Germania: Vietate manifestazioni per la libertà, ma approvate quelle lgbt, strano ma vero

 

Germania: Vietae manifestazioni per la libertà, ma approvate quelle lgbt


Un uomo è morto in custodia della polizia a Berlino, mentre le forze di polizia tedesche hanno lanciato un duro giro di vite sulla manifestazione per la libertà di domenica, in cui sono state arrestate circa 600 persone.


Non si sa ancora quale sia stata la causa della morte dell'uomo di 49 anni che era in custodia della polizia nella capitale della Germania, tuttavia gli agenti hanno riferito che l'uomo si era lamentato di un formicolio al braccio e al petto. Un'indagine sulla morte è stata avviata.


Gli agenti hanno tentato di dare le prime cure mediche all'uomo, ma alla fine è morto dopo aver raggiunto l'ospedale, ha riferito Bild.


Filmati condivisi sui social media hanno mostrato la polizia usare lo spray al peperoncino, gettare le donne a terra, e anche presumibilmente picchiare un manifestante adolescente durante la manifestazione caotica.


La polizia di Berlino ha detto sui social media: "Hanno cercato di sfondare il cordone di polizia e tirare fuori i nostri colleghi. Questo ha portato all'uso di irritanti, manganelli e forza fisica".


La manifestazione del movimento Querdenker (Pensatori laterali) contro il blocco ha visto circa 5.000 persone manifestare contro le restrizioni del coronavirus in Germania, nonostante un tribunale di Berlino abbia vietato la protesta per presunte preoccupazioni sulla diffusione del virus cinese.


Il divieto della protesta è stato accolto con chiamate di ipocrisia, dato che la capitale aveva permesso una parata LGBT Pride che ha visto 35.000 partecipanti appena una settimana prima.


Il senatore di Berlino, Andreas Geisel del partito socialdemocratico tedesco (SPD) ha difeso la tattica della polizia, dicendo al Tagesspiegel: "Secondo le informazioni a nostra disposizione, la polizia di Berlino e le forze esterne hanno agito in modo appropriato e professionale".


I divieti sulle proteste dei Querdenker sono stati estesi lunedì, tuttavia, secondo i volantini distribuiti su Telegram, una manifestazione "Estate della libertà" è stata pianificata a Berlino di nuovo mercoledì.


La protesta ha anche visto un giornalista presumibilmente attaccato dai manifestanti. Si sostiene che la gente abbia attaccato Jörg Reichel, il responsabile dello stato di Berlino-Brandeburgo dell'Unione tedesca dei giornalisti (DJU), che è stato tirato dalla sua bicicletta da diverse persone e poi preso a calci.


"Siamo profondamente costernati e siamo solidali con il nostro collega, che dall'anno scorso osserva con grande impegno personale i raduni dei cosiddetti pensatori laterali e difende i media e la libertà di stampa", ha detto il direttore federale del DJU di Verdi, Monique Hofmann.


Hoffman ha affermato che Reichel aveva ricevuto minacce dal gruppo nei mesi scorsi e che la sua foto e il suo nome erano stati condivisi sui canali Telegram.



A maggio, la Germania ha tolto molte restrizioni di chiusura, permettendo a bar e ristoranti di riaprire, tuttavia, molti locali richiedono che le persone siano completamente vaccinate o possano dimostrare di essersi riprese dal virus per entrare.


Il mese scorso, il capo dello staff del cancelliere Angella Merkel, Helge Braun, ha avvertito che le persone vaccinate vedranno probabilmente più libertà delle loro controparti non vaccinate nei prossimi mesi, dicendo: "le persone vaccinate avranno sicuramente più libertà delle persone non vaccinate", aggiungendo che "lo stato ha la responsabilità di proteggere la salute dei suoi cittadini".


Il capo dello staff della Merkel, Helge Braun, ha detto che "le persone vaccinate avranno sicuramente più libertà di quelle non vaccinate" e che questo sarebbe legittimo perché "lo stato ha la responsabilità di proteggere la salute dei suoi cittadini".


Fonte: www.breitbart.com 

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia