Percy Fawcett e la città perduta di Z

 

Percy Fawcett e la città perduta di Z

The Lost City of Z  (La città perduta di Z)è il nome che il geometra britannico Percy Fawcett ha dato a una città segreta sepolta nella giungla del Cile che si diceva avesse strade pavimentate d'argento e tetti d'oro. È anche il nome di un film uscito nel 2016 con Charlie Hunnam, che si suppone sia basato sulla storia della vita reale di Percy Fawcett, pubblicizzato dai promotori come uno dei "più grandi esploratori della Gran Bretagna" - anche se c'è una controversia sul fatto che egli meriti questo credito.


Presentare Percy Fawcett e la città perduta di Z

Per esempio, John Hemming, un uomo con molta esperienza nel visitare i popoli amazzonici, crede che questo elogio non potrebbe essere più lontano dalla verità. Sostiene in un articolo dello Spectator che in realtà Fawcett era "un pazzo, un razzista, e così incompetente che l'unica spedizione che organizzò fu un disastro di cinque settimane".

Il film (e il libro di David Grann su cui si basa) sembra avere una visione più simpatica dell'uomo e delle sue avventure, concentrandosi, come previsto, sull'impresa per cui è diventato famoso - la ricerca della Città di Z del titolo. Ma come ha fatto il geometra a diventare ossessionato dalla ricerca che alla fine sarebbe stata la sua rovina? E possiamo forse raccontare una storia che si allontani dalla fantasia?

Da quando gli europei sono arrivati nel Nuovo Mondo, ci sono state storie di una leggendaria città d'oro nella giungla, a volte chiamata El Dorado. Il conquistatore spagnolo Francisco de Orellana fu il primo ad avventurarsi lungo il Rio Negro alla ricerca di questa leggendaria città. Nel 1925, all'età di 58 anni, l'esploratore Percy Fawcett si diresse nelle giungle del Brasile per trovare una misteriosa città perduta che chiamò "Z".  Lui e la sua squadra sarebbero scomparsi senza lasciare traccia e la storia si sarebbe rivelata una delle più grandi notizie del suo tempo. Nonostante le innumerevoli missioni di salvataggio, Fawcett non fu mai trovato. Fu ucciso dalle tribù amazzoniche? E c'è qualche base di fatto per la sua città perduta di Z?


Chi era Percy Fawcett?

Il colonnello Percy Harrison Fawcett nacque in Inghilterra nel 1867 e fu un famoso esploratore britannico le cui leggendarie avventure affascinarono il mondo. Ufficiale dell'esercito e geometra addestrato, Fawcett fu l'ultimo dei famosi esploratori territoriali; uomini che si avventurarono in punti vuoti della mappa con poco più di un machete e una bussola. Per anni sopravviveva senza contatto nella natura selvaggia e faceva amicizia con tribù che non avevano mai visto un uomo bianco. Le sue imprese in Amazzonia hanno ispirato libri e film di Hollywood; Indiana Jones è addirittura basato su Fawcett.

Colonel Percy Harrison Fawcett in 1911.
Colonel Percy Harrison Fawcett nel 1911.

Il deserto amazzonico è grande quanto gli Stati Uniti continentali e durante l'epoca di Fawcett, rimase una delle ultime regioni inesplorate sulla mappa. Nel 1906, la Royal Geographical Society, un'organizzazione britannica che sponsorizza spedizioni scientifiche, invitò Fawcett a sorvegliare parte della frontiera tra Brasile e Bolivia. Trascorse 18 mesi nella zona del Mato Grosso e fu durante le sue varie spedizioni che Fawcett divenne ossessionato dall'idea di civiltà perdute in questa zona.

La natura selvaggia dell'Amazzonia in Brasile, dove Percy Fawcett ha condotto numerose spedizioni
La natura selvaggia dell'Amazzonia in Brasile, dove Percy Fawcett ha condotto numerose spedizioni

Fawcett descrive la città di Z

Fawcett formulò le teorie di una città che chiamò 'Z' nel 1912. La sua convinzione fu alimentata in parte dalla riscoperta della perduta città Inca di Machu Picchu nel 1911, nascosta nelle Ande del Perù. Durante i suoi viaggi, Fawcett sentì anche voci di una città segreta sepolta nelle giungle del Cile che si diceva avesse strade pavimentate d'argento e tetti d'oro. Di Z stessa, Fawcett aveva un'idea precisa dell'aspetto della città. In una lettera a suo figlio Brian, Fawcett scrisse:


"Mi aspetto che le rovine siano di carattere monolitico, più antiche delle più antiche scoperte egiziane. A giudicare dalle iscrizioni trovate in molte parti del Brasile, gli abitanti usavano una scrittura alfabetica alleata di molte antiche scritture europee e asiatiche. Ci sono anche voci di una strana fonte di luce negli edifici, un fenomeno che riempiva di terrore gli indiani che affermavano di averlo visto.

Il luogo centrale che chiamo "Z" - il nostro obiettivo principale - è in una valle sormontata da alte montagne. La valle è larga circa dieci miglia, e la città si trova su un'altura nel mezzo di essa, a cui si accede da una strada di pietra a barre. Le case sono basse e senza finestre, e c'è un tempio piramidale. Gli abitanti del luogo sono abbastanza numerosi, tengono animali domestici e hanno miniere ben sviluppate sulle colline circostanti. Non lontano c'è una seconda città, ma gli abitanti sono di un ordine inferiore a quelli di "Z". Più a sud c'è un'altra grande città, mezza sepolta e completamente distrutta".


Manoscritto 512

Nel 1920, Fawcett si è imbattuto in un documento nella Biblioteca Nazionale di Rio De Janeiro chiamato Manoscritto 512. Fu scritto da un esploratore portoghese nel 1753, che sosteneva di aver trovato una città murata nel profondo della regione del Mato Grosso della foresta amazzonica che ricordava l'antica Grecia. Qui ci sono alcuni estratti tradotti da questo documento lacero e mangiato dai vermi:


"Dopo alcune lunghe e faticose peregrinazioni, incitati dall'avidità dell'oro, e quasi persi per molti anni in questo vasto deserto, scoprimmo una cresta di montagne così alte, che sembravano raschiare la regione eterea e servire da trono ai venti sotto le stelle; da lontano la loro luminosità incuteva timore, soprattutto quando la luce del sole dava l'impressione di fuoco ai cristalli che formavano le loro rocce. Era così bello che nessuno poteva staccare gli occhi dai riflessi: la pioggia arrivava prima che ci avvicinassimo per registrare questa meraviglia in cristallo. Abbiamo visto in alto... Abbiamo visto dalle rocce nude delle acque che scendevano da grandi altezze, bianche e spumeggianti, che sembravano neve, e che sembravano incendiate da fulmini di luce solare. Deliziati dalla bella vista ....... brillava e scintillava ...... delle acque e della tranquillità ...... del giorno e del tempo, decidemmo di indagare questo mirabile prodigio della natura [...]

Ci spingemmo avanti per la strada e arrivammo a una piazza ben proporzionata, e al centro c'era una colonna di pietra nera di straordinaria grandezza, e in cima ad essa la statua di un uomo comune [cioè: non un dio] con una mano sul fianco sinistro, e il braccio destro teso, che puntava l'indice verso il Polo Nord. In ogni angolo della piazza c'era un obelisco come quelli dei romani, anche se sono molto danneggiati, come da un fulmine [...]

Uno dei nostri compagni di nome João Antonio trovò nelle rovine di una casa un pezzo di denaro d'oro, di forma sferica, maggiore della nostra moneta di seimilaquattrocento reis: Su un lato c'era l'immagine o la figura di un giovane in ginocchio, e sull'altro un arco, una corona e una freccia, molte di queste monete dubitavamo di non trovare nella città abbandonata, che era stata rovesciata da qualche terremoto che non diede tempo, tanto rapido fu il suo arrivo, di rimuovere gli oggetti preziosi; ma bisogna avere braccia molto forti per sciogliere i detriti che si sono ammassati in tanti anni, come abbiamo visto."


Pagine del manoscritto 512.
Pagine del manoscritto 512.

Il manoscritto racconta anche di una città perduta, carica d'argento, con edifici a più piani, archi di pietra svettanti, ampie strade che scendono verso un lago sul quale l'esploratore aveva visto due indiani bianchi in canoa. Sui lati di un edificio c'erano lettere scolpite che sembravano assomigliare al greco o ad un altro alfabeto europeo primitivo. Queste affermazioni furono respinte dagli archeologi, che credevano che le giungle non potessero contenere città così grandi, ma per Fawcett, tutto si è risolto.


Nel 1921, Fawcett partì per la sua prima spedizione per trovare Z. Non molto tempo dopo la partenza, lui e la sua squadra si demoralizzarono a causa delle difficoltà della giungla, degli animali pericolosi e delle malattie dilaganti.  La spedizione deragliò, ma Fawcett sarebbe partito alla ricerca della sua favolosa città più tardi nello stesso anno, questa volta da Bahia, in Brasile, in un viaggio in solitaria. Ha viaggiato in questo modo per tre mesi prima di tornare in fallimento ancora una volta.


La scomparsa di Percy Fawcett e le missioni di salvataggio

L'ultima ricerca di Percy per Z culminò nella sua completa scomparsa. Nell'aprile 1925, tentò un'ultima volta di trovare Z, questa volta meglio equipaggiato e meglio finanziato da giornali e società tra cui la Royal Geographic Society e i Rockefeller. Alla spedizione si unirono il suo buon amico Raleigh Rimell, suo figlio maggiore Jack di 22 anni e due operai brasiliani.

Il 29 maggio 1925, Fawcett e compagnia raggiunsero il confine del territorio inesplorato, fissando le giungle che nessuno straniero aveva mai visto. In una lettera a casa spiegò che stavano attraversando lo Xingu superiore, un affluente sud-orientale del Rio delle Amazzoni e che avevano mandato indietro uno dei loro compagni di viaggio brasiliani, desiderando continuare il viaggio da soli. La squadra arrivò fino ad un posto chiamato Dead Horse Camp, dove Fawcett inviò dispacci per cinque mesi, ma dopo il quinto mese si fermò. Nel suo ultimo dispaccio, Fawcett inviò un messaggio a sua moglie Nina e proclamò "Speriamo di attraversare questa regione in pochi giorni.... Non dovete temere alcun fallimento". Sarebbe stata l'ultima volta che qualcuno avrebbe sentito parlare di loro.

Una delle discrepanze interessanti e inspiegabili che emergono da questa lettera è legata alle coordinate che fornisce. Ha detto a sua moglie che il campo era "Dead Horse Camp, latitudine 11 gradi 43' Sud e longitudine 54 gradi 35' Ovest [11°43′S 54°35′W], il punto in cui il mio cavallo è morto nel 1920", ma ha fornito la sua posizione come 13°43′S 54°35′W in un rapporto alla North American Newspaper Alliance. Alcuni si chiedono se questo cambiamento avesse lo scopo di evitare l'individuazione da parte di eventuali missioni di salvataggio (Fawcett sosteneva che dovevano essere evitate se fosse scomparso poiché il pericolo sarebbe stato elevato), se Fawcett avesse trovato la città e volesse evitare che anche altri la trovassero, o se semplicemente avesse fatto un errore tipografico.

La spedizione aveva precedentemente dichiarato che aveva pianificato di stare via per circa un anno, così quando passarono due anni senza alcuna notizia, la gente cominciò a preoccuparsi. Furono organizzate numerose missioni di salvataggio in cerca di risposte, nonostante i suoi proclamati desideri contrari, e molti di loro subirono la stessa sorte di Fawcett. Per esempio, un giornalista di nome Albert de Winton uscì alla ricerca della sua squadra e non fu più visto. In totale, 13 spedizioni sarebbero state lanciate nel tentativo di trovare risposte al destino di Fawcett, e oltre 100 persone avrebbero perso la vita o si sarebbero unite all'esploratore per scomparire nella giungla. Migliaia di persone fecero domanda per partecipare a queste spedizioni e decine si misero alla sua ricerca nei decenni successivi.

Una delle strade percorse da Percy Fawcett.
Una delle strade percorse da Percy Fawcett.

Cosa è successo veramente a Percy Fawcett?

Il rapporto ufficiale di una delle missioni di salvataggio disse che Fawcett aveva risalito il fiume Kululene ed era stato ucciso per aver insultato un capo indiano - che è la storia che molti credono oggi. Tuttavia, Fawcett aveva sempre parlato di mantenere relazioni positive con gli indigeni della zona e il modo in cui gli indigeni lo ricordano è correlato a ciò che Fawcett ha scritto.

Un'altra possibilità è che lui e la sua squadra siano morti a causa di un incidente come una malattia o un annegamento. Una terza possibilità è che siano stati colti di sorpresa, derubati e uccisi. C'era stata una rivoluzione nella zona non molto tempo prima e i soldati rinnegati si erano nascosti nella giungla. In diverse occasioni, nei mesi successivi a questa spedizione, i viaggiatori erano stati fermati, derubati e in alcuni casi uccisi dai ribelli.

Nel 1952, gli indiani Kalapalo del Brasile centrale riferirono che alcuni esploratori erano passati attraverso la loro regione e furono uccisi per aver parlato male dei bambini del villaggio. I dettagli del loro racconto suggerivano che le vittime fossero Percy Fawcett, Jack Fawcett e Raleigh Rimmell. In seguito al rapporto, l'esploratore brasiliano Orlando Villas Boas indagò sulla presunta area dove furono uccisi e recuperò ossa umane, così come oggetti personali tra cui un coltello, bottoni e piccoli oggetti di metallo.

Orlando Villas Boas con due indiani Kalapalo con le presunte ossa del colonnello Fawcett. 1952
Orlando Villas Boas con due indiani Kalapalo con le presunte ossa del colonnello Fawcett. 1952

Le ossa sono state sottoposte a numerosi test. Tuttavia, senza il DNA dei membri della famiglia Fawcett, che si sono rifiutati di fornire campioni, non è stato possibile confermare l'identità dei resti. Le ossa risiedono attualmente nell'Istituto di Medicina Legale dell'Università di San Paolo.

Nel 2005, David Grann ha riferito sul New Yorker di aver visitato la tribù Kalapalo e gli è stato detto che la tribù ha conservato la storia di Fawcett nel tempo. La loro gente aveva presumibilmente avvertito Fawcett e i suoi compagni che erano in un territorio pericoloso e che potevano essere uccisi dalle tribù che vivevano nelle vicinanze. Dopo cinque giorni non videro più il falò serale dove alloggiava Fawcett e cercarono l'accampamento, quando non lo trovarono presunsero che i loro feroci vicini avessero ucciso gli inglesi.


La città perduta di Z è stata finalmente trovata?

Mentre la città perduta di Fawcett non è mai stata trovata, numerose città antiche e resti di siti religiosi sono stati scoperti negli ultimi anni nelle giungle del Guatemala, Brasile, Bolivia e Honduras.

Nel 2007, un archeologo di nome Michael Heckenberger ha scritto della scoperta di un monumentale sito antico conosciuto come Kuhikugu. Si trova presumibilmente vicino a dove la squadra di Fawcett stava cercando la città perduta di Z. Anche se ci sono domande, non è certo che sia il sito leggendario. Ma con l'avvento della nuova tecnologia di scansione, è possibile che l'antica città che ha stimolato le leggende di Z possa un giorno essere identificata.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia