Russia sventa piano USA per l'assassinio del presidente Bielorusso

Russia sventa piano USA per l'assassinio del presidente Bielorusso


Diverse persone, tra cui due in Russia, sono state arrestate per aver presumibilmente tramato un'insurrezione armata contro il presidente bielorusso. Egli sostiene che gli Stati Uniti potrebbero aver sovvenzionato il tentativo di assassinio.


All'inizio di questa settimana, diversi esponenti dell'opposizione bielorussa sono stati arrestati nel loro paese e nella vicina Russia. Le due nazioni hanno chiarito che gli arrestati sono tutti sospettati di tramare un'insurrezione armata contro il presidente Alexander Lukashenko, la cui lunga presa sul potere è stata sfidata l'anno scorso da proteste di massa. I membri della presunta cospirazione, che rimangono liberi, hanno respinto le accuse e hanno detto che stavano semplicemente fantasticando sulla caduta di Lukashenko.


L'esistenza di un presunto complotto per uccidere Lukashenko, altri alti funzionari bielorussi e persino i loro familiari è stato rivelato sabato. A Minsk, l'emittente nazionale ONT ha pubblicato una storia che nomina i sospetti cospiratori ed espone i loro piani. Il servizio ha offerto come prova diversi filmati di quelli che sembrano essere incontri di Zoom tra di loro.


In uno, il politologo e commentatore Aleksandr Feduta cita la morte del presidente egiziano Anwar Sadat come un evento che ha portato a una "rotazione di successo" della leadership nazionale. Sadat fu assassinato durante una parata militare nel 1981 da membri islamisti delle forze armate egiziane insoddisfatti del suo avvicinamento a Israele.


In un'altra discussione, l'avvocato Yury Zenkovich ha immaginato di dire a qualcuno: "Ora finiamo Luka, e decidiamo chi governerà la Bielorussia più tardi" alle urne. In un altro segmento ancora, la coppia ha discusso su come assicurare la lealtà dei funzionari dopo un colpo di stato, minacciando i dissidenti di essere perseguiti.


Entrambe le persone sono state arrestate a Mosca questa settimana, ha annunciato domenica l'FSB, il servizio di sicurezza russo. L'agenzia ha detto di aver ricevuto una soffiata dalle loro controparti del KGB bielorusso che Zenkovich e Feduta stavano andando a Mosca per incontrare persone che credevano essere "generali bielorussi" pronti a rivoltarsi contro Lukashenko.



Il piano discusso all'incontro, come descritto dall'FSB, prevedeva l'uccisione di "quasi tutta la leadership" della Bielorussia, un colpo di stato militare, e un blackout dell'intero paese. "È stato suggerito che la fase attiva sarebbe stata lanciata da alcuni gruppi armati ('partigiani'), che sono attualmente di stanza in 'basi segrete'", ha riferito l'FSB. L'azione sarebbe stata programmata per il 9 maggio, quando la Bielorussia terrà una parata militare dedicata alla vittoria sulla Germania nazista nel 1945.


Il filmato della telecamera nascosta di quello che sembrava essere l'incontro a Mosca è stato trasmesso dall'ONT nella sua esposizione. In esso, Zenkovich e Feduta hanno dettagliato i loro suggerimenti su come condurre un colpo di stato armato di successo. Hanno detto che Lukashenko deve essere "eliminato" e almeno 30 a Minsk - presumibilmente alti funzionari - devono essere "internati letteralmente entro la prima ora".


Lukashenko stesso ha parlato ai media per spiegare come i suoi vari oppositori stavano complottando contro di lui e i suoi due figli. Il gruppo che include Zenkovich e Feduta era "sicuramente il lavoro di un'intelligence straniera", ha sostenuto, "molto probabilmente la CIA o l'FBI".


Lukashenko ha sostenuto che Zenkovich era un "agente americano". L'avvocato ha la doppia cittadinanza americano-bielorussa e vive in America da ben oltre un decennio. Il presidente ha confermato che l'arresto all'inizio di questa settimana di Grigory Kortusyov, il leader del partito politico di opposizione BNF, faceva parte della mossa contro la stessa presunta cospirazione. Zenkovich era un membro di spicco dello stesso partito e ha ricoperto una carica elettiva in un consiglio locale prima di emigrare negli Stati Uniti.


Il canale televisivo russo Rossiya 1 ha mostrato altri filmati di telecamere nascoste domenica. In esso, Feduta ha suggerito che una Bielorussia post-coppa dovrebbe essere governata da un consiglio di stato composto da leader di tutti i partiti politici registrati, mentre la democrazia è "cresciuta" dall'autogoverno locale.


Lui e Zenkovich hanno suggerito di "curare" la stampa, i tribunali, il parlamento, i ministeri della giustizia e dell'istruzione, la commissione elettorale centrale, e lo sviluppo di una nuova costituzione. Zenkovich ha lasciato intendere che un colpo di stato potrebbe essere finanziariamente redditizio per i partecipanti, dicendo che Lukashenko deve avere un gruzzolo da qualche parte che "può essere semplicemente preso, in silenzio, se si presenta l'occasione".


La portata della minaccia posta al governo bielorusso dal sospetto complotto è oggetto di dibattito. Gli incontri di Zoom mostrati nella storia dell'ONT includevano un totale di sette persone, compresi i tre individui arrestati. Uno degli altri quattro è Pavel Kulazhenko, che vive a New York. Ha detto che lui e gli altri non facevano parte di una cospirazione, ma piuttosto di un club di discussione online. Parlavano "delle stesse cose che vengono discusse ogni sera in ogni famiglia bielorussa - come accelerare il ritiro di Lukashenko", ha detto.


Un altro individuo, Aleksandr Perepichko di Seattle, ha detto che un colpo di stato è "un modo primario per liberarsi di una dittatura sanguinaria" e che "sarebbe stato poco professionale non discutere i vari scenari per il cambio di regime in Bielorussia". Ha negato le affermazioni bielorusse che i presunti complottisti sono andati oltre lo sfogo della loro antipatia per il governo di Lukashenko su Zoom. Il rapporto dell'ONT sosteneva che i capi avevano ricevuto denaro straniero per la loro operazione contro il presidente bielorusso.


L'anno scorso, Lukashenko è stato rieletto presidente della Bielorussia per un sesto mandato consecutivo. Le forze dell'opposizione hanno sostenuto che il voto era stato truccato e hanno lanciato una campagna di protesta di massa durata mesi, chiedendo che si dimettesse. Lukashenko ha risposto con una pesante repressione da parte della polizia e con accuse contro i suoi detrattori che, secondo lui, stavano cercando di rovesciarlo con l'appoggio delle potenze occidentali, come era successo in Ucraina.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia