Embrione di dinosauro conservato per 90 milioni di anni

 

B. sinensis visse circa 90 milioni di anni fa, durante il periodo Cretaceo.
B. sinensis visse circa 90 milioni di anni fa, durante il periodo Cretaceo. Gli adulti di questa specie erano enormi, misurando fino a 8 metri di lunghezza dal muso alla fine della coda, e pesando fino a 3000 chilogrammi quando erano completamente cresciuti all'età di 11 anni. (Credito d'immagine: Zhao Chuang)

Circa 90 milioni di anni fa, un gigantesco dinosauro simile a un uccello con un becco senza denti e una cresta in cima alla testa ha covato delle uova enormi. Almeno una di queste uova non si è mai schiusa, ma è diventata la prima e unica della sua specie a fossilizzarsi, secondo un nuovo studio.

La scoperta dell'embrione lungo 38 centimetri è notevole, ha detto il co-ricercatore dello studio Darla Zelenitsky, un assistente professore di paleontologia presso l'Università di Calgary in Alberta, Canada.


"Questo è il primo embrione conosciuto per un oviraptorosauro gigante, dinosauri che sono estremamente rari", ha detto Zelenitsky.


Inoltre, è solo la seconda specie di oviraptorosauro gigante su record, ha detto Zelenitsky. L'altro oviraptorosauro gigante conosciuto è soprannominato Gigantoraptor, una bestia che era alta fino a 5 metri.

L'embrione di B. sinensis era piccolo rispetto ai suoi genitori. Dopo la schiusa, avrebbe pesato meno di 4 kg.
L'embrione di B. sinensis era piccolo rispetto ai suoi genitori. Dopo la schiusa, avrebbe pesato meno di 4 kg.

Il viaggio di Baby Louie

Dopo la scoperta dell'embrione fossile, ci sono voluti 25 anni perché l'esemplare di età cretacea, precedentemente non identificato, ricevesse un nome scientifico ufficiale.

Un agricoltore cinese della provincia di Henan ha trovato l'embrione di oviraptorosauro nel 1992, e un anno dopo è stato esportato negli Stati Uniti da The Stone Co, una ditta del Colorado che vende fossili e rocce. La voce si diffuse quando l'azienda scoprì le uova e l'embrione, e il National Geographic lo presentò sulla copertina di una rivista nel 1996.

Il fotografo del National Geographic, Louis Psihoyos, ha catturato così tanti dettagli nei suoi scatti che la gente ha iniziato a chiamare il dinosauro "Baby Louie", anche dopo che è stato esposto al Museo dei Bambini di Indianapolis.

Tuttavia, a causa del significato di Baby Louie (un embrione che rappresenta una nuova specie di dinosauro raro), i ricercatori hanno deciso di aspettare fino a quando è stato rimpatriato in Cina nel 2013 per studiarlo, ha detto Zelenitsky.

Dopo l'esame al Museo Geologico di Henan, un gruppo di ricercatori provenienti da Cina, Canada e Slovacchia ha dato a Baby Louie il nome scientifico formale di Beibeilong sinensis, che significa "baby drago dalla Cina", in una combinazione di mandarino e latino.

Una mappa (in alto) mostra Nanyang, una città della provincia cinese di Henan. La stella segna il sito fossile dove Zhang Fengchen (in basso) ha trovato e raccolto il fossile nel dicembre 1992 e all'inizio del 1993.
Una mappa (in alto) mostra Nanyang, una città della provincia cinese di Henan. La stella segna il sito fossile dove Zhang Fengchen (in basso) ha trovato e raccolto il fossile nel dicembre 1992 e all'inizio del 1993.

Il fossile (a sinistra) e una sovrapposizione digitale (a destra) mostra dove le uova erano posizionate prima che si rompessero e si fossilizzassero. Notate lo scheletro dell'embrione accanto al righello.
Il fossile (a sinistra) e una sovrapposizione digitale (a destra) mostra dove le uova erano posizionate prima che si rompessero e si fossilizzassero. Notate lo scheletro dell'embrione accanto al righello.

Questa illustrazione mostra come Baby Louie si è fossilizzato sulle uova (a sinistra). Gli altri disegni (a destra) mostrano come sarebbe stato Baby Louie all'interno del suo guscio.
Questa illustrazione mostra come Baby Louie si è fossilizzato sulle uova (a sinistra). Gli altri disegni (a destra) mostrano come sarebbe stato Baby Louie all'interno del suo guscio.

Una fotografia e un'illustrazione di Baby Louie lungo 38 centimetri.
Una fotografia e un'illustrazione di Baby Louie lungo 38 centimetri. Il nome scientifico del dinosauro, Beibeilong sinensis, onora la cultura cinese. In mandarino, "beibei" significa "bambino", e "lungo" si traduce in "drago". Il nome della specie deriva dalla parola latina per la Cina. Così, il nome del dinosauro significa "drago bambino dalla Cina".

Questa foto (in alto) mostra il disegno sulla superficie esterna dei gusci d'uovo giganti, conosciuti come uova di Macroelongatoolithus. Una sezione trasversale (in basso) mostra i due strati microstrutturali del guscio delle uova di Macroelongatoolithus. La barra della scala è di 1 millimetro (0,04 pollici). Le uova di Macroelongatoolithus sono spesso deposte in gruppi lunghi fino a 3 metri.
Questa foto (in alto) mostra il disegno sulla superficie esterna dei gusci d'uovo giganti, conosciuti come uova di Macroelongatoolithus. Una sezione trasversale (in basso) mostra i due strati microstrutturali del guscio delle uova di Macroelongatoolithus. La barra della scala è di 1 millimetro. Le uova di Macroelongatoolithus sono spesso deposte in gruppi lunghi fino a 3 metri.

Queste ossa (a sinistra) si trovano nella regione del ginocchio destro di Baby Louie. La barra della scala è in centimetri.  Le altre ossa (a destra) mostrano la fine della tibia e del perone destro di Baby Louie. La barra della scala è di 5 mm.
Queste ossa (a sinistra) si trovano nella regione del ginocchio destro di Baby Louie. La barra della scala è in centimetri. Le altre ossa (a destra) mostrano la fine della tibia e del perone destro di Baby Louie. La barra della scala è di 5 mm.

Questa immagine mostra un confronto di B. sinensis con un embrione di coccodrillo siamese. Le frecce acquatiche e verdi mostrano l'orientamento del collo e dell'anca, rispettivamente.  L'embrione di B. sinensis sembra più simile a un embrione di coccodrillo di 51 giorni (a destra) che a un embrione di 78 giorni (a destra), che è vicino alla schiusa. Questo confronto suggerisce che l'embrione di B. sinensis è morto prima di completare i tre quarti del suo sviluppo nell'uovo.
Questa immagine mostra un confronto di B. sinensis con un embrione di coccodrillo siamese. Le frecce acquatiche e verdi mostrano l'orientamento del collo e dell'anca, rispettivamente. L'embrione di B. sinensis sembra più simile a un embrione di coccodrillo di 51 giorni (a destra) che a un embrione di 78 giorni (a destra), che è vicino alla schiusa. Questo confronto suggerisce che l'embrione di B. sinensis è morto prima di completare i tre quarti del suo sviluppo nell'uovo.

Gigante torreggiante

Gli oviraptorosauri giganti sono dinosauri a due zampe che assomigliano ai moderni casuari - grandi uccelli senza volo che vivono in Australia. Ma un B. sinensis adulto avrebbe sovrastato il cassowary alto 2 m, e anche un tipico oviraptorosauro, come Oviraptor, ha detto Zelenitsky. 

B. sinensis misurava fino a 8 metri di lunghezza dal muso alla fine della coda, e pesava fino a 3.000 chilogrammi quando completamente cresciuto all'età di 11 anni. Ciò significa che B. sinensis ha subito un notevole scatto di crescita, come probabilmente pesava poco meno di 4 kg dopo la nascita, ha detto Zelenitsky.

Mentre l'esemplare incredibilmente ben conservato e le uova - enormi, fossili allungati che misuravano fino a 45 centimetri di lunghezza e pesavano circa 15 kg - hanno aiutato i ricercatori a conoscere il B. sinensis, ma non contengono molti indizi sullo stile genitoriale del dinosauro. Non è chiaro se i genitori hanno protetto il nido e si sono presi cura dei giovani perché nessun materiale adulto è stato trovato con il nido, ha detto Zelenitsky.

Tuttavia, la scoperta rivela che queste enormi uova - le più grandi uova di dinosauro conosciute su record, che hanno anche un nome formale: Macroelongatoolithus, che significa "grande uovo di pietra allungato" - proveniva da oviraptorosauri giganti, ha detto.

"Poiché le uova di Macroelongatoolithus sono comuni nel record fossile, il legame stabilito tra Macroelongatoolithus e gli oviraptorosauri giganti ci ha permesso di dedurre che questi animali erano molto più abbondanti, comuni e diffusi di quanto indicato dalla scarsità delle loro ossa", ha detto Zelenitsky.

Lo studio è stato pubblicato online sulla rivista Nature Communications.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia