Gli USA nel mezzo di una Guerra Civile Fredda

 

Gli USA nel mezzo di una Guerra Civile Fredda

Nonostante la promessa di unità di Joe Biden durante la sua campagna presidenziale USA 2020, la sua amministrazione non è riuscita a unificare il popolo. Al contrario, la sua retorica divisiva ha fatto sì che gli americani siano più polarizzati che mai.


Direi che l'America è già caduta in quella che potrebbe essere definita una "guerra civile fredda", dopo le elezioni del 2020. "Noi, il popolo" semplicemente non la vediamo allo stesso modo su diverse questioni significative, e non aiuta il fatto che molte di queste ci siano state lanciate tutte insieme, a cominciare dal Covid-19. Dal primo blocco che ha colpito la nostra economia, gli americani sono stati in feroce disaccordo l'uno con l'altro su quasi tutto - specialmente se è legato al Covid.

Siamo in veemente disaccordo sui vaccini, sulle carte dei vaccini, sui mandati e sulle maschere. E il presidente Biden non sta esattamente cercando di spegnere le fiamme con il suo linguaggio divisivo. Nel febbraio dello scorso anno, ha richiesto la conformità al vaccino Covid per tutti i lavoratori federali. Poi, a settembre, ha scioccato l'America con il suo commento che la sua "pazienza si sta esaurendo" con i milioni di americani che non volevano i colpi. Questa è stata una dichiarazione bizzarra proveniente da un presidente degli Stati Uniti, soprattutto perché gli americani, compresi quelli che hanno scelto di non essere vaccinati, sono le persone per cui lavora.

Poi alla fine di dicembre, facendo eco alle sue osservazioni sull'"inverno buio" dei dibattiti del 2020, si è rivolto al popolo americano in due categorie separate - i vaccinati contro i non vaccinati. "Stiamo guardando un inverno di gravi malattie e morte per i non vaccinati - per loro stessi, le loro famiglie e gli ospedali che presto travolgeranno", ha detto.

Tentare di costringere una popolazione usando la paura e l'intimidazione non è un comportamento tipico di un presidente americano. Quelli che hanno votato per lui possono non vederlo; e quelli che non hanno votato per lui senza dubbio si sentono ancora più privi di diritti. 

Eppure, mentre l'amministrazione Biden rimane concentrata al laser su tutto ciò che è Covid, la principale causa di morte negli Stati Uniti per quelli di età compresa tra i 18-45 anni è l'overdose di fentanyl. La droga sta fluendo nel paese come risultato della crisi al nostro confine meridionale, che è stato disastroso sia per l'America che per il Messico, e altamente redditizio per i cartelli della droga e i trafficanti di esseri umani. Questo è un fatto triste che non possiamo ignorare, e fa da sfondo all'insicurezza e al caos che colpisce le nostre comunità.

Allo stesso tempo, il nostro paese è martoriato da crisi back-to-back, compresa la criminalità record nelle nostre principali città, e l'infinita pandemia che Biden non può "spegnere" dopo tutto, con gli americani costretti contemporaneamente alla povertà. Colpiti da un'iperinflazione che non si vedeva dai tempi di Jimmy Carter, le classi medie e basse d'America stanno lottando. I prezzi della benzina sono alle stelle, il cibo è più caro, e ora abbiamo un mercato immobiliare dove solo i ricchi possono permettersi di comprare case unifamiliari. Con un'economia del tipo "chi ha e chi non ha", c'è solo da aspettarsi che i cittadini diventino irrequieti.

Eppure, tutto questo, pur essendo sufficiente a rendere una popolazione già frustrata sempre più agitata, timorosa e arrabbiata, è solo la superficie di ciò che ci divide profondamente. Proprio sotto quella superficie ci sono due campi di ideologia politica che sono sempre stati in guerra, ma ora il calore è stato portato a 11. Metà del paese, non dimentichiamolo, ha votato per Donald Trump. Molti di questi credono che abbia vinto. Per aggiungere combustibile a questo fuoco, abbiamo avuto lo sfortunato evento del 6 gennaio al Campidoglio, che la sinistra insiste ancora che sia una "insurrezione", e l'altra parte ritiene che sia una protesta di massa andata male.

Siamo divisi sulla Teoria Critica della Razza e sull'incessante spinta della guerra razziale da parte di un media spesso ingannevole e senza vergogna. Molti americani non si fidano più dei media in ogni caso, e quindi non hanno una fonte di informazione affidabile. Come potremmo mai capirci in queste condizioni? L'unità sembra un lontano sogno del 2019.

Ma la nostra faida tra destra e sinistra non riguarda semplicemente la politica e l'economia in crisi, o chi ha fatto o non ha fatto un vaccino. Non riguarda nemmeno la razza o il genere. Se fosse solo questo, saremmo davvero a posto. Ma abbiamo un ostacolo più grande davanti a noi. Alla radice della nostra discordia civile ci sono le nostre opposte convinzioni sui nostri diritti fondamentali e sull'autonomia corporea, su come dovremmo crescere e insegnare ai nostri figli, e sul posto di Dio e della religione nelle nostre istituzioni e nella nostra cultura. Ci sono quelli di noi che vogliono mantenere lo stesso paese che è stato fondato sui valori giudeo-cristiani, e quelli che vogliono un'America secolare. 

Una seconda guerra civile non è probabile. Ma la battaglia fisica non è sempre peggio che avere un paese così ideologicamente opposto che non possiamo sopportare di vivere insieme. Non siamo una nazione, ma due, costretti dalle circostanze a condividere terra e risorse. Non sono certo questi gli ingredienti che rendono grande una nazione. Abbiamo bisogno di un tessuto che ci tenga insieme, in modo che possiamo almeno unirci su una storia condivisa e sperare in un futuro. Gli americani semplicemente non ce l'hanno in questo momento. 

Quello che gli americani hanno invece è una guerra di classe agitata da poche élite in alto, compresi alcuni politici americani traditori e miliardari. Queste persone si divertono ad approfittare delle nostre lotte, e sanno molto bene di tutti i conflitti che ho menzionato sopra. Incoraggiano il conflitto, perché sanno che ci indebolisce.

Quello che tutte le élite e i globalisti hanno sempre voluto è il dominio economico globale attraverso il comunismo globale. Il Nuovo Ordine Mondiale non viene più nascosto. Se ne parla abbastanza apertamente. Gli Stati Uniti sono assolutamente l'unico paese che può ostacolarli. E questo è esattamente il motivo per cui abbiamo speranza come paese. Ci vorrà del tempo e molto duro lavoro - ma c'è un modo per tornare a casa.

I padri fondatori dell'America ci hanno dato la Costituzione. Tutto quello che dobbiamo fare per salvare il nostro paese e la nostra libertà è difenderla. Indipendentemente dal partito politico, dalla razza, dal credo, dalla religione o dalla classe, noi, il popolo, siamo TUTTI protetti dalla nostra Costituzione. È l'unica cosa che condividiamo che, se conservata così com'è, ci terrà liberi. Questo perché quel documento dice a noi e al mondo che non otteniamo i nostri diritti dal governo, ma da Dio. Tiene il grande governo lontano dal nostro collo - e quando il governo sarà lontano dal nostro collo, non saremo l'uno contro l'altro.

Mi viene in mente il film di fantascienza degli anni '90 'Independence Day' con Will Smith, dove tutta l'umanità è costretta a riunirsi da tutto il mondo per combattere un'invasione di alieni schiavisti. Nel film, tutti devono imparare a comunicare per difendere il loro stesso diritto di esistere. Si sono uniti per lottare contro il loro stesso annientamento. Noi dovremmo fare lo stesso, finché possiamo.

Anche se siamo in veemente disaccordo su politica, maschere, vaccini, protocolli di immigrazione, armi, ambiente e altro, dobbiamo lottare per il nostro diritto di esistere come nazione. Se continuiamo a permettere alla classe dirigente l'autorità senza precedenti che hanno recentemente acquisito sotto il mantello di Covid, useranno qualsiasi scusa per controllare ogni aspetto della nostra vita, e la nostra libertà sarà erosa nello stesso modo in cui si va in bancarotta - gradualmente, poi tutto in una volta. 

Questa è la vera guerra che si sta combattendo in questo momento, ed è molto tempo che ci svegliamo tutti e lo vediamo, sia che siate repubblicani o democratici o nessuno dei due. Possiamo tornare a discutere di politica e di maschere dopo che avremo riconquistato il potere per il popolo. Ma in questo momento, dobbiamo combattere coloro che vorrebbero vederci autodistruggere. Quindi cominciamo il 2022 con queste sagge parole e condividiamole ampiamente. 

"Noi, il popolo degli Stati Uniti, al fine di formare un'Unione più perfetta, stabilire la giustizia, assicurare la tranquillità interna, provvedere alla difesa comune, promuovere il benessere generale e assicurare le benedizioni della libertà a noi stessi e ai nostri posteri, ordiniamo e stabiliamo questa Costituzione per gli Stati Uniti d'America".

Questo è ciò che gli americani devono fare per preservare la nostra indipendenza. La guerra civile dovrà aspettare.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia