Cosa significa per l'UE la posizione della Francia sulla Cina

 

Cosa significa per l'UE la posizione della Francia sulla Cina

Di Bradley Blankenship


Mentre la Francia sigla accordi bilaterali con la Cina e la presidenza dell'UE si sposta a Parigi, le prospettive dell'Europa possono rimanere principalmente concentrate a ovest attraverso l'Atlantico, ma i suoi sguardi a est stanno diventando sempre più lunghi.

La settimana scorsa, gli Stati Uniti hanno annunciato un "boicottaggio diplomatico" dei Giochi invernali di Pechino del 2022, a causa delle presunte violazioni dei diritti umani da parte del governo cinese, e una manciata di paesi occidentali anglofoni hanno seguito l'esempio. 


In particolare, il più antico alleato dell'America non si è unito al boicottaggio "insignificante", come ha detto il presidente francese Emmanuel Macron. Questo non perché la Francia sia contraria a una tale mossa in linea di principio - e l'UE sta apparentemente elaborando un approccio collettivo in questo momento - ma a causa del modo in cui gli Stati Uniti la stavano orchestrando. 


Inoltre, la Francia ha annunciato una data insieme alla Cina per l'ottavo dialogo economico e finanziario di alto livello Cina-Francia. Questo dialogo si è concluso con la firma, da entrambe le parti, di un accordo sulla conservazione delle esportazioni francesi di carne suina in caso di peste suina africana (ASF), che era uno dei principali punti fermi per la parte francese nel piano d'azione di novembre 2019 per le relazioni franco-cinesi


Anche se questo potrebbe sembrare banale a prima vista, non lo è. Questo perché, solo nel 2019, si stima che il 40% della popolazione suina cinese sia stata uccisa a causa del virus, causando un danno economico che è stato stimato in circa lo 0,78% del PIL della Cina. Altri paesi, come dove sono io, nella Repubblica Ceca, hanno visto un'impennata dell'inflazione, dovuta in parte all'aumento del costo del maiale nel mercato globale. 


Inoltre, quando la Cina e altre nazioni asiatiche sono state finalmente in grado di domare i loro focolai di ASF, la Cina ha dovuto vietare le importazioni da paesi che soffrivano del loro, come la Germania. Questo ha avuto un effetto a catena sui produttori agricoli di quei paesi. 


Questo accordo bilaterale tra Francia e Cina equivale essenzialmente a un accordo di filiera che vedrà una più stretta integrazione e comunicazione tra le due parti. Chiaramente, mira ad aiutare i produttori francesi a evitare inutili barriere commerciali e a ridurre le pressioni inflazionistiche che stanno già diventando intollerabili per gran parte del mondo. Potrebbe essere facilmente replicato anche per altri paesi dell'UE. 


Il comunicato sull'accordo stesso chiarisce che questo è solo un esempio dei tanti su cui Francia, Cina e l'UE nel suo insieme potrebbero lavorare insieme. 


Come ha detto il ministro francese dell'economia, delle finanze e della ripresa Bruno Le Maire, "Questo accordo è il primo del suo genere firmato dalla Cina a beneficio di un paese dell'Unione europea. In questo senso, è esemplare e precursore di altri accordi che verranno con altri settori e altri paesi".


Secondo il Global Times, ce ne sono già alcuni in cantiere. Il Ministero delle Finanze cinese ha detto, dopo il dialogo, che accoglierebbe con favore le istituzioni finanziarie francesi che stabiliscono società di titoli interamente possedute in Cina. Le due parti hanno anche discusso una serie di altre questioni, tra cui una partnership nucleare civile bilaterale, la promozione del rilascio di certificazioni per i veicoli dell'aviazione francese, e progetti ambientali comuni. 


Una recente telefonata tra il presidente cinese Xi Jinping e Macron, in cui Macron ha detto di sperare che l'accordo globale sugli investimenti UE-Cina (CAI) entri presto in vigore, rende ancora più chiaro che la Francia non è disposta a darsi la zappa sui piedi per il bene di Washington. 


Il Parlamento europeo ha poco potere se non quello di ratificare trattati come il CAI, la cui stesura è stata un duro colpo per l'amministrazione di Joe Biden. Ma al momento ne blocca la ratifica. Se la Francia riuscisse in qualche modo a farlo passare facendolo diventare una priorità importante nel 2022, sarebbe un grande colpo per Washington e un enorme passo nella direzione dell'autonomia strategica dell'UE. 


Al di fuori del regno del commercio, anche se certamente ancora collegato, la Francia ha anche dimostrato la sua capacità di muoversi autonomamente sulla difesa. Dopo che l'accordo sui sottomarini nucleari AUKUS è stato stipulato tra Australia, Regno Unito e Stati Uniti, ribaltando un contratto francese multimiliardario per fornire sottomarini all'Australia, una Parigi indignata ha usato la sua influenza per ottenere una massiccia concessione da Washington: una struttura di difesa comune europea che dovrebbe "integrare" la NATO. 


Mentre i dettagli non sono ancora stati elaborati e tutti coloro che sono coinvolti nella discussione hanno sottolineato che un tale blocco non sostituirebbe la NATO, l'organizzazione stessa affronta una crisi esistenziale prima del suo prossimo grande vertice a Madrid nel mese di giugno. Lì, i leader redigeranno un nuovo documento "concetto strategico" - il primo del suo genere dal 2010 - che determinerà il futuro dell'organizzazione.


Washington ovviamente vuole cambiare marcia dal "terrorismo" al contenimento della rinascita della Cina, perché l'attuale iterazione di questo documento non menziona nemmeno la Cina. Infatti, nessuna delle sessioni ministeriali durante l'ultima grande riunione della NATO, in ottobre, ha avuto la Cina come tema.


Tuttavia, dal punto di vista della Francia, e potremmo dire anche da quello dell'Europa, ha poco senso concentrare la strategia di difesa per contenere qualcosa che è vantaggioso per l'economia cinese. La Cina ha già superato gli Stati Uniti come il più grande partner commerciale dell'UE nel 2020, con un commercio di 586 miliardi di euro (711 miliardi di dollari), rispetto ai 555 miliardi di euro (627 miliardi di dollari) tra gli Stati Uniti e l'UE, secondo i dati pubblicati da Eurostat. 


Se la CAI venisse ratificata o se paesi come la Francia approfondissero autonomamente i loro investimenti bilaterali e gli accordi con la Cina, cosa che sembrano destinati a fare, questa interconnessione sarebbe solo rafforzata. Quindi avrebbe ancora meno senso strategico per l'UE (e quindi la NATO, dato che 21 dei suoi 30 membri sono anche Stati membri dell'UE) seguire Washington nelle sue politiche di contenimento. 


Ora, questo non significa che la Francia o l'UE nel suo complesso stanno per diventare veri e propri alleati cinesi in opposizione agli Stati Uniti. Pochi giorni prima che il dialogo commerciale di alto livello tra Francia e Cina prendesse il via, l'ambasciata francese a Pechino ha condiviso un lungo post su Weibo in cui si criticava la situazione dei diritti umani della Cina e si propinavano molti argomenti fabbricati dagli Stati Uniti. 


Va anche detto che l'opposizione del presidente Macron al "boicottaggio diplomatico" delle Olimpiadi da parte degli Stati Uniti non era perché dubitava delle affermazioni di abuso degli americani, ma piuttosto perché pensava che la strategia fosse controproducente. La Francia non si considera contraria ai valori statunitensi - in effetti, è il luogo di origine di molti degli ideali che gli Stati Uniti presumibilmente hanno a cuore. 


Se l'Unione Europea persegue l'"autonomia strategica", specialmente con la Francia alla guida del Consiglio d'Europa, questo non dovrebbe essere interpretato come una completa inversione a 180 gradi della sua attuale politica estera. Piuttosto, dovrebbe essere visto come uno sforzo per emulare ciò che l'UE credeva che gli stessi Stati Uniti stessero mirando - almeno fino a tempi relativamente recenti.


Bradley Blankenship
Bradley Blankenship

è un giornalista americano con sede a Praga, editorialista e commentatore politico. Ha una rubrica syndicated alla CGTN ed è un reporter freelance per agenzie di stampa internazionali tra cui la Xinhua News Agency. Seguilo su Twitter @BradBlank_

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia