademico, l'editoria scientifica e le potenti aziende Big Tech. Soprattutto, questa campagna concertata sopprime ogni disaccordo su argomenti che includono potenziali trattamenti precoci, l'immunità naturale degli individui guariti, e la sicurezza e l'efficacia dei vaccini COVID-19. Punti di vista diversi su questi argomenti sono rapidamente etichettati come "disinformazione", ma in realtà rappresentano un dissenso di principio basato su un ampio e crescente corpo di prove scientifiche.


Vaccinazione universale basata su false premesse

Nel caso dei vaccini COVID-19, la censura mira ad eliminare qualsiasi domanda su un programma di vaccinazione universale che, ora è chiaro, era basato sulla falsa premessa che gli individui a basso rischio devono essere vaccinati per fermare la diffusione del COVID-19 e porre fine alla pandemia. A quasi un anno dalla campagna di vaccinazione globale - e a partire da molto prima dell'arrivo di omicron - tutti i dati sono in netta opposizione a questa convinzione.


Il rapido declino dell'efficacia del vaccino e i picchi di COVID-19 in paesi e regioni con alti tassi di vaccinazione - tra cui Israele, Regno Unito, Singapore e ora l'Europa, così come gli stati americani ad alta vaccinazione come il Vermont - sono la prova che gli individui vaccinati possono diffondere la COVID-19 a tassi comparabili a quelli dei non vaccinati. Studi multipli hanno dimostrato che la carica virale negli individui vaccinati con COVID-19 è la stessa dei non vaccinati.


La cosa più dannosa è che i rapporti pubblicati regolarmente dal governo britannico mostrano che per ogni gruppo di età dai 30 anni in su, gli individui vaccinati hanno ora effettivamente più probabilità di risultare positivi al COVID-19. Nel caso del gruppo di età 40-59 anni, nell'ultimo rapporto il tasso è il doppio tra i vaccinati.


Che ciò sia dovuto agli effetti fisiologici dei vaccini o a fattori sociali - per esempio la socializzazione più libera da parte dei vaccinati - l'impennata da record del Regno Unito su una popolazione per lo più vaccinata rende chiara una cosa: la vaccinazione di massa non fermerà la pandemia. Simili impennate alimentate da casi di rottura in tutto il mondo raccontano la stessa storia.


Questa non è disinformazione, ma semplicemente dati, che tutti dovrebbero essere liberi di considerare e discutere - tanto più che si tratta di un'analisi critica dei costi-benefici che gli individui devono fare quando decidono se ricevere il vaccino COVID-19 e i successivi richiami.


Questo perché, qualunque cosa dicano i produttori di vaccini e le agenzie governative, è anche chiaro che i vaccini COVID-19 non sono privi di rischi, che per alcuni individui si estendono a lesioni permanenti che alterano la vita e persino alla morte. Per gli individui ad alto rischio di gravi malattie da COVID-19, i rischi posti dai vaccini possono avere un senso, ma per gli individui a basso rischio, come la stragrande maggioranza dei bambini, adolescenti e giovani adulti in età fertile, il calcolo è molto diverso.


Discutere i rischi non è disinformazione

Qualsiasi discussione sulle lesioni e la mortalità legate ai vaccini viene immediatamente etichettata come disinformazione perché si basa necessariamente sul Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS), un'istituzione imperfetta che permette a chiunque di presentare un rapporto, permettendo comodamente agli scettici di liquidare l'intera questione dei rischi dei vaccini come aneddoto infondato e fabbricazione. Tuttavia, qualsiasi programma di salute pubblica responsabile non dovrebbe prendere come punto di partenza (e di arrivo) il presupposto che le segnalazioni sono tutte false, ma invece considerare il contrario: cosa succede se i numeri su VAERS sono reali - o peggio ancora, rappresentano una sostanziale sottodichiarazione?

I numeri che abbiamo non sono rassicuranti. Da quando il programma di vaccinazione COVID-19 è iniziato lo scorso dicembre, VAERS ha registrato un totale di più di 946.000 eventi avversi post-vaccinazione e quasi 20.000 morti post-vaccinazione. Il maggior numero di decessi giornalieri si è verificato entro due giorni dalla vaccinazione, diminuendo gradualmente con la lunghezza del tempo dall'iniezione - un segnale temporale molto forte che c'è una connessione causale, non una semplice coincidenza, dietro questi eventi.

La tendenza è corroborata da dati provenienti dall'estero: nello stesso periodo, il sistema Yellow Card del Regno Unito, equivalente al VAERS, ha registrato 400.000 segnalazioni individuali di eventi avversi dopo la vaccinazione COVID, compresi più di 1.800 decessi.

Possibile sottodichiarazione di eventi avversi e decessi

Inoltre, in contrasto con coloro che respingono i dati VAERS come gonfiati, i dati storici suggeriscono che gli eventi avversi e i decessi legati ai vaccini sono in realtà sottosegnalati con un ampio margine. Il rapporto Lazarus, finanziato dal Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti, ha scoperto che "meno dell'1% degli eventi avversi da vaccino sono segnalati", e uno studio del 2015 pubblicato sulla rivista scientifica Vaccine ha riconosciuto "la nota sotto-riferita di eventi avversi al VAERS".

Uno studio dei Centers for Disease Control che analizza i rapporti VAERS dal 1991 al 2001 ha avvertito che gli eventi avversi possono essere sotto-riportati. La Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha ammesso di essere stata incapace di tracciare gli eventi avversi riguardanti i vaccini COVID-19. In una lettera a Pfizer del 23 agosto 2021, la FDA ha dichiarato: "il sistema di farmacovigilanza che la FDA è tenuta a mantenere ... non è sufficiente per valutare questi gravi rischi".

Perché i medici dovrebbero omettere di segnalare eventi avversi, compresi i decessi, tra i pazienti vaccinati di recente? Considerate gli avvertimenti feroci emessi dalle organizzazioni mediche nazionali e dalle commissioni mediche statali, che minacciano di togliere la licenza a qualsiasi medico che metta in dubbio la sicurezza dei vaccini COVID-19. Se mettere in dubbio la sicurezza dei vaccini può distruggere la tua carriera e i tuoi mezzi di sostentamento, creeresti una registrazione pubblica permanente allegando il tuo nome e numero di licenza a un rapporto che fa proprio questo?

Recensioni sulla sicurezza fatalmente difettose

Di nuovo, non è diffondere disinformazione prendere nota di queste cifre, chiedere cosa significano e sollevare la possibilità che la vera portata di questi eventi sia sottorappresentata. Ma tutto questo non implica forse che il processo di revisione della sicurezza stabilito dalla FDA e dalle aziende farmaceutiche per i vaccini COVID-19 possa essere fatalmente difettoso?

In una parola, sì. Dalle rivelazioni di un informatore sulle "cattive pratiche" e i problemi di "integrità dei dati" di un subappaltatore della Pfizer coinvolto nelle prove di sicurezza, alla minimizzazione da parte della Pfizer delle lesioni catastrofiche come disagio minore nella sperimentazione per la fascia di età 12-15 anni, ai potenziali conflitti di interesse nei comitati consultivi sui vaccini della FDA, ci sono molte ragioni per essere gravemente preoccupati per l'integrità del processo di revisione della sicurezza per i vaccini COVID-19.

Altrettanto pressanti sono queste domande: come ha fatto il processo a rompersi così male, e perché tutti i tradizionali amministratori indipendenti dell'interesse pubblico, compresi i media e il mondo accademico, sono rimasti in silenzio di fronte a così tanti fallimenti evidenti? Ancora di più, perché sono stati complici della censura che mette a tacere chiunque sollevi questi problemi?

Mettere in dubbio la competenza e l'integrità delle burocrazie governative come la FDA non fa di qualcuno una cattiva persona o un divulgatore di disinformazione. Le burocrazie governative possono sbagliare, e storicamente i cittadini delle democrazie hanno visto come non solo il loro diritto ma il loro dovere di esaminare le decisioni dei funzionari pubblici. Il dissenso è parte integrante del sacro patto tra governo e governati che sta alla base di una società libera, e gli americani permettono che l'attuale regime di censura continui a loro estremo pericolo.


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia