Il Mossad ha bombardato aziende tedesche e svizzere negli anni '80 per aiutare il programma nucleare del Pakistan

 

Il Mossad ha bombardato aziende tedesche e svizzere negli anni '80 per aiutare il programma nucleare del Pakistan
Di Morgan  Artyukhina 


La campagna segreta di spionaggio del Mossad contro il programma nucleare iraniano potrebbe essere iniziata decenni fa: secondo un giornale svizzero, l'agenzia di spionaggio ha bombardato anche aziende che aiutavano il neonato Pakistan nel campo delle armi nucleari, temendo che avrebbe aiutato Teheran nella sua ricerca di una bomba.

Un rapporto nell'edizione di sabato della Neue Zürcher Zeitung (NZZ) sostiene che "nuovi documenti precedentemente sconosciuti provenienti da archivi di Berna e Washington" rivelano che una serie di bombardamenti in Germania e Svizzera nei primi anni '80, che è stata a lungo attribuita al Mossad, aveva in realtà connessioni più esplicite con l'Iran di quanto si sapesse in precedenza.

 

La prima vittima fu Eduard German, l'amministratore delegato della CORA Engineering, la cui casa a Berna fu bombardata il 20 febbraio 1981, anche se lui sopravvisse all'esplosione. CORA aveva fornito al Pakistan un'unità di gassificazione e solidificazione due anni prima, e si stava preparando ad esportare un altro impianto.


Il secondo obiettivo fu l'ufficio della Wälischmiller Engineering a Markdorf, dove una bomba esplose il 18 maggio 1981.

Il terzo fu contro Heinz Mebus, un ingegnere della Germania occidentale che aveva aiutato il Pakistan a costruire i suoi primi impianti di conversione di fluoro e uranio nel 1979. Una lettera bomba esplose a casa sua il 18 novembre 1981, uccidendo il suo cane.

Secondo la NZZ, Mebus aveva anche raggiunto il massimo scienziato nucleare pakistano, Abdul Qadeer Khan, in incontri a Zurigo e Dubai con Masud Naraghi, allora capo dell'Organizzazione dell'Energia Atomica dell'Iran.

La polizia svizzera e della Germania occidentale non è mai stata in grado di rintracciare nessuno degli autori, e gli attacchi sono stati rivendicati da oscuri gruppi chiamati "Gruppo per la non proliferazione nell'Asia meridionale", "Comitato per la salvaguardia della rivoluzione islamica" e "Lega per la protezione del subcontinente", di cui non è esistito alcun documento prima o dopo.

 

Molte delle vittime hanno anche ricevuto telefonate intimidatorie dopo gli attentati. Anche altre imprese hanno ricevuto telefonate, tra cui Siegfried Schertler, il fondatore del produttore di valvole a vuoto Vakuum-Apparate-Technik (VAT). Secondo gli archivi della polizia federale svizzera visionati dalla NZZ, Schertler ha detto che una figura di nome David dell'ambasciata israeliana a Bonn lo ha chiamato e lo ha esortato a smettere "questi affari" con le armi nucleari e passare invece al settore tessile.

Tuttavia, la NZZ è attenta a notare, seguendo gli storici precedenti, che nessuna "pistola fumante" ha mai collegato direttamente il Mossad agli attentati del 1981.

 

La campagna terroristica alla fine fallì, poiché molte delle aziende accettarono presto nuovi accordi lucrativi dal governo del presidente pakistano Muhammad Zia-ul-Haq, nota la NZZ. Il Pakistan alla fine ha fatto esplodere cinque armi nucleari sottoterra il 28 maggio 1998, diventando l'ottava potenza nucleare del mondo e la terza al di fuori del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, unendosi a Israele e alla rivale regionale del Pakistan, l'India, che ha fatto esplodere una bomba nel 1976.

Mentre il Mossad non è stato direttamente legato agli attentati del 1981, un libro di memorie intitolato "The Quiet Sabra", pubblicato nel gennaio 2021 da Michael "Micky" Ron, un ex ingegnere del reattore nucleare di Dimona in Israele, ha rivelato il suo coinvolgimento in un'altra operazione simile. La notte del 6 aprile 1979, cinque bombe esplosero nella fabbrica della società CMIM a La Seyne-sur-Mer, Tolone, Francia, dove si costruivano diversi nuclei di reattori per il reattore iracheno di Osirak.

Reattore di ricerca Osiris© AP Foto / Jahan


Secondo Ron, gli esplosivi non riuscirono a distruggere totalmente i reattori perché il Mossad non seguì i consigli dati loro dalla Commissione Israeliana per l'Energia Atomica, che conosceva bene le attrezzature prese di mira, perché Osirak era una copia virtuale del reattore EL-3 di Saclay, Francia, su cui si basava Dimona. Di conseguenza, l'aviazione israeliana fu costretta a effettuare un audace raid aereo sull'impianto di Osirak stesso, a sud di Baghdad, il 7 giugno 1981.

Ironicamente, l'Iran aiutò segretamente Israele a pianificare il bombardamento di Osirak, poiché all'epoca era in guerra con l'Iraq e temeva ugualmente un'arma nucleare irachena.

 

Il mese scorso il Jewish Chronicle ha rivelato che il Mossad è stato anche dietro una serie di esplosioni e operazioni di sabotaggio agli impianti nucleari iraniani di Natanz e Karaj negli ultimi anni.

Secondo il giornale, i funzionari dell'intelligence israeliana hanno cooptato diversi scienziati nucleari iraniani facendogli credere di lavorare con gruppi dissidenti iraniani all'estero, convincendoli a piazzare esplosivi e a far volare droni carichi di bombe negli impianti in diverse operazioni del 2020 e del 2021 volte a fermare il programma nucleare dell'Iran. Teheran dice di non avere più un programma di armi nucleari dopo aver rinunciato alla sua ricerca nel 2003 e dopo averla dichiarata haram, e l'intelligence dell'IDF ha detto che l'aumento dello sforzo di purificazione dell'uranio dell'Iran non ha uno sforzo equivalente verso lo sviluppo di armi.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia