Tecnico nucleare svela gravi violazioni della sicurezza da UFO e stranezze alla base nucleare degli Stati Uniti

 

Tecnico nucleare svela gravi violazioni della sicurezza da UFO e stranezze alla base nucleare degli Stati Uniti

Un ex tecnico di armi nucleari ha parlato per la prima volta di inquietanti incidenti di sicurezza che ha incontrato in una base dell'U.S. Air Force (USAF), che conserva armi nucleari. 


Mentre era di stanza alla Whiteman Air Force Base, Missouri, tra il 2003-2007, Adrian Reister sostiene di essere stato testimone di due incidenti che coinvolgevano fenomeni aerei non identificati (UAP) che entravano nello spazio aereo limitato sopra la base e una grave violazione della sicurezza che coinvolgeva una "persona ombra", che Reister ha inseguito all'interno della base. 


A causa della mancanza di linee guida chiare e dello stigma associato a tale stranezza, Reister si è sentito incapace di riferire gli incidenti agli ufficiali superiori, affermando:


"Non è mai stato riferito nulla. Perché se lo facevi, potevi essere considerato mentalmente instabile e avere la tua autorizzazione e lo status PRP (programma di affidabilità personale) revocato".


Il giornalista George Knapp ha precedentemente riferito di eventi simili, testimoniati dal personale di stanza presso il presunto impianto di armi nucleari noto come Area 2 in Nevada. 


Reister era un tecnico altamente qualificato, incaricato di maneggiare armi nucleari, come spiega:


"Ho imparato a mantenere, smantellare, distruggere (esperienza EOD), trasportare e garantire la sicurezza dell'arsenale nucleare assegnato alla nostra base".


Le sue credenziali sono state confermate e, data la natura delle sue responsabilità, è una fonte credibile.


Mentre prestava servizio alla base, Reister aveva molta familiarità con tutta una serie di velivoli USAF, compresi i B-2, F-117 e A-10, che decollavano, atterravano e manovravano nell'area. 


Ma in due casi, fu testimone di oggetti che non poteva identificare né spiegare.

Adrian Reister, nella foto durante i suoi giorni all'USAF
Adrian Reister, nella foto durante i suoi giorni all'USAF

Incontri con gli UAP sopra la Whiteman Air Force Base

Nel suo primo incontro, Reister ha individuato una "sfera" che si librava lungo la linea degli alberi mentre un'arma nucleare veniva trasportata all'interno della base.


Come spiega Reister:

"Naturalmente durante questo periodo sono ipervigile, e noto una luce o una sfera che si libra lungo la linea degli alberi, ho pensato che fosse solo una stella in quel momento, ma mentre continuavo a sorvegliare la zona, la luce/orb ha sparato sopra le cime degli alberi ed è rimasta appesa lì per qualche tempo, forse era un satellite ho pensato. 


Quando la squadra di trasporto è arrivata e ha messo al sicuro l'arma all'interno della struttura, la sfera ha rimbalzato un po' nel cielo, poi ha sparato a sinistra (nord) e poi ha sparato a 90 gradi verso l'alto ed è scomparsa". 


L'oggetto era diverso da qualsiasi cosa incontrata da Reister prima, nonostante la sua familiarità con tutti i tipi di aerei della base. 


Il comportamento esibito dall'oggetto non sembra corrispondere a nulla di pubblicamente noto all'interno dell'arsenale USAF. Ha anche esibito almeno uno dei famosi cinque osservabili: l'accelerazione istantanea. 


In un'altra occasione, Reister vide un'altra sfera sopra la base mentre era di guardia. La sfera era ferma prima di scomparire, come nel primo incidente. 


Come descrive Reister:

"Tutte le sfere o fenomeni del cielo che ho visto personalmente erano la stessa singola sfera incandescente, di colore bianco-giallastro".


Incontro con una "persona ombra"

Ma l'incidente più significativo, che perseguita Reister fino ad oggi, coinvolge quello che può essere meglio descritto come una "persona ombra".


Durante l'estate del 2006, Reister stava lavorando nella sezione di supporto della base, a notte fonda, tra le 23 e le 7 del mattino. 


Era da solo, mentre una squadra di addestratori era chiusa in un'area separata per lavorare su una bomba di addestramento. 


Poi ha cominciato a sentire dei passi di piedi nudi, non il suono degli stivali da combattimento con le punte d'acciaio che era abituato a sentire. Fu allora che gli eventi presero una piega molto strana, come descrive Reister: 


"Il suono se ne andò mentre alzavo lo sguardo e scrutavo la stanza. Non vedendo nulla, ho alzato le spalle e sono tornato al lavoro. 


Nel giro di pochi minuti ho sentito di nuovo camminare a piedi nudi, lontano dall'area di supporto, e questa volta mi sono alzato per guardarmi intorno. 


Ho visto quello che non posso davvero descrivere se non una massa nera a forma di persona in piedi a 2 metri, non proprio un'ombra ma qualcosa che era leggermente sfocata e non rifletteva alcuna luce... ha rapidamente girato l'angolo nella zona amministrativa del negozio, e l'ho inseguito come un pazzo. 


Mentre correvo lungo il muro dalla sezione di supporto all'area amministrativa, ho cercato in lungo e in largo, non ci sono molti posti dove nascondersi in quella sezione, solo alcuni uffici e una sala relax. Ero stato accurato nella mia ricerca, ma mi sono comunque ritrovato a mani vuote".


Come dice Reister, nessuno entra o esce dalla base senza passare attraverso le porte di sicurezza anteriori. 


Tutte le altre porte erano protette in quel momento e avevano sigilli di sicurezza che si rompono se una porta viene aperta. Se ciò dovesse accadere, le forze di sicurezza dell'USAF vengono avvisate della violazione. 


La notte dell'evento, nessun sigillo è stato rotto e non si può spiegare come questa figura sia entrata e uscita dalla struttura. 


Eventi NON segnalati alla catena di comando

Nessuno degli eventi descritti è stato riferito da Reister alla catena di comando a causa della cultura che esiste all'interno dell'USAF. Reister aveva più paura di finire nei guai lui stesso, piuttosto che le implicazioni per la sicurezza nazionale in quel momento. 


Negli incidenti documentati da George Knapp, "persone ombra" alte fino a due metri, sono state segnalate dagli ufficiali di sicurezza, ma non prese sul serio dai capi superiori. 


La persona ombra incontrata da Reister non è un evento isolato. Qualunque cosa rappresenti, tali incidenti devono essere presi sul serio. Come dice Reister:


"Che si tratti di una persona, di un lupo, di un topo o di un coniglio - nessuno, a parte il personale autorizzato, dovrebbe essere da nessuna parte vicino ad una base che conserva armi nucleari - la cultura deve cambiare - se l'USAF adottasse un approccio globale, noterebbe uno schema di eventi simili in altre basi, il che dovrebbe far prendere nota agli alti funzionari".


Per inciso, la base aerea di Whiteman è la sede del 509° Stormo di bombardieri che ha recuperato il presunto veicolo precipitato a Roswell. 


Lo stigma esiste ancora con l'USAF

Non è chiaro se le sfere avvistate da Reister riflettano la tecnologia russa o cinese.

Questo pone certamente un problema, soprattutto se gravi violazioni della sicurezza si verificano ancora oggi negli impianti nucleari. 

E se la sicurezza viene violata, la sicurezza globale è a rischio. 

Anche se la questione dell'UAP non è più associata allo stigma di una volta, l'USAF sembra essere molto distaccata sull'argomento. 

Per quanto riguarda l'UAP, il segretario dell'USAF, Frank Kendall, ha recentemente detto quanto segue al giornalista di POLITICO Bryan Bender:

"Ho pensato molto alla difesa dello spazio aereo americano, ma non contro gli UFO.

Non considero una minaccia imminente per gli Stati Uniti o la razza umana, questi fenomeni che si verificano".


Tali commenti possono essere messi in discussione, soprattutto quando il rapporto della Task Force UAP dello scorso giugno non ha potuto concludere se il fenomeno rappresentasse "sistemi avversari stranieri".

Reister spera di poter incoraggiare altri all'interno dell'USAF a parlare degli incontri che hanno avuto. Come dice lui:

"Lo stigma sta evaporando e questo argomento viene preso sul serio ai più alti livelli di governo - si spera che ora possiamo avere una discussione seria sulla nostra sicurezza nazionale".

"La nostra forza aerea è piena di eroi, su cui facciamo affidamento per la sicurezza nazionale e globale, e dovremmo incoraggiare e ascoltare coloro a cui affidiamo le nostre armi nucleari o che mettono regolarmente a rischio la loro vita".

Il nuovo ufficio UAP aumenterà la pressione sull'USAF

La nuova legislazione firmata in legge dal presidente Biden nel dicembre 2021, include la disposizione di un nuovo ufficio UAP, che sarà istituito dal Segretario della Difesa in coordinamento con il direttore dell'intelligence nazionale.

La legislazione richiede che il nuovo Ufficio raccolga e analizzi gli incidenti che coinvolgono gli UAP e le risorse nucleari militari, comprese le armi nucleari strategiche e le navi e sottomarini a propulsione nucleare.

E con i comitati degli stanziamenti coinvolti (che controllano i cordoni della borsa del Congresso) e una valutazione dell'Ispettore Generale in corso, ci sarà un'immensa pressione sui rami dell'esercito americano, compresa l'USAF, per cooperare e incoraggiare la segnalazione di tali incidenti incontrati da Reister. 

L'incontro di Reister con la persona ombra pone la questione se qualsiasi futura indagine UAP potrebbe dover ampliare la sua portata dei fenomeni. Anche se tali incontri sembrano roba da fantascienza, non possiamo ignorare le affermazioni che le basi di armi nucleari sono infiltrate. 

E certamente è un fatto che l'occultamento dell'invisibilità è stato sperimentato dai militari di tutto il mondo. Infatti, l'esercito degli Stati Uniti ha sperimentato una "tuta dell'invisibilità", che renderebbe chi la indossa "come un'ombra colorata o un'immagine fantasma".

Se tali incidenti descritti da Reister si verificano regolarmente all'insaputa degli alti funzionari militari e dei membri eletti del Congresso e di quelli della Casa Bianca responsabili della sicurezza, allora rappresenta un serio problema di difesa in un momento in cui la tecnologia cinese e russa sta accelerando rapidamente.

Rimane incerto se l'USAF stessa sia consapevole della portata delle violazioni della sicurezza, a causa dello stigma che può persistere oggi. 

Tuttavia, c'è il dubbio che i responsabili siano i cinesi o i russi. Tali incontri tra UAP e armi nucleari sono stati segnalati fin dagli anni '40. 

E nel 1967, Robert Salas, un comandante in servizio di una base missilistica nucleare nel Montana afferma che i missili nucleari sono stati inspiegabilmente disattivati mentre un UAP si librava silenziosamente nelle vicinanze. 

In una conferenza stampa nell'ottobre 2021, Salas insieme ad altri tre ex veterani hanno parlato dei loro incontri con gli UAP mentre lavoravano con le armi più distruttive degli Stati Uniti. 


Se tali incidenti non rispecchiano nessuna nazione della Terra, allora rappresentano sia una minaccia potenziale sconosciuta che un'opportunità epocale per scoprire nuova scienza e tecnologia. 

Anche se il governo degli Stati Uniti non può concludere che cosa rappresenti l'UAP, ulteriori approfondimenti sono attesi nell'ottobre di quest'anno, quando il nuovo Ufficio UAP rilascerà il suo primo rapporto non classificato sulle sue scoperte. 

Originariamente pubblicato su: liberationtimes

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia