THOR La nuova arma contro i Droni

THOR La nuova arma contro i Droni


La U.S. Air Force ha introdotto una nuova arma all'inizio di questo mese che può disattivare centinaia di droni contemporaneamente senza fare molto rumore.


L'arma difensiva, chiamata Tactical High Power Operational Responder, o THOR, utilizza una raffica di energia che disorienta e disabilita l'elettronica all'interno dei droni entro la portata.


I funzionari dell'Air Force hanno detto che THOR avrà molteplici usi e può servire in una varietà di ruoli e spazi di battaglia.


"Questo sistema unico permette alle forze di difesa della base di fermare gli attacchi [sistemi aerei senza equipaggio] a lungo raggio prima che minaccino le infrastrutture critiche", dice l'Air Force Research Lab in un video animato pubblicato il 16 giugno.


Negli ultimi anni, i droni sono diventati una parte regolare della guerra, prima come strumenti di osservazione, ma poi adattati per trasportare piccole bombe ed esplosivi. Sono in grado di librarsi sopra gli obiettivi per lunghi periodi di tempo, spesso non rilevati dalle forze di terra e da altre unità se non sono specificamente in fase di scansione per loro.

La facilità di personalizzazione che li rende così attraenti per gli hobbisti fa anche appello ai cattivi attori che li usano per mezzi nefasti", ha spiegato il narratore del video dell'Air Force. "I sistemi aerei senza pilota sono attualmente utilizzati per sorvegliare le operazioni, distruggere le infrastrutture e attaccare il personale".


"THOR è stato costruito con la guerra futura in mente, per contrastare la minaccia di droni nemici o altre minacce aeree", il sito tech, Wonderful Engineering, ha riferito domenica.


Il video nota che il fuoco di terra delle piccole armi ha una portata ed efficacia limitata contro i droni, mentre i sistemi difensivi di fascia alta non sono convenienti. THOR, sostiene l'Air Force, risolve il problema dell'inefficienza e delle spese per difendersi da singoli droni o da sciami di essi.


"THOR utilizza un fascio di energia focalizzato per sconfiggere i droni in una vasta area bersaglio", dice il video. "Fornisce una sconfitta non cinetica di obiettivi multipli alla velocità della luce".


L'Air Force dice che il sistema è abbastanza portatile da essere trasportato in un aereo C-130, può essere installato in circa tre ore, utilizza l'energia locale e può essere impostato da un minimo di due persone.


Il ramo di servizio ha anche detto che il sistema è stato testato in condizioni reali e ha sconfitto con successo più minacce in varie condizioni utilizzando il suo fascio di microonde istantaneo.


Il sistema può fermare "gli attacchi a lungo raggio prima che minaccino le infrastrutture critiche", conclude il video.


Il primo prototipo THOR è stato introdotto nel New Mexico nel 2019 al costo di 15 milioni di dollari. Ogni sistema successivo costa 10 milioni di dollari per la produzione.


Mentre alcune basi sono state difese da THOR anche mentre era in fase di sviluppo, l'obiettivo, secondo l'Air Force, è quello di ottenere plotoni dotati di sistemi completamente funzionali entro il 2024.


"È ancora un lavoro in corso. La parte più affascinante del meccanismo è che funziona disabilitando l'elettronica del drone, più o meno abbattendo il sistema nervoso di una persona. Mortale, silenzioso ed efficace", ha riferito ancora Wonderful Engineering. "Appositamente progettato per abbattere orde di droni, THOR è destinato ad essere un game-changer una volta introdotto nelle zone di guerra".


Aggiunge il responsabile del programma THOR, Amber Anderson: "L'output del sistema è costituito da potenti raffiche di onde radio, che offrono un raggio d'azione maggiore dei proiettili o delle reti, e i suoi effetti sono silenziosi e istantanei".


Fonte www.bizpacreview.com

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia