L'università britannica censura la "violenza domestica" in un antico poema greco

 

L'università britannica censura la "violenza domestica" in un poema greco antico

I capi dell'università inglese hanno censurato un'antica poesia greca perché "sembrava" che "potesse" offendere gli studenti snowflake (fiocchi di neve)- studenti molto sensibili che sono facilmente feriti o offesi (più generalmente individui incapaci di mettere in dubbio le proprie idee, di confrontarsi con altri od addirittura affrontare la realtà). Fiocchi di neve che i professori stessi stanno plasmando e creando. Questa storia viene con un "avviso di pericolo", non per i sensibili fiocchi di neve, ma per i tradizionalisti che amano conservare la storia. C'è un'alta possibilità che questa storia vi mandi fuori di testa, quindi siete stati avvertiti.

L'università inglese di Reading è stata descritta come "più che ingenua" da Jeremy Black, professore emerito di storia all'università di Exeter. Ha detto che il recente orribile atto di censura sul poema greco è "positivamente ridicolo" e non ha "alcun posto nel mondo accademico". I responsabili dell'Università di Reading hanno modificato un poema greco antico di 2000 anni, di 118 righe, per evitare di "offendere" alcuni dei suoi studenti a causa di lievi riferimenti alla violenza domestica nell'opera.


Un poema greco che tocca l'antica violenza domestica

Il poema greco menziona la "violenza domestica" contro le donne, non c'è da nasconderlo. Questo, dicono i responsabili dell'Università, "potrebbe potenzialmente scatenare angoscia" in alcuni studenti. Il controverso testo dello scrittore Semonide di Amorgos si intitola "I tipi di donne di 2000 anni fa" ed è attualmente insegnato agli studenti del primo anno di classici all'Università di Reading. Ma ora, anche se nessuno studente si è lamentato, è stata presa la decisione di censurare alcuni versi di questo classico poema greco.


Il poema di 118 righe racconta che il dio greco Zeus creò dieci tipi di donne che erano rappresentate da un animale, o da un elemento. Il maiale, la volpe, il cane, la terra, il mare, l'asino, il furetto, la giumenta e la scimmia rappresentano nove tipi di donne con connotazioni negative, solo l'ape è considerata un modello di buona moglie. Un articolo del Daily Mail dice che gli studenti avrebbero ricevuto "un avviso verbale di pericolo" che l'opera era "un esempio di estrema misoginia nella Grecia arcaica". Tuttavia, anche questo avvertimento è piuttosto patetico. I capi dell'Università di Reading hanno praticamente eliminato tutti i riferimenti relativi alla "violenza palese verso le donne".


Una decisione positivamente ridicola e non accademica

Non potete aver evitato il termine "snowflake" ("fiocco di neve") negli ultimi tre anni, che è un insulto politicizzato usato da quelli della destra politica per insultare quelli della sinistra politica. Il termine implica che qualcuno è troppo sensibile, facilmente offendibile e incapace di affrontare le opinioni opposte. E i fiocchi di neve di solito vengono con un senso gonfiato di unicità o diritto. Tuttavia, i fiocchi di neve non nascono. Sono in parte fatti, o modellati, dai professori universitari.


Il Daily Mail on Sunday ha ottenuto documenti sotto la legge sulla libertà di informazione che affermano che la parte della poesia ora omessa "implicava un breve riferimento alla violenza domestica". Jeremy Black, professore emerito di storia all'Università di Exeter, ha detto: "Questo è più che ingenuo". Modificare il testo greco per evitare di offendere gli studenti "è positivamente ridicolo e non ha posto nel mondo accademico", ha insistito Black.


Il pendio scivoloso della censura della storia

Il professor Black teme che quando si apriranno le cateratte, molte altre opere dell'antichità potrebbero essere prese di mira dai "professori di classe della censura" che sono venuti a gestire le principali istituzioni di apprendimento. Il professor Black ha anche detto al Daily Mail che l'azione dell'Università ha creato un "pendio scivoloso" che porta verso una maggiore censura. Se questo livello di censura fosse applicato alle notizie, ha detto Black, "finiremmo per avere una visione più limitata e ignorante del mondo".


Sostenendo il professor Black nella sua spinta contro la rivoluzione della cultura della cancellazione, il professor Ewen Bowie, un emerito collega al Corpus Christi College e professore emerito di lingue e letterature classiche all'Università di Oxford, ha detto che "le opere antiche devono essere comprese nel contesto", e non cancellate del tutto. Il professor Bowie ha aggiunto che quando si inizia a censurare le liste di lettura si sta "mettendo il piede sul pendio scivoloso verso la censura di ciò che viene venduto nelle librerie".

L'Università di Reading risponde con argomentazioni deboli
Ieri sera un portavoce dell'Università di Reading ha detto che "non censuriamo materiale accademico". L'Università ha detto che la particolare porzione del poema greco era stata rimossa perché "sembrava inutilmente sgradevole e (potenzialmente) scatenante."

Immaginate di cancellare un testo di 2000 anni fa perché un gruppo di professori di un'università moderna pensava che sembrasse in un modo o nell'altro. Non si dovrebbe assolutamente sapere che qualcosa offende o non offende le persone prima di censurarlo? Non è tutto così sciatto, transitorio, e così chiaramente di virtuosismo che è un po' nauseante?

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia