Dettagli della denuncia di Djokovic: ecco come è stato molestato in aeroporto minuto per minuto!

 

Dettagli della denuncia di Djokovic: ecco come è stato molestato in aeroporto minuto per minuto!

Il miglior tennista del mondo Novak Djokovic sta ancora vivendo la torta delle autorità australiane che lo hanno messo in quarantena al suo arrivo in quel Paese, e si prevede che nella notte tra domenica e lunedì CET scoprirà la decisione finale se essere espulso o autorizzato a esibirsi agli Australian Open!

Novak è sbarcato a Melbourne mercoledì intorno a mezzanotte ora locale, e le autorità gli hanno revocato il visto - nonostante avesse tutte le condizioni per ottenerlo - e volevano espellerlo immediatamente. Il tennista serbo si è lamentato e non è voluto tornare indietro, e nel frattempo la denuncia presentata da Djokovic è stata pubblicata in 35 pagine, scrive Telegraf .


Primo segmento: Introduzione ai fatti

1. Djokovic è arrivato in Australia poco prima della fine del 5 gennaio, con l'obiettivo di partecipare agli Australian Open a partire dal 17 gennaio


2. Djokovic aveva un visto per attività temporanea (sottoclasse 408), di seguito "visto", che gli è stato rilasciato il 18 novembre 2021. In quanto titolare di tale visto, Djokovic aveva il permesso di viaggiare, entrare e soggiornare in Australia. Quel visto, cioè il diritto di entrare ed essere in Australia, non è in alcun modo condizionato dal suo stato di vaccinazione.


3. Il 30 dicembre 2021, Djokovic ha ricevuto una lettera dal Chief Medical Officer della Tennis Association of Australia (di seguito denominato "Certificato di esenzione") in cui si affermava di aver ricevuto la "Esenzione medica dalla vaccinazione Kovid" per motivi che si era recentemente ripreso da Kovid. Questo certificato afferma anche quanto segue:


a) La data della prima convocazione del test Kovid PCR è stata registrata il 16 dicembre 2021, in questo momento (quando è stato pubblicato il Certificato di esenzione) erano trascorsi 14 giorni e il signor Djokovic non aveva né febbre né sintomi respiratori di Kovid nelle ultime 72 ore ;


b) Il certificato di esenzione è stato rilasciato dall'Independent Professional Medical Review Board, assunto dalla Tennis Association of Australia;


c) La decisione di tale comitato è stata esaminata e supportata da un Medical Board for the Exemption Review indipendente, istituito dal governo dello Stato australiano del Victoria;


e) Le condizioni per l'esenzione sono in linea con le raccomandazioni stabilite dall'Australian Technical Advisory Group on Immunization (di seguito "ATAGI") (importante sigla, è una controparte del nostro Crisis Staff e apparirà più volte di seguito);


4. Il 1° gennaio 2022, Djokovic ha ricevuto anche un documento dal Dipartimento dell'Interno (OUP) relativo alla sua "Dichiarazione di viaggio australiana" (APD). L'APD afferma che "al sig. Djokovic è consentita una dichiarazione di viaggio" e che "tutto indica che ha soddisfatto tutti i requisiti necessari per il viaggio e l'arrivo in Australia senza quarantena, che è stata consentita dall'istituzione competente al suo arrivo", in questo caso stato federale del Victoria.


Tenendo presente che:

a) disponeva di un visto che non era condizionato da alcuna questione rilevante;


b) disponeva di un certificato di esenzione medica dalla vaccinazione, rilasciato dall'organizzatore del torneo, e rilasciato dopo l'esame di un comitato formato dal governo dello Stato del Victoria;


c) di aver ricevuto dal Dipartimento degli Affari Interni un documento attestante il possesso delle condizioni per viaggiare senza quarantena


Djokovic ha capito la situazione tanto da avere il diritto di entrare in Australia, e nel suo stato federale di Victoria, e di partecipare agli Australian Open", si legge all'inizio dell'appello.


Secondo segmento: errori di processo

Nella denuncia si rileva poi che il rappresentante del Dipartimento degli affari interni (di seguito “Delegato”) all'aeroporto di Melbourne ha maltrattato abbastanza Novak Djokovic, inducendolo a compiere delle mosse sbagliate, impedendogli di usufruire di un valido patrocinio a spese dello Stato e simili.


Dettagli del reclamo:

  • Intorno al 4 novembre, 6 gennaio, Djokovic è stato informato che intendeva ottenere la revoca del visto ai sensi dell'articolo 116 della legge sulla migrazione del 1958 (di seguito "Avviso").


  • La conversazione con Djokovic è iniziata intorno al 6 luglio


  • Intorno alle 7.29 il Delegato ha approvato la citata Decisione (sulla revoca del visto)


  • Intorno alle 7:42, Djokovic ne è stato informato


  • Dopo di che, Djokovic è stato portato al Park Hotel, dove è stato finora detenuto, con il rifiuto delle sue richieste di trasferirsi in un luogo più dignitoso che gli permetterebbe di allenarsi per gli Australian Open se l'appello darà i suoi frutti.


  • Annullando il visto, il ministro dell'Interno ha violato l'articolo 119, comma 1, della legge sull'immigrazione perché non ne ha informato adeguatamente Djokovic, né, come prevede la legge, ha ricevuto feedback da Djokovic di aver compreso tutto ciò che gli era stato addebitato con e ha accettato che, o, se non ha accettato, che la spiegazione per cui il suo visto è stato negato fosse razionale e ragionevole, cosa che Djokovic sostiene non fosse il caso.


  •  Infine, la decisione del Ministro di revocare il visto di Djokovic può essere giuridicamente valida solo se effettuata nei termini previsti dalla legge, o, al contrario, nell'ambito di una buona pratica legale (cosa che Djokovic sostiene non fosse il caso), nonché processo decisionale procedurale valido, compresa la durata della conversazione e la tempistica del processo decisionale (cosa che Djokovic sostiene non era il caso quando si trattava della validità della procedura).




Forse il più importante è il punto 23 del ricorso, che afferma molto chiaramente la seguente affermazione difensiva di Novak:


- Né l'"Australian Biosafety Act" né alcun altro strumento giuridico da esso derivante ha come regola ferrea che "nessuno può entrare in Australia senza essere vaccinato", o che la condizione è avere una sorta di "esenzione".


Il punto 26 afferma che la decisione di esenzione dal visto del Delegato è stata "supportata da un riferimento all'articolo 116, paragrafo 1, punti e, d, i, della legge sull'immigrazione", ma non vi è alcun motivo giuridicamente valido in tali articoli a causa di chi sarebbe privato del visto di Djokovic.


Gli avvocati affermano addirittura che il Delegato può aver potuto fare riferimento all'articolo 119 della citata legge, ma che da esso non sussistono i presupposti per la revoca del visto, e che quando "come è il caso degli articoli 118 e 124-1, solo l'Avviso (sull'abolizione del visto) è nullo, quindi non vi è alcun fondamento per la sua abolizione, e la Decisione finale del Delegato sull'abolizione del visto di Djokovic è nulla.


Gli avvocati si sono riferiti alla causa presso la Corte Federale dell'Australia, Guklukol v. The Minister of the Interior, quando una situazione molto simile è stata dichiarata dalla Corte nella motivazione dell'accoglimento del ricorso. "Ogni successivo esercizio della forza comporta un errore giudiziario perché non ci sono circostanze invocate da quella forza".


Al punto 34 della denuncia, gli avvocati difensori di Djokovic affermano che il Delegato ha sottolineato che "la precedente infezione da Kovid non è considerata una controindicazione medica alla vaccinazione Kovid in Australia", ma che tale atteggiamento non è previsto dalla legge sulla biosicurezza. Nel punto successivo, i legali affermano che Djokovic ha chiaramente indicato al delegato quanto scritto nelle linee guida ATAGI, ovvero come ivi viene definita la “controindicazione medica”, ma che di questo non si è affatto tenuto conto. Djokovic ha sottolineato che, secondo il citato regolamento ATAGI, il recente contagio di Kovid è considerato una controindicazione alla vaccinazione, ma il Delegato ha rifiutato di tenerne conto.


Terzo segmento: Molestie da parte di rappresentanti del Dipartimento degli affari interni

Già nel Conte 36, la Difesa precisa che nella Spiegazione della decisione di revocare il visto, "il Delegato ha utilizzato la forma passiva... 'non è stato preso in considerazione' (quello che Djokovic ha sostenuto sul recente contagio come motivo di non vaccinato) ... ma non ha spiegato - da chi non è stato preso in considerazione? Ciò indica fortemente che il Delegato ha costruito la sua posizione su informazioni o indicazioni provenienti da un'altra fonte, o politica.


Lo si vede chiaramente nella dichiarazione del Dipartimento dell'Interno, datata 5 gennaio 2022, mentre il signor Djokovic stava volando in Australia. La dichiarazione fa riferimento ai "rigorosi requisiti di confine" dell'Australia in diversi luoghi e sottolinea che le persone non vaccinate possono godere degli stessi diritti di viaggio delle persone completamente vaccinate "solo se mostrano prove accettabili che non possono essere vaccinate per motivi medici". Tuttavia, non ci sono "requisiti severi di frontiera" per una persona da vaccinare per entrare in Australia. Ciò non è previsto nella legge, o nei regolamenti, o condizionando il visto di Djokovic, o nella legge sulla biosicurezza, o in alcun modo. Tuttavia, secondo i difensori di Djokovic, la semplice enfasi sull'importanza di alcuni "rigorosi requisiti di confine" suggerisce che in questo caso viene utilizzata un'altra politica o principio.


Inoltre, al punto 61 della denuncia, gli avvocati affermano che Djokovic ha interrotto ad un certo punto il Delegato con le parole "Scusa, ma non è vero", quando ha sottolineato che "non si tiene conto della precedente infezione di Kovid", ma sebbene Djokovic abbia insistito sui dettagli dell'Esenzione medica, il Delegato non ha voluto tenerne conto, che gli avvocati hanno definito un "errore giurisdizionale", che in seguito ha citato come uno dei motivi per accettare questo ricorso.


Gli avvocati sottolineano che Djokovic ha fornito prove sotto forma di un recente test Kovid positivo dell'Istituto di sanità pubblica della Serbia, quindi ha fornito i risultati di un medico, il dottor Borderik, e poi di altri due, che hanno confermato di avere ragioni per esenzione medica vaccinazioni, a causa di una recente infezione), e questi documenti sono stati esaminati da due gruppi di esperti australiani che, alla fine, gli hanno rilasciato un certificato ufficiale di esenzione medica. Pertanto, i difensori sottolineano che il Delegato ha richiesto illegittimamente alcune prove sulla base del Bio-Security Act, sulla base di norme inesistenti, quindi quando ha stabilito che "il signor Djokovic non ha quelle prove", ha iniziato la procedura di esenzione dal visto.


Molestie in aeroporto

Gli avvocati affermano quanto segue nel loro ricorso:

- Intorno alle 00:21 e 00:52, con una breve pausa di pochi minuti, il Delegato ha intervistato Djokovic


- Intorno alle 03:55, il Delegato ha informato Djokovic che avrebbe compilato l'Avviso. È stato compilato il 04.11. Il delegato ha quindi informato Djokovic che gli sono stati concessi 20 minuti per fare un'ulteriore dichiarazione sulla notifica.


- Djokovic ha chiesto al Delegato di aspettare fino alle 08.00 per poter chiamare la Tennis Association of Australia e "cercare di capire cosa sta succedendo", e dopo un nuovo scambio di parole, Djokovic ha chiesto ancora una volta più tempo per ottenere maggiori informazioni dal suo agente. Il delegato ha poi detto che avrebbe anche "parlato con i suoi capi".


- Intorno alle 05.20, il delegato ha confermato che Djokovic ha chiesto più tempo per rafforzarsi e "parlare di nuovo con il suo consulente legale", e che ha chiesto di continuare il confronto nel periodo dalle 08.00 alle 08.30. Delgat ha poi detto che "va assolutamente bene, ho parlato con le mie autorità e sono più che felici che possano darti del tempo per riposare". La conversazione è stata quindi interrotta alle 05.22 e Djokovic è stato portato fuori dalla sala colloqui dell'aeroporto.


- Il prossimo periodo menzionato nella trascrizione è 06:07. Ma Djokovic ha prove che nel frattempo siano accadute cose significative, anche se non sono nella trascrizione ufficiale perché non sono accadute nella stanza degli interrogatori. Mentre Djokovic aspettava sul divano, davanti alla stanza menzionata, e aspettava che si preparasse un letto su cui almeno prendersi una pausa, due dei Supervisori del Delegato gli si avvicinarono. Gli chiesero se volesse riposare fino alle 08.30, e in quell'occasione fu dichiarato quanto segue:


- Djokovic ha detto che vuole riposare, ma, come ha affermato in precedenza, "che vuole anche aiuto, supporto legale e consigli dai suoi rappresentanti che stanno attualmente dormendo, quindi è difficile assumerne nessuno in questo momento".


- I supervisori hanno detto a Djokovic che i suoi rappresentanti legali non potranno impugnare la decisione di annullare il visto fino a quando non sarà presa la decisione di annullare. Uno di loro ha aggiunto quanto segue: "Prima viene presa una decisione, meglio è per te (Djokovic) e i tuoi rappresentanti, perché se non annullano il visto, allora puoi sicuramente andare a Melbourne ora o dove soggiornerai già , ma se il tuo visto viene revocato, il tuo team legale sa cosa fare e può iniziare a difendersi".


- Djokovic ha poi detto che doveva parlare con qualcuno e pensare a cosa fare, perché era confuso. I supervisori lo lasciarono e fu portato in un letto che era stato riposto per lui nella stanza accanto, cosa che accadde intorno alle 17:30.


- Verso le sei del mattino, il Delegato ei suoi funzionari svegliarono Djokovic. C'è stato un altro scambio di parole in cui Djokovic ha fatto notare di voler aspettare fino alle 08.30, mentre uno dei supervisori gli ha fatto pressioni affinché accettasse che la decisione (sull'abolizione del visto) dovesse essere presa immediatamente. Ad esempio, Djokovic dice di voler aspettare fino alle otto e mezza, e il supervisore dice che "Djokovic ha già fatto notare che non ha altro da aggiungere". Djokovic ha detto che potrebbe ancora aggiungere qualcosa tra poche ore, dopo i colloqui con gli avvocati. In diverse pagine della trascrizione, si può vedere che il supervisore ha fatto pressioni su Djokovic affinché continuasse immediatamente il colloquio, e Djokovic aveva già espresso l'opinione "che annullerà il mio visto, è ovvio", quindi si è scoraggiato, convinto che ci fosse non c'era più scelta, accettai di terminare l'intervista anche allora.


- Il colloquio è stato interrotto alle 06.14 e alle 07.29 il Delegato ha deciso di annullare il visto. Dieci minuti dopo è tornato nella stanza dei colloqui e alle 07:42 Djokovic è stato informato della decisione.


Gli avvocati del ricorso affermano poi che:

- In primo luogo, Djokovic ha trascorso 25 ore in viaggio e il Delegato ha potuto vedere chiaramente dalla sua carta di viaggio e dal passaporto che Djokovic aveva appena completato un lungo volo da Dubai;


- In secondo luogo, che il Delegato potesse vedere lo shock, la sorpresa e la confusione di Djokovic, convinto di aver fatto tutto ciò che gli era stato richiesto per entrare in Australia, e allo stesso tempo non capiva quali ulteriori informazioni gli chiedesse il Delegato;


- Terzo, Djokovic era costantemente alla ricerca di tempo extra per parlare con le persone della Tennis Association of Australia, l'agente e i suoi avvocati, al fine di rispondere meglio alle domande del Delegato;


- In quarto luogo, il delegato ha accettato di concedere a Djokovic una pausa fino alle 08:30, per riposare e parlare con TS Australia, agente e avvocati. (che non è stato rispettato);


- Quinto, Djokovic è stato poi spinto dai supervisori del Delegato a dedicarsi nuovamente al colloquio, e hanno affermato che sarebbe stato meglio per lui farlo immediatamente e che sarebbe stato meglio per lui se la decisione fosse presa immediatamente, invece di attesa Djokovic si sta consultando con i suoi rappresentanti legali.


Conclusione

Se Djokovic avesse avuto più tempo per difendersi, cioè per consultarsi con il Comitato Centrale Australiano e i suoi rappresentanti legali, avrebbe potuto chiarire al Delegato:


1) che le linee guida ATAGI indicano inequivocabilmente che le infezioni pregresse riducono il rischio di reinfezione per almeno i prossimi sei mesi;


2) che ATAGI propone alle persone che hanno avuto conferma mediante PCR di infezione da SARS-CoV-2 di non essere vaccinate nei prossimi sei mesi, che costituisce un'esenzione temporanea "per grave malattia medica acuta";


3) potrebbe fornire ulteriori dettagli sulla propria esenzione medica, nonché dati sull'anonimato in base al quale è stata deliberata l'esenzione, sull'eminenza dei membri di entrambe le commissioni, e simili;


Nella conclusione del ricorso si affermano anche alcune altre normative australiane che Djokovic avrebbe potuto invocare, sia in termini procedurali che medici, per poter contattare i rappresentanti legali, quindi gli avvocati sperano che tutto quanto sopra basti per revocare la decisione del Il Dipartimento dell'Interno ha permesso a Novak Djokovic di rimanere in Australia e quindi di partecipare agli Australian Open.


Fonte: atvbl

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia