Gli allarmisti dei cambiamenti climatici ora come nel 1961

 

Gli allarmisti dei cambiamenti climatici ora come nel 1961
Da conservativewoman


Per diversi anni il pubblico è stato bombardato con minacce di tempo estremo per fargli il lavaggio del cervello sui pericoli del cambiamento climatico. Ogni volta che c'è un po' di maltempo viene trasmesso dai media 24 ore su 24, 7 giorni su 7, il che naturalmente ha l'effetto di far credere al pubblico che "le cose stanno peggiorando". Questo è poi sostenuto da ripetute affermazioni che il riscaldamento globale è da biasimare, rendendo tali eventi più frequenti e più gravi.


Come parte di questo assalto propagandistico, la BBC ha trasmesso un video mensile Climate Check negli ultimi due anni, di solito presentato dal meteorologo Ben Rich, che sperano dia un sapore di autenticità. L'edizione del mese scorso era un riassunto del 2021. Secondo l'introduzione: "Incendi, inondazioni, ondate di calore e siccità - il 2021 è stato un altro anno di estremi notevoli in tutto il mondo". 


Il video continua poi a coprire un'ondata di calore in Canada, inondazioni in Canada, Germania, Cina, India e Australia, l'uragano Ida, incendi in Grecia e una siccità in Africa orientale. Nessuno di questi era senza precedenti, eppure c'era la solita affermazione sciatta che il riscaldamento globale sta facendo peggiorare tutti questi tipi di eventi. Non viene fornita alcuna prova o dato per sostenere queste assurde affermazioni, che sono puramente derivate da modelli informatici truccati da scienziati allarmisti.


Il nostro tempo è davvero peggiore che in passato? Recentemente ho guardato indietro al tempo del mondo di 50 anni fa, nel 1971. Il tempo di quell'anno è stato tanto brutto quanto quello visto quest'anno o nel recente passato.


Il 1971 fu eccezionale? Torniamo al 1961 per un altro punto di vista.


È ironico che Ben Rich abbia iniziato il rapporto del mese scorso dicendo "Se c'è un posto al mondo che riassume un anno di tempo estremo, è il Canada", perché avrebbe potuto dire esattamente lo stesso se avesse fatto il suo Climate Check 60 anni fa.


La siccità di quell'estate nelle praterie canadesi era considerata all'epoca persino peggiore degli anni del dustbowl del 1930. Molti luoghi non avevano ricevuto precipitazioni adeguate per un anno e mezzo, e i raccolti furono devastati, come descrive questo video della CBC.


Gli incendi bruciarono milioni di acri in gran parte del Canada in quella che fu chiamata all'epoca 'The Angriest Summer'.


Per finire, le inondazioni uccisero una famiglia di cinque persone a Timmins, Ontario, in agosto, in seguito a 15cm di pioggia in 12 ore

Inondazioni catastrofiche colpirono molte altre parti del mondo quell'anno. Il Nuovo Galles del Sud soffrì alcune delle peggiori inondazioni della sua storia nel novembre 1961, probabilmente superate solo da quelle del 1900. Il Nepean Times riportò: Durante una settimana di pioggia in cui 474 mm di pioggia furono registrati all'ufficio postale, Penrith ricevette metà delle sue precipitazioni annuali in due giorni". 


Nella stessa settimana, la BBC riportava la notizia della Somalia colpita dalle inondazioni: "Rapporti non confermati indicano in 300.000 il numero dei senzatetto...". Il primo ministro ha detto che quasi tutti i raccolti di cibo della Somalia sono stati distrutti, e ha detto che si dovrà trovare cibo per circa 600.000 persone per otto mesi, fino al prossimo raccolto".


Anche gli Stati Uniti sono stati duramente colpiti dalle inondazioni del 1961. 'Diffuse, prolungate e disastrose' inondazioni hanno colpito Mississippi, Louisiana e Alabama in febbraio e marzo, seguite dal Midwest in maggio e dall'Idaho in giugno. L'inondazione più tragica dell'anno fu a luglio a Charleston, West Virginia, quando un'inondazione di una piccola area con nubifragio causò 22 morti. Gravi inondazioni si sono verificate anche a dicembre in Mississippi, Louisiana e Alabama.


Le peggiori inondazioni di quell'anno negli USA furono portate dall'uragano Carla a settembre, una tempesta di categoria 4 con venti di 170 miglia orarie, che lasciò una scia di devastazione dal Texas all'Illinois, inclusi 34 morti, 1.900 case distrutte e un numero record di tornado.


La stagione degli uragani atlantici del 1961 ne vide due nella più potente categoria 5, Esther e Hattie, rendendola una delle sole sette stagioni degli uragani atlantici a presentare più uragani di categoria 5 in una stagione. Hattie devastò Belize City, danneggiando il 70% degli edifici. Il danno fu così grave che il governo si trasferì nell'entroterra in una nuova città, Belmopan.


Il 1961 non fu certamente un anno eccezionale e la storia è disseminata di disastri meteorologici come questi. L'idea che il tempo di oggi sia più "notevole" o "estremo" non solo è ridicola, ma non ha alcuna base di fatto. Ma Ben Rich non ha alcuna intenzione di presentare un resoconto obiettivo del tempo dello scorso anno. La sua dichiarazione finale dà il via al gioco: "Il 2021 ha messo a fuoco l'impatto che il maltempo sta avendo sulle popolazioni di tutto il mondo. Limitare l'aumento delle temperature globali a 1,5C era in cima all'agenda del COP26 a Glasgow, con gli scienziati che esortavano i leader mondiali a impegnarsi a tagliare i gas serra per evitare una catastrofe climatica".


C'è solo uno scopo in tutto questo: fare il lavaggio del cervello al pubblico per accettare l'agenda climatica dell'ONU.


Inventarsi le cose man mano che si va avanti

Si potrebbe pensare che quando il capo dell'Agenzia per l'Ambiente stava tenendo un discorso sul cambiamento climatico alla Royal Society avrebbe controllato prima i suoi fatti. Non Sir James Bevan.


L'amministratore delegato dell'agenzia si è recentemente alzato per tenere un discorso ridicolmente intitolato "Rischio di siccità nell'Antropocene: dalle fauci della morte alle acque della vita". Nel tentativo di dimostrare che il cambiamento climatico stava peggiorando le inondazioni, ha fatto l'affermazione che "in Inghilterra, tre dei cinque inverni più umidi su record sono accaduti negli ultimi otto anni", ma secondo il Met Office solo uno dei cinque si è verificato in quel periodo, nel 2013/14. Gli altri quattro sono stati 1876/77, 1914/15, 1989/90 e 1994/95.


Bevan ha anche affermato che gli inverni sono mediamente più umidi che in passato, ma erano altrettanto umidi all'inizio del 1900.


Ufficio Meteorologico del Regno Unito

Ha continuato ad avvertire che il cambiamento climatico sta rendendo le nostre estati più secche, aumentando il rischio di siccità. Come probabilmente avrete già capito, le estati in Inghilterra non stanno diventando più secche o più umide. Non sono diverse dalle estati del passato!


Ufficio Meteorologico del Regno Unito

Bevan ha lavorato come diplomatico per tutta la sua carriera prima di entrare nell'Agenzia per l'ambiente nel 2015. Il suo discorso ignorante rende la sua mancanza di qualifiche per il suo lavoro clamorosamente evidente.


I paesaggi saranno alterati per sempre, avverte il National Trust!


Per non essere superata dall'Agenzia per l'ambiente, il National Trust ha appena pubblicato la sua revisione annuale del tempo e della fauna selvatica. Come ci si aspetterebbe da un'organizzazione rilevata dall'estrema sinistra anni fa, porta avvertimenti apocalittici sulla cosiddetta crisi climatica.


Il rapporto inizia così: "La crisi climatica ha presentato quest'anno serie sfide per la natura in tutto il Regno Unito. Un inverno caldo, bassi livelli di pioggia e venti fortissimi hanno contribuito a vari disastri naturali, causando devastazioni in paesaggi preziosi e colpendo la fauna selvatica che supportano.


Come al solito confondono il 'tempo' con il 'clima'.


Secondo la BBC, il rapporto avverte che alcuni dei paesaggi sotto il controllo del Trust vengono alterati per sempre, poiché il cambiamento climatico rende alcune forme di tempo estremo il nuovo normale.


Sì, gli stessi paesaggi che sono rimasti in gran parte inalterati per migliaia di anni, oltre che dall'uomo: attraverso il calore del Medioevo e il freddo della Piccola Era Glaciale, e molti altri cicli climatici precedenti, e attraverso le enormi differenze che vediamo di anno in anno. Il National Trust pensa che siamo tutti un branco di idioti?


E le loro prove per questa assurda affermazione?

1) Gli incendi della brughiera, dovuti alle primavere secche causate dal cambiamento climatico.

Solo un piccolo problema però. Le nostre primavere non stanno diventando più secche, né più umide:


2) Morte del frassino - causata da "inverni più caldi/maggiori

Il clima non ha nulla a che fare con il dieback, una malattia causata da un'infestazione fungina. Si sta diffondendo rapidamente in Europa dalla sua introduzione circa 30 anni fa dall'Asia orientale. Prospera in tutti i climi - caldo, freddo, umido e secco.


3) Tempo tempestoso

Le tempeste hanno abbattuto alberi da tempo immemorabile. Ma solo perché il Met Office ora dà loro nomi stupidi, il National Trust pensa che debbano peggiorare. In realtà, è vero il contrario, come dimostrano chiaramente i dati del Met Office:

Gli allarmisti dei cambiamenti climatici ora come nel 1961

La fauna selvatica che soffre per il cambiamento climatico - National Trust

Incredibilmente il loro rapporto finisce:

Gli allarmisti dei cambiamenti climatici ora come nel 1961
Affrontare il cambiamento climatico

Non è ora che si concentrino invece sul loro vero lavoro?


Da conservativewoman


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia