La Bosnia diventa il primo paese in Europa senza pass COVID! Mirnes Ajanović ha sconfitto il governo federale bosniaco

 

La Bosnia diventa il primo paese in Europa senza pass COVID! Mirnes Ajanović ha sconfitto il governo federale bosniaco

L'avvocato bosniaco Mirnes Ajanović ha sconfitto il governo federale bosniaco.


Il governo non ha messo in azione il pass COVID. L'avvocato bosniaco Mirnes Ajanović ha sconfitto l'intenzione del governo di togliere la libertà ai cittadini bosniaci imponendo il Covid Pass.


Con le sue competenze giuridiche e la sua conoscenza costituzionale e con i documenti ufficiali della Pfizer è riuscito a sconfiggere il governo e a impedire l'imposizione del Covid Pass.


La Bosnia diventa il primo paese in Europa senza COVID pass.


Correlato: Le proteste per la crisi politica in Bosnia-Erzegovina si terranno in diverse città del mondo


L'infezione da Corona in Bosnia sta scendendo e non ci saranno passaporti Covid forzati per i cittadini bosniaci.


Mirnes Ajanović è riuscito ad applicare la Costituzione della BiH, le leggi e le accuse penali, le prove concrete che le persone vaccinate trasmettono il virus così come quelle non vaccinate, e che è assurdo introdurre un certificato di codice - per costringere il governo della FBiH a ritirare il decreto. e per i cantoni a rinunciare all'introduzione del totalitarismo e della discriminazione dei cittadini.


L'entità in Bosnia, la Republika Srpska, non ha mai annunciato l'introduzione dei certificati Covid, per cui tutta la BiH rimane un territorio libero.


Leggi anche: Mirnes Ajanović colpisce ancora: DENUNCIA PENALE AL GOVERNO per introduzione vaccinazione obbligatoria over 60


La lotta di Mirnes Ajanović, durata mesi, per uno stato di diritto senza divisioni e restrizioni, ha portato la BiH ad essere il primo e unico paese in Europa ad essere liberato dalla schiavitù Covid, e la lotta di quest'uomo dovrebbe essere una guida per altri avvocati, accademici e liberi pensatori in tutto il mondo che la libertà può essere conquistata.


Per introdurre questa regola, i cantoni continuano a seguire le mosse del governo federale. Anche se erano sul punto di introdurre il "VTP", l'USC ritiene che le regole devono essere uguali per tutti. Misure più severe sono possibili a causa dell'arrivo della diaspora e della celebrazione delle feste.


- Abbiamo iniziato questa storia per andare con questa regola, ma a causa della grande insoddisfazione e tutto ciò che l'accompagna, abbiamo ancora deciso di rivedere le nostre conclusioni, decisioni e ordini dice il funzionario del governo.


Fonte: bihnews.info

5 Commenti

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

  1. Grande avvocato! Lui si che le palle le ha! In Italia rammolliti cacasotto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non esattamente, userei altra parola ma non sto qui a dirla potrei svegliare le coscienze

      Elimina
  2. Bravo avvocato a differenza di qualche tuo collega hai fatto valere la legge che dovrebbe essere uguale per tutti in ogni paese.

    RispondiElimina
  3. Risposte
    1. abbasseranno l'età per l'obbligo, poi via con la quarta dose

      Elimina

Posta un commento

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia