Gli scienziati creano un enorme modello di mortalità per soddisfare il programma della paura

 

Gli scienziati creano un enorme modello di mortalità per soddisfare il programma della paura

Di Peter Lloyd


Il PROFESSOR Graham Medley, presidente congiunto del comitato di modellazione per l'organo consultivo scientifico del governo Sage, ha esposto le pratiche viscide che i suoi membri hanno avuto il permesso di sviluppare e poi usare tramite il governo per controllare la narrazione della risposta di Covid.  

Anche dopo che il redattore dello Spectator Fraser Nelson, che lo interrogava insistentemente su Twitter, è stato reso più ampiamente disponibile, al pubblico non è stato ancora mostrato quanto fossero significative le ammissioni di Medley. Né i politici hanno ammesso di essere stati ingannati o, se consapevoli, di essere parte della truffa dei modelli. 

La London School of Hygiene and Tropical Medicine, dove Medley è professore di modellazione delle malattie infettive, ha prodotto orrendi scenari (che tutti usano come previsioni) l'11 dicembre sul probabile effetto della variante del virus Omicron sul Regno Unito. Ha riportato come caso base che ci sarebbero stati 25.000 ulteriori morti entro aprile 2022 senza misure aggiuntive.  

La banca d'investimento J P Morgan ha fatto notare che questi scenari erano basati sul fatto che la variante Omicron fosse letale quanto la variante Delta. Eppure nel suo paese d'origine, il Sudafrica, i primi dati del mondo reale suggerivano fortemente che Omicron aveva un effetto molto più blando. 

Alla domanda di Nelson sul perché questa mitezza non sia stata presa in considerazione, Medley ha detto che non c'era motivo di includerla, perché "i decisori sono generalmente interessati solo alle situazioni in cui le decisioni devono essere prese". Cioè, naturalmente, per introdurre misure.  

Ha continuato dicendo che "c'è un dialogo in cui i team politici discutono con i modellisti di cosa hanno bisogno per informarli sulla loro politica".  

In altre parole, la politica sta guidando l'interpretazione e l'uso dei dati, non il contrario - che è il modo in cui ci è stato venduto il funzionamento dei team di consulenza scientifica e la base su cui la maggior parte delle persone suppone che i dati scientifici siano usati.  

Medley ammetteva spensieratamente che i suoi modellatori di malattie erano influenzati dai criteri di input forniti dal governo. In altre parole, gli scenari del modello non erano una valutazione neutrale della probabilità di diffusione della malattia o del numero di morti.  

Invece, erano scenari deliberatamente pessimistici che hanno permesso di essere trasmessi come previsioni ufficiali dal governo e dai media, entrambi i quali stavano agendo nel proprio interesse.  

Si trattava di allarmismi per il governo da usare contro la popolazione, travestiti da "la migliore scienza" in un modo che dava una comoda copertura ai politici.  

Il risultato era corrotto e costoso, ma i modellatori guadagnavano reputazione e senza dubbio fondi per i loro datori di lavoro, mentre i politici potevano sostenere che l'azione non dipendeva da loro, ma era invece da questi brillanti Saggi. 

Medley ha detto che i modellatori sapevano del pregiudizio del pessimismo da sempre. Il problema è che non si sono assicurati che il pubblico sapesse, o che i politici dicessero la verità sui modelli. Si sono nascosti dietro le clausole in cui solo gli iniziati ammettevano l'estrema incertezza incorporata nei modelli. 

L'analista e commentatore di statistiche sulla salute pubblica Chris Snowdon ha evidenziato l'assurdità del recente modello dell'Università di Warwick che, tra gli altri scenari del tutto improbabili, mostrava le morti di Omicron nel Regno Unito raggiungendo quasi 3.000 al giorno entro la fine di questo mese. L'ultimo dato, che è per il 31 dicembre, mostra 203 morti da o con Covid-19. 

Se cerchiamo altre prove della corruzione della scienza attraverso l'uso di modelli informatici, allora le troviamo nell'enigma dell'assenza di prove del mondo reale per le terribili previsioni del (presunto) cambiamento climatico causato dall'uomo. Qui, la miriade di modelli ha di nuovo dimostrato di essere sbagliata, e per gli ultimi 40 anni.  

Dal 1979, le temperature globali sono aumentate a malapena, eppure la maggior parte dei modelli prevedeva un aumento di almeno un grado centigrado a questo punto. 

Nel gergo del mestiere, i modelli sono tutti caldi. In altre parole, i modelli creati da quando la questione del riscaldamento globale causato dall'uomo è diventata la narrazione dominante per i governi e gli interessi costituiti nei primi anni '80, tutti hanno previsto temperature molto più calde di quelle che abbiamo effettivamente sperimentato. I modelli erano sbagliati, e sono state trovate delle scuse.  

Ma le politiche basate su presunti effetti insostenibili, ma in realtà impercettibili, dell'uomo sul clima, sono state intensificate con costi esorbitanti per la popolazione mondiale, specialmente per i più poveri. 

Chi sta spingendo per questi scenari "caldi" per guidare il processo decisionale? La risposta è l'estesa massa di potere "verde" centrata intorno alle Nazioni Unite e al suo Comitato intergovernativo sul cambiamento climatico.  

Entrambi gli organismi dovrebbero essere neutrali, ma in realtà sono in conflitto per il fatto di essere materialmente rafforzati nei loro ruoli spacciando la paura del clima e forzando l'azione del governo che beneficia magnati sfruttatori e super-ricchi. Vedono l'opportunità di business e sembrano non preoccuparsi del costo immediato e pesante per la popolazione generale. 

In entrambi i casi, i modelli hanno servito il loro scopo come datori di potere per i politici, i burocrati e le imprese che avevano la pista interna e hanno ottenuto i sussidi e i contratti lucrativi. Ma sono stati e sono truccati e fraudolenti. 

Ho studiato in un campo in cui i modelli generati dal computer erano ampiamente utilizzati. Il detto che divenne un cliché tra gli accademici era che tutti i modelli sono sbagliati, ma alcuni sono utili.  

Si è scoperto che i modelli climatici e i modelli di malattia di SAGE erano più utili ai ciarlatani e agli interessi acquisiti, piuttosto che alla scienza a cui erano nominalmente legati. 

Quando il giudice in pensione, la baronessa Hallett, farà partire la sua inchiesta Covid-19 più tardi quest'anno, speriamo che una priorità assoluta sia scoprire chi ha diretto la creazione e l'utilizzo di modelli deliberatamente pessimistici sull'impatto dei virus, e perché l'ha fatto. Capiremo molto di più sul potere e il denaro nella scientocrazia della salute se questo è fatto bene. 

Soprattutto, dobbiamo ricordare tre verità. I modelli informatici non sono scienza; il consenso scientifico è un costrutto usato quando gli scienziati hanno qualcosa da vendere e da cui trarranno beneficio; e seguire il denaro ci dirà di più sulle politiche basate sui modelli e sulla scienza del consenso di quanto non farà mai la scienza reale. 

Creare i fatti che si adattano al punto di vista è più vicino a ciò che accade di qualsiasi applicazione del metodo scientifico. 

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia