Ricercatori giapponesi pubblicano casi di strani coaguli di sangue a seguito dei vaccini Pfizer COVID

 

di Brian Shilhavy
Editore, Health Impact News


Altri casi di danni causati dai vaccini COVID-19 continuano a essere pubblicati sulle riviste mediche e ora i ricercatori giapponesi hanno pubblicato un paio di casi di coaguli di sangue insoliti trovati attraverso le autopsie dopo i vaccini Pfizer COVID che sembrano corroborare ciò che alcune pompe funebri gli imbalsamatori riferiscono anche di strani coaguli di sangue trovati nei corpi dei morti.

Uno studio pubblicato nell'edizione di novembre 2022 di Legal Medicine  dal titolo An autopsy case report of aortic dissection complicato con pericardite istiolinfocitica e infiammazione aortica dopo la vaccinazione con mRNA COVID-19,  ha riferito di un maschio giapponese di 90 anni senza precedenti malattie che è morto due settimane dopo la sua terza dose del vaccino Pfizer COVID-19.

Un maschio giapponese di 90 anni ha consultato un medico perché ha vissuto diversi giorni di stanchezza generale e dispnea. Le gambe erano edematose e la radiografia del torace mostrava versamento pleurico destro. Sono stati rilevati peptide natriuretico pro-cervello N-terminale elevato (NT-pro BNP; 3.706 pg/mL) e proteina C-reattiva (47,9 mg/L). I risultati dell'elettrocardiogramma non hanno mostrato cambiamenti anomali.

Gli è stata diagnosticata un'insufficienza cardiaca ma ha rifiutato il ricovero in ospedale. Al paziente è stato prescritto un ciclo di 3 giorni di farmaci diuretici, che ha alleviato i suoi sintomi e ridotto il livello di NT-pro BNP.

Tuttavia, è stato trovato senza vita nella sua cucina la mattina del quarto giorno dopo aver consultato il medico. Aveva ricevuto una terza dose di BNT162b2 circa 2 settimane prima della morte.

Non è stata segnalata alcuna malattia precedente. Non aveva una storia di fumo o consumo abituale di alcol. Le indagini della polizia a casa dell'uomo non hanno rivelato attività sospette.

 

Un'autopsia ha rivelato coaguli di sangue nel cuore:

... è stata eseguita un'autopsia 35 ore dopo la morte. Il defunto era alto 156 cm e pesava 52 kg. Il sacco pericardico era pieno di coaguli rosso scuro (Fig. 1A). L'aorta ascendente presentava una lacerazione intimale di 2,5 cm a 4 cm sopra l'anello aortico (Fig. 1B). Il mezzo aortico è stato sezionato e l'avventizia è stata perforata all'interno della cavità pericardica. Il cuore pesava 458 g e aveva una superficie bianca dei villi (Fig. 1C). Le arterie coronarie hanno mostrato lieve aterosclerosi.


Il rapporto dell'esame microscopico è interessante perché riferiscono di aver visto "fibre elastiche" simili a quelle che ha riferito di aver visto anche Richard Hirschman, direttore di un'impresa di pompe funebri e imbalsamatore .

L'esame microscopico ha rivelato epicardio fibroso spesso con infiltrazione di cellule infiammatorie composta prevalentemente da macrofagi e linfociti (Fig. 2A e 2B). È stata rilevata anche una minima necrosi dello strato più esterno del miocardio nella parete laterale sinistra.

La membrana pericardica era spessa con deposito di fibrina e fibroblasti ipertrofici. Nella membrana sono stati rilevati anche macrofagi e linfociti (Fig. 3).

La radice aortica è stata sezionata in corrispondenza della lesione collagenosa; ha mostrato infiltrazione di cellule infiammatorie nella tunica media (Fig. 4A e 4B). È stato dimostrato che le fibre elastiche mediali sono interrotte nella colorazione di Elastica van Gieson (Fig. 4C). Il test immunoistochimico ha rivelato l'infiltrazione di macrofagi e cellule T e B nella parete aortica (Fig. 4D).


I ricercatori hanno utilizzato "reperti istopatologici" che affermano "spesso non vengono utilizzati nella diagnosi a causa della difficoltà della procedura di campionamento" perché "i campioni pericardici possono essere ottenuti solo chirurgicamente".

Sebbene la biopsia percutanea del pericardio guidata dalla pericardioscopia sia stata riportata senza complicazioni maggiori, questa procedura è tecnicamente impegnativa ed è necessario un operatore esperto.

Per quanto ne sappiamo, questo è il primo case report di pericardite istologicamente provata dopo la vaccinazione COVID-19.


Leggi qui lo studio completo .

Un secondo caso giapponese è stato pubblicato su Thrombosis Journal intitolato Distribuzione istopatologicamente simile alla TMA di trombosi multiple d'organo dopo la dose iniziale del vaccino mRNA BNT162b2 (Comirnaty, Pfizer/BioNTech): un caso di autopsia.

Questo caso era una donna di 72 anni che ha ricevuto la prima dose del vaccino mRNA Pfizer ed è morta 2 giorni dopo.

L'autopsia ha rivelato più microtrombi nel cuore, nel cervello, nel fegato, nei reni e nelle ghiandole surrenali. I trombi erano CD61 e CD42b positivi e si trovavano nei vasi sanguigni principalmente nell'aspetto pericardico del miocardio e nella regione sottocapsulare delle ghiandole surrenali; i loro diametri erano di circa 5–40 μm.

Macroscopicamente, è stata osservata una caratteristica emorragia miocardica e l'istopatologia della caratteristica distribuzione del trombo, che differiva da quella della sindrome emolitico uremica e della coagulazione intravascolare disseminata, ha suggerito che la fisiopatologia sottostante potrebbe essere stata simile a quella della microangiopatia trombotica (TMA).

Non aveva precedenti di coaguli di sangue prima di ricevere l'iniezione di Pfizer.

Non aveva anamnesi di trombosi venosa profonda, lupus eritematoso sistemico, aborti ricorrenti, ematuria e trapianto di cellule staminali ematopoietiche o di organi solidi. I test di laboratorio hanno mostrato che la sua funzionalità epatica e renale, così come l'emocromo, rientravano nei limiti normali un mese prima della vaccinazione. L'assenza di trombocitopenia e anemia è stata confermata 10 giorni prima della vaccinazione.

Un'autopsia medicolegale è stata eseguita circa 24 ore dopo che è stata trovata morta per indagare sulle modalità della sua morte, poiché si sospettava che la vaccinazione fosse la causa.

Autopsia e reperti istopatologici:

All'autopsia, la lunghezza del corpo e il peso del paziente erano rispettivamente di 155 cm e 53,0 kg. Non sono stati osservati arrossamenti o pomfi sulla superficie corporea. Il peso del cuore era di 394 g e nel pericardio erano presenti 170 ml di liquido pericardico concentrato giallo-traslucido con precipitato fibrinoso. Sulla superficie del pericardio posteriore è stata riscontrata una marcata emorragia petecchiale (Fig. 1a). L'esame lordo dopo la fissazione con formalina tamponata al 10% ha rivelato uno scolorimento rosso-nero su tutta la circonferenza del pericardio e sulla superficie esterna del miocardio (Fig. 1b).

Numerosi microtrombi privi di cellule infiammatorie sono stati trovati nei piccoli vasi, arteriole e capillari delle pareti anteriore, posteriore e laterale del ventricolo sinistro, del ventricolo destro e del setto interventricolare, localizzati prevalentemente al confine tra l'area emorragica e quella non emorragica (Fig. 1c ed f).

Il diametro vascolare dei microtrombi era di circa 5-40 μm e i microvasi erano congestionati e dilatati.

Come accennato in precedenza, i microtrombi piastrinici sono stati rilevati in più organi, principalmente nel cuore, e le lesioni agli altri organi erano limitate. Pertanto, era ipotizzabile che la morte improvvisa fosse di origine cardiaca.

Leggi qui lo studio completo .

Queste autopsie e questi studi sono stati eseguiti perché le persone sono morte poco dopo aver ricevuto una dose dei vaccini Pfizer mRNA. I coaguli di sangue e le "fibre elastiche" osservati sembrano coerenti con ciò che vedono gli imbalsamatori che preparano i corpi per i funerali, anche se in molti di questi casi gli imbalsamatori vedono forse corpi morti settimane o mesi dopo aver ricevuto i vaccini, e quindi le strutture fibrose più grandi che stanno tirando fuori dalle vene.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Link e materiale non pertinente sarà eliminato.

Nuova Vecchia