Un nuovo regolamento europeo permetterebbe il sequestro della proprietà privata durante le emergenze pandemiche

 

Una nuova legge UE permetterebbe il sequestro della proprietà privata durante le emergenze pandemiche


L'Unione europea starebbe elaborando una legislazione che permetterebbe a Bruxelles di prendere la proprietà privata in caso di emergenza pandemica.


In un messaggio inedito di Capodanno al suo staff, il commissario per il mercato interno dell'UE, Thierry Breton, ha esposto i suoi piani per la creazione di uno "strumento di emergenza del mercato unico" che includerà una "cassetta degli attrezzi" per garantire la "sicurezza dell'approvvigionamento durante una crisi".


Le misure proposte saranno probabilmente presentate durante la primavera e potrebbero includere controlli sulle esportazioni e nuovi poteri che permettono all'UE di raccogliere dati dalle imprese sul loro processo di produzione, le loro scorte e le catene di approvvigionamento dei loro prodotti, riferisce POLITICO.


Nel suo discorso, Breton ha giustificato la necessità della nuova autorità dicendo che l'Unione Europea "non permetterà agli interessi corporativi di interferire con il maggiore interesse del popolo europeo".


Mentre un sistema in tutto il continente sarebbe una prima volta, un certo numero di stati membri dell'Unione Europea hanno cercato di sequestrare oggetti privati che erano destinati ad altri paesi nel corso della pandemia.


La Francia è stata accusata di mostrare "una mancanza di solidarietà europea" dopo che è stato affermato che ha bloccato la consegna di "centinaia di migliaia" di maschere in Italia e in Spagna per aumentare la fornitura interna.


La Francia ha anche preso di mira il Regno Unito con politiche aggressive di "requisizione", per esempio, la volta che il governo di Macron ha sequestrato tre camionisti britannici che trasportavano maschere, 130.000, e disinfettanti per le mani per i dipendenti sanitari britannici. Le forniture sono state poi autorizzate ad essere spedite in Gran Bretagna, tuttavia, è stato solo quando il governo britannico è intervenuto.


L'euroscettico Sir Iain Duncan Smith, ex leader del partito conservatore, ha parlato della situazione: "Questo mostra tutto quello che c'è da sapere sulla cooperazione europea".


Fonte unredacted.co.uk


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia