Vent'anni di tracce genetiche dietro la creazione del Covid

Vent'anni di tracce genetiche dietro la creazione del Covid


Di Neville Hodgkinson www.conservativewoman.co.uk


Un percorso di 20 anni di domande di brevetto riguardanti il virus responsabile del Covid-19 dimostra che non è né nuovo né il risultato di un salto dagli animali all'uomo, è stato detto in un'inchiesta.


Invece, i brevetti dimostrano che un virus naturale, innocuo per l'uomo, è stato sottoposto a numerose modifiche di laboratorio che lo hanno "armato", in modo che potesse diventare la base di una campagna di marketing per test e vaccini che sono di valore discutibile per la salute pubblica, ma che si sono rivelati una bonanza finanziaria per le aziende farmaceutiche.


Un dossier di prove a sostegno di queste affermazioni è stato presentato al comitato investigativo internazionale Corona, diretto da Reiner Fuellmich, un avvocato tedesco specializzato nello smascherare le truffe aziendali. Il comitato sta raccogliendo testimonianze da scienziati e altri esperti dal luglio dello scorso anno. 


Il dossier è stato presentato la settimana scorsa dal dottor David Martin, che dirige M-CAM International, una società statunitense che monitora le innovazioni rilevanti per gli interessi finanziari.


Rese pubbliche per la prima volta più di un anno fa, le affermazioni di Martin sono state ampiamente liquidate come "cospirazione" dai cosiddetti fact-checkers, che all'epoca promuovevano l'opinione promossa dall'establishment scientifico secondo cui il virus aveva un'origine naturale.


Questo punto di vista è diventato visto come di per sé basato su una cospirazione per ingannare che coinvolge lo scienziato britannico Dr Peter Daszak, capo della EcoHealth Alliance, che ha ricevuto decine di milioni di dollari USA per indagare sui coronavirus, ma che è stato nominato dalla rivista medica Lancet per dirigere un'inchiesta sulle origini del virus.


Il mese scorso Daszak si è "ritirato" senza spiegazioni dall'inchiesta. Ha giocato un ruolo di primo piano in un'indagine simile da parte dell'Organizzazione mondiale della sanità, ampiamente respinto come un whitewash quando pubblicato il 30 marzo.


Venerdì scorso Martin ha rilasciato un'intervista di due ore in live-streaming a Fuellmich e al suo team, in cui ha spiegato i dati dei brevetti che hanno portato alle sue conclusioni esplosive; potete vederla qui).


Ha detto che "qualcuno sapeva qualcosa nel 2015 e 2016 che ha dato origine alla mia citazione preferita di tutta questa pandemia". Si tratta di una dichiarazione fatta da Peter Daszak nel 2015, e riportata dalla National Academies Press il 12 febbraio 2016, in cui ha dichiarato: 'Abbiamo bisogno di aumentare la comprensione pubblica della necessità di contromisure mediche come un vaccino contro il pan-coronavirus. Un motore chiave sono i media, e l'economia seguirà l'hype. Dobbiamo usare questo clamore a nostro vantaggio, per arrivare ai problemi reali. Gli investitori risponderanno se vedono un profitto alla fine del processo".


Della sua stessa azienda, Martin ha detto:

Dal 1998 siamo il più grande sottoscrittore al mondo di beni immateriali utilizzati nella finanza in 168 paesi. I nostri sistemi di sottoscrizione includono l'intero corpus di tutti i brevetti, le domande di brevetto, le sovvenzioni federali, i registri degli appalti, i registri dell'e-government, ecc. Abbiamo la capacità di tracciare non solo ciò che sta accadendo, e chi è coinvolto in ciò che sta accadendo, ma monitoriamo una serie di interessi tematici per una varietà di organizzazioni e individui, oltre che per il nostro stesso uso commerciale.


Abbiamo esaminato oltre 4.000 brevetti rilasciati intorno al SARS-coronavirus e fatto una revisione molto completa del finanziamento di tutte le manipolazioni del coronavirus che ha dato origine alla SARS (Severe Acute Respiratory Syndrome).


Abbiamo preso le sequenze genetiche effettive che sono state segnalate come nuove, e le abbiamo confrontate con le registrazioni dei brevetti disponibili a partire dalla primavera del 2020. Quello che abbiamo trovato, come vedrete in questo rapporto, sono oltre 120 elementi di prova brevettati che suggeriscono che la dichiarazione di un nuovo coronavirus era del tutto falsa. Non c'era nessun nuovo coronavirus. Ci sono innumerevoli modifiche molto sottili di sequenze di coronavirus che sono state caricate. Ma non c'era nessun singolo coronavirus nuovo identificabile.


In effetti, abbiamo trovato registrazioni di brevetti di sequenze attribuite alla novità che andavano a brevetti richiesti già nel 1999. Quindi non solo non era una novità, ma in realtà non è stata una novità per oltre due decenni".


Martin ha portato il team d'inchiesta in quello che ha definito un "breve viaggio attraverso il panorama dei brevetti, per assicurarsi che la gente capisca cosa è successo".


Fino al 1999, ha detto, l'attività di brevettazione intorno al coronavirus si applicava solo all'interno della scienza veterinaria. Già nel gennaio 2000, la società farmaceutica Pfizer ha depositato un brevetto su una sequenza genetica che dà origine a una proteina spike del coronavirus, 'la stessa esatta cosa che abbiamo presumibilmente inventato in fretta', per essere utilizzata in un vaccino contro una malattia canina.


Quindi, sulla base di depositi di brevetti vecchi di più di due decenni, né il concetto di vaccino contro il coronavirus, né il principio del coronavirus stesso come agente patogeno di interesse per quanto riguarda il comportamento della proteina spike, erano "qualcosa di assolutamente nuovo".


Ancora più problematico, il registro dei brevetti ha mostrato che nel 1999 Anthony Fauci, capo del National Institute of Allergy and Infectious Disease (NIAID) degli Stati Uniti, ha trovato che la 'malleabilità' del coronavirus lo rendeva un potenziale candidato per i vaccini contro l'HIV (la presunta causa dell'AIDS, per il quale i contribuenti americani hanno contribuito con più di 300 miliardi di dollari in ricerca e trattamento negli ultimi 35 anni)'.


Anthony Fauci ha finanziato la ricerca presso l'Università del North Carolina, Chapel Hill, specificamente per creare - e non si può fare a meno di lamentare ciò che sto per leggere, perché questo proviene direttamente da una domanda di brevetto depositata il 19 aprile 2002 - "un coronavirus infettivo con difetto di replicazione".


Questo virus è stato specificamente mirato a invadere gli epiteli polmonari umani, le cellule protettive che rivestono i polmoni, ha detto Martin.


In altre parole, abbiamo creato la SARS. Prima che ci fosse una presunta epidemia in Asia, che come sapete ha seguito quella di diversi mesi.


Quel brevetto, rilasciato come brevetto USA 7279327, stabilisce chiaramente in un sequenziamento genetico molto specifico il fatto che sappiamo che il . . . Il dominio di legame ACE-2 [una proteina sulla superficie di molti tipi di cellule, attraverso la quale sia la SARS-CoV-2 che il coronavirus originale della SARS entrano nelle cellule ospiti], la proteina S1 spike, e altri elementi di quello che siamo arrivati a conoscere come questo flagello patogeno, non solo è stato ingegnerizzato, ma potrebbe essere modificato sinteticamente in laboratorio, usando nient'altro che tecnologie di sequenziamento genico, prendendo un codice informatico, e trasformandolo in un patogeno.


E la tecnologia è stata finanziata esclusivamente nei primi giorni come un mezzo attraverso il quale potremmo sfruttare il coronavirus come un vettore per distribuire il vaccino dell'HIV".


Martin continuò: 'C'è di peggio'. Alla sua organizzazione è stato chiesto di monitorare le violazioni del trattato sulle armi biologiche e chimiche, e ha fatto parte di un'indagine sugli eventi dell'ottobre 2001, in cui lettere contenenti spore di antrace sono state inviate a diversi uffici dei media e a due senatori.


'Per tutto l'autunno del 2001 abbiamo iniziato a monitorare un enorme numero di patogeni batterici e virali che venivano brevettati attraverso i National Institutes of Health, NIAID, USAMRIID [l'Istituto di ricerca medica di malattie infettive dell'esercito statunitense], e una serie di altre agenzie internazionali che collaboravano con loro.


La nostra preoccupazione era che il coronavirus era visto non solo come un potenziale agente manipolabile per un potenziale uso come vettore di vaccino, ma era anche molto chiaramente considerato come candidato per un'arma biologica.


Il nostro primo rapporto pubblico su questo ha avuto luogo prima dell'epidemia di SARS nell'ultima parte del 2001. Quindi potete immaginare quanto sia deluso di essere seduto qui 20 anni dopo, avendo 20 anni prima indicato che c'era un problema all'orizzonte per quanto riguarda il coronavirus".


Quel primo evento di SARS ha dato origine a un deposito di brevetto "molto problematico" nell'aprile 2003 da parte dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC). Era per l'intera sequenza del gene della SARS, e per una serie di brevetti derivati che coprivano i mezzi di rilevamento, compreso il test PCR [ampiamente usato oggi, presumibilmente, per diagnosticare i casi di infezione da SARS-CoV-2].


Il motivo per cui questo è un problema è che se si possiede sia il brevetto sul gene stesso, sia quello sul suo rilevamento, si ha un vantaggio astuto nell'essere in grado di controllare il 100% della provenienza non solo del virus stesso, ma anche del suo rilevamento. Cioè, avete l'intero controllo scientifico e del messaggio".


Il team di pubbliche relazioni del CDC ha cercato di giustificare la domanda sulla base del fatto che avrebbe permesso a tutti di essere liberi di ricercare il coronavirus.


Questa era una bugia, ha detto Martin. L'ufficio brevetti degli Stati Uniti ha respinto due volte la domanda per l'intera sequenza della SARS, con la motivazione che era già registrata nel pubblico dominio, ma il CDC ha iniziato un processo per annullare questo rifiuto. Dopo ripetute richieste, e pagando una multa in appello, hanno ottenuto il brevetto approvato nel 2007. Hanno anche pagato una tassa aggiuntiva per mantenere l'applicazione privata.


Così ogni dichiarazione pubblica che il CDC ha fatto dicendo che questo era nell'interesse pubblico è falsificabile dalla loro stessa tangente pagata all'ufficio brevetti".


Inoltre, tre giorni dopo il tentativo del CDC dell'aprile 2003 di brevettare la sequenza della SARS, la Sequoia Pharmaceuticals, una società privata finanziata con capitale di rischio fondata nel 2002, ha presentato una domanda di brevetto sugli agenti antivirali, il trattamento e il controllo delle infezioni da coronavirus. Questo è stato approvato, e pubblicato, prima che il brevetto CDC fosse autorizzato.


'Quindi il grado in cui l'informazione avrebbe potuto essere conosciuta con qualsiasi mezzo diverso dall'informazione privilegiata tra queste parti è zero. Non è fisicamente possibile brevettare una cosa che tratta una cosa che non era stata pubblicata, perché CDC aveva pagato per tenerla segreta. Questa è la definizione di cospirazione criminale, racket e collusione. Questa non è teoria. Questa è una prova".


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia