Facebook ha censurato un ente di beneficenza cattolico del Regno Unito

 

Facebook ha censurato un ente di beneficenza cattolico del Regno Unito

Facebook ha censurato un'associazione cattolica senza spiegazioni. La censura è arrivata a seguito di un annuncio in cui l'associazione promuoveva una petizione per fermare il rapimento, la conversione forzata e il matrimonio forzato di donne cristiane.


Aid to the Church in Need UK ha lanciato la pubblicità all'inizio di novembre. La campagna è stata ispirata dal nuovo rapporto del gruppo chiamato "Hear Her Cries", che dettaglia l'abuso di donne e ragazze che sono cristiane o membri di altre religioni minoritarie in Nigeria, Pakistan, Iraq, Siria, Egitto e Mozambico.


Il 10 novembre, Facebook ha inviato all'organizzazione un avviso sul numero di annunci che poteva pubblicare.


L'avviso recitava: "Questo perché troppi annunci sono stati nascosti o segnalati per gli account associati a questa attività. Le persone nascondono e segnalano gli annunci perché li trovano offensivi, fuorvianti, sessualmente inappropriati, violenti, su un argomento sensibile o per altri motivi".


Da quando le restrizioni sono state imposte, l'organizzazione ha cercato di ottenere una spiegazione da Facebook senza successo. Il meglio che hanno ricevuto è una e-mail che dice che la piattaforma stava rivedendo la decisione, ha riferito la Catholic News Agency.


"Comprendiamo perfettamente l'urgenza di questa questione e quanto sia importante per voi, ma tali situazioni richiedono un'indagine dettagliata e una soluzione, e considerando le circostanze, non possiamo offrire un limite di tempo", ha detto Facebook all'associazione in una e-mail.


Secondo il capo della stampa e dell'informazione dell'associazione John Pontifex, l'azione di Facebook ha effettivamente ucciso la campagna della petizione. Ha finito per raccogliere solo 3.210 firme, il 25% del previsto.


In una dichiarazione, il direttore nazionale di Aid to the Church in Need UK, Neville Kyrke-Smith, ha condannato le azioni di Facebook.


"Siamo inorriditi dal fatto che la nostra campagna che mira ad aiutare le donne sofferenti sia stata censurata in modo così draconiano", ha detto.


"Sostenendo di aver vietato la nostra pubblicità per aver violato le sue linee guida, ma rifiutando di dire quali linee guida o come, Facebook si è fatto giudice, giuria e boia".


Ha continuato ad accusare Facebook di sostenere gli abusi che la petizione stava cercando di fermare.


"Bloccando questa campagna, stanno mettendo a tacere queste donne due volte", ha detto. "Sono state messe a tacere quando sono state sequestrate dalle loro case e costrette a vivere con i loro rapitori, e ora sono state messe a tacere di nuovo da Facebook".


Fonte: reclaimthenet


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia