L'efficacia del vaccino Covid è diventata negativa?

L'efficacia del vaccino Covid è diventata negativa?

I dati dei paesi altamente vaccinati suggeriscono fortemente che la risposta è sì; le persone vaccinate sono a più alto rischio di infezione da Omicron e non solo.


La Danimarca ha meno di 6 milioni di persone - 1/60 degli Stati Uniti.

Quasi tutti gli adulti sono vaccinati, soprattutto con il vaccino mRNA della Pfizer che è il presunto gold standard mondiale. La metà ha ricevuto una terza dose di richiamo.

Mercoledì la Danimarca ha riportato 28.000 infezioni da Covid - pari a circa 1,7 milioni negli Stati Uniti.

Le cifre sono simili nel Regno Unito e in tutta l'Europa occidentale. Molti paesi sono a livelli di vaccinazione Covid per adulti del 90%, con i richiami in aumento. E sono tutti ora nel bel mezzo di un'epidemia di contagio di Covid, che non ha precedenti.

I vaccini sembrano sicuramente aver fallito.

Ma questo è sbagliato.

La realtà è peggiore.

I dati di diversi paesi ora mostrano chiaramente che i tassi di infezione sono più alti nelle persone vaccinate.

L'Islanda ha un tasso di vaccinazione del 91% (e un tasso di richiamo superiore al 50%) nella sua popolazione sopra i 12 anni. Questo è il suo grafico dei casi pro-capite per stato di vaccinazione. Non assoluto, pro-capite. Il blu scuro è completamente vaccinato, il blu chiaro è non vaccinato, il nero è potenziato.

Guardate cosa è successo alla linea blu scuro dal 21 dicembre, da quando Omicron è diventato dominante.

https://www.covid.is/data

Sappiamo già che la protezione del vaccino contro le varianti precedenti della Sars-Cov-2 cade bruscamente nei mesi successivi alla seconda dose, quando gli anticorpi generati dal vaccino svaniscono.

Ma i nuovi dati fanno un passo avanti, mostrando che le persone precedentemente vaccinate hanno effettivamente più probabilità di contrarre l'Omicron.

Il governo dell'Ontario ha riportato esattamente lo stesso schema. Così come i ricercatori danesi, in un documento di due settimane fa, quando hanno trovato la protezione contro Omicron diventata negativa tre mesi dopo la seconda dose.

https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2021.12.20.21267966v3.full-text


I fanatici del vaccino hanno detto che i richiami sono la risposta contro l'Omicron, che le persone che ricevono una terza dose riacquistano la protezione.

Questa è - nel migliore dei casi - una visione molto ottimistica.

Ricordate la felice valle dei vaccini?

Durante le campagne di vaccinazione di massa del 2021, le infezioni da Covid (sia Delta che il ceppo originale) cadevano vicino allo zero nei quattro mesi dopo la seconda dose, quando gli anticorpi raggiungevano il picco.

La valle felice del vaccino non esiste più. I booster iniziano a fallire essenzialmente immediatamente contro Omicron, nonostante il massiccio (e potenzialmente pericoloso) aumento di anticorpi anti-spike-proteina che producono.

Ecco il rapporto più recente sulla protezione vaccinale dal Regno Unito, della settimana scorsa.

Le caselle nere rappresentano la protezione contro la variante Delta (che è sovrastimata a causa del pregiudizio dell'utente sano del vaccino, ma mettiamo da parte questo fatto). Come potete vedere, il picco di protezione contro il Delta inizia intorno al 90% due settimane dopo la seconda dose. Rimane al 60% sei mesi dopo. Una terza dose spinge di nuovo al 90 per cento, e a malapena si muove per le prime 10 settimane.

Ma ciò che è vero per Delta NON è vero per Omicron.

Anche al loro picco assoluto, due dosi di vaccini mRNA offrono solo il 60% di protezione contro Omicron. Entro quattro mesi la protezione è scesa quasi a zero. Un richiamo riporta la protezione al 70%, ma due mesi dopo è scesa a circa il 50%.
fonte

Questo è un declino al 50% di protezione da Omicron (al massimo, perché i confondenti invisibili tenderanno a sovrastimare l'efficacia del vaccino) entro 10 settimane da una terza dose. Abbiamo tutte le ragioni per aspettarci che anche questo precipiti a zero entro poche settimane.

Che cosa allora? Una quarta dose? Una quinta qualche settimana dopo? Quanto mRNA le autorità sanitarie pubbliche intendono stipare in noi?


E che dire del vero terrore, il potenziamento anticorpale?


I vaccini guidano solo l'infezione da Omicron, o aumentano anche il rischio di malattie gravi?

Non lo sappiamo ancora, in parte perché l'Omicron è più mite su tutta la linea. Inoltre, l'ondata di casi ha colpito così velocemente che ci vorrà del tempo prima che la malattia grave si riprenda. Infine, il problema dei ricoveri accidentali (con, non da Covid) è peggiore e confonderà ulteriormente i dati.

Detto questo, i ricoveri di persone vaccinate con Omicron stanno aumentando molto velocemente, e il divario tra persone vaccinate e non vaccinate si sta riducendo. Il governo danese ha riferito il 3 gennaio che solo il 24% delle persone ricoverate con Omicron durante la fine di novembre e dicembre non erano vaccinate - mentre il 76% erano vaccinati, compreso il 18% che sono stati potenziati. Durante lo stesso periodo, le persone non vaccinate costituivano il 45% di quelle ricoverate con le varianti precedenti - un'ulteriore prova che i vaccini semplicemente non funzionano così bene contro Omicron come le varianti precedenti.
fonte

(A proposito, devo basarmi su dati di altri paesi perché le cifre degli Stati Uniti sono inaffidabili; gli ospedali americani hanno l'abitudine di segnalare ogni paziente Covid per il quale non hanno dati completi di due o tre dosi come non vaccinato).



Perché stiamo incoraggiando le persone a farsi "vaccinare" o "potenziare" con un "vaccino" che in poche settimane probabilmente aumenta il loro rischio di essere infettati dalla nuova variante dominante di Sars-Cov-2?

Siamo stati fortunati con Omicron; apparentemente è abbastanza mite.

Ma ora siamo in un mondo dove la Sars-Cov-2 non può essere contenuta e dove continuerà a mutare sia negli esseri umani che negli animali in modi che non possiamo prevedere (alcuni scienziati credono che Omicron abbia subito la maggior parte delle sue mutazioni nei topi prima di saltare di nuovo agli umani).

Né sappiamo ancora se e come i vaccini interferiranno con lo sviluppo dell'immunità dopo l'infezione e il recupero della Sars-Cov-2; impediranno al nostro sistema immunitario di sviluppare anticorpi contro altre parti del coronavirus, o interferiranno con la maturazione delle cellule B e T?

Tutto quello che sappiamo veramente è che i vaccini non prevengono l'infezione per molto tempo e per molte persone sane hanno effetti collaterali che sono significativamente peggiori dell'infezione da coronavirus. Entrambi questi fatti erano veri prima di Omicron. Entrambi sono doppiamente veri ora.

Eppure la spinta a vaccinare - e ad aumentare - continua.

Perché?

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia