La lezione del Covid: quando le persone sono ansiose, isolate e senza speranza, sono meno pronte a pensare criticamente

La lezione del Covid: quando le persone sono ansiose, isolate e senza speranza, sono meno pronte a pensare criticamente

I media corporativi non sono nostri amici. La sua copertura della pandemia non è lì per promuovere il bene pubblico. È lì per alimentare le nostre ansie, farci tornare per avere di più, e monetizzare quell'angoscia. L'unica cura per questa malattia? Molto più pensiero critico.

Di Jonathan Cook


Quando critico l'ingerenza in Siria da parte della Gran Bretagna e dell'America, o il loro sostegno a gruppi che altrove sono considerati terroristi, non ne consegue che io sia, quindi, un sostenitore della dittatura di Bashar Assad o che io pensi che ai siriani dovrebbe essere negato un sistema politico migliore. Allo stesso modo, quando critico Joe Biden o il partito democratico, non ne consegue necessariamente che penso che Donald Trump sarebbe stato un presidente migliore.


Uno dei principali obiettivi del pensiero critico è quello di stare fuori dai dibattiti tribali, dove le persone sono pesantemente investite in particolari risultati, ed esaminare i modi in cui i dibattiti sono stati inquadrati. Questo è importante perché uno dei modi principali in cui il potere si esprime nelle nostre società è attraverso la costruzione di narrazioni ufficiali - di solito attraverso i media di proprietà dei miliardari - e il controllo e la formazione del dibattito pubblico.


Si viene manipolati - propagandati - anche prima di impegnarsi in un argomento se si guarda solo alla sostanza di un dibattito e non ad altre questioni: come la sua tempistica, perché il dibattito sta avendo luogo o perché è stato permesso, cosa non viene menzionato o è stato oscurato, cosa viene enfatizzato, e cosa viene trattato come pericoloso o ripugnante.

Se vuoi essere trattato come un adulto, un partecipante attivo e informato nella tua società piuttosto che un foglio bianco su cui gli interessi potenti stanno scrivendo le loro narrazioni egoistiche, hai bisogno di fare più pensiero critico possibile - e specialmente sugli argomenti più importanti del giorno.


Curva di apprendimento

L'opportunità di diventare più informati e perspicaci su come i dibattiti vengono inquadrati, piuttosto che su ciò che apparentemente riguardano, non è mai stata così grande. Nell'ultimo decennio, i social media, anche se la finestra che offrivano si sta rapidamente restringendo, hanno permesso a un gran numero di noi di scoprire per la prima volta quegli scrittori che, attraverso la loro più profonda familiarità con un argomento specifico e la loro conseguente maggiore resistenza alla propaganda, possono aiutarci a pensare in modo più critico su ogni tipo di questione - Russia, Venezuela, Iran, Israele-Palestina, la lista è infinita.


Questa è stata una ripida curva di apprendimento per molti di noi. È stato particolarmente utile nell'aiutarci a sfidare le narrazioni che vilipendono i "nemici ufficiali" dell'Occidente o che velano il potere corporativo - che ha effettivamente usurpato quello che una volta era il potere politico più visibile e, quindi, responsabile degli stati occidentali. Nel nuovo clima più critico, il ruolo delle industrie belliche - lasciateci in eredità dal colonialismo occidentale - è diventato particolarmente visibile.


Ma ciò che è stato più scoraggiante degli ultimi due anni di Covid è la rapida inversione dei guadagni fatti nel pensiero critico. Forse questo non dovrebbe sorprenderci del tutto. Quando le persone sono in ansia per se stesse o per i loro cari, quando si sentono isolate e senza speranza, quando la "normalità" è venuta meno, è probabile che siano meno pronte a pensare criticamente.


L'aggressione che tutti noi abbiamo provato durante Covid rispecchia l'assalto emotivo e psicologico che il pensiero critico può generare. Pensare criticamente aumenta l'ansia esponendoci in modo scomodo al carattere spesso artificiale della realtà ufficiale. Può lasciarci isolati e meno speranzosi, specialmente quando amici e familiari si aspettano che siamo profondamente investiti nella sostanza - il gioco delle ombre - dei dibattiti ufficiali e tribali come loro. E mina il nostro senso di ciò che è "normale", rivelando che spesso è ciò che è utile alle élite di potere piuttosto che ciò che è utile al bene pubblico.


Resilienza emotiva

Ci sono ragioni per cui le persone sono attratte dal pensiero critico. Spesso perché sono stati esposti in dettaglio a una questione particolare che ha aperto i loro occhi a manipolazioni narrative più ampie su altre questioni. Perché hanno gli strumenti e gli incentivi - l'educazione e l'accesso alle informazioni - per esplorare più a fondo alcune questioni. E, forse la cosa più importante, perché hanno la resilienza emotiva e psicologica per affrontare la rimozione della patina delle narrazioni ufficiali per vedere la realtà più squallida che c'è sotto e per afferrare i temibili ostacoli alla liberazione dalle élite corrotte che ci governano e ci stanno spingendo verso l'oblio ecocida.


Le ansie prodotte dal pensiero critico, il senso di isolamento e il crollo della "normalità" sono in un certo senso scelte. Sono autoinflitte. Scegliamo di fare il pensiero critico perché ci sentiamo in grado di affrontare ciò che porta alla luce. Ma Covid è diverso. La nostra esposizione a Covid, a differenza del pensiero critico, è stata completamente fuori dal nostro controllo. E peggio, ha approfondito le nostre insicurezze emotive e psicologiche. Fare pensiero critico in un periodo di Covid - e soprattutto su Covid - è aggiungere un grande strato extra di ansia, isolamento e disperazione.


Covid ha evidenziato le difficoltà di essere insicuri e vulnerabili, sottolineando così perché il pensiero critico, anche in tempi buoni, è così difficile. Quando siamo ansiosi e isolati, vogliamo soluzioni rapide e rassicuranti, e vogliamo qualcuno da incolpare. Vogliamo figure autoritarie di cui fidarci e che agiscano in nostro nome.


Pensiero complesso

Non è difficile capire perché la pallottola magica dei vaccini - ad esclusione di tutto il resto - sia stata afferrata con tanto fervore durante la pandemia. L'affidamento esclusivo ai vaccini è stato un ottimo modo per i nostri governi corrotti e incompetenti di mostrare che sanno cosa stanno facendo. I vaccini sono stati un modo ideale per le corrotte corporazioni medico-industriali - compresa la più grande colpevole, la Pfizer - per riciclare le loro immagini e farci sentire tutti in debito con loro dopo tanti scandali precedenti come l'Oxycontin. E, naturalmente, i vaccini sono stati una coperta di conforto per noi, il pubblico, promettendo di portare ZeroCovid (falso), di fornire immunità a lungo termine (falso), e di porre fine alla trasmissione (falso).


E come bonus aggiuntivo, i vaccini hanno permesso sia ai nostri leader corrotti di spostare la colpa da se stessi per le loro altre politiche di salute pubblica fallite, sia alle nostre corrotte corporazioni "sanitarie" di spostare l'attenzione dai loro profitti incoraggiando la maggioranza vaccinata a fare da capro espiatorio a una minoranza non vaccinata. Divide et impera per eccellenza.


Affermare tutto questo non significa essere contro i vaccini o credere che il virus debba squarciare la popolazione, uccidendo i vulnerabili, non più di quanto criticare il crimine di guerra degli Stati Uniti di bombardare la Siria significhi un sostegno entusiasta per Assad. È solo riconoscere che le realtà politiche sono complesse, e anche il nostro pensiero deve essere complesso.

Per essere chiari, non ho "cambiato opinione". Ho sempre mantenuto una mente aperta. Disprezzo il silenzio dei media sugli scienziati dissenzienti, la celebrazione generale del profitto dei vaccini, lo sconto non scientifico dell'immunità naturale e l'uso divisivo dei mandati per fare da capro espiatorio


Immunità di gregge

Queste ruminazione sono state suggerite da un post sui social media che ho fatto l'altro giorno riferendomi alla decisione del Guardian - quasi due anni dopo la pandemia - di pubblicare le critiche di un epidemiologo "eminente", il Prof Mark Woolhouse, sulle prime politiche di blocco del governo britannico. Fino ad ora, qualsiasi messa in discussione delle chiusure è stato uno dei grandi innominabili della pandemia al di fuori dei circoli di destra.


Notiamo un altro esempio importante: l'uso del termine "immunità di gregge", che fino a poco tempo fa era esattamente ciò a cui miravano i funzionari della sanità pubblica come mezzo per porre fine al contagio. Significava il momento in cui un numero sufficiente di persone aveva acquisito l'immunità, attraverso l'infezione o la vaccinazione, affinché la trasmissione comunitaria cessasse. Ma poiché l'obiettivo durante la Covid non è l'immunità comunitaria ma la vaccinazione universale, il termine "immunità di gregge" è stato ora attribuito a una sinistra agenda politica. Viene presentato come una sorta di complotto di destra per far morire le persone vulnerabili.

Ho avuto scontri con Off-Guardian di recente, ma hanno ragione a evidenziare l'OMS che si prende gioco della definizione stabilita di "immunità di gregge". Questo genere di cose non fa altro che minare la fiducia nella scienza e negli scienziati


Questo non è accidentale. È una narrazione interamente fabbricata, anche se ampiamente accettata. La guarigione dall'infezione - cosa ormai vera per molte persone - non è più trattata dalle autorità politiche o mediche come se conferisse l'immunità. Per esempio, nel Regno Unito, coloro che sono guariti dal Covid, anche recentemente, non sono esentati, come i vaccinati, dall'autoisolamento se sono stati in stretto contatto con qualcuno infettato dal Covid. Inoltre, ovviamente, coloro che sono guariti dal Covid non hanno diritto al passaporto vaccinale. Dopo tutto, non si chiama passaporto dell'immunità. È un passaporto per i vaccini.


Emmanuel Macron, il presidente francese, è stato almeno aperto sul "ragionamento" dietro questo tipo di discriminazione. "In una democrazia", dice, apparentemente senza ironia, "i peggiori nemici sono le bugie e la stupidità. Stiamo facendo pressione sui non vaccinati limitando, per quanto possibile, il loro accesso alle attività della vita sociale. ... Per i non vaccinati, voglio davvero farli incazzare. E continueremo a farlo, fino alla fine. Questa è la strategia".


Notate che le bugie e la stupidità qui emanano da Macron: non solo sta irresponsabilmente alimentando pericolose divisioni all'interno della società francese, ma non ha nemmeno capito che le distinzioni chiave dal punto di vista della salute pubblica sono tra coloro che hanno l'immunità al Covid e quelli che ne sono privi e coloro che sono vulnerabili al ricovero e quelli che non lo sono. Questi sono i marcatori più significativi di come trattare la pandemia. L'ossessione per la vaccinazione serve solo ad un programma di divide et impera e sostiene il profitto della pandemia.


Esitazione schiacciante

Il paradosso è che queste narrazioni dominano anche se l'evidenza monta che i vaccini offrono un'immunità a brevissimo termine e che, in definitiva, come sembra sottolineare Omicron, molte persone sono suscettibili di ottenere un'immunità a lungo termine attraverso l'infezione da Covid, anche coloro che sono stati vaccinati. Ma l'obiettivo del "dibattito" pubblico su questo argomento non è stato la trasparenza, la logica o il consenso informato. Invece, è stato lo schiacciamento di ogni possibile "esitazione da vaccino".

Vale sempre la pena ascoltare il dottor John Campbell. Le linee di fondo dell'ultima ricerca sugli omicroni sono positive:

a) È probabile che sia più simile a un raffreddore

b) Si diffonderà così rapidamente che c'è una buona probabilità che avremo l'immunità di gregge entro pochi mesi, con una sofferenza minima


Ho ripetutamente cercato di evidenziare la mancanza di pensiero critico intorno all'attenzione esclusiva sui vaccini piuttosto che sulla salute immunitaria, la decisione di vaccinare i bambini di fronte alla forte, anche se ampiamente minimizzata, opposizione degli esperti, e la questione divisiva dei mandati sui vaccini. Ma ho avuto poco da dire direttamente sulle chiusure, che mi sono sembrate soprattutto misure disperate per coprire le carenze dei nostri servizi sanitari sottofinanziati, cannibalizzati e sempre più privatizzati (una preoccupazione più urgente). Sono anche incline a credere che il bilancio dei benefici delle chiusure, o se funzionano, è difficile da pesare senza un certo livello di competenza. Questo è uno dei motivi per cui ho sostenuto per tutta la durata della pandemia che agli esperti deve essere permesso un dibattito pubblico più aperto, robusto e onesto.


È anche il motivo per cui ho offerto un breve commento sulle critiche del Prof Woolhouse, pubblicate sul Guardian questa settimana, sulle politiche di chiusura nazionale. Questo ha evocato un prevedibile duro contraccolpo da parte di molti seguaci. Lo hanno visto come un'ulteriore prova che i "negazionisti di Covid mi hanno catturato", e che ora sono poco meglio di un teorico della cospirazione pandemica.


Inquadrare il dibattito

Questo è strano di per sé. Il Prof Woolhouse è un epidemiologo mainstream, segnalato come "eminente". La sua eminenza è tale che apparentemente lo qualifica anche per essere citato ampiamente e acriticamente nel Guardian. I seguaci che mi inimico ogni volta che scrivo sulla pandemia sembrano trattare il Guardian come la loro Bibbia di Covid, come la maggior parte dei liberali. E mi castigano regolarmente perché faccio riferimento al tipo di esperti che il Guardian si rifiuta di citare. Quindi, come mai il mio retweet di una storia del Guardian che riporta acriticamente i commenti anti-lockdown di un rispettabile epidemiologo mainstream incorre in così tanta ira - e apparentemente diretta solo contro di me?


La risposta risiede presumibilmente nel breve commento allegato al mio retweet, che richiede di disimpegnarsi dal dibattito apparentemente sostanziale - le chiusure, buone o cattive? Quella conversazione è certamente interessante per me, specialmente se è onesta. Ma le questioni contestuali intorno a quel dibattito, quelle che richiedono un pensiero critico, sono ancora più importanti perché sono il modo migliore per valutare se un dibattito onesto viene effettivamente promosso.

O il Prof Mark Woolhouse è arrivato a questo punto di vista molto tardi, o i media corporativi come il Guardian hanno finora effettivamente imbavagliato scienziati eminentemente qualificati che criticano la politica di chiusura. In ogni caso, sembra che siamo stati fregati

Il professor Woolhouse sulle chiusure: "Abbiamo fatto un grave danno ai nostri bambini e giovani adulti che sono stati derubati della loro istruzione, del loro lavoro e della loro esistenza normale, oltre a subire danni alle loro prospettive future, mentre sono stati lasciati in eredità una montagna di debito pubblico da record

Il mio commento, intenzionalmente ambiguo, richiede implicitamente ai lettori di esaminare questioni più ampie sull'articolo del Guardian: la tempistica della sua pubblicazione, il motivo per cui un dibattito sulle chiusure non è stato precedentemente incoraggiato nel Guardian ma apparentemente è ora possibile, come il dibattito viene inquadrato da Woolhouse e dal Guardian, e come noi, i lettori, possiamo essere manipolati da tale inquadramento.


Una vera e propria cospirazione

È interessante notare che non sono stato il solo ad essere colpito da quanto fosse strano il framing preferito. Anche un secondo epidemiologo, Martin Kulldorff, un biostatistico di Harvard che fa parte di un comitato scientifico dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), ha visto problemi nell'articolo. Sfortunatamente, però, il Prof Kulldorff non sembra qualificarsi come "eminente" abbastanza perché il Guardian lo citi acriticamente. Questo perché è stato uno dei tre accademici molto rispettati che hanno portato l'ignominia sulle loro teste nell'ottobre 2020, autori della Dichiarazione di Great Barrington.


Come Woolhouse, la Dichiarazione ha offerto un'alternativa alle chiusure nazionali a tappeto - la risposta ufficiale all'aumento dei ricoveri - ma lo ha fatto quando quelle chiusure venivano perseguite in modo aggressivo, e non venivano considerate altre opzioni. Il Guardian è stato tra quelli che hanno messo alla gogna la Dichiarazione e i suoi autori, presentandola come un'irresponsabile politica di destra e una ricetta per la Covid per lacerare la popolazione, facendo strage di sezioni significative della popolazione.


Il mio scopo qui non è quello di difendere la Dichiarazione di Great Barrington. Non mi sento abbastanza qualificato per esprimere un'opinione concreta e pubblica in un modo o nell'altro sui suoi meriti. E parte della ragione di questa esitazione è che qualsiasi conversazione significativa all'epoca tra gli esperti fu spietatamente soppressa. I costi delle chiusure erano in gran parte innominabili nei circoli ufficiali e nei media "liberali". Fu immediatamente stigmatizzato come la preferenza politica della destra "deplorevole".


Questo non era accidentale. Ora sappiamo che si trattava di una vera e propria cospirazione. Le e-mail trapelate mostrano che Anthony Fauci, il principale consigliere medico del presidente, e i suoi tirapiedi hanno usato i loro affidabili contatti nei principali media liberali per diffamare gli autori della Dichiarazione di Great Barrington. "Ci deve essere una rapida e devastante rimozione pubblicata delle sue premesse. Non vedo ancora niente del genere online - è in corso?" un alto funzionario ha scritto a Fauci. Il piano era un assassinio del personaggio, puro e semplice - niente a che fare con la scienza. E i media "liberali" hanno felicemente e rapidamente assunto questo compito.


Il Guardian, naturalmente, si è associato a queste calunnie. Questo è il motivo per cui il Prof Kulldorff ha tutto il diritto di trattare con sdegno sia la decisione del Guardian di pubblicare ora le critiche del Prof Woolhouse - così tardivamente - sulla politica di isolamento, sia la pubblica presa di distanza del Prof Woolhouse dalla ormai radioattiva Dichiarazione di Great Barrington, anche se i suoi commenti pubblicati riecheggiano da vicino le politiche proposte nella Dichiarazione. Come osserva il Prof Kulldorff:

Esilarante capriola logica. Nel Guardian, Mark Woolhouse sostiene che [il] Regno Unito avrebbe dovuto usare una protezione mirata come definita nella Dichiarazione del Great Barrington, mentre critica la Dichiarazione del Great Barrington a causa della sua errata caratterizzazione da parte del Guardian".

Danno reputazionale 

Se indossiamo i nostri cappelli da pensiero critico per un momento, possiamo dedurre una ragione plausibile per questa errata caratterizzazione.


Come il resto dei media "liberali", il Guardian è stato ferventemente a favore delle chiusure e un avversario dichiarato di qualsiasi discussione significativa della Dichiarazione di Great Barrington fin dalla sua pubblicazione più di un anno fa. Inoltre, ha caratterizzato ogni critica alle chiusure come una posizione di estrema destra. Ma il giornale ora vuole aprire uno spazio per una discussione più critica sui meriti del lockdown in un momento in cui Omicron dilagante ma più mite minaccia di chiudere non solo l'economia ma le catene di distribuzione e i servizi sanitari.


Le richieste per le chiusure stanno tornando - premettendo gli argomenti precedenti a loro favore - ma i costi precedentemente oscurati sono molto più difficili da ignorare ora. Anche i sostenitori del lockdown come il Guardian finalmente capiscono parte di ciò che era chiaro 15 mesi fa per esperti come il Prof Kulldorff e i suoi colleghi autori.


Quello che il Guardian sembra fare è contrabbandare gli argomenti della Dichiarazione di Great Barrington di nuovo nel mainstream, ma cercando di farlo in modo da non danneggiare la sua credibilità e sembrare un voltafaccia. È completamente ingannevole. E il veicolo per raggiungere questo fine è un collega critico delle chiusure, il Prof Woolhouse, che non è merce contaminata come il Prof Kulldorff, anche se le loro opinioni sembrano sovrapporsi considerevolmente. La critica alle chiusure viene riabilitata attraverso il professor Woolhouse, anche se il professor Kulldorff rimane un emarginato, un deplorevole.


In altre parole, non si tratta di un'evoluzione del pensiero scientifico. Si tratta del Guardian che evita danni alla reputazione - e lo fa al costo di continuare a danneggiare la reputazione del Prof Kulldorff. Il Prof Kulldorff e i suoi colleghi autori sono stati capri espiatori quando il loro parere di esperti è stato considerato politicamente scomodo, mentre il Prof Woolhouse viene celebrato perché un simile parere di esperti è ora conveniente.


Questo è il modo in cui opera gran parte del nostro discorso pubblico. I buoni controllano la narrazione in modo da potersi assicurare di continuare a fare bella figura, mentre i cattivi vengono asfaltati e piumati, anche se si dimostra che hanno ragione. L'unico modo per dare davvero un senso a quello che sta succedendo è quello di disimpegnarsi da questo tipo di tribalismo politico, esaminare i contesti, evitare di essere così investiti nei risultati, e lavorare sodo per ottenere più prospettiva sull'ansia e la paura che ognuno di noi prova.


I media corporativi non sono nostri amici. La sua copertura della pandemia non è lì per promuovere il bene pubblico. È lì per alimentare le nostre ansie, farci tornare per avere di più, e monetizzare quell'angoscia. L'unica cura per questa malattia? Molto più pensiero critico.


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia