La sanguinosa eredità degli smeraldi - La gemma degli innamorati

 

Lo smeraldo è conosciuto come la gemma degli innamorati.  Fonte: Balazs/Adobe Stock

Di Robbie Mitchell

Le persone sono molto simili alle gazze. Ci piacciono le cose luccicanti. Fin dall'inizio, abbiamo attribuito valore a rocce graziose con scarso valore pratico. Per cercare di spiegare la loro ossessione per queste pietre, le persone le hanno descritte come dotate di proprietà mistiche. Lo smeraldo è spesso associato all'eloquenza e alla preveggenza, oltre ad essere la gemma degli innamorati. Nonostante la sua connotazione con amore, la verità è che l'estrazione di smeraldi ha una storia lunga e spesso sanguinosa.

Smeraldo grezzo dalla miniera di Muzo in Colombia.  (Géry Genitore / CC0)

Smeraldo grezzo dalla miniera di Muzo in Colombia. (Géry Genitore / CC0 )

La storia degli smeraldi attraverso i secoli

Le prime miniere di smeraldo erano egiziane. Risalgono al 1500 aC circa e si trovavano per la prima volta sopra e intorno al Monte Smaragdus. Fu dal 330 aC in poi, tuttavia, che l'estrazione di smeraldi in Egitto decollò davvero. I Faraoni possedevano le miniere e quindi le pietre al loro interno. Un sovrano in particolare amava particolarmente gli smeraldi.

Cleopatra VII che regnò dal 51 al 30 aC adornò se stessa ei suoi palazzi di smeraldi. Aveva anche l'abitudine di regalarli a dignitari stranieri. L'ossessione di Cleopatra per gli smeraldi aveva due sfaccettature. In primo luogo, gli smeraldi erano strettamente associati alla fertilità e all'immortalità. In secondo luogo, e forse più importante, adornare tutto con smeraldi era un modo per sfoggiare la sua ricchezza.


Durante questo periodo, lo smeraldo era una delle pietre preziose più pregiate e si poteva trovare solo in Egitto. Durante il regno di Cleopatra, anche i romani svilupparono un gusto per gli smeraldi. Avrebbero perforato le pietre e le avrebbero indossate come talismani . L'imperatore Nerone era persino noto per indossare occhiali color smeraldo ai giochi dei gladiatori per aiutare la sua vista che diminuisce.

L'amore degli egizi e dei romani per gli smeraldi causò all'Egitto un problema. Le vecchie miniere del monte Smaragdus alla fine iniziarono a prosciugarsi, producendo gemme di qualità sempre inferiore. Ciò ha indotto Cleopatra a commissionare molte altre miniere nel tentativo di tenere il passo con la domanda.

I romani in seguito presero il controllo di queste miniere, sfruttandole su scala industriale. Furono poi presi da vari imperatori bizantini prima di sbarcare nelle mani dei conquistatori musulmani. L'attività mineraria in Egitto fu abbandonata con la scoperta di giacimenti in Colombia, dopodiché le miniere di smeraldo caddero in rovina e andarono in gran parte perse nel tempo. Le miniere originali furono riscoperte solo nel 1816 dal francese Frederic Cailaud, un mineralogista.

Cleopatra raffigurata con indosso uno smeraldo, di Władysław Czachórski.  (Dominio pubblico)

Cleopatra raffigurata con indosso uno smeraldo, di Władysław Czachórski. Pubblico dominio )

I conquistatori spagnoli e la loro caccia ai gioielli in Sud America

Per secoli la maggior parte degli smeraldi in tutto il mondo sono stati originariamente provenienti dalle miniere egiziane. A partire dal XIV secolo d.C. circa, tuttavia, ci sono prove dell'estrazione di smeraldi sia in India che in Austria, ma non su tale scala industriale.

Tutto iniziò davvero a cambiare con la scoperta spagnola del Nuovo Mondo all'inizio del XVI secolo. Agli spagnoli, il Sud America sembrava grondare di smeraldi. Mentre i conquistadores erano tradizionalmente più interessati ai metalli preziosi che alle gemme, gli spagnoli erano abbastanza intelligenti da conoscere il valore degli smeraldi. Presto l'avidità prese il sopravvento ei conquistadores chiesero di sapere dove gli Inca avessero trovato tutti i loro smeraldi.

Gli Inca dell'odierno Perù estraevano e commerciavano smeraldi da almeno 500 anni prima della loro scoperta da parte dei conquistadores spagnoli. Queste terre erano così ricche di oro e smeraldi che gli spagnoli credevano di aver fondato la mitica città di El Dorado . Quella che seguì fu una guerra lunga, sanguinosa e distruttiva. I conquistadores uccisero innumerevoli indigeni che cercavano di trovare le miniere e sequestrarono tutti i gioielli su cui potevano mettere le mani.

Originaria della Colombia, la Corona delle Ande comprende più di 400 smeraldi e risale al XVII o XVIII secolo.  È stato realizzato per una scultura della Vergine Maria di Popayán, per ringraziare per la sua protezione contro il vaiolo, ed è ora in mostra al Metropolitan Museum of Art.  (Cronologia intelligente / CC BY-NC-SA 2.0)

Originaria della Colombia, la Corona delle Ande comprende più di 400 smeraldi e risale al XVII o XVIII secolo. È stato realizzato per una scultura della Vergine Maria di Popayán, per ringraziare per la sua protezione contro il vaiolo, ed è ora in mostra al Metropolitan Museum of Art. (Cronologia intelligente / CC BY-NC-SA 2.0 )

La storia di Umina, la dea gigante di smeraldo

In un esempio di quest'epoca, la gente di Manta nell'attuale Ecuador (citato come Perù in molti articoli) adorava uno smeraldo gigante che si dice avesse le dimensioni di un uovo di struzzo. Questo smeraldo presumibilmente rappresentava una dea chiamata Umina. Nei giorni di festa Umina, lo smeraldo gigante, veniva portata fuori dal suo tempio dai sacerdoti affinché i suoi seguaci potessero adorarla. Lo fecero portando le sue figlie (più smeraldi), il che significava che la città aveva un immenso magazzino di smeraldi. Un negozio di cui gli spagnoli hanno presto sentito parlare.

Hanno preso d'assalto e conquistato la città, alla ricerca di Umina ma senza mai trovarla. I conquistadores sospettarono che la gente del posto fosse ingannevole e iniziarono a spaccare gli smeraldi sulle incudini, credendo che i veri smeraldi sarebbero sopravvissuti alla prova. Si sbagliavano e distrussero inutilmente una fortuna in pietre preziose.

Alla fine gli spagnoli prevalsero nel sequestrare le miniere un tempo di proprietà degli Aztechi e degli Inca. La Colombia si è rivelata particolarmente ricca di smeraldi. Ad oggi è il più grande produttore mondiale di smeraldi e, a seconda dell'anno, dal 50 al 90% degli smeraldi mondiali provengono dalla Colombia.

La vittoria spagnola in Colombia gli sarebbe costata cara. Dopo la vittoria in Sud America, gli spagnoli hanno invaso il mercato europeo con enormi quantità di oro e smeraldi. Ciò ha avuto l'effetto opposto a quello che intendevano. Piuttosto che rendere l'impero spagnolo ancora più ricco, fece salire alle stelle l'inflazione e la loro economia fu lasciata a brandelli.

Poi durante il 1800, dopo 300 anni di sfruttamento spagnolo, i colombiani iniziarono a ribellarsi. Una serie di rivolte portò alla firma della Costituzione della Colombia nel 1886, che restituì ai colombiani non solo la loro indipendenza ma anche le loro miniere.

Ornamento del corpetto del XVIII secolo realizzato con oro e smeraldi colombiani proveniente dalla Cattedrale della Vergine del Pilar a Saragozza.  (Vassillo / CC0)

Ornamento del corpetto del XVIII secolo realizzato con oro e smeraldi colombiani proveniente dalla Cattedrale della Vergine del Pilar a Saragozza. (Vassillo / CC0 )

Smeraldi sanguigni nel mondo moderno

Grazie alla moderna tecnologia mineraria, oggigiorno gli smeraldi possono essere trovati in tutto il mondo. Sfortunatamente, la loro maggiore disponibilità non è riuscita a fermare lo spargimento di sangue. Di recente, nel 2016, il governo colombiano stava cercando di ripulire il commercio di smeraldi del paese. Non sorprende che la polvere bianca non fosse l'unica risorsa preziosa a cui i gangster del paese erano interessati.


In Africa, nel frattempo, ci sono state accuse di violenze e violazioni dei diritti umani nel commercio di smeraldi. Lo Zambia è il secondo produttore mondiale di smeraldi. Questo ha colpito i titoli dei giornali internazionali nel 2018, quando è stato affermato che il padre di Elon Musk aveva fatto fortuna possedendo una controversa miniera di smeraldi dello Zambia. Questo riflettore sul commercio di smeraldi dello Zambia ha suscitato molte discussioni in relazione a quelli che sono diventati noti come "smeraldi sanguigni".

Fino ad oggi molte persone affermano che gli smeraldi hanno in qualche modo proprietà mistiche. Molte di queste persone sono anche proprietarie di negozi che vendono smeraldi . Il fatto che una pietra possieda o meno poteri speciali è una questione di convinzioni personali. Il fatto che nel corso della storia, e fino ad oggi, l'estrazione di queste gemme abbia portato alla morte e allo spargimento di sangue, purtroppo, non lo è.

Immagine in alto: lo smeraldo è conosciuto come la gemma degli innamorati. Fonte: Balazs /Adobe Stock




Originariamente pubblicato su: Ancient-Origins

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Link e materiale non pertinente sarà eliminato.

Nuova Vecchia