La Fiesta de las Ñatitas in Bolivia: Venerare i teschi umani e i morti

Quando il sole raggiunge il suo zenit, la gente comincia ad inondare le strade di La Paz, tenendo in mano urne di vetro che contengono, guarda un po', teschi. Anche se per molte culture questa pratica può sembrare macabra, per il popolo della Bolivia è una celebrazione speciale conosciuta come la Fiesta de las Ñatitas.


Ñatitas è la parola usata per i teschi che i boliviani portano durante le celebrazioni e secondo lo Smithsonian Magazine, si traduce come "piccoli carlini". Molti possono confondere questa festa con il messicano Giorno dei Morti, tuttavia la festa del teschio è più una celebrazione della vita che della morte. Ogni anno, l'8 novembre, gli indiani Aymara onorano i morti dimenticati o quelli che sono morti violentemente.


Per gli Aymara, questa tradizione è stata tramandata di generazione in generazione. I teschi sono venerati e onorati dai suoi devoti. Tuttavia, per capire le celebrazioni della Fiesta de las Ñatitas, è importante riconoscere come è stata sviluppata e influenzata dalle potenze coloniali in Bolivia: gli Inca e gli spagnoli.


Gli Aymara e i loro colonizzatori Inca

Gli Aymara hanno vissuto negli altipiani andini per più di 2.000 anni. Secondo alcune fonti erano i discendenti della civiltà Tiwanaku, che ebbe origine intorno al lago Titicaca nell'odierna Bolivia e durò dal 300 al 1150 d.C. circa.


I Tiwanaku erano maestri costruttori, che hanno costruito strutture impressionanti, il più importante dei quali è il Tempio di Kalassasaya. Rituali e cerimonie religiose si tenevano in questi edifici sacri, e all'interno del complesso del tempio si trova il tempio sommerso, dove le pareti sono rivestite con le teste scolpite degli antenati Tiwanaku.


Purtroppo si sa poco della religione di Tiwanaku, ma gli archeologi stanno cercando di mettere insieme le prove. Gli Aymara hanno tradizioni orali, che hanno portato avanti dal passato, mantenendo viva la loro eredità ancestrale. Ancora oggi i templi di Tiwanaku occupano un posto speciale per gli indiani Aymara.


La prima cultura che ebbe un impatto significativo sugli Aymara furono gli Inca, che arrivarono in Sud America nel XIII secolo. All'inizio era una piccola e insignificante tribù di montagna, ma fu solo alla fine del XIV secolo che gli Inca, sotto la guida di Pachacuti, iniziarono a espandere il loro impero. Per 100 anni gli Aymara furono in grado di resistere agli Inca, ma nel XV secolo gli Aymara cedettero definitivamente al dominio degli Inca.


A differenza della maggior parte dei colonizzatori, gli Inca cercarono di integrare le varie tribù che passarono sotto il loro controllo. A tribù come gli Aymara fu permesso di mantenere la propria lingua e cultura. I loro costumi religiosi, d'altra parte, furono fortemente influenzati dai loro signori inca. Pertanto, le pratiche religiose divennero una fusione unica tra le loro pratiche tradizionali e indigene e la religione imposta dai colonizzatori.

Una cultura basata sul rispetto per i morti

All'interno del sistema di credenze Inca, hanno sviluppato una cultura con un tale rispetto per i morti che i cadaveri erano considerati creature viventi, anche dopo che la persona era morta. Credevano che il mondo umano fosse strettamente legato allo spirituale e che i morti avessero influenza sugli eventi del nostro mondo.


Gli Inca tenevano dei rituali Mallqui, in cui le mummie venivano portate fuori dal magazzino, decorate e messe in mostra. Poi alle mummie venivano offerte cibo e Chicha (birra di mais). È in questi rituali che la gente si riuniva e condivideva la storia del clan. Si pensava che essi facessero piacere agli dei e assicurassero prosperità e meriti spirituali.


Purtroppo, non a tutti era concesso l'onore della mummificazione, un privilegio riservato solo ai membri della famiglia reale e alle famiglie influenti. I loro cadaveri venivano trattati come esseri viventi, e quindi venivano nutriti, vestiti e curati come quando erano stati in vita. In cambio del rispetto dei vivi, i morti offrivano protezione alle famiglie, mantenevano la terra fertile e assicuravano il flusso dell'acqua.


Nel libro Great Empires, si legge:

"Quando un sovrano moriva, il suo corpo veniva mummificato e sepolto con tesori, proprio come i re defunti dell'antico Egitto. Le persone in lutto dichiaravano che era andato in cielo per raggiungere "suo padre, il Sole". Gli Inca onoravano i loro dei e i loro re presenti o passati con offerte di cibo e bevande e con sacrifici animali o umani".


All'interno della religione Inca, la testa non aveva solo un valore religioso, ma mostrava anche il potere dei guerrieri. Garrido e Morales scrivono:


"Le teste smembrate sono un simbolo potente e iconico di violenza e potere nelle Ande. La loro presenza è stata associata alla venerazione degli antenati, all'agricoltura, alla fertilità e ai cicli di rinnovamento della comunità. Sono state anche interpretate come un segno di vittoria e di potere sui nemici sconfitti e di protezione contro l'energia dei nemici".


Metodi di trasmissione della conoscenza ancestrale

Gli Inca non avevano una lingua scritta, quindi la conoscenza veniva trasmessa oralmente o attraverso un sistema unico di nodi chiamato Quipu. La maggior parte di ciò che sappiamo sulle tradizioni degli Inca proviene sorprendentemente da fonti scritte dagli spagnoli. La prima cronaca europea del Perù fu scritta da Pedro de Cieza de Leon, che arrivò con i conquistadores spagnoli. Con il permesso dei funzionari del governo, cominciò a intervistare i signori Inca e gli alti funzionari sulla cultura e le tradizioni Inca. Oltre ai conquistadores, anche i missionari cattolici accompagnarono gli spagnoli.


Un incidente che è stato registrato fu quando il sovrano inca Atahualpa esaminò una Bibbia che gli era stata data dal sacerdote Valverde. Atahualpa guardò la Bibbia e poi la gettò a terra. In preda alla rabbia Valverde corse verso gli spagnoli, gridando "Vieni fuori! Vieni fuori, cristiano! Vieni contro questi cani nemici che rifiutano le cose di Dio".


Lo zelo di convertire gli indigeni al cristianesimo era intenso, i missionari cercarono di sopprimere le istituzioni religiose indigene e convertire gli indigeni al cristianesimo:


"I preti cattolici erano spesso implacabili nel loro zelo di convertire gli indigeni. Si impadronirono o demolirono i templi; distrussero idoli, mummie e quipus; abolirono rituali e feste. Un sacerdote, Francisco de Avila, fece un'indagine approfondita sulle vecchie pratiche religiose per dimostrare la loro inferiorità. Queste cronache erano conosciute come Idolatrias, e registrano molte di queste delle credenze e delle leggende del popolo conquistato".


Nonostante i loro sforzi, i missionari spagnoli non furono in grado di eliminare il sistema di credenze inca. Nonostante tutti i loro sforzi, ci fu solo una conversione superficiale al cristianesimo. La Fiesta de las Ñatitas, è una miscela di credenze religiose inca e il cristianesimo spagnolo.

Il festival boliviano della Fiesta de las Ñatitas

La festa del teschio si svolge nel cimitero generale di La Paz, dove migliaia di persone si riuniscono per festeggiare. Le tradizioni degli Aymara impongono che il popolo si riunisca in questo giorno, assista alla messa e onori le sue ñatitas. Le chiare influenze degli Inca e l'influenza cattolica degli spagnoli sono chiaramente visibili.


I teschi sono posti su un altare, dove sono decorati con candele e fiori, persino una sigaretta è posta nelle loro mascelle. Le foglie di coca della pianta sacra sono offerte alle ñatitas. Gli Aymara masticano le foglie, le usano per preparare una bevanda calda ed è anche usata per riti medici.


Tuttavia, c'è una ragione per cui la Fiesta de las Ñatitas si tiene l'8 novembre. Legata alla festa di Tutti i Santi, segnala anche l'inizio del periodo di fertilità agricola. Come cattolici, i boliviani osservano Tutti i Santi, il giorno in cui le anime dei loro cari defunti ritornano sulla terra. Una volta terminati questi rituali, otto giorni dopo il popolo ricorda i morti dimenticati, o quelli che sono morti in modo violento. Si crede che i loro ajayus, o anime, abbiano avuto paura e vaghino ancora per il mondo.


I ñatitas, o teschi, forse vengono portati fuori dalle case una volta all'anno, ma detengono un grande potere e vengono curati dalla famiglia tutto l'anno. Le famiglie possono spesso sorvegliare più di un teschio; infatti, in alcune case possono avere più di 20 teschi. I teschi hanno spesso i loro buchi riempiti di cotone.


Le ñatitas hanno la loro stanza, perché il loro altare occupa la maggior parte dello spazio, e le urne di vetro poggiano su cuscini che possono essere foderati con tela color oro. La gente spesso visita la famiglia, per pregare le ñatitas e presentare loro offerte, che includono fiori, candele, cola, birra, sigarette e foglie di coca.


La fede che gli Aymara hanno nei teschi, ai quali pregano e chiedono consiglio, è stata tramandata di generazione in generazione. Nonostante i tentativi degli spagnoli di sopprimere le religioni indigene, il popolo è riuscito a conservare tutto ciò che aveva ereditato dai suoi antenati. Ancora oggi, gli Aymara mantengono la loro fede nel mondo degli spiriti multipli e mantengono una stretta connessione con la natura. La Fiesta de las Ñatitas potrebbe continuare per molte generazioni ancora, dato che la credenza in questa antica celebrazione è ancora forte.


Originariamente pubblicato su Ancient Origins.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia