L'insabbiamento, l'inganno e i nostri 'migliori esperti' di Covid

L'insabbiamento, l'inganno e i nostri 'migliori esperti' di Covid


Di Neville Hodgkinson


Altre prove di un dannoso insabbiamento da parte di scienziati britannici e americani sull'origine in laboratorio del virus Covid-19 sono emerse nelle e-mail rilasciate negli Stati Uniti in base alle leggi sulla libertà di informazione. 


Sir Patrick Vallance, il consigliere scientifico capo del governo britannico, e Sir Jeremy Farrar, un ex membro senior dell'organo consultivo SAGE e capo del potente fondo di ricerca Wellcome Trust, sono tra quelli menzionati. 


Le e-mail mostrano che già il 2 febbraio 2020, Farrar sapeva che il virus SARS-CoV-2 era improbabile che fosse sorto naturalmente. Ha suggerito al dottor Anthony Fauci, lo "zar del Covid" americano, che potrebbe essersi evoluto "accidentalmente" da un virus simile alla SARS nel tessuto umano nell'Istituto di virologia di Wuhan in Cina. 


Ma gli fu detto dal dottor Francis Collins, allora direttore del National Institutes of Health degli Stati Uniti: "Condivido la sua opinione che è necessaria una rapida convocazione di esperti in una struttura che ispiri fiducia o i portavoce della cospirazione domineranno rapidamente, facendo un grande danno potenziale alla scienza e all'armonia internazionale". Il virologo olandese Ron Fouchier (che ha successivamente affermato che la pandemia di Covid dimostra la necessità della ricerca sugli animali) ha scritto che "un ulteriore dibattito farebbe un danno inutile alla scienza in generale e alla scienza in Cina in particolare".    


Il mese successivo Farrar è stato tra i 27 scienziati che hanno firmato una lettera pubblicata dal Lancet, respingendo come "teorie della cospirazione" le affermazioni che il Covid-19 ha avuto un'origine di laboratorio. I firmatari includevano altri due scienziati Wellcome.


Farrar ha successivamente continuato a sostenere che "la migliore prova scientifica disponibile" è che il virus è passato dagli animali all'uomo. 


La lettera del Lancet ha riportato indietro di più di un anno la discussione ufficiale sull'origine di laboratorio della pandemia - informazioni vitali per i governi di tutto il mondo nel decidere come meglio rispondere. 


Farrar è stato anche coinvolto nell'avvio di un'inchiesta dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, successivamente liquidata come un "whitewash", che ha scagionato il laboratorio di Wuhan dal coinvolgimento. Ha scritto a Collins e Fauci il 5 febbraio 2020:

Francis e Tony


Un paio di cose


*Ho parlato di nuovo con l'OMS questa mattina. Credo che abbiano ascoltato e agito. Fatemi sapere se siete d'accordo.


Alla riunione dell'OMS della prossima settimana istituiranno un gruppo che "esaminerà le origini e l'evoluzione del 2019n-Cov".


Hanno chiesto dei nomi per far parte di quel gruppo - per favore mandate qualsiasi nome


Possiamo avere una chiamata questa settimana con un gruppo di base per inquadrare il lavoro del gruppo - se si può unire?


Penso che questo lo metta sotto l'ombrello dell'OMS, con azioni questa settimana e nella prossima


Con i nomi da proporre nel gruppo da noi e la pressione su questo gruppo da voi e dai nostri team la prossima settimana.


*Il team aggiornerà la bozza oggi e la inoltrerò immediatamente - aggiungeranno ulteriori commenti sui glicani


Ti sembra ragionevole?


Jeremy 


("Glicani" è un riferimento alla glicosilazione, una caratteristica chiave della modifica genetica che ha reso un virus di pipistrello in grado di infettare le cellule umane).  


L'e-mail ha seguito una teleconferenza urgente del 1 febbraio, che ha coinvolto sia Vallance che Farrar, chiamata a discutere come rispondere dopo che l'OMS ha dichiarato il Covid un'emergenza sanitaria globale il giorno precedente.


Farrar ha emesso una nota che avverte che "le informazioni e la discussione sono condivise in totale riservatezza e non devono essere condivise fino all'accordo sui prossimi passi". È andato a Fauci e Vallance, in copia ad altri sei tra cui Paul Schreier, direttore operativo di Wellcome.


La chiamata si è concentrata su un documento intitolato 'Coronavirus sequenza confronto' ed è stato innescato da una nota da immunologo Kristian Anderson dello Scripps Research Institute in California dicendo che il virus aveva caratteristiche che potrebbero farlo sembrare come se fosse stato geneticamente modificato. 


Inoltre, Fauci ha attirato l'attenzione su un articolo del novembre 2015 scritto da Ralph Baric, un immunologo con sede negli Stati Uniti e destinatario a lungo termine dei fondi del National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID) di Fauci. L'articolo è stato descritto nella mail come "Baric, Shi et al - Nature Medicine - SARS gain of function". Shi Zhengli è la scienziata che è diventata nota come 'batwoman' attraverso le sue ricerche sui coronavirus dei pipistrelli all'Istituto di virologia di Wuhan. 


Gain of function' è il termine usato per descrivere la modifica in laboratorio dei virus per alterare la loro trasmissibilità e infettività.  Il governo degli Stati Uniti ha vietato tale ricerca nel 2014 a causa delle preoccupazioni sui pericoli che potrebbe presentare per la salute umana, come abbiamo visto con la SARS-CoV-2. 


Fauci è accusato di aver aggirato il divieto pagando il lavoro iniziato in America per continuare all'istituto di Wuhan. 


Il caso contro di lui è stato ulteriormente rafforzato questa settimana dal rilascio di documenti che mostrano che nel 2018 un'agenzia del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha rifiutato di finanziare la stessa ricerca per motivi di sicurezza. I documenti rivelano anche la preoccupazione per la soppressione di potenziali trattamenti come l'ivermectina e l'idrossiclorochina, e per i vaccini mRNA.


Le rivelazioni sull'insabbiamento e l'inganno al più alto livello mettono in dubbio che il governo britannico debba continuare a prendere consigli da Farrar e Vallance sulla gestione della risposta alla pandemia. 


Se si fosse saputo che le ricerche di scienziati statunitensi e cinesi hanno dato origine alla pandemia, i governi di tutto il mondo avrebbero riposto la loro fiducia nelle politiche di blocco e di vaccinazione di massa che si sono rivelate così dannose? Soprattutto se promosse da scienziati come Fauci che erano tra quelli che finanziavano la ricerca.


Farrar, che era un membro di Sage dall'inizio della pandemia, ha lasciato l'organo consultivo in ottobre, dicendo che voleva dedicare più tempo al Wellcome Trust. 


Come Paula Jardine ha descritto in TCW Defending Freedom, anche mentre l'isolamento di Wuhan veniva imposto dal governo cinese già il 23 gennaio 2020, Farrar è apparso in una conferenza stampa convocata al World Economic Forum di Davos dalla Coalition for Epidemic Preparedness Innovations (CEPI), promuovendo l'idea che drammatici interventi di controllo sociale potrebbero essere l'unico modo per controllare una pandemia in attesa dello sviluppo di un vaccino.


Vallance, capo consigliere scientifico del Regno Unito dal marzo 2018, è ex presidente della ricerca e sviluppo del gigante farmaceutico GlaxoSmith Kline (GSK). È stato annunciato lo scorso giugno che dovrà supervisionare il nuovo Consiglio nazionale per la scienza e la tecnologia "per mettere la scienza e la tecnologia proprio al centro della politica e rafforzare il modo in cui lavoriamo in tutto il governo per rafforzare la posizione del Regno Unito come superpotenza scientifica".

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia