Le pandemie spiegate dalla teoria del terreno di Bechamp

Le pandemie spiegate dalla teoria del terreno di Bechamp


Di lordchewy


Dall'inizio del programma Covid 1984, siamo tutti venuti a conoscenza del termine "pandemia", anche se credo che la maggior parte delle persone non sarebbe in grado di dare una definizione adeguata - per non parlare del fatto che è stata convenientemente cambiata nel 2009 all'inizio della truffa H1N1 (Influenza Suina) di quell'anno.

Alla luce del mio debunking della teoria del germe della malattia e della mancanza di trasmissione asintomatica tra individui sani, vorrei esaminare le prove che circondano alcune delle pandemie conosciute nel corso della storia e come possono essere spiegate dal modello del terreno.


Potrebbe interessarti: 

Storia di un inganno - Le Vaccinazioni 

Perché l'OMS ha finto una pandemia nel 2009 


Focolai di morbillo negli Stati Uniti del 2019

Ci sono state numerose epidemie di morbillo segnalate negli Stati Uniti nel 2019, che sono state attribuite al movimento anti-vaccinazione. Come abbiamo visto nel mio articolo sulla teoria dei germi, ben oltre il 90% delle malattie infettive sono diminuite non a causa dei vaccini, ma a causa di un aumento della qualità della nutrizione, dei servizi igienici e della purificazione dell'acqua e della pulizia generale. R.M. Barkin (1975) dimostrò che i bambini che vivevano al livello di povertà o al di sotto di esso, e specialmente in ambienti rurali, avevano una probabilità significativamente maggiore di morire di morbillo rispetto a quelli nelle fasce di reddito più alte.

Secondo Stefan Lanka, non c'è nessuna prova che il virus del morbillo sia stato isolato da una cellula ospite e dimostrato che causi la malattia. Lanka è stato rivendicato dalla Corte Regionale Superiore (Oberlandesgericht) di Stoccarda (Corte Superiore tedesca). Ecco la sentenza del tribunale di qualche anno fa che ha coinvolto il dottor Stefan Lanka riguardo all'esistenza del "virus" del morbillo:

"Di conseguenza, il ricorso, nella misura in cui è ammissibile, ha almeno successo perché l'attore non ha soddisfatto il criterio di pretendere di provare l'esistenza del virus del morbillo attraverso "una pubblicazione scientifica". Di conseguenza, l'attore non ha spese legali pre-giudiziali". lrbw.juris.de/...


Tuttavia, ci sono altri fattori ambientali che sono noti per causare il morbillo. Le incidenze del morbillo sono aumentate del 300% entro l'anno 2019 secondo il W.H.O. Chan (2017) suggerisce che l'inquinamento atmosferico è strettamente legato alle epidemie di morbillo. Questo si osserva anche in Cina che ha un tasso di vaccinazione per il morbillo vicino al 100%. Tutti gli epicentri sono sottovento rispetto alle centrali elettriche alimentate a frack-gas, e soffrono di un intenso inquinamento del suolo da massicce industrie ereditate (fuoriuscite di solventi). I siti Superfund (Un sito Superfund è un sito tossico che è stato immesso nella Lista Nazionale priorità (NPL)) dell'Agenzia per la protezione dell'ambiente sono correlati al numero di casi di morbillo. La virologia omette controlli adeguati e i fattori tossicologici non sono scontati.

 


C'è stato anche un altro focolaio di morbillo nel vicino quartiere di Brooklyn di Williamsburg nel 2018-19 e, naturalmente, nessuno studio ambientale è mai stato condotto. Il sindaco di New York Bill De Blasio ha drammaticamente spinto un mandato di emergenza per il vaccino contro il morbillo su Williamsburg. Quelli non vaccinati erano soggetti a multe di 1000 dollari. Williamsburg è classificata come la città più inquinata degli Stati Uniti UC Burkley's Scorecard. Gli effluenti industriali potrebbero fluire un MGP (Manufacturing Gas Plants), e dalle industrie chimiche alla 5a strada vicino al fiume - alle posizioni sotto questi edifici. Vedi la recente foto aerea con l'epicentro del morbillo del 2019 delineato:

BNY=Cantiere navale di Brooklyn
BNY=Cantiere navale di Brooklyn

L'area che circonda il Brooklyn Navy Yard è stata pesantemente inquinata (composti alogenati, cadmio, mercurio, piombo, arsenico, ecc.) per secoli, a partire dal XVII secolo. Questi continuano ad avvelenare la terra e l'aria attraverso i pennacchi di terra ancora oggi. Quattro secoli di rifiuti tossici sono stati scaricati nella terra prima ancora che esistesse l'Agenzia americana di protezione dell'ambiente.


"Il presidente John Adams commissionò il Brooklyn Navy Yard per la prima volta nel 1801, ma l'attività al Wallabout Basin [ora BNY] risale a prima di allora. In effetti, molto prima di allora: L'atto di vendita del Wallabout Basin risale al 1637. Gli olandesi e gli inglesi usavano il cantiere per la navigazione mercantile". secrets-of-new-york/brooklyn-navy-yard-secrets-1.10357833/


Nel 1995, il NYDEC ha classificato BNY come sito Superfund per la pulizia ambientale. Il suolo tossico fu sostituito e l'acqua fu testata per i PCB e dichiarata sicura. L'EPA ha rimosso BNY dallo stato Superfund, sostenendo di aver bonificato il sito.


Un altro esempio di forte correlazione con l'inquinamento ambientale è - ancora una volta - la Cina. Peng et. al hanno esaminato il ruolo degli inquinanti atmosferici sull'incidenza di un'epidemia di morbillo a Lanzhou e sono giunti alla seguente conclusione:

"Raccogliendo dati giornalieri sui casi di morbillo, sugli inquinanti atmosferici e sui dati meteorologici dal 2005 al 2009 nel distretto di Chengguan della città di Lanzhou, è stato utilizzato un modello additivo generalizzato semi-parametrico (GAM) per studiare quantitativamente l'impatto degli inquinanti atmosferici e dei fattori meteorologici sui casi giornalieri di morbillo. I risultati hanno mostrato che gli inquinanti atmosferici e i fattori meteorologici hanno avuto effetto sul numero di casi giornalieri di morbillo, e c'era un certo effetto di ritardo. Tranne SO2 e umidità relativa, altri fattori hanno mostrato associazioni statisticamente significative con i casi giornalieri di morbillo: NO 2 in ritardo di 6 giorni, PM 10 e temperatura massima in ritardo di 5 giorni, temperatura minima e temperatura media e pressione media dell'aria in ritardo di 4 giorni, visibilità e velocità del vento in ritardo di 3 giorni hanno avuto il maggiore impatto sul numero di casi giornalieri di morbillo".

Le epidemie di morbillo sono correlate al tempo freddo, quando l'inquinamento interno (stufe, caldaie e pennacchi di terra) è contenuto dalle finestre chiuse. Secondo Dolan 1985, gli scarichi delle stufe possono causare sintomi "simili all'influenza". Il New York Times - mentre copre l'epidemia - menziona casualmente il legame tra inquinamento interno e asma. È importante che, proprio come la Sars Cov 2, il virus del morbillo non è mai stato isolato e provato come causa di tale malattia. Leggete qui l'articolo di Stefan Lanka. Lo stesso vale per il presunto virus della polio. Secondo l'opinione esperta del biochimico Howard Urnovitz, PhD:

"Il poliovirus non è stato effettivamente isolato da questi investigatori. Hanno coltivato con successo "agenti filtrabili", che hanno assunto essere poliovirus, in tessuti embrionali umani".


Risolvere la questione dei "non vaccinati"

I principali organi di informazione hanno affermato che l'epidemia di morbillo si è diffusa soprattutto tra i bambini non vaccinati in vari quartieri di New York. Come abbiamo discusso in precedenza, un ambiente tossico combinato con le condizioni climatiche ha un grande impatto sulle occorrenze del morbillo. 

Allora perché solo i non vaccinati sembrano essere gli unici colpiti? 
È davvero perché i genitori religiosi anti-vaxx mettono i loro figli in pericolo? 

Si può facilmente sostenere che qualsiasi genitore mette in pericolo un bambino allevandolo in ambienti così tossici.

In ogni caso, la ragione per cui questa epidemia sembra aver colpito quasi esclusivamente bambini non vaccinati è semplicemente dovuta a un bias di conferma. I medici - sotto la loro credenza basata sulla fede che i vaccini funzionano - sono più propensi a diagnosticare una malattia come qualcos'altro nelle persone vaccinate. Questa è semplicemente la natura umana. Il Center for Disease Control effettivamente istruisce i medici a fare questo nel contesto delle epidemie.

"Per minimizzare il problema dei risultati di laboratorio falsamente positivi, è importante limitare l'indagine dei casi e i test di laboratorio ai pazienti che hanno più probabilità di avere il morbillo (cioè quelli che soddisfano la definizione di caso clinico, specialmente se hanno fattori di rischio per il morbillo, **come l'essere non vaccinati** [enfasi mia] storia recente di viaggi all'estero, senza una spiegazione alternativa per i sintomi, per esempio l'epilessia legata a un caso noto di parvovirus) o quelli con febbre e rash maculopapulare generalizzato con forte sospetto di morbillo."

Pertanto, qualsiasi numero di casi derivato dall'osservazione umana incontrollata è intrinsecamente distorto dalla credenza nel successo della vaccinazione stessa, rendendolo di natura circolare e tristemente non scientifico. La credenza è una profezia che si autoavvera. Questo pregiudizio spiega perché la malattia è "trovata" più spesso in individui non vaccinati e anche perché la sua "incidenza" è diminuita man mano che il numero di vaccinati è cresciuto. Si potrebbe obiettare che non è possibile confondere queste malattie con altre. Tuttavia, se questo fosse vero, allora non ci sarebbe bisogno di una diagnosi differenziale né di una conferma di laboratorio quando si diagnostica, un requisito per quasi tutte le VPD (Vaccine Preventable Diseases, (Malattie prevenibili da vaccino)).


Questo comportamento delle autorità mediche è stato assorbito anche 5 anni fa durante l'epidemia di morbillo di Disney World. Hanno eseguito più di 2500 test PCR su casi sospetti *dopo l'inizio dell'eruzione cutanea*, cioè casi che sembravano esattamente come il morbillo. Solo 131 sono stati confermati avere il virus. Se l'"epidemia" di eruzioni cutanee fosse veramente causata dal virus, non è plausibile che solo il 5% dei casi di eruzione cutanea clinica avesse il presunto fattore causale.

I funzionari della sanità trovano quello che vogliono trovare. È una grande narrazione, ma una scienza terribile.

Grande Smog di Londra

L'evento del Grande Smog che ebbe luogo a Londra, Regno Unito, nel 1952 fu il risultato di una miscela di fattori. I principali colpevoli furono l'inquinamento atmosferico, temperature insolitamente fredde e giorni senza vento. Questo portò a un pericoloso accumulo di inquinanti nell'aria, che a sua volta portò allo smog. Ecco come appariva Londra durante l'evento dello smog

Circa 6000 londinesi morirono a causa dello smog. Le autorità avevano inizialmente tentato di dare la colpa delle infezioni respiratorie a un'epidemia di influenza, ma divenne chiaro che la causa principale era l'inquinamento. Non ci fu panico, perché Londra era famosa per la sua nebbia. Nelle settimane che seguirono, tuttavia, le statistiche compilate dai servizi medici scoprirono che la nebbia aveva ucciso 4.000 persone. Solo una piccola minoranza di casi era effettivamente legata all'influenza. La maggior parte delle morti furono causate da infezioni del tratto respiratorio, dall'ipossia e come risultato dell'ostruzione meccanica dei passaggi dell'aria da parte del pus derivante dalle infezioni polmonari causate dallo smog, secondo un articolo pubblicato da Peters et al su The Lancet.

La peste nera

La peste nera fu un'epidemia che uccise milioni di persone in Europa e in Asia. La maggior parte delle persone pensa che la malattia fosse la peste bubbonica. Circa 50 milioni di persone furono uccise dalla peste bubbonica, che raggiunse il suo apice tra il 1347 e il 1351. La malattia potrebbe essere iniziata in Asia. Questa malattia è portata e diffusa dalle pulci che vivono sui ratti. I commercianti della Via della Seta (un gruppo di rotte commerciali che attraversavano l'Asia fino al Mediterraneo) potrebbero aver portato le pulci infette in Europa. La teoria principale è che le pulci.

Si dice che la peste bubbonica sia causata da un batterio chiamato Yersinia Pestis. Questo batterio è stato trovato anche in altri tipi di piaghe come la peste setticemica e la peste pneumonica. Il DNA di questo batterio è stato trovato anche nel DNA delle vittime della peste giustinianea¹. Il pensiero dominante ha concluso che i ratti e altri roditori portano la Yersinia pestis e la trasmettono alle pulci. Quando i ratti muoiono, le pulci succhiasangue li lasciano per predare altri ratti, cani ed esseri umani. Il batterio entra poi negli esseri umani attraverso i morsi delle zanzare. La scienza moderna crede che al tempo di Giustiniano, i ratti sulle navi mercantili portassero il microrganismo negli altri porti del Mediterraneo².

Tuttavia, alcuni ricercatori hanno trovato alcune falle nella teoria che il batterio fosse il principale colpevole della morte nera. Anche se i ricercatori hanno trovato prove di Yersina pestis nella polpa dentaria di una fossa comune dell'epoca in Francia, altri team di scienziati non sono stati in grado di trovare prove del patogeno in altri cinque siti tombali di altre parti d'Europa³. La sociologa Susan Scott e il biologo Christopher J. Duncan sostengono che una febbre emorragica, simile al virus Ebola, abbia causato la peste nera. Altri danno la colpa all'antrace o a qualche malattia ormai estinta. Essi notano che i resoconti medievali non corrispondono alle descrizioni della malattia. I testimoni hanno descritto una malattia che si è diffusa a grande velocità con una mortalità molto alta, a differenza di altre pandemie o piaghe, che si muove lentamente e aveva un tasso di mortalità di circa il 60%⁴. I resoconti hanno descritto bolle che coprivano tutto il corpo piuttosto che limitarsi alla zona inguinale come nel caso della peste. Le descrizioni dei sintomi menzionano odori terribili, macchie che assomigliano a lividi, delirio e stupore - nessuno dei quali si verifica con la peste bubbonica moderna. La teoria del batterio riguardo alla morte nera non spiega la rapida diffusione e l'impressionante tasso di mortalità⁵.

Un'altra spiegazione per la Morte Nera è che sia arrivata dai ratti infetti e poi si sia diffusa agli esseri umani in tutta Europa. Uno dei problemi principali di questa teoria è che non ci sono documenti scritti dell'epoca che descrivono vaste legioni di ratti morti necessarie per spiegare la peste. La peste uccise più della metà della popolazione dell'Islanda, ma i ratti non raggiunsero il paese fino al XIX secolo circa.⁶ E la peste nera continuò a uccidere persone durante il vento nella maggior parte dell'Europa settentrionale, nonostante il grasso che l'organismo della peste richiede temperature relativamente calde.⁷-mike bailie, pag.12].

In New Light on the Black Death: The Cosmic Connection, il professore emerito di Paleoecologia Mike Baillie sostiene che una cometa ha causato la pandemia. Egli sottolinea che i testimoni del periodo descrivono un terremoto significativo il 25 gennaio 1348, con altri terremoti a seguire. "Ci sono state masse di pesci morti, animali e altre cose insieme alla riva del mare e in molti luoghi coperti di polvere",⁸ ha scritto un osservatore contemporaneo. "E tutte queste cose sembrano provenire dalla grande corruzione dell'aria e della terra"⁹ Altri documenti descrivono maremoti, piogge di fuoco, cattivi odori e strani colori nel cielo, nebbie e persino draghi, oltre ai terremoti. Baillie crede che i frammenti della Cometa Negra, che passò vicino alla Terra nel 1347, abbiano causato i fenomeni atmosferici. Alcuni frammenti scesero e iniettarono enormi quantità di polvere nell'atmosfera. L'analisi degli anelli degli alberi indica che mentre il materiale scendeva dallo spazio, vomitava nella stratosfera grandi quantità di sostanze chimiche a base di carbonio e azoto. Secondo Baillie, la malattia e la morte furono causate dall'acqua e dall'aria avvelenate mentre la cometa volava sopra la testa.¹⁰

Tutti i sintomi della peste nera - in particolare i lividi come macchie sulla pelle e l'alto tasso di mortalità - indicano fortemente l'avvelenamento da radiazioni, probabilmente reso ancora più mortale dalla polvere e dai composti simili all'ammoniaca nell'atmosfera. Il Prof. Bailie conclude che :

"La peste nera si trova in una chiara depressione ambientale visibile nelle cronologie lisciate degli anelli degli alberi di tutto il mondo"¹¹- Bailie 37]

La corruzione dell'atmosfera deve essere stata certamente grave per essere stata in grado di generare una "chiara depressione ambientale"; era sufficientemente grave da essere in grado di causare la morte per problemi respiratori. Curiosamente, ci sono state altre incidenze di pandemie che si sono verificate dopo una grande cometa. Ci sono state altre pandemie precedenti nella storia che erano potenzialmente collegate alle comete e ad altri eventi in natura. Per esempio, il Dr. Marc Barton dell'Imperial College di Londra teorizza anche che eventi naturali come comete, vulcani e drastici cambiamenti climatici possono essere stati co-fattori in precedenti pandemie.

Epidemie di influenza

Già nel 1799, i ricercatori erano perplessi sulla causa dell'influenza, che appariva improvvisamente, spesso in diversi luoghi allo stesso tempo. Il mondo non era così globalizzato come oggi e quindi la teoria del contagio non reggeva molto in questo caso. Nel 1836, lo specialista dell'influenza Heinrich Schweich notò che tutti i processi fisiologici producono elettricità e teorizzò che un disturbo elettrico dell'atmosfera può impedire al corpo di scaricarla. Egli credeva che l'accumulo eccessivo di elettricità può essere una causa dei sintomi dell'influenza.¹².

Con la scoperta della natura elettrica del sole, gli scienziati hanno fatto alcune osservazioni molto interessanti. Il periodo 1645-1715 è quello che gli astronomi chiamano il "Minimo di Maunder" e il sole era molto tranquillo durante questo periodo e non si osservava alcuna attività delle macchie solari. Nel 1715, le macchie solari ricomparvero di nuovo così come l'aurora boreale e l'attività raggiunse il suo picco nel 1727. Nel 1728, l'influenza apparve a ondate in tutti i continenti. L'attività delle macchie solari divenne più violenta fino a raggiungere il picco nel 1738, quando i medici segnalarono l'influenza sia nell'uomo che negli animali.¹³ L'epidemiologo britannico Edgar Stanhope-Smith credeva che il tasso di trasmissibilità fosse determinato dalla carenza di vitamina D e dalle variabilità stagionali. Tuttavia, come abbiamo visto nell'articolo sulla teoria dei germi, nessuno studio finora è stato in grado di dimostrare la trasmissibilità da un individuo all'altro.

Il ricercatore e attivista Arthurs Firstenberg, nel suo libro The Invisible Rainbow, racconta la storia dell'elettricità negli Stati Uniti e nel mondo, e le epidemie di malattie che hanno accompagnato ogni passo verso una maggiore elettrificazione. La prima tappa fu l'installazione della linea telefonica che, nel 1975, formò una ragnatela sulla terra per un totale di 700.000 miglia, con abbastanza filo di rame per circondare il mondo quasi 30 volte. Con questi nuovi progressi tecnologici, arrivarono nuove malattie. I cittadini che vivevano nelle vicinanze di questi nuovi cavi elettrici hanno riportato sintomi come mal di testa, vertigini, tinnito, galleggianti negli occhi, polso accelerato, dolori nella regione del cuore e palpitazioni. Alcuni hanno anche riferito di sentirsi gravemente depressi e di avere insoliti attacchi di panico. Il dottor George Miller Beard e la comunità medica dell'epoca osservarono anche che questi sintomi si diffondevano lungo i percorsi delle linee ferroviarie e telefoniche; questi sintomi assomigliavano anche molto all'influenza.¹³(Miller Beard - casi di isteria, neurostenia).

Nel 1889, segniamo l'inizio dell'era elettrica moderna e anche di una pandemia mortale di influenza, che seguì l'avvento dell'elettricità in tutto il mondo. Secondo Firstenberg:
"L'influenza colpì in modo esplosivo e imprevedibile, più e più volte a ondate fino all'inizio del 1894. Era come se qualcosa di fondamentale fosse cambiato nell'atmosfera"¹³


Se l'influenza è principalmente una malattia elettrica, come suggerito dalle prime ondate di pandemie influenzali, allora l'influenza non è contagiosa in senso convenzionale. Gli schemi delle sue epidemie dovrebbero fornirlo, e lo fanno. Per esempio, la mortale pandemia del 1889 iniziò in un certo numero di parti del mondo ampiamente sparse. Gravi epidemie furono segnalate quell'anno in Uzbekistan, Groenlandia, Bukhara e nel nord di Alberta, Canada. Nello stesso periodo, focolai di influenza furono segnalati anche in alcune parti degli Stati Uniti, nei Balcani e in Australia¹⁴ (JAMA 1890a, The influenza pandemic of 1889, 14(1), 24-25). 

Essendo questo modello di malattia in contrasto con le teorie prevalenti, molti storici hanno preteso che la pandemia del 1889 fino all'arrivo in Siberia occidentale in settembre e da lì si diffuse in modo ordinato nel resto del mondo. Si diffuse nel resto della Russia ma anche in parti dell'Africa nello stesso momento¹⁵ (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2889325/) ¹⁶(Clemow, Frank Girard: The Geography of Disease, Cambridge U. Press,p.198). 

Secondo Bowie et al, questa pandemia influenzale colpì anche il continente, che fu la prima del suo genere. Secondo Benjamin Lee del Pennsylvania State Board of Health:

"L'influenza si diffonde come un'inondazione, inondando intere sezioni in un'ora... È difficilmente concepibile che una malattia che si diffonde con una rapidità così sorprendente, passi attraverso il processo di ri-sviluppo in ogni persona infettata, e sia comunicata solo da persona a persona o da un articolo infetto"¹⁷. - jamanetwork.com/journals...

 

L'influenza fa il suo capriccio non solo a terra, ma anche nei mari. Con il mondo interconnesso di oggi e la velocità dei viaggi, questo non è più ovvio, ma era molto chiaro nel secolo precedente quando i marinai venivano attaccati con una potente influenza per settimane, anche mesi, fuori dal loro porto di scalo. Nel 1894, il medico Charles Creighton descrisse 15 casi storici separati in cui intere navi di una flotta navale furono colpite dalla malattia fin dall'approdo, come se avessero navigato in una nebbia influenzale, solo per scoprire, in alcuni casi, all'arrivo nel loro porto successivo, che l'influenza era scoppiata a terra nello stesso momento. 

Creighton ha aggiunto un resoconto della pandemia contemporanea: la nave mercantile "Wellington" era salpata con il suo piccolo equipaggio da Londra il 19 dicembre 1891, diretta a Lyttelton, Nuova Zelanda. Il 26 marzo, dopo più di tre mesi in mare, il capitano fu improvvisamente scosso da un'intensa malattia febbrile. All'arrivo a Lyttelton il 2 aprile:

"il pilota, salendo a bordo, trovò il capitano malato nella sua cuccetta, e quando gli furono comunicati i sintomi disse subito: "È l'influenza: L'ho appena avuta io stesso"¹⁸(Charles Creighton - A history of Epidemics in Britain 1894, p.430)

 

Un rapporto del 1857 fu così convincente che il patologo australiano William Beveridge lo incluse nel suo libro di testo del 1975 sull'influenza:

"La nave da guerra inglese Arachne stava navigando al largo della costa di Cuba 'senza alcun contatto con la terra'. Non meno di 114 uomini su un equipaggio di 149 si ammalarono di influenza e solo più tardi si seppe che c'erano state epidemie a Cuba nello stesso periodo."¹⁹ (Influenza: L'ultima grande peste. Una storia incompiuta di scoperta, William Beveridge, p.35

 

La velocità con cui viaggia l'influenza, e il suo modello di diffusione casuale e simultaneo, ha lasciato perplessi gli scienziati per secoli, ed è stata la ragione più convincente per alcuni di continuare a sospettare l'elettricità atmosferica come causa, nonostante la presenza nota di un virus ampiamente studiato. Ecco un campione di opinioni, vecchie e moderne:

"Forse nessuna malattia è mai stata osservata colpire così tante persone in così poco tempo come l'influenza, quasi un'intera città, un paese o un quartiere ne viene colpito in pochi giorni, anzi molto prima di quanto si possa supporre che si diffonda per contagio. Mercatus riferisce che quando prevalse in Spagna, nel 1557, la maggior parte della gente fu colpita in un giorno. Il dottor Glass dice che quando era diffusa a Exeter, nel 1729, duemila persone furono attaccate in una notte".

Shadrach Ricketson, M.D. (1808), A Brief History of the Influenza²⁰ (Shadrach Ricketson, A brief history of the influenza 1808, p. 4


"Il semplice fatto è di ricordare che questa epidemia colpisce un'intera regione nello spazio di una settimana; no, un intero continente grande come il Nord America, insieme a tutte le Indie Occidentali, nel corso di poche settimane, dove gli abitanti su una così vasta estensione di paese, non avrebbero potuto, entro un così breve lasso di tempo, avere la minima comunicazione o rapporto qualsiasi. Questo fatto da solo è sufficiente a mettere fuori questione l'idea che si sia propagato per contagio da un individuo all'altro".

Alexander Jones, M.D. (1827), Philadelphia Journal of the Medical and Physical Sciences²¹(Richard Sisley, "Epidemic Influenza: Notes on Its Origin and Method of Spread", Longmans Green and Co.,p.22)


"A differenza del colera, supera nel suo corso la velocità dei rapporti umani"

Theophilus Thompson, M.D. (1852), Annali dell'influenza o febbre catarrale epidemica in Gran Bretagna dal 1510 al 1837


"Il solo contagio è inadeguato a spiegare lo scoppio improvviso della malattia in paesi molto distanti nello stesso momento, e il modo curioso in cui è stato conosciuto per attaccare gli equipaggi delle navi in mare, dove la comunicazione con luoghi o persone infette era fuori questione".

Sir Morell Mackenzie, M.D. (1893), Fortnightly Review²³(Mackenzie, Morell. "Fortnightly Review 55:877-86)


"Di solito l'influenza viaggia alla stessa velocità dell'uomo, ma a volte sembra scoppiare simultaneamente in parti del globo molto separate"

Jorgen Birkeland (1949), Microbiology and Man²⁴ ("H.E Bowen, "Microbiology and Man, Yale Journal of Biology and Medicine, p.445


"[Prima del 1918] ci sono registrazioni di altre due grandi epidemie di influenza in Nord America durante gli ultimi due secoli. La prima di queste avvenne nel 1789, l'anno in cui George Washington fu inaugurato presidente. Il primo battello a vapore non attraversò l'Atlantico fino al 1819, e il primo treno a vapore non corse fino al 1830. Quindi, questa epidemia si è verificata quando il mezzo di trasporto più veloce dell'uomo era il cavallo al galoppo. Nonostante questo fatto, l'epidemia di influenza del 1789 si diffuse con grande rapidità; molte volte più velocemente e molte volte più lontano di quanto un cavallo potesse galoppare".

James Bordley III, M.D. e A. McGehee Harvey, M.D. (1976), Two Centuries of American Medicine, 1776-1976, p.214


"Il virus dell'influenza può essere comunicato da persona a persona in goccioline di umidità del tratto respiratorio. Tuttavia, la comunicazione diretta non può spiegare le epidemie simultanee di influenza in luoghi molto separati".

Roderick E. McGrew (1985), Encyclopedia of Medical History, p.151


"Perché i modelli epidemici in Gran Bretagna non sono cambiati in quattro secoli, secoli che hanno visto grandi aumenti nella velocità del trasporto umano?

Cannell, J.J., Zasloff, M., Garland, C.F. et al. On the epidemiology of influenza. Virol J 5, 29 (2008). virologyj.biomedcentral.com/article...


Il ruolo del virus, che infetta solo il tratto respiratorio, ha lasciato perplessi alcuni virologi perché l'influenza non è solo, o anche principalmente, una malattia respiratoria. Perché il mal di testa, il dolore agli occhi, l'indolenzimento muscolare, la prostrazione, l'occasionale deterioramento visivo, i rapporti di encefalite, miocardite e pericardite? Perché gli aborti, i nati morti e i difetti alla nascita? ²⁵ (Beveridge, p.15-16. Ci sono stati anche rapporti di sintomi neurologici durante le pandemie influenzali iniziali dei secoli precedenti. La maggior parte dei 239 malati di influenza dell'ufficiale medico Röhring a Erlangen, in Baviera, aveva sintomi neurologici e cardiovascolari e nessuna malattia respiratoria. Quasi un quarto dei 41.500 casi di influenza riportati in Pennsylvania al 1 maggio 1890 erano classificati come principalmente neurologici e non respiratori²⁵ (Firstenberg, p.89). Pochi dei pazienti di David Brakenridge a Edimburgo, o di Julius Althaus a Londra, avevano sintomi respiratori. Avevano invece vertigini, insonnia, indigestione, costipazione, vomito, diarrea, "totale prostrazione della forza mentale e corporea", nevralgie, delirio, coma e convulsioni. Al recupero, molti sono rimasti con neurastenia, o addirittura paralisi o epilessia. Anton Schmitz pubblicò un articolo intitolato "Insanity After Influenza" e concluse che l'influenza era principalmente una malattia nervosa epidemica. C. H. Hughes chiamò l'influenza una "nevrosi tossica". Morell Mackenzie era d'accordo:

"A mio parere la risposta all'enigma dell'influenza sono i nervi avvelenati... In alcuni casi si attacca a quella parte (del sistema nervoso) che governa la macchina della respirazione, in altri a quella che presiede alle funzioni digestive; in altri ancora sembra, per così dire, correre su e giù per la tastiera nervosa, scuotendo il delicato meccanismo e suscitando disordine e dolore in diverse parti del corpo con quello che sembra quasi un capriccio maligno... Poiché il nutrimento di ogni tessuto e organo del corpo è sotto il diretto controllo del sistema nervoso, ne consegue che tutto ciò che colpisce quest'ultimo ha un effetto pregiudizievole sul primo; quindi non è sorprendente che l'influenza in molti casi lasci il segno nella struttura danneggiata. Non solo i polmoni, ma i reni, il cuore e altri organi interni e la stessa materia nervosa può soffrire in questo modo."²⁶ (Mackenzie, p.299-30)


I manicomi si riempirono di pazienti che avevano avuto l'influenza, persone che soffrivano variamente di profonda depressione, mania, paranoia o allucinazioni. "Il numero di ricoveri raggiunse proporzioni senza precedenti", riferì Albert Leledy al manicomio di Beauregard, a Bourges, nel 1891. "Le ammissioni dell'anno superano quelle di qualsiasi anno precedente", riferì Thomas Clouston, medico supervisore del Royal Edinburgh Asylum for the Insane, nel 1892. "Nessuna epidemia di qualsiasi malattia che si ricordi ha avuto tali effetti mentali", scrisse²⁶ (Firstenberg, 88-89). William Beveridge, che visse fino alla pandemia del 1918, notò anche che la metà delle vittime dell'influenza spagnola non aveva alcun sintomo visibile dell'influenza, come secrezioni nasali, starnuti o mal di gola²⁷ (Beveridge, p.11).


Un'altra indicazione che tali pandemie hanno una fonte atmosferica è il fatto che durante tali pandemie nella storia, anche gli animali hanno sperimentato sintomi simili - dai maiali agli uccelli. Ci sono molteplici esempi di questo. Per esempio, quando l'esercito del re Karlmann di Baviera fu colto dall'influenza nell'876 d.C., la stessa malattia decimò anche i cani e gli uccelli.²⁸(Firstenberg 89). Nelle epidemie successive, fino al ventesimo secolo compreso, la malattia è stata comunemente segnalata per scoppiare tra cani, gatti, cavalli, muli, pecore, mucche, uccelli, cervi, conigli e persino pesci allo stesso tempo degli umani²⁸ (Journal of the Statistical Society of London, 1848, p.173). Beveridge ha elencato dodici epidemie durante i secoli XVIII e XIX in cui i cavalli hanno preso l'influenza, di solito uno o due mesi prima degli umani. Infatti, questa associazione era considerata così affidabile che all'inizio del dicembre 1889, Symes Thompson, osservando una malattia simile all'influenza nei cavalli britannici, scrisse al British Medical Journal predicendo un'imminente epidemia negli esseri umani, una previsione che si rivelò presto vera.²⁹ (Beveridge, p.56). Morti simili in altri animali si verificarono anche durante la pandemia di influenza spagnola.³⁰(The Lancet, "Medical Influenza Victims in South Africa", Volume 193, Issue 4976, 11 gennaio 1919, pagine 75-78). 


Il fatto che l'aumento dell'incidenza della morte sia osservato anche negli animali durante le pandemie è un duro colpo alla teoria del contagio. La morte di altre specie suggerisce fortemente che le pandemie sono in gran parte il risultato di shock atmosferici e/o tecnologici all'ecosistema. Diciassette anni di sorveglianza da parte di Hope-Simpson nella comunità di Cirencester, in Inghilterra, hanno rivelato che, nonostante la credenza popolare, l'influenza non è facilmente comunicata da una persona all'altra all'interno di una famiglia. Il settanta per cento delle volte, anche durante la pandemia dell'"influenza di Hong Kong" del 1968, solo una persona in una famiglia avrebbe preso l'influenza. 

Se una seconda persona aveva l'influenza, entrambi la prendevano spesso nello stesso giorno, il che significava che non la prendevano l'uno dall'altro. A volte diverse varianti minori del virus circolavano nello stesso villaggio, anche nella stessa famiglia, e in un'occasione due giovani fratelli che condividevano il letto avevano diverse varianti del virus, dimostrando che non potevano averlo preso l'uno dall'altro, o anche dalla stessa terza persona.³¹ (HOPE-SIMPSON, R. E. (1979). Meccanismi epidemici dell'influenza di tipo A. Journal of Hygiene v. 83, p. 18). Il segreto imbarazzante tra i virologi è che dal 1933 ad oggi, non ci sono stati studi sperimentali che dimostrino che l'influenza - né il virus né la malattia - si trasmette da persona a persona per contatto normale. Come vedremo in una prossima puntata, tutti gli sforzi per trasmettere la malattia da una persona all'altra - anche durante una pandemia - non hanno avuto successo.


Ulteriori prove dei fattori ambientali dietro le pandemie di influenza

Come abbiamo passato in precedenza, la seconda rivoluzione industriale ebbe luogo alla fine del XIX secolo con l'invenzione delle rotaie, delle linee telefoniche e di molte altre invenzioni tecnologiche elettroniche. All'inizio del 1888, solo tredici ferrovie elettriche avevano operato negli Stati Uniti su un totale di 48 miglia di binari, e un numero simile in tutta Europa. La crescita di questa industria fu così spettacolare che alla fine del 1889, circa mille miglia di binari erano stati elettrificati nei soli Stati Uniti.

In un altro anno quel numero si triplicò ancora.³²(Firstenberg, 83). Il 1889 è l'anno in cui le perturbazioni elettriche prodotte dall'uomo nell'atmosfera terrestre hanno assunto un carattere globale, piuttosto che locale. In quell'anno fu incorporata la Edison General Electric Company e la Westinghouse Electric Company fu riorganizzata come Westinghouse Electric and Manufacturing Company. 

In quell'anno Westinghouse acquisì i brevetti sulla corrente alternata di Tesla e li mise in uso nelle sue centrali elettriche, che crebbero fino a 150 nel 1889, e a 301 nel 1890. Nel Regno Unito, l'emendamento dell'Electric Lighting Act nel 1888 allentò i regolamenti sull'industria dell'energia elettrica e rese per la prima volta commercialmente fattibile lo sviluppo di centrali elettriche. E nel 1889, la Society of Telegraph Engineers and Electricians cambiò il suo nome nell'ormai più appropriato Institution of Electrical Engineers. 

Nel 1889, sessantuno produttori in dieci paesi stavano fabbricando lampade ad incandescenza, e aziende americane ed europee stavano installando impianti in America centrale e meridionale. In quell'anno Scientific American riportava che "per quanto ne sappiamo, ogni città degli Stati Uniti è dotata di illuminazione ad arco e ad incandescenza, e l'introduzione dell'illuminazione elettrica si sta rapidamente estendendo alle città più piccole"³³(Firstenberg, 84).

Nel 1889, era come se le porte dell'inferno si fossero aperte. I medici degli Stati Uniti, dell'Europa, dell'Asia, dell'Africa e dell'Australia furono sommersi da una marea di pazienti gravemente malati, affetti da una strana malattia che sembrava essere arrivata come un fulmine dal nulla, una malattia che molti di questi medici non avevano mai visto prima. Quella malattia era l'influenza, e quella pandemia durò quattro anni continui e uccise almeno un milione di persone.

A partire dalla fine del XIX secolo, si notò che i sintomi dell'influenza erano un fenomeno annuale che si verificava in determinati periodi dell'anno. Scompariva misteriosamente come prima, ma si poteva contare sul suo ritorno, più o meno nello stesso periodo, l'anno successivo. E da allora non è mai più stata assente. Come il "disturbo d'ansia", l'influenza è così comune e così apparentemente familiare che un esame approfondito della sua storia è necessario per smascherare questo sconosciuto e trasmettere l'enormità del disastro della salute pubblica avvenuto centotrenta anni fa. 

Non è che non sappiamo abbastanza sul virus dell'influenza. Ne sappiamo più che abbastanza. Il microscopico virus associato a questa malattia è stato studiato in modo così esaustivo che gli scienziati sanno di più sul suo minuscolo ciclo vitale che su qualsiasi altro singolo microrganismo. Ma questo è stato un motivo per ignorare molti fatti insoliti su questa malattia, incluso il fatto che non è contagiosa. Come discusso nei miei articoli precedenti, il virus dell'influenza è anche membro della famiglia dei coronavirus e, come tale, non è mai stato isolato e dimostrato per causare malattie.

Nel 2001, l'astronomo canadese Ken Tapping, insieme a due medici della British Columbia, sono stati gli ultimi scienziati a confermare, ancora una volta, che per almeno gli ultimi tre secoli le pandemie di influenza si sono verificate con maggiore probabilità durante i picchi di attività magnetica solare - cioè, al culmine di ogni ciclo solare di undici anni. Secondo un articolo pubblicato da Zaporozhan et al. sull'International Journal of Environmental Research and Public Health:
" Una lunga serie di studi stabilisce una connessione dalle macchie solari attraverso i campi geomagnetici della Terra (che covaria in forza con le macchie solari), attraverso la proteina criptocromo... Tutti insieme, i dati accumulati sostengono l'idea dei cicli di attività solare come pacemaker di numerosi fenomeni biologici tra cui epidemie di alcune malattie infettive e cambiamenti dinamici nei parametri immunologici degli esseri viventi."

Il medico danese Johannes Mygee pubblicò una monografia in cui mostrava che le pandemie di influenza tendevano a verificarsi durante gli anni di massima attività solare, e inoltre che il numero annuale di casi di influenza in Danimarca saliva e scendeva con il numero di macchie solari³⁴ (Mygee, Johannes Etude sur l'eclosion epidemique de l'influenza, Acta Medica Scandinavica, p.10). Un altro fattore ambientale importante dietro la stagionalità delle epidemie o pandemie è la mancanza di vitamina D durante l'inverno. Edgar-Hope ha osservato che uno "stimolo stagionale" è associato alla radiazione solare. Secondo Cannel et. al,

"Le radiazioni solari innescano una robusta produzione stagionale di vitamina D nella pelle; la carenza di vitamina D è comune in inverno, e la vitamina D attivata, 1,25(OH)2D, un ormone steroideo, ha profondi effetti sull'immunità umana. La 1,25(OH)2D agisce come un modulatore del sistema immunitario, impedendo l'espressione eccessiva di citochine infiammatorie e aumentando il potenziale di 'scoppio ossidativo' dei macrofagi".

Juzaniene et .al dell'International Journal of Infectious Diseases sono giunti a una conclusione molto simile per quanto riguarda la stagionalità delle epidemie influenzali.

"Le influenze non pandemiche si verificano principalmente nella stagione invernale nelle regioni temperate. I calcoli sugli UVB mostrano che alle alte latitudini la produzione di vitamina D nella pelle durante l'inverno è molto scarsa, se non nulla. Anche a 26°N (Okinawa) c'è circa quattro volte più UVB durante l'estate che durante l'inverno. Nelle regioni tropicali ci sono due picchi minori nella fotosintesi della vitamina D, e praticamente nessuna stagionalità dell'influenza. Le pandemie possono iniziare con un'ondata in una stagione arbitraria, mentre le ondate secondarie si verificano spesso l'inverno successivo. Così, sembra che un basso stato di vitamina D possa giocare un ruolo significativo nella maggior parte delle influenze".


Conclusione

Come abbiamo visto nel mio articolo sulla teoria dei germi, molti diversi tipi di virus (compresi i coronavirus) e batteri fanno già parte del nostro microbioma complessivo. È quindi una conclusione logica che quando appare un batterio, non è perché qualcuno lo ha "catturato" - piuttosto, è perché le cellule del nostro corpo usano i batteri per pulire la nostra tossicità che abbiamo inalato o ingerito. Possiamo osservare questo fenomeno nella natura pleomorfa dei batteri e come cambiano forma secondo il loro ambiente. La presenza di un microbo non significa che sia la causa della malattia, piuttosto è un sintomo della malattia.

La seguente citazione da "Virus Mania" riassume perfettamente il mio modo di vedere la malattia: 

Se chiediamo ai batteriologi cosa viene prima: il terreno o i batteri, la risposta è sempre che è l'ambiente (il terreno) che permette ai microbi di prosperare. I germi, quindi, non producono direttamente la malattia. Quindi, è evidente che la crisi prodotta dal corpo fa sì che i batteri si moltiplichino creando le condizioni adatte affinché batteri effettivamente innocui si trasformino in microrganismi velenosi che producono pus.

Engelbrecht, Torsten, Claus Kohnlein M.D e Samantha Bailey M.D. Virus Mania" How The Medical Industry Invents Epidemics, Making Billion-Dollar Profits At Our Expense", Truffard Publishing. p.52


Secondo il medico generale svedese Johan Loibner:

"Sotto stretta osservazione della progressione della malattia, in particolare nei processi infettivi, il danno all'organismo si verifica all'inizio della malattia - e solo dopo inizia l'attività batterica. Ognuno può osservare in se stesso [enfasi mia]. Se mettiamo dello sporco in una ferita fresca, appaiono anche altri batteri. Dopo la penetrazione di un corpo estraneo, appaiono germi molto specifici che, dopo la rimozione o il rilascio, vanno via da soli e non continuano a popolarci. Se danneggiamo la nostra mucosa respiratoria attraverso l'ipertermia [come uscire senza giacca a -30 C], allora appaiono di conseguenza quei batteri che, a seconda dell'acutezza e della durata dell'ipertermia, e delle condizioni dell'individuo colpito, possono rompere le cellule colpite e portare all'espulsione, al catarro."³⁵ (Virus Mania, p. 53)

Questo spiega perché l'establishment medico tradizionale si rifiuta semplicemente di "capire" che così tanti di questi microrganismi ritenuti pericolosi e patogeni possono coesistere con il nostro corpo (che includono "quelli altamente pericolosi e contagiosi" come lo streptococco) senza portare alcun danno riconosciuto.³⁶(Dubos, Rene. Il miraggio della salute: Utopie, progresso e cambiamento biologico, Harper&Brothers 1959, p.90). 

Questi batteri possono diventare dannosi solo quando hanno abbastanza del giusto tipo di cibo che può essere tossine, prodotti finali del metabolismo, cibo mal digerito e molto altro. Anche i chirurghi fanno uso di questo principio quando usano i vermi per pulire le ferite che sono particolarmente difficili da igienizzare. I vermi mangiano solo il materiale morto o rotto e non toccano la carne viva e sana. Nessun chirurgo può pulire tali ferite così a fondo come i vermi e quando il loro banchetto è finito, non continuano a mangiare il tessuto sano perché non è adatto a loro.


Quindi, in conclusione, il microbo non è niente e il terreno è tutto


Note

  1. Cowan, Thomas M.D. The Contagion Myth: Perché i virus (incluso il "Coronavirus") non sono la causa della malattia. Skyhorse Publishing 2020, 88p.
  2. ibid
  3. Susan Scott & Christopher Duncan, Il ritorno della morte nera: The World's Greatest Serial Killer (Wiley, 2004) p.190
  4. ibid, p.179
  5. Cowan, Il mito del contagio, p.91
  6. Scott & Duncan, Return of the Black Death, p.190-91
  7. Baille, Mike. Nuova Luce sulla Morte Nera: The Cosmic Connection. ( The History Press, 2006) p.12
  8. Ibidem, 94
  9. ibid, 94-95
  10. ibid, p.177-78
  11. ibid, p.37
  12. Arthur Firstenberg. L'arcobaleno invisibile: A History of Electricity and Life (Chelsea Green Publishing, 2020), p.84
  13. Ibidem, 84

Ho incluso le fonti accanto ad ogni nota a piè di pagina, quindi non c'è bisogno di elencarle qui. Vorrei anche ringraziare il ricercatore Jim West per le informazioni sul morbillo e il grafico che ha prodotto. Invito tutti ad andare a leggere il suo blog, in particolare la sua ricerca sull'epidemia di morbillo a: harvoa-med.blogspot.com/2019/04/measlesbrklyn


Altro da Lordchewy https://lordchewy.medium.com

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia