David Stockman sulla prospettiva della terza guerra mondiale

 

David Stockman sulla prospettiva della terza guerra mondiale

Queste persone sono così abissalmente ignoranti di storia, geografia, economia e dei mezzi di una vera minaccia alla sicurezza nazionale che pensano che la mappa qui valga la terza guerra mondiale?


L'Ucraina non ha mai avuto confini stabili, né è mai stata uno stato nazionale indipendente di lunga data.


 Infatti, per centinaia di anni sotto gli zar e i commissari, l'Ucraina è stata nel migliore dei casi uno stato vassallo e soprattutto una satrapia provinciale di Mosca. I suoi attuali confini sono stati effettivamente disegnati con precisione dagli apparatchiks comunisti durante l'era sovietica e successivamente abbracciati dal governo di Kiev che è emerso nel 1991 quando l'Unione Sovietica è improvvisamente evaporata.


La storia dell'Ucraina può essere riassunta come segue:

  • 700 anni circa come un insieme di confini serpeggianti alla ricerca di un paese (dal 1200 d.C. al 1922);
  • 69 anni come appendice amministrativa dei governanti totalitari sovietici a Mosca, che hanno purgato i tartari e ripiantato i russi nelle regioni orientali lungo la strada;
  • 23 anni come uno stato-nazione fortuito, nato quando il più grande e malvagio impero della storia è crollato da un giorno all'altro (1991-2014); e
  • 7 anni come pretesto per gli interventisti di Washington, i neocon e i democratici anti-Trump per riaccendere le paure della guerra fredda, per meglio mantenere saldamente al loro posto i bilanci di sicurezza nazionale orrendamente gonfiati.

Eppure questi politici repubblicani volpinizzati e i neocon blaterano di "debolezza" e di minacce fasulle alla nostra sicurezza nazionale. Vediamo la portata di questa minaccia.


Il PIL dell'area metropolitana di New York City è di circa 1,7 trilioni di dollari, che è ben più del PIL della Russia del 2020 di 1,6 trilioni di dollari. E questo, a sua volta, è solo il 7% del PIL americano di 22 trilioni di dollari.


In termini di produzione manifatturiera, il valore aggiunto annuo della Russia è attualmente (2020) di circa 197 miliardi di dollari, che ammonta ad appena l'8% dei 2,35 trilioni di dollari dell'economia statunitense.


Fondamentalmente, l'economia russa non può sostenere uno stabilimento militare vicino a quello di Washington imperiale. Per esempio, i suoi 65 miliardi di dollari di spese militari nel 2020 ammontano a meno di 32 giorni degli attuali 755 miliardi di dollari di spese per la difesa di Washington.


Ci si può chiedere come la Russia possa lontanamente minacciare la sicurezza interna dell'America, a meno che non si tratti di un primo attacco nucleare suicida.


Ricordiamo che il residuo dell'arsenale di armi strategiche sovietiche a disposizione di Putin ammonta oggi a 4.500 testate nucleari operative, di cui meno di due quinti sono effettivamente impiegate. Questo si confronta con le 4.600 armi nucleari dell'arsenale statunitense, con una frazione simile effettivamente impiegata.


Di conseguenza, ciò che esiste sul fronte nucleare è uno stato di deterrenza reciproca (MAD) - l'accordo con cui abbiamo superato 45 anni di guerra fredda quando il Cremlino era gestito da un'oligarchia totalitaria impegnata in un'ideologia ostile; e durante il quale è stato armato fino ai denti attraverso uno stanziamento forzato di oltre il 40% del PIL dell'impero sovietico all'esercito.


In confronto, il bilancio della difesa russa ammonta attualmente ad appena il 4% dell'anemica economia attuale del paese - una economia priva dei vasti territori e delle popolazioni di Bielorussia, Ucraina, Georgia, Uzbekistan, Kazakistan e tutti gli "stan" asiatici tra gli altri.


Eppure, date queste realtà, dovremmo credere che il cleptomane evidentemente calcolatore e cauto che gestisce il Cremlino stia per impazzire, sfidare la MAD e scatenare un Armageddon nucleare?


Infatti, l'idea che la Russia rappresenti una minaccia alla sicurezza nazionale dell'America è ridicola.


Non solo Putin non rischierebbe mai il suicidio nucleare, ma anche questa fantasia è l'estensione di ciò che ha. Cioè, la capacità convenzionale della Russia di proiettare la forza sul continente nordamericano è inesistente.


Inoltre, il canard che la massiccia armata convenzionale di Washington sia necessaria per difendere l'Europa è una ridicola sciocchezza.


L'Europa può e deve prendersi cura della propria sicurezza e delle relazioni con il suo vicino nel continente eurasiatico.


Dopo tutto, il PIL della sola Europa della NATO è di 17.000 miliardi di dollari o 11 volte superiore a quello della Russia, e gli attuali bilanci militari dei membri europei della NATO ammontano a circa 300 miliardi di dollari o 4,4 volte più di quello della Russia.


Ma, cosa più importante, le nazioni e i popoli europei non hanno davvero alcun contrasto con la Russia di Putin, né la loro sicurezza è minacciata da quest'ultima. Tutte le tensioni che esistono e che sono venute a galla dopo il colpo di stato illegale a Kiev nel febbraio 2014 sono state fomentate da Washington imperiale e dai suoi subalterni europei nella macchina della NATO.


Come tutto ciò che è stato esaminato sopra, la fonte dell'attuale calamità che si dice sulla Russia è lo Stato di guerra. Cioè, l'esistenza di una vasta macchina di manovra militare, diplomatica ed economica che è sempre a caccia di missioni e mandati e che può mobilitare una massiccia campagna di propaganda alla minima eccitazione.


L'assurdità post-1991 di rafforzare la NATO e di estenderla nell'Europa dell'Est piuttosto che liquidarla dopo aver raggiunto la "missione compiuta" è solo un'altra manifestazione del suo impatto nefasto.


In verità, l'espansione della NATO è la causa di fondo dell'inutile tensione dell'America con la Russia e della paranoia di Putin sui suoi confini e vicini.


Fonte: coercioncode

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia