Studio rivela: i vaccini mRNA COVID-19 possono far degenerare progressivamente il cervello, malattia da prioni

Studio rivela: i vaccini mRNA COVID-19 possono far degenerare progressivamente il cervello, malattia da prioni


Di greatgameindia.com 


Uno studio scioccante ha rivelato i terrificanti pericoli dei vaccini mRNA COVID-19 che inducono malattie basate sui prioni e fanno degenerare progressivamente il cervello. I prioni indotti dal vaccino mRNA possono causare malattie neurodegenerative perché le memorie a lungo termine sono mantenute da proteine simili ai prioni. Lo studio ha concluso che il vaccino a base di mRNA può anche causare la SLA, la degenerazione lobare temporale anteriore, il morbo di Alzheimer e altre malattie degenerative neurologiche nei destinatari del vaccino.

Studi di riferimento:

SARS-CoV-2 domini simili al prione nelle proteine Spike consentono una maggiore affinità con ACE2: (link 1) (link 2)

Vaccini a base di RNA COVID-19 e rischio di malattia da prioni: (pdf originale) (pdf tradotto in italiano)


Interazione tra i prioni della SARS-COV-2 e i recettori dell'ACE2

L'involucro esterno della proteina spike del coronavirus contiene "regioni simili ai prioni" che danno al virus un'adesione molto alta ai recettori ACE2 nel corpo umano.

Questo è stato documentato da uno studio intitolato "SARS-CoV-2 Prion-Like Domains in Spike Proteins Enable Higher Affinity to ACE2", pubblicato dallo Human Microbiology Institute:


Interactions between amino acids of PrDs and non-prion-like regions of SARS-
CoV-2 RBD and ACE2.

Interazioni tra gli aminoacidi di PrD e le regioni non simili al prione di SARS-
CoV-2 RBD e ACE2.
La presenza e la distribuzione unica di domini simili ai prioni nei domini di legame al recettore della proteina spike della SARS-CoV-2 è particolarmente interessante, poiché sebbene le proteine SARS-CoV-2 e SARS-CoV S condividano lo stesso recettore della cellula ospite, l'enzima di conversione dell'angiotensina 2 (ACE2), la SARS-CoV-2 dimostra un'affinità da 10 a 20 volte maggiore per ACE2.

Il salto tra le specie

Questa relazione speciale tra la proteina S e il recettore ACE2 è la chiave dell'infezione interspecie che ha reso possibile al coronovirus di fare un salto dagli animali all'uomo.

La relazione speciale tra la proteina S e il recettore ACE2 è la chiave dell'infezione interspecifica che ha reso possibile al coronovirus di fare un salto dagli animali all'uomo.
Un fatto notevole è che il Coronavirus portato dai pipistrelli non può infettare direttamente il corpo umano, tanto meno un virus che può possedere la trasmissione da uomo a uomo. 

Questo salto tra le specie non era naturale ed è stato raggiunto dal team guidato dalla Batwoman della Cina, Shi Zhengli. Puoi leggere di più in dettaglio in COVID19 Files - Scientific Investigation On Mysterious Origin Of Coronavirus.

Questo è ciò che Batwoman della Cina ha detto quando GreatGameIndia ha esposto la ricerca fatta nell'Istituto di virologia di Wuhan.

"Il romanzo 2019coronavirus è la naturapunire la razza umanaper mantenere incivileabitudini di vita. Io, ShiZhengli, giuro sulla mia vitache non ha nulla a che farecon il nostro laboratorio. IOconsigliare coloro che credonoe diffondere voci dafonti mediatiche dannose ,così come quelli checredi all'inaffidabile così-chiamato analisi accademicadi studiosi indiani, da chiuderele loro bocche puzzolenti." - Batwoman Shi Zhengliriferendosi a GreatGameIndia


E' stato finanziato nell'ambito di esperimenti "gain-of-function" attraverso Peter Daszak, il presidente di EcoHealth Alliance dal governo degli Stati Uniti.

L'insabbiamento
La parte interessante è che Peter Daszak è lo stesso che ha orchestrato la pubblicazione di un articolo "scientifico" su Lancet, sostenendo che il virus ha fatto il salto tra le specie in modo naturale.

Come può lo stesso tizio che ha finanziato gli esperimenti per fare il salto tra le specie del virus, sostenere che si è evoluto naturalmente?

Se pensate che questo sia oltraggioso, beh, aspettate e vedrete.



Peter Daszak è anche lo stesso tizio che l'OMS ha mandato in Cina per indagare sulle affermazioni se il virus si è evoluto naturalmente o è stato ingegnerizzato dal coronavirus.

Un'altra persona legata al team è il virologo olandese Ron Fouchier, un'altra chiave per l'indagine sui coronavirus che ha anche creato il mortale virus mutante H5N1.


Incoraggiamo i nostri lettori a scoprire di più sulle straordinarie personalità del team investigativo dell'OMS.

Vaccini mRNA COVID-19 e malattie basate sui prioni

Cosa sono i prioni

Grazie agli esperimenti di questi eminenti scienziati, il virus contiene domini simili ai prioni nella sua regione recettoriale della proteina spike.



I prioni sono proteine mal ripiegate con la capacità di trasmettere la loro forma mal ripiegata su varianti normali della stessa proteina. Essi caratterizzano diverse malattie neurodegenerative fatali e trasmissibili negli esseri umani e in molti altri animali.

Come funzionano i vaccini mRNA

L'RNA messaggero (mRNA) è una molecola a singolo filamento naturalmente presente in tutte le nostre cellule. Trasporta le istruzioni per produrre proteine dai nostri geni, situati nel nucleo della cellula, al citoplasma, il corpo principale delle nostre cellule.

Gli enzimi nel citoplasma traducono le informazioni contenute nell'mRNA e producono le proteine.

Un vaccino mRNA fornisce alle nostre cellule le istruzioni per produrre una proteina batterica o virale. Il nostro sistema immunitario risponde poi a queste proteine e sviluppa gli strumenti per reagire a future infezioni con l'agente patogeno.

Il vaccino mRNA induce malattie basate sui prioni

La ricerca ha dimostrato che le alterazioni dell'editing dell'RNA causano le malattie da prioni - disturbi neurodegenerativi fatali caratterizzati da demenza rapidamente progressiva.




La ricerca ha dimostrato che le alterazioni dell'editing dell'RNA causano malattie da prioni - disordini neurodegenerativi fatali caratterizzati da demenza rapidamente progressiva.
Ora, quando il vaccino mRNA innesca la risposta immunitaria, il corpo stesso può iniziare a creare prioni indotti dal vaccino imitando la sua presenza nella proteina spike causando malattie da prioni nei destinatari del vaccino.

Il rischio di questo è stato valutato dal Dr. J. Bart Classen, autore di un articolo (leggi sotto) in Microbiology & Infectious Diseases intitolato "Covid-19 RNA Based Vaccines and the Risk of Prion Disease".

Lo sviluppo di nuove tecnologie vaccinali è stato afflitto da problemi in passato. Gli attuali vaccini a base di RNA per la SARS-CoV-2 a base di RNA sono stati approvati negli Stati Uniti con un ordine di emergenza senza test di sicurezza a lungo termine.

Gli autori hanno valutato il vaccino per il potenziale di indurre una malattia basata sui prioni nei destinatari del vaccino.



Gli intricati meccanismi della neurodegenerazione nelle malattie da prioni

La sequenza dell'RNA del vaccino così come l'interazione della proteina spike target sono state analizzate per il potenziale di convertire le proteine intracellulari leganti l'RNA TAR DNA binding protein (TDP-43) e Fused in Sarcoma (FUS) nelle loro conformazioni prioniche patologiche.

I risultati indicano che l'RNA del vaccino ha sequenze specifiche che possono indurre TDP-43 e FUS a ripiegarsi nelle loro conferme prioniche patologiche.

Il ripiegamento di TDP-43 e FUS nelle loro conferme prioniche patologiche è noto per causare la SLA, la degenerazione lobare temporale anteriore, il morbo di Alzheimer e altre malattie degenerative neurologiche.

I risultati dello studio e gli ulteriori rischi potenziali portano l'autore a credere che l'approvazione normativa dei vaccini a base di RNA per la SARS-CoV-2 sia prematura e che il vaccino possa causare più danni che benefici.

I prioni mantengono la memoria a lungo termine

I prioni indotti dal vaccino possono causare malattie neurodegenerative perché le memorie a lungo termine sono mantenute da proteine simili ai prioni. Le molecole della memoria sono una versione normale delle proteine prioniche.

In quattro articoli pubblicati su Neuron e Cell Reports, il laboratorio del Dr. Kandel ha mostrato come le proteine prioniche - simili ai prioni che sono alla base del morbo della mucca pazza nei bovini e del morbo di Creutzfeld-Jakob negli esseri umani - sono fondamentali per mantenere le memorie a lungo termine nei topi, e probabilmente in altri mammiferi.

Quando i ricordi a lungo termine vengono creati nel cervello, vengono create nuove connessioni tra i neuroni per immagazzinare la memoria. Ma queste connessioni fisiche devono essere mantenute perché un ricordo persista, altrimenti si disintegrano e il ricordo scompare in pochi giorni.


I ricordi sono immagazzinati a lungo termine con l'aiuto di proteine simili ai prioni chiamate CPEB. I prioni CPEB si aggregano e mantengono le sinapsi che hanno registrato la memoria.

Quando i prioni CPEB non sono presenti o sono inattivati, le sinapsi collassano e la memoria svanisce.
- David Sulzer, PhD, Columbia University Medical Center


Prioni e malattia di Creutzfeldt-Jakob

I prioni sono anche noti per causare un disturbo neurodegenerativo chiamato malattia di Creutzfeldt-Jakob (CJD).


Secondo il CDC:

La malattia di Creutzfeldt-Jakob (CJD) è un disordine neurodegenerativo rapidamente progressivo e invariabilmente fatale che si crede sia causato da un'isoforma anormale di una glicoproteina cellulare nota come proteina prionica. 


Secondo il CDC, questa malattia è rapidamente progressiva e sempre fatale. L'infezione con questa malattia porta alla morte di solito entro 1 anno dall'inizio della malattia. 

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia