Infermieri con COVID chiamati al lavoro per carenza di personale

 

Infermieri con COVID chiamati al lavoro per carenza di personale

Ospedali disperati che lottano per coprire i turni solo mesi dopo aver costretto centinaia di infermieri non vaccinati ad andarsene

Di Alexandra Marshall


Il Nuovo Galles del Sud ha invitato le infermiere completamente vaccinate e positive al Covid a lavorare negli ospedali, ma continua a vietare il personale non vaccinato al Covid, ma negativo.


Il bizzarro scenario che sembra sfidare la logica è stato causato da gravi carenze di personale.


Non solo il Nuovo Galles del Sud ha licenziato (o costretto alle dimissioni) il personale non vaccinato dopo che è stata emessa una direttiva sanitaria di vaccinazione obbligatoria, ma migliaia di personale completamente vaccinato sono ora in isolamento a causa delle infezioni da Covid.


Richiamare al lavoro gli infermieri positivi al Covid rimane una violazione dei protocolli sanitari dello stato del New South Wales. Gli ospedali disperati hanno presumibilmente fatto la richiesta tramite promemoria privati e non fa parte di alcuna direttiva ufficiale. Non sorprende che altri membri del personale all'interno del sistema ospedaliero non siano contenti di essere costretti a lavorare accanto a colleghi infetti.


Mentre il governo del Nuovo Galles del Sud ha allentato le norme sanitarie per permettere agli operatori sanitari che sono stati contatti ravvicinati di tornare al lavoro, non è andato così lontano da invitare i casi attivi negli ospedali. L'esenzione rilasciata dal ministro della salute Brad Hazzard la vigilia di Capodanno doveva essere applicata solo in "circostanze eccezionali" per evitare interruzioni in aree chiave.


"Gli operatori sanitari nel NSW che risultano positivi al Covid sono tenuti a isolarsi a casa e non sono autorizzati a tornare al lavoro finché non vengono rilasciati dall'isolamento", ha insistito un portavoce della NSW Health.


Degli infermieri intervistati negli ospedali pubblici, tutti hanno detto che è stato dato loro "un consiglio verbale non ufficiale dai loro ospedali" che se erano asintomatici, potevano lasciare il loro isolamento imposto dallo stato e tornare al lavoro nonostante fossero positivi al Covid. Le infermiere che ritornano devono indossare i DPI.


Altri hanno già affermato che infermieri sintomatici sono stati visti lavorare all'interno degli ospedali. C'è anche confusione sul fatto che gli infermieri positivi al Covid siano confinati nei reparti del Covid, o che vadano in giro e interagiscano liberamente con i pazienti sani in altre aree.


"È come se tutti si fossero arresi. Sono assolutamente devastato. È un circo ... infermieri positivi che lavorano con personale sano e pazienti non Covid", ha detto un infermiere a The Guardian.


Potrebbe anche rivelarsi un incubo legale, con il personale non vaccinato che è stato licenziato o costretto a dimettersi ora avendo una causa contro i loro datori di lavoro. Se sono stati "licenziati per proteggere il posto di lavoro dal Covid", cosa stanno facendo gli ospedali invitando attivamente il personale positivo al Covid a tornare al lavoro?


La domanda potrebbe anche essere posta al ministro della salute Brad Hazzard, perché non ha diretto gli ospedali a riassumere il personale licenziato (ma sano) non vaccinato per riempire la carenza critica?


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia