Amnesty condanna l'autoritarismo sanitario russo e cinese, ma in Italia?

 

Amnesty condanno l'autoritarismo sanitario russo e cinese, ma in Italia?

Perché ad Amnesty International non interessa che io sia una vittima di politiche pandemiche oppressive se non sono in Russia o in Cina?

Di Rachel Marsden


Finalmente è arrivata la cavalleria... o no? Amnesty ha parlato a sostegno della libertà in mezzo all'autoritarismo sanitario - ma sono Mosca e Pechino sulla linea di tiro, e non c'è nessun riconoscimento di quello che sta succedendo in Occidente.

Immaginate la mia gioia e il mio sollievo quando ho saputo che Amnesty International, un riferimento globale per la difesa dei diritti umani, aveva finalmente pubblicato un rapporto sul calpestamento delle libertà pandemiche dopo 19 mesi di oppressione, tra cui serrate, coprifuoco, tracciamento dell'identità e violazioni quotidiane del diritto di movimento, lavoro e riunione - tutto sotto il discutibile pretesto del protezionismo sanitario.


Finalmente, ho pensato, questa potente ONG stava cavalcando in soccorso del sottoproletariato occidentale, che non è stato colpito: alcuni di loro erano in prima linea in questo fiasco all'inizio, mentre la classe dello Zoom se ne stava a casa. Il cui lavoro era allora considerato "essenziale" per informare, curare, nutrire o trasportare. Che si sono presi il Covid all'epoca, e che ora si sono ripresi con un'immunità naturale che i governi si rifiutano di riconoscere oltre i sei mesi ridicoli - volando in faccia a tutto ciò che l'establishment medico ha saputo sulla persistenza dell'immunità naturale. O che forse non l'hanno presa affatto. Ma che ora sono considerati paria della società per aver fatto una scelta personale, in consultazione con i loro medici, di rinunciare al jab - e sono esclusi dall'accesso a gran parte della società civile attraverso un nuovo sistema di codici QR imposti dal governo legati alle nostre identità che possono essere convalidati o rinnovati solo attraverso la vaccinazione o (nel caso di alcuni paesi) ripetuti test del naso.  


O per lo meno, pensavo che ci sarebbe stato un appassionato inveire contro l'idea stessa di segregare la società attraverso il dispiegamento di strumenti d'identità imposti dal governo, o costringere tutti - i vaccinati, i non vaccinati e i futuri vaccinati non vaccinati - a portare con sé queste informazioni precedentemente private e potenzialmente sfruttabili solo per accedere alle banali attività quotidiane.


Tranne che il nuovo rapporto di Amnesty, "Silenziati e disinformati: Libertà di espressione in pericolo durante la Covid-19", non affronta nessuna di queste repressioni esistenziali che i cittadini delle cosiddette democrazie occidentali stanno vivendo quotidianamente. Invece, "rivela come la dipendenza dei governi e delle autorità dalla censura e dalla punizione durante la crisi ha ridotto la qualità delle informazioni che raggiungono le persone", secondo la sinossi di Amnesty.  


Ummm, quindi forse le mie aspettative erano troppo alte? Se Amnesty stava per chiamare fuori la manipolazione e la soppressione non-stop di dati e informazioni da parte dei nostri governi "democratici" - tutto, dal sottovalutare il valore reale dell'immunità naturalmente acquisita dal Covid al vero valore dell'uso di meccanismi di controllo dell'identità e dei movimenti per costringere le persone a farsi iniettare un trattamento che ora è dimostrato che si consuma, con la scusa di proteggere la gente da un virus che uccide relativamente poche persone in tutto lo spettro demografico, controllando luoghi quotidiani selezionati che non sono noti per un rischio particolarmente alto di contaminazione - allora questo sarebbe almeno un contributo (per quanto scarso) alla nostra lotta per la libertà di espressione, giusto? 


O almeno se Amnesty affrontasse la censura da parte di società di social media come Facebook, Twitter e LinkedIn - che non permettono nemmeno il libero dibattito su Covid sulle loro piattaforme - sarebbe almeno... qualcosa. La mia ultima rubrica per RT, per esempio, non si è nemmeno srotolata quando ho provato a pubblicarla su LinkedIn, presumibilmente perché le parole chiave "Covid" e "Gestapo" apparivano nell'URL di un pezzo su come ho lasciato la mia squadra di nuoto a causa delle molestie sullo stato di jab. LOL-dot-com. 


Ma seriamente, Amnesty apparentemente non sembra preoccuparsi molto della violazione della mia libertà di espressione da parte della Big Tech occidentale. Invece, in questo periodo di calpestamento senza precedenti delle libertà fondamentali e di intrusione negli aspetti medici intimi della vita privata delle persone, Amnesty vorrebbe che il mondo sapesse: "Il governo cinese ha una lunga storia di controllo della libertà di espressione". L'ONG continua a spiegare come coloro che parlano contro la narrazione convenzionale del governo cinese sono puniti e accusati di "fabbricare e diffondere deliberatamente informazioni false e dannose".


Oh cavolo, perché suona così familiare? Eppure non sono mai stato in Cina. 


Amnesty lancia anche un avvertimento su "numerosi altri paesi" che "hanno messo in atto leggi oppressive, limitando il diritto alla libertà di espressione e mettendo a tacere i critici con la scusa o nel contesto della pandemia, tra cui Tanzania, Russia e Nicaragua".


 Ragazzi, credo che abbiate sbagliato a scrivere "Francia", "Canada" e "America". 


"Nell'aprile 2020, la Russia ha ampliato la sua legislazione anti 'fake news' esistente e ha introdotto sanzioni penali per la 'diffusione pubblica di informazioni consapevolmente false' nel contesto delle emergenze", spiega Amnesty. Oh amico, possiamo avere un po' di quella legislazione anti-fake news da usare contro le nostre macchine di propaganda del governo occidentale, per favore? 


"I governi devono urgentemente eliminare tali restrizioni e garantire il libero flusso di informazioni per proteggere il diritto alla salute del pubblico", chiede il direttore senior di Amnesty per la ricerca, la difesa e la politica, Rajat Khosla. Sembra una buona idea. E un'idea ancora migliore sarebbe stata che l'organizzazione che si vanta di lottare per la liberazione dei prigionieri politici di coscienza in tutto il mondo si prendesse una pausa dalle sue prevedibili prese in giro di Russia e Cina e avesse il coraggio di tirar fuori i suoi grandi, oscillanti principi dalla borsa di chi o cosa permette il suo sostentamento per difendere quelli di noi che vivono l'oppressione ogni giorno qui nel mondo occidentale in mezzo a questa psicosi sanitaria senza fine. 


Di Rachel Marsden, editorialista, stratega politico e conduttrice di un programma indipendente in lingua francese che va in onda su Sputnik France. Il suo sito web può essere trovato qui rachelmarsden.com www.rt.com


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia