Far scomparire il cancro alla prostata con buccia di mela, uva rossa e curcuma

 

Far scomparire il cancro alla prostata con buccia di mela, uva rossa e curcuma

Quando cenate con curry e mele al forno, godetevi il fatto che state mangiando qualcosa che potrebbe avere un ruolo nell'"affamare" - o addirittura prevenire - il cancro. Una nuova ricerca identifica diversi composti naturali che si trovano nel cibo, tra cui curcuma, bucce di mela e uva rossa, come ingredienti chiave che potrebbero contrastare la crescita del cancro alla prostata.



Una nuova ricerca dell'Università del Texas a Austin identifica diversi composti naturali che si trovano nel cibo, tra cui la curcuma, le bucce di mela e l'uva rossa, come ingredienti chiave che potrebbero contrastare la crescita del cancro alla prostata, il cancro più comune che affligge gli uomini degli Stati Uniti.


Pubblicato online questa settimana in Precision Oncology, il nuovo documento utilizza un nuovo approccio analitico per lo screening di numerose sostanze chimiche di origine vegetale invece di testare un singolo agente come fanno molti studi, scoprendo combinazioni specifiche che riducono i tumori della prostata.


"Dopo lo screening di una libreria di composti naturali, abbiamo sviluppato uno sguardo imparziale sulle combinazioni di nutrienti che hanno un effetto migliore sul cancro alla prostata rispetto ai farmaci esistenti", dice l'autore corrispondente Stefano Tiziani, assistente professore nel Dipartimento di Scienze Nutrizionali e Dell Pediatric Research Institute alla UT Austin. "La bellezza di questo studio è che siamo stati in grado di inibire la crescita del tumore nei topi senza tossicità".


Durante l'ultimo decennio, alcune ricerche sul cancro hanno evidenziato le potenziali terapie trovate nelle piante, comprese le sostanze chimiche presenti in alimenti come la curcuma, le bucce di mela e il tè verde. Questi composti minimizzano uno dei fattori di rischio per il cancro, l'infiammazione all'interno del corpo.


Le persone che hanno un'infiammazione cronica a causa di un'infezione cronica, una malattia autoimmune o condizioni come l'obesità hanno un rischio maggiore di cancro a causa dei danni alle cellule normali.


I ricercatori hanno prima testato 142 composti naturali su linee cellulari di topi e umani per vedere quali inibivano la crescita delle cellule del cancro alla prostata quando somministrati da soli o in combinazione con un altro nutriente.


I principi attivi più promettenti sono stati poi testati su animali modello: l'acido ursolico, una sostanza chimica naturale cerosa che si trova nelle bucce di mela e nel rosmarino; la curcumina, il composto vegetale giallo brillante della curcuma; e il resveratrolo, un composto naturale comune all'uva rossa o alle bacche.


"Questi nutrienti hanno potenziali proprietà anti-cancro e sono facilmente disponibili", dice Tiziani. "Abbiamo solo bisogno di aumentare la concentrazione oltre i livelli che si trovano in una dieta sana per un effetto sulle cellule del cancro alla prostata".


Il nuovo documento di ricerca dimostra anche come le sostanze chimiche di origine vegetale lavorano insieme. Combinando l'acido ursolico con la curcumina o il resveratrolo si impedisce alle cellule tumorali di ingoiare qualcosa di cui hanno bisogno per crescere, la glutammina. Questa è una soluzione pulita: bloccare l'assorbimento di un nutriente necessario per le cellule del cancro alla prostata con nutrienti che sono comunemente nella dieta umana.


Fonte della storia:

Materiali forniti dalla University of Texas at Austin. Nota: Il contenuto può essere modificato per stile e lunghezza.


Riferimento della rivista:

Alessia Lodi, Achinto Saha, Xiyuan Lu, Bo Wang, Enrique Sentandreu, Meghan Collins, Mikhail G. Kolonin, John DiGiovanni, Stefano Tiziani. Il trattamento combinatorio con composti naturali nel cancro alla prostata inibisce la crescita del tumore alla prostata e porta a modulazioni chiave del metabolismo delle cellule tumorali. npj Precision Oncology, 2017; 1 (1) DOI: 10.1038/s41698-017-0024-z


Vedi di più qui: sciencedaily.com


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia