Il Regno Unito ha 'trattato' i pazienti Covid anziani con Midazolam, che provoca il soffocamento

 

Il Regno Unito ha 'trattato' i pazienti Covid anziani con Midazolam, che provoca il soffocamento

Nel marzo 2020 al popolo britannico fu detto che doveva "restare a casa" per "proteggere il servizio sanitario nazionale" e "salvare vite". Fu anche detto loro che le autorità avevano bisogno solo di "tre settimane per appiattire la curva".



Perché il popolo britannico è stato istruito a rimanere a casa? A causa della minaccia di un nuovo virus emergente che ci è stato detto ha avuto origine nella città di Wuhan, in Cina. Un virus che ha causato la morte di 128.000 persone nel Regno Unito, o almeno così ci è stato detto.


Ma cosa succederebbe se potessimo dimostrarvi che avete rinunciato a quindici mesi e più della vostra vita a causa di una bugia? Ma non una bugia qualsiasi, una bugia che ha comportato la fine prematura della vita di migliaia e migliaia di persone, che ti hanno detto essere morte di Covid-19. Una bugia che ha comportato il commettere uno dei più grandi crimini contro l'umanità a memoria d'uomo. Una menzogna che ha richiesto tre cose - la paura, la vostra conformità, e una droga conosciuta come Midazolam...


Le autorità affermano che la Covid-19 è una malattia infettiva causata da un nuovo coronavirus soprannominato SARS-CoV-2. L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ci dice che "la maggior parte delle persone infettate dal virus COVID-19 avrà una malattia respiratoria da lieve a moderata e si riprenderà senza richiedere un trattamento speciale". Tuttavia affermano che "le persone anziane e quelle con problemi medici sottostanti come malattie cardiovascolari, diabete, malattie respiratorie croniche e cancro hanno maggiori probabilità di sviluppare malattie gravi".


Ci dicono che la malattia grave in Covid-19 presenta polmonite e insufficienza respiratoria di accompagnamento. Quindi i sintomi tipici includono dispnea, tosse, debolezza e febbre. Ci viene anche detto che le persone che soffrono di insufficienza respiratoria in deterioramento e che non ricevono cure intensive, sviluppano una sindrome da distress respiratorio acuto con grave dispnea.


La polmonite è un'infiammazione di uno o entrambi i polmoni, solitamente causata da un'infezione. Fa sì che gli alveoli (sacche d'aria) all'interno dei polmoni si riempiano di liquido, rendendo più difficile il loro corretto funzionamento. Il corpo invia globuli bianchi per combattere l'infezione, e mentre questo aiuta ad uccidere i germi, può anche rendere più difficile per i polmoni passare l'ossigeno nel flusso sanguigno.


La polmonite non è una nuova condizione che è apparsa a causa del Covid-19. Solo nel 2019, l'anno precedente alla presunta comparsa del Covid-19, 272.000 persone sono state ricoverate in ospedale con la polmonite. Secondo la British Lung Foundation nel 2012, 345 persone ogni 100.000 hanno avuto uno o più episodi di polmonite. Questo equivale a circa 225.000 persone che hanno sofferto di polmonite almeno una volta.


La British Lung Foundation ci mostra anche che la maggior parte dei casi di polmonite si verifica in coloro che hanno 81 anni e oltre. Per esempio, nel 2012 1.838 persone su 100.000 persone di età superiore a 81 anni hanno sviluppato la polmonite, il che equivale a circa 60.000 persone di età superiore a 81 anni nei numeri di oggi basati su circa 3,2 milioni di persone di età superiore a 80 anni nel Regno Unito.


Ci dicono anche che nel 2012 ci sono stati 28.592 morti per polmonite, che equivale al 5,1% di tutti i decessi che si sono verificati quell'anno.


Quindi, come potete vedere, i decessi dovuti alla polmonite non sono iniziati improvvisamente a verificarsi a causa della presunta comparsa di una nuova malattia chiamata Covid-19, ci abbiamo convissuto per tutta la vita, solo che non sono stati sbattuti davanti a voi 24 ore su 24, 7 giorni su 7, in televisione, o sulla prima pagina di ogni giornale come è successo con i presunti decessi dovuti al Covid-19.


Ma per dimostrarvi che avete rinunciato a quindici mesi della vostra vita a causa di una bugia che ha comportato la fine prematura della vita di migliaia e migliaia di persone, dobbiamo prima capire quale gruppo di età è stato più colpito dal Covid-19 secondo le statistiche ufficiali.


Il grafico qui sopra è una mappa di calore che mostra i decessi entro 28 giorni da un test positivo per la SARS-CoV-2 per data di morte ed età della persona. Questi dati possono essere visti nel dashboard dei coronavirus del governo britannico qui. Ciò che è abbastanza chiaro da questi dati è che la maggior parte delle morti presunte di Covid si sono verificate in persone di età superiore ai 90 anni. Il prossimo gruppo di età con il maggior numero di morti è 85-89, poi 80-84 e così via. C'è una diminuzione generale nel numero di morti fino a circa il gruppo di età 65-69 anni, ma poi vediamo un calo drammatico fino a quasi zero in chiunque abbia meno di 60 anni.


Questa mappa di calore mostra che generalmente non ci sono stati più di 9 decessi in un solo giorno di chiunque abbia tra i 60 e i 64 anni. Nel gruppo 65-69 anni non ci sono stati più di 20 morti al giorno. Nel gruppo di 70-74 anni non più di 27 morti in un giorno. Nel gruppo 75-79 non più di 48 morti al giorno, al massimo. È solo quando arriviamo al gruppo degli 85-89 anni che cominciamo a vedere un grande aumento nel numero di morti presunte di Covid. 179 morti in un giorno al massimo. Poi abbiamo il gruppo di età 90+ che ha visto non più di 379 morti in un solo giorno al suo massimo.


Quindi quello che stiamo vedendo qui è che è una quantità trascurabile di "Covid" morti in chiunque sotto i 60 anni. Ma in realtà non stiamo vedendo molte morti per "Covid" in persone tra i 60 e gli 80 anni. Quello che stiamo vedendo è una quantità molto più alta di morti per "Covid" in persone di età superiore a 85 anni. Ma cosa c'è di così strano?


Beh, niente se consideriamo che l'aspettativa di vita media nel Regno Unito è di 81 anni. Più il fatto che questo è anche in linea con quello che abbiamo visto in casi / morti a causa di polmonite negli anni precedenti. Non dimentichiamo che la malattia grave in Covid-19 presenta polmonite e insufficienza respiratoria di accompagnamento.


Il che fa sorgere la domanda: perché l'intera nazione ha dovuto stare a casa, a distanza sociale, indossare una maschera, lavarsi le mani e vivere sotto tirannia dittatoriale per quindici mesi perché persone che hanno vissuto più a lungo della vita media nel Regno Unito sono morte o stanno morendo? Morire di polmonite, di cui vediamo decine di migliaia di morti ogni anno.


Non possiamo negare che il 2020 ha visto un eccesso di morti, e voi credete che questo sia dovuto al fatto che gli ospedali sono stati sopraffatti? Solo che non lo erano.


I dati del NHS ci mostrano che durante il culmine della "prima ondata" tra aprile e giugno 2020 c'erano 58.005 letti occupati che equivalevano al 62% di occupazione. Questo è il 30 per cento in meno rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.


Nel 2017, da aprile a giugno, c'è stata una media di 91.724 posti letto occupati, pari all'89,1% di occupazione.

Nel 2018, da aprile a giugno, c'è stato in media un totale di 91.056 posti letto occupati, pari all'89,8% di occupazione.

Nel 2019, da aprile a giugno, c'è stata una media di 91.730 posti letto occupati, pari al 90,3% di occupazione.

Nel 2020, da aprile a giugno, c'è stata una media di 58.005 posti letto occupati, pari al 62% di occupazione.


Ci mostra anche che le presenze A&E durante il culmine della prima ondata sono diminuite del 57% rispetto all'anno precedente.


2018 - aprile - 1.984.369 presenze in A&E

2019 - aprile - 2.112.165 presenze in A&E

2020 - aprile - 916.581 persone si sono recate al pronto soccorso


Il che porta alla domanda: da cosa esattamente stavamo proteggendo il NHS? Sembra che abbia avuto una vacanza.


Ma ci sono stati 41.627 decessi in più rispetto alla media quinquennale fino al 1° maggio 2020, e la stragrande maggioranza di questi si è verificata in aprile. Un aprile che ha visto l'affluenza al pronto soccorso in calo del 57% rispetto all'anno precedente e l'occupazione dei letti in calo del 30% rispetto all'anno precedente. 33.408 di queste morti in eccesso hanno menzionato Covid-19 sul certificato di morte, la maggior parte delle quali si sono verificate in persone di età superiore agli 85 anni.


Tuttavia i dati presi dall'Office for National Statistics (ONS) ci mostrano che durante l'aprile 2020 ci sono stati 26.541 decessi avvenuti in case di cura, un aumento di 17.850 rispetto alla media quinquennale. Questa è la metà della quantità di morti presunte Covid-19 durante lo stesso periodo.


Perché così tante persone sono morte nelle case di cura quando gli ospedali erano tutt'altro che sovraccarichi? Sicuramente se hanno sviluppato gravi complicazioni a causa del Covid-19 avrebbero richiesto un'attenzione medica urgente e un trattamento ospedaliero?


Perché non dimentichiamo che ci viene detto che la malattia grave del Covid-19 presenta polmonite e insufficienza respiratoria di accompagnamento. Quindi i sintomi tipici includono dispnea, tosse, debolezza e febbre. Ci viene anche detto che le persone che soffrono di insufficienza respiratoria deteriorata e che non ricevono cure intensive, sviluppano una sindrome da distress respiratorio acuto con grave dispnea.


Perché queste persone erano in case di cura e non in ospedale?


Erano nelle case di cura perché Matt Hancock ha dato l'ordine di mettercele...


Il 19 marzo è stata inviata una direttiva all'NHS che richiedeva di dimettere tutti i pazienti che si riteneva non avessero bisogno di un letto d'ospedale. Hanno dichiarato che i trasferimenti dal reparto devono avvenire entro un'ora dalla decisione in un'area di dimissione designata, e che la dimissione dall'ospedale deve avvenire entro 2 ore. Ai trust dell'NHS è stato detto che "devono aderire" alla nuova direttiva.


Questo è stato fatto per liberare presumibilmente dei letti, che secondo le loro stime sarebbero stati 15.000 in più entro una sola settimana dall'attuazione della direttiva.


Ha liberato così tanti letti che l'occupazione dei letti nel periodo aprile-giugno 2020 era del 30% in meno rispetto all'anno precedente. Perché mai queste persone sarebbero già in un letto d'ospedale se non ne avessero bisogno? Si va in ospedale perché si ha bisogno di cure mediche, non perché si vuole sdraiarsi e dormire una buona notte.


Questa direttiva ha significato che le persone che avevano bisogno di cure mediche e di attenzione sono state dimesse in case di cura a migliaia.


Ma l'abbandono degli anziani e dei vulnerabili da parte di Matt Hancock non è finito qui. Mentre l'NHS era impegnato a scaricare i pazienti che avevano bisogno di cure mediche in case di cura secondo la sua direttiva, Matt Hancock e il Dipartimento della Salute erano impegnati a cercare di procurare a tutti loro un certo farmaco noto come midazolam.


Il midazolam è un farmaco comunemente usato nelle cure palliative ed è considerato uno dei quattro farmaci essenziali necessari per la promozione di cure di qualità nei pazienti morenti nel Regno Unito. Pensatelo come il diazepam su steroidi.


Il midazolam è anche un farmaco che è stato usato nelle esecuzioni per iniezione letale negli USA, combinato con altri due farmaci. Il Midazolam agisce come sedativo per rendere il prigioniero incosciente. Gli altri farmaci poi fermano il funzionamento dei polmoni e del cuore. Tuttavia è stato fonte di controversie perché diversi prigionieri hanno impiegato molto tempo per morire e sembravano soffrire quando il midazolam è stato usato.


Il midazolam può anche causare problemi respiratori seri o pericolosi per la vita come una respirazione superficiale, rallentata o temporaneamente interrotta che può portare a lesioni cerebrali permanenti o alla morte.


Le autorità di regolamentazione del Regno Unito affermano che si dovrebbe ricevere il midazolam solo in un ospedale o in uno studio medico che abbia l'attrezzatura necessaria per monitorare il cuore e i polmoni e per fornire rapidamente un trattamento medico salvavita se il respiro rallenta o si ferma.


Un medico o un'infermiera dovrebbe guardarti da vicino dopo aver ricevuto questo farmaco per assicurarsi che stai respirando correttamente perché il midazolam induce una significativa depressione della respirazione. Il medico deve anche essere informato se avete una grave infezione o se avete o avete mai avuto problemi ai polmoni, alle vie aeree, alla respirazione o malattie cardiache.


Midazolam è anche usato prima di procedure mediche e interventi chirurgici per causare sonnolenza, alleviare l'ansia, e prevenire qualsiasi ricordo dell'evento. A volte è anche dato come parte dell'anestesia durante l'intervento chirurgico per produrre una perdita di coscienza.


Il midazolam è anche usato per causare uno stato di coscienza ridotta in persone gravemente malate in unità di terapia intensiva che stanno respirando con l'aiuto di una macchina.


Midazolam deve essere usato con estrema cautela nei pazienti che hanno insufficienza renale cronica, funzione epatica compromessa o funzione cardiaca compromessa. Dovrebbe anche essere usato con estrema cautela in pazienti obesi o anziani.


Quali sono alcuni dei punti più importanti che dovresti prendere da questo?


Il midazolam induce una significativa depressione della respirazione. Le autorità di regolamentazione del Regno Unito insistono sul fatto che il midazolam dovrebbe essere somministrato solo in un ospedale o in uno studio medico sotto la supervisione di un medico o di un infermiere per monitorare la respirazione del paziente al fine di fornire un trattamento salvavita al paziente se la respirazione rallenta o si ferma. Il Midazolam deve essere usato con estrema cautela nei pazienti anziani


La malattia grave in Covid-19 presenta polmonite e insufficienza respiratoria di accompagnamento. Quindi i sintomi tipici includono dispnea, tosse, debolezza e febbre. Ci viene anche detto che le persone che soffrono di insufficienza respiratoria deteriorata e che non ricevono cure intensive, sviluppano una sindrome da distress respiratorio acuto con grave dispnea.


Il midazalam induce una significativa depressione della respirazione.


Sapendo questo, useresti il midazolam per trattare persone che soffrono di polmonite e insufficienza respiratoria presumibilmente a causa del Covid-19?


Fonte: www.eutimes.net





Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia