La Cina tenta di rimilitarizzarsi

 

La Cina tenta di rimilitarizzarsi

La rivista Forbes ha recentemente riportato che c'è stato un curioso aumento nell'acquisto di molibdeno, un metallo, da parte del governo cinese, in quantità estremamente grandi, chiedendo perché lo stia facendo.


Da qualche parte in Cina c'è un magazzino pieno fino al soffitto di molibdeno, un metallo scioglilingua che la maggior parte della gente chiama moly e che ha una serie di usi interessanti che vanno dai tubi di perforazione petrolifera all'acciaio usato negli armamenti.


Dalla metà dell'anno scorso il prezzo del molibdeno è salito di oltre il 60% da circa 7 dollari a libbra a 11,50 dollari/lb, con un calo di 1 dollaro rispetto al picco di 12,50 dollari/lb raggiunto all'inizio di questo mese.


Non è un metallo ampiamente negoziato, né uno generalmente estratto da solo, la maggior parte del moly è prodotto come sottoprodotto dell'estrazione del rame, con la presenza di moly in un corpo minerario che a volte fa la differenza tra una miniera e un produttore di profitti (o di perdite).


L'anno scorso, secondo un'analisi del mercato del moly fatta da Macquarie, una banca d'investimento australiana, il mercato globale era sovralimentato di circa 45 milioni di sterline grazie al calo della domanda causato da Covid.


Ma quest'anno il mercato della moly è destinato a rimbalzare con un deficit di 16 milioni di sterline che si svilupperà quando la domanda supererà l'offerta.


Il problema, che ha fatto impazzire la banca, è cercare di capire l'improvviso cambiamento nel mercato con l'unica spiegazione che i compratori cinesi erano impegnati nella seconda metà dell'anno scorso ad assorbire l'eccedenza di moly e a far salire il prezzo.


"Il grande motore della ripresa del prezzo del molibdeno l'anno scorso è stato un massiccio aumento delle importazioni cinesi", ha detto Macquarie.


"In sostanza, l'intera eccedenza creata dall'aumento della produzione non cinese e dal crollo della domanda non cinese è stata acquistata dalla Cina, trasformando il mercato da un eccesso di offerta a un deficit di offerta, portando alla ripresa dei prezzi".


Macquarie ha detto che la sua analisi dettagliata del mercato cinese ha mostrato che il principale primo utilizzo del metallo è stato il ferro-molibdeno che è utilizzato nell'industria siderurgica e rappresenta l'80% del consumo cinese. (fonte)


La Cina tenta di rimilitarizzarsi


Come ho già detto, la Cina può essere un paese grande e potente, ma non può nascondere le sue intenzioni. Gli anglosassoni sono maestri della menzogna. I russi sono maestri nel bluffare. I cinesi non riescono assolutamente in entrambe le cose, e sembrano solo sciocchi o come un bambino che è stato trovato con le mani nel proverbiale barattolo dei biscotti da un genitore - colpevole come sempre e senza una buona spiegazione


Il molibdeno è un metallo usato nella tempra dei metalli grazie al suo alto punto di fusione. Uno dei suoi principali usi nell'industria è nella produzione di armi, per indurire le canne di pistole, cannoni e altre armi. Se si usa molto molibdeno, è probabile che si stiano facendo molte armi.


Inoltre, a causa delle sue proprietà, può anche essere usato in operazioni di metallo ad alto impatto, o in aree in cui il metallo sarebbe sottoposto a molto stress. Per esempio, nella robotica avanzata o in altre macchine da guerra avanzate.


La semplice risposta è che questa storia è solo, per l'osservatore attento, un'ovvia indicazione che i cinesi stanno lavorando a qualche tipo di piano militarista. Nella voce di Wikipedia sul molibdeno,


Durante la prima guerra mondiale, la domanda di molibdeno ha avuto un picco; è stato utilizzato sia nella corazzatura che come sostituto del tungsteno negli acciai ad alta velocità. Alcuni carri armati britannici erano protetti da una placcatura in acciaio al manganese di 75 mm (3 pollici), ma questa si dimostrò inefficace. Le piastre in acciaio al manganese furono sostituite con piastre in acciaio al molibdeno da 25 mm (1.0 in), molto più leggere, che permettevano una maggiore velocità, una maggiore manovrabilità e una migliore protezione.[13] I tedeschi usarono anche acciaio drogato al molibdeno per l'artiglieria pesante, come nell'obice superpesante Big Bertha,[39] perché l'acciaio tradizionale si fonde alle temperature prodotte dal propellente della granata da una tonnellata.[40] Dopo la guerra la domanda crollò finché i progressi metallurgici permisero un ampio sviluppo di applicazioni in tempo di pace. Nella seconda guerra mondiale, il molibdeno vide nuovamente un'importanza strategica come sostituto del tungsteno nelle leghe d'acciaio. (fonte)



molibdeno 


Ironicamente, la Cina è il più grande produttore di molibdeno nel mondo. Tuttavia, il secondo più grande sono gli Stati Uniti (Utah e Colorado), e poi il Cile (il Perù arriva quarto). Anche la Russia produce molibdeno, ma la maggior parte viene consumata per uso interno, e anche per le armi.


Sappiamo che il militarismo sta tornando, che le nazioni si stanno preparando a tornare in guerra. La Russia ne è acutamente consapevole, come ogni nazione. Tuttavia, non si vede la Russia che cerca di comprare quanto più molibdeno possibile, anche se tecnicamente ha riserve che si potrebbero considerare "sotto la media". Anche l'India si sta militarizzando, ma non si vede l'India fare la stessa cosa.


Cosa spera di ottenere esattamente la Cina, apparentemente, mettendo all'angolo il mercato del molibdeno? Non è chiaro, ma ciò che è chiaro è che la Cina, oltre ad essere incapace di nascondere le sue intenzioni, ha anche modelli di pensiero molto erratici per il "successo" che spesso si ritorcono contro. Si potrebbe ricordare che solo nel XX secolo ci sono state la famigerata "Campagna dei quattro parassiti" e il "Grande balzo in avanti", entrambi promossi e applicati dal governo, ma che hanno portato la Cina ad abusare della propria agricoltura e dei propri settori industriali quasi fino al collasso completo e alla morte per fame di decine di milioni di persone innocenti.


Sappiamo che la Cina ha accumulato microchip e interferito con la produzione, così come ha accumulato minerali di terre rare utilizzati per l'IA e l'informatica avanzata, ed entrambi sono utilizzati in applicazioni militari, quindi non è irragionevole pensare che questo possa essere un tentativo, in un terzo modo, di 'accumulare' un altro metallo utilizzato in applicazioni militari. Non si può essere sicuri di quello che sta succedendo, ma non è irragionevole sospettare che si potrebbe vedere qui, di nuovo, uno sciocco tentativo del governo cinese di impegnarsi in un'impresa militarista che le si ritorcerà contro miseramente.


La Cina tenta di rimilitarizzarsi


La Cina non può mettere all'angolo il mercato del molibdeno, perché non è che la NATO non possa avere facile accesso ad esso attraverso gli Stati Uniti e il Cile (anche parti dell'Europa, come la Norvegia, producono molto molibdeno). È anche usato principalmente per l'industria pesante e le applicazioni militari per le armi, che gli Stati Uniti sono anche maestri nel produrre in modo molto più efficiente dei cinesi. Lo stesso si può dire dei russi, dato che sono stati sia gli USA che i russi a inondare il mondo di armi a buon mercato e lo fanno ancora. La Russia può produrre tutto ciò di cui ha bisogno e anche di più con le proprie scorte, che sono lontane dai più grandi depositi del metallo, quindi perché la Cina ha bisogno di così tanto?


Sembra che l'unica cosa che la Cina riuscirà a tesaurizzare un mucchio di metallo di cui non ha necessariamente bisogno, e potrebbe essere costretta a rivenderlo in futuro, in perdita, mentre i prezzi rimangono generalmente stabili. Nel frattempo, Russia, India, Giappone, Stati Uniti e il resto del mondo continueranno a costruire armi che useranno o venderanno ad altri per usarle contro la Cina.


Se la Cina volesse davvero colpire gli Stati Uniti, ripulirebbe la sua industria agricola, applicherebbe severe leggi sulla sicurezza alimentare, e diventerebbe un esportatore di cibo, specialmente di maiale. Sarebbe possibile, e molto più efficace di quello che sembra accadere ora. Tuttavia, è probabile che non accadrà. La Cina molto probabilmente continuerà sulla sua traiettoria attuale fino a quando non ci sarà una guerra più grande, a quel punto, non importa quello che dice, la sua preoccupazione sarà la sua sopravvivenza, perché non ha alleati pratici e non si fida dei suoi vicini.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia